Anno 5°

domenica, 24 settembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Bacci ecco chi dovevi prendere alla Lucchese: il mago della Lega Pro

giovedì, 22 ottobre 2015, 12:57

di marco materassi

Alla settima giornata di campionato è già possibile tracciare un primo bilancio del campionato?

E' ancora presto per sbilanciarsi in giudizi o previsioni. L'unica certezza è l'equilibrio che regna nel girone. Sarebbe un grave errore guardare ora la classifica come se esprimesse valori o responsi già definiti. Solo tra 5-6 giornate potremmo avere le idee più chiare sui valori delle proprie squadre e sui miglioramenti, eventualmente, da ricercare per centrare gli obiettivi prefissati.

Il secondo posto della Maceratese, neo promossa, può considerarsi una sorpresa?

Noi l'abbiamo affrontata e ne siamo usciti sconfitti (2 a 1 ndr), sono una squadra esperta, che pur avendo in rosa 6-7 giovani, raramente li schiera, fidandosi dei giocatori più anziani. Hanno forza fisica e temperamento; bisogna vedere se riescono a reggere questa intensità per tutto il campionato. Vivono un momento felice e l'ambiente adesso è piuttosto carico. Possono far bene anche se per me non sono da prima fascia. Penso che, come per altre squadre, bisogna aspettare ancora qualche giornata per capire il ruolo che potrà avere la squadra di Bucchi.

Mi può fare un esame delle squadre toscane a questo punto del campionato?

Come detto è ancora presto per dare un giudizio: il Pisa continua nel suo lavoro di costruzione e di assemblaggio, l'Arezzo tra l'altro nostro prossimo avversario recuperando Cori può essere un cliente veramente pericoloso al di là della vicenda Capuano. Prato e Tuttocuoio come noi devono pensare alla salvezza, così come penso che la Pistoiese può fare invece un campionato più tranquillo. Anche il Siena ancora imbattuto si sta confermando come una squadra temibile che potrebbe ambire ad un ruolo di prima fascia. Chi sorprende al momento è la Carrarese, mentre per la Lucchese ci vuole ancora un po' di pazienza prima di dire che tutto e da cambiare.

La vera sorpresa al momento è allora la Carrarese?

Per me come ho già detto sì. Non mi aspettavo questa classifica, in parte spiegabile col fatto che alcuni nuovi giocatori stanno avendo un rendimento assai superiore a quello espresso in altre formazioni lo scorso campionato. Prendiamo per esempio Gyasi, lo scorso anno poco utilizzato a Pisa e quest'anno invece determinante e incisivo. Così anche per altri nuovi acquisti forse nessuno si aspettava un impatto così positivo. Può essere questa una delle possibili chiavi di lettura del felice momento della Carrarese.

Parliamo di un suo vecchio amore: la Lucchese, cosa ne pensa del momento difficile che sta attraversando?

Bisogna avere pazienza, così come noi hanno rinnovato quasi completamente la rosa, inserendo anche diversi giovani, così come è cambiata la guida tecnica. In questi casi ci vogliono pazienza e calma, certo che adesso è fondamentale ritrovare anche i risultati perché non c'è miglior medicina che muovere la classifica per allontanare il vento della crisi.

Chiudiamo questo interessante confronto chiedendo del momento che sta attraversando il suo Pontedera, e del capocannoniere Scappini.

Non bisogna assolutamente guardare la classifica, o vivere un sogno che può poi farci tornare bruscamente con i piedi per terra. I sogni li lasciamo giustamente ai nostri splendidi tifosi, noi sappiamo che potremo avere ancora tante difficoltà. Certo è che nemmeno io mi aspettavo che per i nostri giovani i progressi fossero già evidenti. Molti stanno dimostrando di aver quelle qualità ipotizzate ma che se co confermate possono nuovamente far parlare anche quest'anno di realta Pontedera. Mi riferisco ai fratelli Gemignani, a Kabashi, a Bonaventura non dimenticando gli altri. Ecco se continueremo così e se la nostra classifica sarà tranquilla, potremo anche quest'anno con fiducia sperare di far fare a questi ragazzi una esperienza utile a far si che come per molti altri, il prossimo anno il palcoscenico dove si misureranno potrà essere di categoria superiore. Spendo volentieri una parola anche su di un giocatore che sta al momento vivendo un momento particolarmente felice, si tratta di Della Latta, e qui svelo anche un piccolo retroscena: non appena seppi della mancata iscrizione al campionato del Grosseto convocai in sede il ragazzo per la firma del contratto, mentre stavamo firmando arrivò la telefonata di Lucarelli, suo ex allenatore che gli chiedeva di andare a con lui nel Tuttocuoio, lui rispose che stava firmando per me, il mister livornese  mi disse qualcosa che non posso ovviamente ripetere salvo denuncia, ovviamente in maniera scherzosa, a testimonianza di quanto fosse un ragazzo interessante, e ad oggi nessun rimpianto da parte mia per quella fortunata anticipata chiamata. Per quanto riguarda Scappini solo una considerazione: chi segna dieci reti a Savona lo scorso anno, senza a volte riscuotere lo stipendio, con la squadra coinvolta nelle note vicende, non può che essere un bomber da prendere ad occhi chiusi. Mi sono detto se questi fa quello che ha fatto lo scorso anno, inserito nella nostra realtà non può che fare ancora meglio. Lo speravo ed oggi sono felice di questa intuizione. E' un bravissimo ragazzo, che come per tante altre punte ha raggiunto forse adesso la maturità, e che può ambire a crescere. Potrebbe essere anche una squadra di questa categoria, magari con tradizione e ambizione la sua prossima destinazione. Questo non per sminuire la nostra dimensione, ma per venire incontro anche alle ambizioni dei nostri ragazzi. Credo che proprio questa nostra filosofia di non negare mai a nessuno di rincorrere un sogno, una ambizione maggiore, sia alla base di questa, consentitemi, splendida realtà chiamata Pontedera.


Questo articolo è stato letto volte.


panda 2016


il casone



Osteria Il Manzo


Directo Responsive Web


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


top speed autolavaggio


domenica, 24 settembre 2017, 12:42

Contro l'Arezzo buone notizie dall'infermeria

Alla vigilia del posticipo contro l'Arezzo, i rossoneri dovranno dimenticare la prestazione di Livorno per provare a fare il colpaccio in trasferta. Un altro derby delicato, quindi, per i ragazzi di mister Lopez, che però recupera alcuni giocatori importanti


sabato, 23 settembre 2017, 18:47

Prendi i soldi e scappa: tutto quello che avreste voluto sapere sulla Lucchese, ma non avete mai osato chiedere

La Lucchese è in vendita sì, ma per comprarla servono soldi che non ci sono. C'è, però, Arnaldo Fidèl Moriconi che vuole rientrare di tutti i soldi che ha versato per alcuni soci i quali, a quanto pare, non sanno come restituirglieli


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 23 settembre 2017, 12:48

Arezzo-Lucchese, problemi nell'acquisto dei biglietti

La A.S. Lucchese Libertas ha ripetutamente richiesto l'immediata risoluzione dei problemi tecnici e l'abilitazione di un nuovo punto vendita, rendendosi disponibile anche per disporlo allo Stadio Porta Elisa nel giorno lunedì 25 settembre


venerdì, 22 settembre 2017, 18:43

Arezzo, sarà Pavanel la soluzione ai tuoi problemi?

Mettersi alle spalle rapidamente la brutta prova infrasettimanale di Livorno e tornare da una delicata trasferta, ma che sotto la gestione Lopez ha regalato sempre l’intera posta in palio, con il primo risultato positivo esterno della stagione. È questo l’obiettivo della Lucchese


venerdì, 22 settembre 2017, 15:13

La Lucchese non si vende (per ora): tutti uniti contro Moriconi

Niente da fare, questa mattina Lucchese Partecipazioni, che detiene l'80 per cento del capitale della società rossonera, ha votato all'unanimità la decisione di non vendere il sodalizio calcistico alla cordata formata da due personaggi umbro-romani che avevano presentato la loro offerta di acquisto


giovedì, 21 settembre 2017, 16:14

Carmelo Sgrò, l'ago della bilancia

Carmelo Sgrò, socio al 10 per cento di Lucchese Partecipazioni, rompe gli indugi e richiama all'ordine tutti gli altri comproprietari della società rossonera: "Adesso basta, serve quella trasparenza che non c'è mai stata"