Anno 5°

martedì, 21 febbraio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

lagazzetta_prenota

Avv Alberta Cagnacci Lucca


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Italexit

venerdì, 17 febbraio 2017, 09:45

di aldo grandi

Siamo piccoli, è vero. Siamo anche massacrati e denunciati da Sinistra e da manca perché non abbiamo peli sulla lingua. Ci tacciano di razzismo, populismo, qualunquismo e di tutti gli altri ismi che questa classe politica e intellettuale (sic!) riesce a trovare pur di screditare chi oppone, alla loro tracotanza e alla loro ignoranza, il semplice buonsenso oltreché la logica dell'evidenza. Ma siamo anche arrabbiati, tremendamente incazzati, siamo tarantole avvelenate che reclamano il proprio diritto all'autodeterminazione e all'autonomia di pensiero, di giudizio, di comportamento che un paese a sovranità limitata quale è divenuto l'Italia, non ha più. Rivendichiamo, dal basso della nostra indipendenza, ma dall'alto del nostro orgoglio, il diritto ad una consultazione a livello nazionale che chieda agli italiani se vogliono continuare a vedersi distruggere il futuro, devastare il presente, annientare il passato, da una casta di superburocrati allevati nelle università-batterie di polli allo spiedo all'insegna del politically correct e del più assoluto disprezzo di ogni peculiarità e identità nazionale. L'Unione Europea, questo cancro che sta consumando progressivamente ogni senso di appartenenza per un frainteso, fragile, falso e tutt'altro che spontaneo sentimento di solidarietà ed uguaglianza, ha dalla sua solamente il Potere dei soldi ed è soltanto per questo che gli italiani accettano di farsi guidare...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Abbiamo visto il video hard e qualcosa non ci convince. I carabinieri indagano

mercoledì, 15 febbraio 2017, 00:33

di aldo grandi

Molti nostri abituali lettori sono rimasti basiti e anche contrariati dalla pubblicazione, sui nostri giornali, Gazzetta del Serchio e Gazzetta di Lucca, della notizia del video hard amatoriale girato da un ex calciatore del Castelnuovo all'interno di un'auto mentre stava facendo l'amore con una donna e, successivamente, diffuso sul web. Siamo stati tacciati di voler fare del gossip più ancora che del giornalismo e chi scrive ha risposto in maniera durissima. Chi non comprende che tipo di quotidiano è il nostro e pensa di ridurlo ad una sorta di radio serva, beh, ha capito male e non ci conosce. Non è la prima volta che, sui giornali, escono notizie simili, diciamo pure che l'esibizionismo è diffuso e che, spesso, filmati di rapporti sessuali tra fidanzati diventati ex, sono spesso utilizzati come una sorta di punizione o arma di ricatto da parte dell'uno nei confronti dell'altro. Questa volta, però, il sottoscritto ha voluto andare a fondo ed è riuscito a guardare il video che dura la bellezza di circa 15 minuti. Ebbene, c'è qualcosa che non quadra. Nel filmato si intravede la coppia intenta a fare l'amore, ma quello che colpisce prima di tutto è che in un'auto, l'inevitabile movimento dei due amanti avrebbe...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Sinistra con Tambellini 'aggredisce' una imprenditrice e lancia un monito agli industriali lucchesi. E ora chi difende la Deverio?

lunedì, 13 febbraio 2017, 20:37

di aldo grandi

In 25 anni di attività professionale più o meno (dis)onorata non ci era mai capitato di leggere un comunicato di natura politica così intriso di cattiveria, così pervaso dall'Ideologia, così scontato e più vicino ad un foglio ciclostilato di quelli che venivano diffusi davanti alle fabbriche, alle scuole o alle università all'epoca dei cosiddetti anni della contestazione. Una imprenditrice lucchese, Ilaria Deverio, 33 anni, iscritta all'associazione Conflavoro, aveva semplicemente manifestato il suo pensiero spiegando di aver trovato grandi difficoltà nell'assumere giovani lucchesi intenti, non tutti, ma una parte, a rifiutare ciò che non corrisponde alle loro più o meno esagerate e fuorvianti aspettative. Nessuna invettiva, nessun giudizio negativo, solo una confessione di amara impotenza. Bene, che cosa fa Sinistra per Tambellini, il movimento sorto per sorreggere la candidatura del sindaco uscente? Senza nemmeno essere tirato in ballo, diffonde uno scritto allucinante, in cui si scaglia, con una violenza verbale insolita ed estremamente massimalista, contro l'imprenditrice considerandola...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Sinistra con o contro Tambellini?

domenica, 12 febbraio 2017, 01:15

di aldo grandi

Noi non conosciamo né di persona né per nome e cognome Marco Cecconi, colui che, oggi pomeriggio, ci ha inviato il comunicato a firma Sinistra con Tambellini nel quale si annuncia la costituzione della lista del candidato a sindaco e attuale primo cittadino Alessandro Tambellini all'insegna del motto: Uniti per sconfiggere la destra e l'incompetenza grillina. Non sappiamo nemmeno se il testo lo ha predisposto lui o qualche altro genio della stirpe ispirata dal Pensiero Unico dominante. Chiunque sia stato, però, se voleva arrecare un danno a Tambellini bene, c'è riuscito in pieno. Qual è, infatti, il nesso, ma, soprattutto, l'utilità o la necessità, al momento, di aggiungere questa frase che suona come un attacco frontale, ad un comunicato stampa innocuo in cui si dicevano le medesime cose di sempre? Perché offendere - né più né meno di ciò che sta accadendo, vergognosamente, a Roma dove La Repubblica, l'organo di partito del Pd ormai divenuto il Testo Unico del Sistema di Potere Unidimensionale in vigore in Italia, massacra un giorno sì e l'altro pure Virginia Raggi sindaco grillino - i grillini lucchesi che, tra l'altro, fino ad oggi si erano mantenuti, salvo la Chiara Giorgi, su un sentiero sostanzialmente neutrale? Essere più realisti del re serve a qualcosa?...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Le mamme italiane destinate all'estinzione

venerdì, 10 febbraio 2017, 20:15

di aldo grandi

Persi come siamo in questa folle corsa verso non si sa nemmeno bene dove, non ci rendiamo conto - tantomeno se ne accorgono i nostri amministratori pubblici - che la nostra società, vorremmo anche aggiungere la nostra civiltà, quella occidentale, come le sue colpe e i suoi meriti, con la sua storia millenaria, sta per esalare l'ultimo respiro. A dirlo non siamo noi, sono i numeri e i dati diffusi dalla Asl relativamente alle nascite negli anni 2015 e 2016 all'interno dell'area di riferimento e negli ospedali di competenza: Pistoia, Firenze, Empoli, Pescia, Prato. Essi parlano di un rapporto di 1 a 3 nella migliore delle ipotesi, ma in alcune realtà siamo già all'1 a 2 e, a Prato, siamo ad un passo dal... sorpasso. Infatti, se guardiamo con attenzione, vediamo che nel 2015, all'ospedale Santo Stefano, dei 2 mila 444 naonati, 1334 sono stati partoriti da mamme italiane e 1110 da madri straniere. L'anno scorso, il 2016, sono stati registrati 2 mila 502 nascituri le cui mamme italiane sono state 1261 contro le mamme straniere che hanno toccato quota 1241. E' evidente che quest'anno ci sarà il sorpasso. Questi, cari amministratori di Sinistra (e di destra) sono numeri impietosi... 


Ce n'è anche per Cecco a cena

La Repubblica e Il Tirreno, bonjour tristesse

martedì, 7 febbraio 2017, 01:32

di aldo grandi

Credeteci, non è perché due giornaliste-collaboratrici del quotidiano livornese Il Tirreno ci hanno denunciato, di nascosto, all'ordine dei giornalisti che andiamo a scrivere-descrivere questo moto di vergogna che ci assale da un po' di tempo a questa parte. Non è, cioè, una sorta di vendetta a posteriori. I due esposti, tra l'altro, hanno avuto esito negativo e siamo stati assolti. E', in particolare per il quotidiano romano La Repubblica, la tristezza che ci ha assalito, in particolare questa mattina, quando, in un bar - perché i giornali cartacei, ormai, si leggono, soprattutto, negli esercizi pubblici - abbiamo visto la prima pagina con una grande foto di Marie Le Pen con un braccio alzato. Conoscendo i meccanismi e le bastardate di questo mestiere per averlo fatto per oltre 25 anni, l'immagine è stata volutamente pubblicata per far sì che il lettore percepisse da un lato la chiarezza della figura femminile e la associasse, al tempo stesso, a un regurgito fascista. Peccato che ad un occhio più attento appare evidente che non c'è alcuna connessione tanto più che siamo in Francia e che i cugini d'Oltralpe, forse sarà il caso di ricordarlo, hanno aspramente e strenuamente combattuto contro il nazismo salvo una parentesi legata ad una destra conservatrice e nazionalista che, comunque, è sempre stata più nazionalista che nazi-fascista...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Re Artù... ro e gli ipocriti della tavola rotonda

venerdì, 3 febbraio 2017, 16:33

di aldo grandi

A qualcuno non va giù che il sottoscritto, sulle colonne del proprio giornale, abbia più volte manifestato simpatia e stima per un uomo, Arturo Lattanzi - sicuramente una bella faccia tosta, magari anche uomo di potere, presumibilmente e sicuramente un po' figlio di buona donna come si addice a chi gestisce una tavola apparecchiata intorno e sulla quale vorrebbero sedersi e gettarsi a migliaia - presidente in scadenza di mandato della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, dopo averlo, alle origini, infilato nel... mirino. Più volte chi scrive si è sentito rimproverare di aver mutato opinione nonostante presunti errori di gestione e un modo di condurre la fondazione a dir poco dittatoriale. L'autore di queste righe e il presidente della fondazione può testimoniarlo, non ha, nei suoi confronti, atteggiamenti di genuflessione o di accettazione passiva ed entusiasta di qualunque cosa esca da quella bocca. Tuttavia ha, per sfortuna di molti, un cervello non votato all'ammasso e una robusta dose di memoria oltreché una faccia, questo sì, talmente tosta che si fa fatica a reggerne la sincerità e la brutalità devastanti. Così, proprio in vista della successione, questo cronista da strapazzo ha voluto riflettere su alcuni punti di particolare evidenza e importanza. Non c'è stato un collega, un politico, un imprenditore, un libero professionista, un dirigente pubblico o privato che abbiano...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Santini sì, santino no

lunedì, 30 gennaio 2017, 21:32

di aldo grandi

Emozionato, visibilmente emozionato. Per chi, come noi, conosce Remo Santini, neocandidato a sindaco di Lucca, quella di stamani è stata una prova impegnativa e tutt'altro che facile da affrontare. Conoscendo Luisella, sua moglie, sappiamo che, al di là di una sua personale opinione, farà di tutto per stargli vicino e affiancarlo in questa impresa. Per chi lo ha conosciuto dietro una scrivania, per chi ne ha condiviso anni e soddisfazioni, discussioni e complicità, risate e amarezze, è stata la fine di qualcosa di più che di un semplice addio alla professione. Santini lo ha detto a chiare lettere: "Se anche dovessi perdere, non smetterò di fare il giornalista, ma andrò a farlo da un'altra parte, qui a Lucca non potrei fare il caposervizio essendomi candidato per una parte politica". Ha esordito leggendo alcuni appunti che si era preparato, non senza prima aver ringraziato la famiglia e aver tracciato un breve curriculum di ciò che aveva fatto nella propria vita prima di diventare giornalista professionista. E ha anche avuto l'intelligenza, l'umiltà, l'onestà intellettuale di aprirsi e di ammettere di aver fatto anche l'operaio e di non possedere buoni trascorsi accademici. Santini appartiene a quella generazione di giornalisti venuta su senza avere una laurea o titoli di studio da esibire...


Pagina: 1 2 » di 2 totali

carismi san miniato


gambardella_avvocato_2016


BF Cristiana Francesconi


clinica-iphone



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


essenza lucca


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Ultime notizie brevi


top speed autolavaggio


lunedì, 20 febbraio 2017, 22:17

Sicurezza sui bus, Fratelli d'Italia Lucca: "Nel programma proposte serie per prevenire i reati sui mezzi pubblici"

Il 16 febbraio a Lucca l'ennesima aggressione su un mezzo pubblico con due controllori che sono stati feriti solo per aver chiesto il biglietto a un cittadino marocchino. Una routine non più sostenibile da coloro che utilizzano gli autobus e i pullman per i quotidiani spostamenti e vorrebbero sentirsi sicuri. 


lunedì, 20 febbraio 2017, 22:16

Posticipata la scadenza pagamenti Siae. Agli associati CNA sconti sulla tariffa da pagare

E’ stato prorogato al 24 marzo il termine per il pagamento dei compensi sui diritti d’autore da parte degli artigiani e delle piccole e medie imprese nei cui ambienti viene diffusa musica. Lo comunica la Cna che ricorda come le imprese associate per il 2017 abbiano diritto, come l’anno precedente,...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 20 febbraio 2017, 22:08

Corso di scrittura con Eleonora Sottili

Un week-end per conoscere i meccanismi della scrittura, per comprendere e sperimentare attraverso l'analisi di racconti e romanzi gli elementi necessari per scrivere un buon racconto o un buon romanzo. Nel percorso utilizzeremo la musica, le immagini e la scrittura per stimolare la nostra fantasia, per farci venire nuove idee...


lunedì, 20 febbraio 2017, 16:05

Corsi di italiano, informatica e fotografia alla biblioteca comunale di Altopascio

Mercoledì 22, alle 18,30, nella Mediateca comunale, sarà presentato il corso di lingua italiana L2 per adulti, che sarà attivato a breve. Il ciclo di lezioni, realizzato in collaborazione con l'Istituto comprensivo di Altopascio (che è anche sede d'esame), avrà una durata complessiva di 30 ore e fornirà tutte le...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 20 febbraio 2017, 13:26

“Porte aperte a pazzo Orsetti”: domenica 26 febbraio il sindaco guida i cittadini alla scoperta di uno dei maggiori palazzi storici lucchesi

Nuovo appuntamento domenica 26 febbraio con “Porte aperte a palazzo Orsetti”. L’iniziativa, voluta dal sindaco Alessandro Tambellini, ha lo scopo di favorire la conoscenza di uno dei maggiori palazzi storici lucchesi e al contempo di avvicinare i cittadini alla vita delle istituzioni locali.


lunedì, 20 febbraio 2017, 13:14

Presentazione del libro “Io e Marcellino​” presso la sede dell’associazione culturale e ricreativa “La Sorgente” in via Stipeti a Coselli

Si terrà sabato 25 febbraio ​la presentazione del libro “Io e Marcellino​” (edizione Montedit) di Marco Bottoni​, terzo classificato nella I° edizione del premio letterario nazionale “Carlo Piaggia” 2016. L’incontro si svolgerà presso la sede dell’associazione culturale e ricreativa “La Sorgente” in via Stipeti, a Coselli, con inizio alle 17...


lunedì, 20 febbraio 2017, 13:04

Ciclo 'Momenti per la legalità': mercoledì 22 l'incontro con Marco Antonelli e Andrea Bigalli

Tornano gli incontri sulla cultura della legalità. Mercoledì 22 febbraio, alle 17,30, saranno i relatori Marco Antonelli e Andrea Bigalli ad intervenire nella conferenza in programma a Palazzo Ducale (Sala di Rappresentanza) nell'ambito del ciclo di iniziative "Momenti per la legalità", promosso da Provincia di Lucca, Associazione Libera e Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea con la...


lunedì, 20 febbraio 2017, 13:01

"Verso l'internazionalità dei sistemi scolastici". La Fondazione YFU Italia promuove l'innovazione quadriennale della scuola superiore

Dopo la prima edizione svoltasi lo scorso 16 dicembre a Milano, è in programma per venerdì 24 febbraio a Lucca il Convegno "Verso l'internazionalità dei sistemi scolastici" promosso dalla Fondazione YFU Italia, con il Patrocinio dell'Ufficio Scolastico per la Toscana, il Comitato Provinciale di Lucca, l'I.S.S.E.G.I (Istituto Superiore per gli Studi Economici-Giuridici Internazionali) e il...


domenica, 19 febbraio 2017, 17:51

All'Istituto Mei di San Leonardo seconda prova del trittico mediceo organizzata dalla Puliti

Organizzata dalla Puliti si svolge oggi, la seconda prova del Trittico mediceo di sciabola, riservato a giovanissimi, prime lame e esordienti. La manifestazione intitolata “Un omaggio a Puccini” si terrà nella palestra dell'Istituto Don Aldo Mei di San Leonardo in Treponzio


sabato, 18 febbraio 2017, 23:58

Fratelli d'Italia Capannori: "Aeroporto Tassignano, situazione ancora nebulosa, Menesini faccia chiarezza"

"La situazione relativa all'Aeroporto di Tassignano permane ancor oggi del tutto nebulosa" lo fa sapere con una nota il direttivo capannorese di Fratelli d'Italia.