Anno 5°

giovedì, 25 maggio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

lagazzetta_prenota

Avv Alberta Cagnacci Lucca


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Cavallo, datti all'ippica

mercoledì, 24 maggio 2017, 23:34

di aldo grandi

Mi vedo costretto ad una precisazione che poi approfondirò con piacere al mio rientro a Lucca. Il rapporto professionale con Mirco Diamanti si è concluso a seguito di un incontro in cui non abbiamo reciprocamente trovato la sintonia ed il terreno comune per proseguire insieme. Non c'è stato alcun allontanamento da parte mia ed anzi la mia proposta di aggiornarsi dopo qualche giorno non è stata accolta. Comprendo il senso di smarrimento della piazza dopo un matrimonio cosi lungo, ma la società è al lavoro, come sempre, per fare al meglio il proprio compito. Con queste parole Rodolfo Cavallo, presidente della società Basket Le Mura appena divenuta campione d'Italia di pallacanestro, ha commentato la ridda di voci e non tutte proprio benevole, scaturite all'indomani dell'annuncio di Diamanti delle proprie dimissioni da allenatore. Cavallo è presidente dal 2009, prima lo era stato di Ducato spa, gloriosa, si fa per dire, cassaforte finanziaria del piccolo prestito. Una parte del successo conseguito dopo otto anni di rincorsa è anche sua, ma quello che è accaduto appena dieci giorni o poco più dalla vittoria storica del campionato, è roba da farsi accapponare la pelle. La verità, checché ne dica Cavallo, è che senza lilleri non si lallera e i soldi per mandare avanti una squadra con giocatrici di quel livello e fornite di legittime aspirazioni, non ce n'erano né ce ne sarebbero stati nei prossimi mesi. Inutile negare che si è assistito a una grande, grandissima figura di merda perché tutto è legittimo...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Il Pd a Lucca ha paura di Giorgio Del Ghingaro...

sabato, 20 maggio 2017, 11:11

di aldo grandi

Hanno paura. Paura di perdere, di abbandonare le posizioni di potere acquisite, di dover rinunciare alla loro Ideologia padrona del buonsenso e della realtà. Anche a Lucca, così come nel resto d'Italia, il Partito democratico si sta dimostrando per quello che è: il peggior nemico degli italiani. Mai, crediamo, in questo sfasciato Stivale, si era assistito a uno spettacolo così indecoroso, vergognoso, vomitevole, allucinante: a Milano oggi sfileranno clandestini, profughi, associazioni islamiste tutt'altro che pacifiche e pacificatrici e chi li sponsorizza fino, addirittura, a portarceli? Il Pd, il partito dei traditori a cui non è bastato 'uccidere', negli anni successivi al secondo conflitto mondiale, gli italiani che abitavano nelle terre irredente abbandonandoli alla furia omicida dei comunisti di Tito. No, li hanno uccisi due volte cancellandone anche la memoria e adesso, in Italia, stanno facendo altrettanto dimenticando secoli di cultura, storia, tradizione e imponendo il Pensiero Unico che mira, come è avvenuto in tutti i regimi dove la Sinistra ha preso il potere, la creazione di un Uomo senza Identità. A Lucca il Pd ha paura di perdere la poltrona di sindaco perché se ciò dovesse accadere, per i padroni del vapore si aprirebbe la strada verso Firenze e verso la rovina del partito di sua maestà Luigi XVI Matteo Renzi. Sappiamo tutti come andò a finire. A Lucca i renziani, forti dell'80 per cento alle primarie, hanno imposto la loro linea. Tambellini è diventato un burattino e lo dimostra, ad esempio, la ridicola bagarre scatenata per il primo posto nella lista: ci doveva essere la Vietina, c'è stata messa la Valentina Mercanti, quella che lavorava in Senato presso la commissione cultura guidata presieduta da Andrea Marcucci, la sostenitrice delle unioni civili e, ci scommettiamo, di tutte le teorie Gender di questo mondo...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Attacco alle puppe. Dopo quelle di Lattanzi, ora avanti con quelle di Bertocchini

mercoledì, 17 maggio 2017, 09:40

di aldo grandi

Non è una coincidenza, ma potrebbe sembrarlo. Non è un'alleanza, ma sembra una possibilità. Unico denominatore comune l'assalto all'ente di San Micheletto, la cassaforte cittadina, la mamma di tutte le puppe. Da un lato il sindacato Cgil della Banca del Monte che approfitta dell'insediamento della nuova presidenza per bussare alla porta; dall'altro il documento diffuso, cosa anomala e mai avvenuta prima, dal consorzio industriali Toscana Nord contenente non solo chiare accuse alla dirigenza e alla conduzione della Fondazione Carilucca per l'esclusione di Luigi Lazzareschi dall'assemblea dei soci, ma anche una richiesta manifesta e decisa ossia la modificazione dello statuto dell'ente. Infine, infiliamoci pure la pessima figura rimediata da Vittorio Armani, ex direttore dell'associazione industriali di Lucca che, deluso per essere stato 'silurato' e accantonato, prima ha annunciato le proprie dimissioni, poi, per intervento dei vertici di Palazzo Bernardini, ci ha ripensato. Tutti e tre gli aspetti sono da mettere in relazione alla fine di un'epoca. King Arthur, al secolo Arturo Lattanzi, il presidentissimo della Fondazione Carilucca, colui che l'ha fatta diventare quel che è grazie all'operazione Casse del Tirreno ceduta a Fiorani per 3 mila 450 miliardi delle vecchie lire con tanto di fideiussione della Dresdner Bank fino all'estinzione del debito, ossia 2005, se ne è andato in pensione a 80 anni e un mese prima la sua destituzione e subito dopo l'avvento di Bertocchini, è iniziato l'assalto alla diligenza. Al centro, la voglia e l'aspirazione di poter ciucciare, in un modo o nell'altro, direttamente o indirettamente, politicamente o economicamente...


Ce n'è anche per Cecco a cena

(In)Fedeli nei secoli

sabato, 13 maggio 2017, 10:03

di aldo grandi

E' arrivata a Lucca il ministro (sic) della Pubblica (d)Istruzione Valeria Fedeli e, come al solito, il codazzo di autorità amministrative, politiche, sostanzialmente istituzionali, sono subito accorse per genuflettersi al Potere del Pensiero Unico Dominante. La Fedeli è sbarcata in questa Lucca che, a quanto pare, non le ha tributato grandi amori-umori, in occasione del Festival del Volontariato, manifestazione alla quale, ormai, partecipano politici che hanno una sorta di missione da adempiere: destabilizzare il senso di identità nazionale e sessuale di questo disgraziato Paese. Chi scrive si vergogna di accogliere un ministro del genere, che ha dichiarato nel suo curriculum professionale, di essere laureata quando, secondo alcune accuse, persino il diploma di scuola superiore vantato non consentiva, indiscutibilmente, l'accesso alla istruzione universitaria. Una ex sindacalista - a dimostrazione che con il sindacato si fanno, spesso, carriere e soldi - sposata con un ex senatore del Partito democratico - fanno tutto in famiglia - anche lei candidata e eletta nelle file di quello che, a tutti gli effetti, è divenuto il partito anti-italiano per eccellenza. Ha ragione Ida Magli, questi nostri governanti odiano l'Italia e gli italiani al punto che farebbero carte false per devastarne ogni residuo senso di appartenenza. Ovviamente anche a Lucca, città bigotta e ipocrita, dove dire quel che si pensa, anche se ispirato dal buonsenso, equivale a compromettersi inguaribilmente...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Due candidati in fuga

martedì, 9 maggio 2017, 00:40

di aldo grandi

Luca Galli fa, di professione, il capo di gabinetto del sindaco che non vuol dire, ovviamente, che sta di guardia al W.C. di Palazzo Orsetti, ma che gestisce, in sostanza, vita, morte e miracoli elettorali di Alessandro Tambellini. Il sottoscritto, notoriamente senza peli sulla lingua, quando ha letto che il portavoce-portaborse-addetto stampa di Tambellini ci ha accusato di non pubblicargli i comunicati che invia, non ha sentito seghe. Lo ha chiamato e gli ha chiesto, a muso duro, se è vero quello che Barbara Pavarotti aveva raccontato perché, se lo aveva detto, allora voleva dire che era in manifesta malafede. Galli ha negato di aver mai pronunciato quella frase relativa ai comunicati cestinati di fatto dando della bugiarda, sia pure indirettamente, alla collega la quale, al contrario, ha ribadito la sua versione. Chi scrive aveva organizzato un confronto alla ex chiesa del Suffragio ora auditorium del Boccherini, il pomeriggio del 20 maggio, sabato, tra i candidati alla poltrona di sindaco. Un confronto senza regole se non quella di rispondere alle domande che il direttore de La Gazzetta di Lucca avrebbe loro rivolto. Niente, quindi, domande uguali per tutti; nemmeno tempi uguali per tutti; imprevedibilità e evidente vis à vis tra il giornalista e il candidato. Tutti hanno accettato l'idea, invero originale e anche stimolante per persone intelligenti, salvo Alessandro Tambellini e Donatella Buoriposi. Ma se il primo l'ha tirata alle lunghe salvo, poi, convertirsi ai voleri della sua guardia del corpo...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Ma come si fa a votare Pd?

venerdì, 5 maggio 2017, 08:41

di aldo grandi

Ce lo chiediamo e se lo chiedono in molti, ormai. Perfino all'interno della stessa Sinistra. La domanda è di quelle da far accapponare la pelle, da non far dormire la notte, da rimettere in discussione, in un paese senza più alcuna identità, l'ultima identità, quella Ideologica, la più dura a morire perché frutto di autocinvincimenti, autoristrutturazioni mentali, di scelte su cui è stata impostata una vita intera. Come si fa a votare e, soprattutto, a continuare a votare Pd? Ce lo so chiamo chiesti anche noi che fra le file del partito che sorregge la candidatura a sindaco di Alessandro Tambellini scorgiamo e conosciamo persone meritevoli di stima quantomeno personale. Provate a pensare con attenzione al grado di affidabilità che un partito come questo può garantire. Un partito, cioè, che trae la sua ragione di esistere in una tradizione decisamente popolare e anticapitalista, dove le masse operaie prima, sottoproletarie poi, hanno, da sempre, cercato protezione e un faro cui rivolgere il proprio sguardo contro lo sfruttamento e l'adorazione del denaro inteso non come inevitabile e indispensabile strumento di sopravvivenza, ma come feticcio destinato a creare una umanità di esseri votati unicamente alla produzione e al consumo. Ebbene, è di ieri la notizia che Gentiloni, attuale capo del Governo, ha ricevuto con tutti gli onori George Soros, esempio elevato all'ennesima potenza di quel capitale speculativo - nemmeno più produttivo - che mira a distruggere le identità dei popoli in nome della supremazia dei mercati finanziari e degli organismi sovranazionali composti dai tecnocrati del nuovo millennio...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Dove osano i giornalisti: inizia il 2 maggio il convegno. Ingresso libero, un regalo alla città

lunedì, 1 maggio 2017, 09:54

di aldo grandi

Ci siamo. Il 2 maggio, martedì, alle 16, prenderà il via il primo dei due convegni organizzati dalle Gazzette dal titolo Dove osano i giornalisti. Titolo volutamente provocatorio, visto che, spesso, si fa a fatica a capire se, questi giornalisti, poi, osano davvero oppure preferiscono starsene, tranquilli e protetti, quei pochi che lo sono, all'interno dei loro orticelli. Mai come in questi anni la professione del giornalista è in crisi, sbattuta tra le onde di una crisi economica e tecnocologica che non solo non accenna a finire, ma che, inevitabilmente, avrà come epilogo la rivoluzione totale di un mestiere che l'ordine professionale sta disperatamente cercando di mantenere fermo all'epoca in cui le cose andavano molto, ma molto meglio. Da un lato, quindi, l'impossibilità di essere assunti con contratti insostenibili per le aziende siano esse più grandi o anche e soprattutto più piccole. Dall'altro una oggettiva trasformazione tecnologica che rende pressoché già vecchio quello che fino a ieri era considerato eternamente procrastinabile. La carta stampata sta andando a picco, i quotidiani e i giornali perdono copie e, ovviamente, pubblicità e non si conosce ancora il modo per veicolare ciò che si guadagnava prima nei nuovi strumenti di comunicazione del web. A tutto ciò si devono aggiungere il tentativo, reiterato, della politica di condizionare l'informazione con l'avvento di un Pensiero Unico mirante a tutto omogeneizzare e l'incapacità, oggettiva oltreché soggettiva...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Lucca in Movimento? No, Lucca come i Gamberi

venerdì, 28 aprile 2017, 23:02

di aldo grandi

Noi non ci volevamo credere. Perché la seconda lista che appoggia Remo Santini candidato a sindaco di Lucca si chiama Lucca in Movimento e, al contrario e per noi, ci sembra Lucca come i Gamberi alla luce della sua composizione. Per carità, ognuno, in fondo, fa quel che vuole e se una lista la vuole fare infilandoci residuati bellici e politicanti di un tempo che fu è libero di farlo. Del resto, anche quello che batteva il culo sugli scogli - detto labronico - era contento e ci provava gusto, figuriamoci un raggruppamento di candidati a consigliere comunale che, pare a Lucca e forse anche altrove, fanno a gara per conquistarsi una poltroncina d'accatto. Tornando alla lista Lucca come i Gamberi, la cui sede dovrebbe essere inaugurata nella giornata di sabato 29 aprile, ci dicono i bene informati che comprende anche un tale Antonino Azzarà, ex assessore della giunta Favilla, ex sostenitore di Pietro Fazzi, impegnato di qui e di là a sostenere questo o quel candidato, capace, dicono i bene informati, di portarsi in dote qualcosa come alcune centinaia di voti - forse tutti i conterranei calabresi trasferitisi a queste latitudini? - e militante nelle file di quel che resta dell'Udc. Noi Azzarà ce lo ricordiamo per la sua arroganza, la sua presupponenza, per quella sua telefonata che ci fece nel maggio del 2012 durante la quale, andandoci a rileggere il giornale, scopriamo che ci definì e definì la Gazzetta di Lucca un 'giornalino'...


carismi san miniato


gambardella_avvocato_2016


BF Cristiana Francesconi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


essenza lucca


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Ultime notizie brevi


top speed autolavaggio


mercoledì, 24 maggio 2017, 20:25

Pulizie di Primavera: ultimo appuntamento questa settimana in centro storico con il servizio itinerante di ritiro dei rifiuti ingombranti

Ultimo appuntamento questo fine settimana con le “Pulizie di Primavera edizione 2017”. Venerdì 26 maggio i mezzi e gli operatori di Sistema Ambiente saranno presenti dalle 15 alle 18 in via dei Bacchettoni in centro storico; il giorno successivo (sabato 27 maggio), al mattino dalle 8.30 alle 11.30, la postazione sarà...


mercoledì, 24 maggio 2017, 18:04

Buonriposi inaugura la sede elettorale in centro storico

Sarà inaugurata domani, giovedì 25 maggio alle 15, la nuova sede elettorale di Donatella Buonriposi, candidata sindaco per le liste civiche Lei Lucca e Rinascimento Sia. "L'inaugurazione di domani – dice Buonriposi - è una tappa importante del nostro percorso elettorale che vogliamo festeggiare con i cittadini, che invito a partecipare.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 24 maggio 2017, 17:59

"Le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici della sede di Porcari di Snaitech hanno partecipato in massa al referendum": soddisfazione della Cgil con Maurizio Rossi

Maurizio Rossi della Fiom Cgil Snaitech di Porcari: "Le lavoratrici e i lavoratori metalmeccanici della sede di Porcari di Snaitech hanno partecipato in massa al referendum sull'ipotesi di accordo ( 85% degli aventi diritto ) e convintamente si sono dichiarati favorevoli ( 98% dei voti espressi ).


mercoledì, 24 maggio 2017, 17:47

Ilaria Quilici: "Serve più che mai, nell'ottica del principio della trasparenza, che si arrivi quanto prima ad avere un quadro chiaro e esauriente sulla situazione di Sistema Ambiente"

Ilaria Quilici, candidato sindaco Lega Toscana: "Serve più che mai, nell'ottica del principio della trasparenza, che si arrivi quanto prima ad avere un quadro chiaro e esauriente sulla situazione di Sistema Ambiente e in particolare sui ricavi che la società incassa a seguito del servizio di raccolta differenziata, visto che dai...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 24 maggio 2017, 17:47

Alessandro Masini, candidato consigliere Lega Toscana: "Voglio intervenire sul fatto che in questi anni non sia provveduto a prendere provvedimenti per migliorare la sicurezza stradale a Lucca"

Alessandro Masini, candidato consigliere Lega Toscana: "Voglio intervenire sul fatto che in questi anni non sia provveduto a prendere provvedimenti per migliorare la sicurezza stradale a Lucca al di la delle solite promessefatte. Prendo a esempio per tuti la via delle Gavine a S.


mercoledì, 24 maggio 2017, 15:39

Al via l'iniziativa 'Capannori e' Biodiversità: alla scoperta delle aree umide'

Il 28 maggio al via in occasione della 'Festa Europea dei Parchi' un ciclo di interessanti e divertenti iniziative nelle aree protette del Bientina alla scoperta del ricco patrimonio naturalistico del territorio: specchi lacustri, boschi planiziali, paludi con un'incredibile diversità di specie di flora, fauna e habitat, riconosciuti e tutelati...


mercoledì, 24 maggio 2017, 15:38

La Voce delle Emozioni : il piccolo festival delle artiterapie

SArà un meeting quello che si terrà sabato alla Casermetta di S.Paolino sulle Mura urbane a Lucca (lato ex Manifattura),durante l’arco dell’intera giornata (dalle h 8.30 alle 18.30), organizzato dalla Cooperativa Sociale “La Mano Amica”, in collaborazione con Enti locali e Associazioni di volontariato del settore della Salute Mentale.


mercoledì, 24 maggio 2017, 13:51

Venerdì la presentazione del libro “Il mulino dei sogni. Glorie e disgrazie del nucleare”

Si terrà nella Sala del Consiglio a Palazzo Ducale a Lucca, venerdì 26 maggio alle ore 16.30, la presentazione del libro “Il mulino dei sogni. Glorie e disgrazie del nucleare”.


mercoledì, 24 maggio 2017, 13:38

Il DJ Riccardo Cioni in piazza Anfiteatro

Dopo il successo riscosso durante l'estate 2015, venerdì sera 26 Maggio dalle ore 21 alle ore 24 in Piazza Anfiteatro a farla da padrone di casa ancora una volta, sarà il DJ Full Time Riccardo Cioni  accompagnato alle percussioni da Diego Guarino.


mercoledì, 24 maggio 2017, 09:20

Capannori, apre oggi il mercato agricoltori a Borgonuovo, dai prodotti della Garfagnana al pesce a miglio zero

Un mercato degli agricoltori anche a Capannori. Apre mercoledì 24 maggio in via Pesciatina, 493 (nell'area di Quick Moda), a Borgonuovo (Lu), un nuovo appuntamento settimanale con la filiera corta firmata da Campagna Amica e Coldiretti. Il mercato, che va ad aggiungersi agli altri appuntamenti già calendarizzati in provincia di Lucca avrà anche una funzione di...