Anno 5°

mercoledì, 18 gennaio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

lagazzetta_prenota

Avv Alberta Cagnacci Lucca


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Il mercato delle vacche: lettera aperta ad Alessandro Tambellini

martedì, 17 gennaio 2017, 00:32

di aldo grandi

Questa è una lettera aperta che più aperta non si può al sindaco Alessandro Tambellini. Una lettera frutto di pancia, non di testa perché, come abbiamo già più volte spiegato, la nostra pancia sarà sempre meglio della loro testa. Più volte anzi, spesso a dire la verità, su queste righe il sottoscritto ha picchiato duro sul primo cittadino di Lucca e lo ha fatto senza esclusione di colpi, pestando, a tratti, senza alcuna pietà. Ma lo ha fatto sempre nel pieno rispetto della persona e nell'assoluto disprezzo di ogni riverenza verso l'istituzione. Lo ha fatto utilizzando parole di fuoco, termini inadatti al cosiddetto politicamente corretto dei vari codici deontologici e delle varie carte richiamanti ai doveri del buon giornalista. E non ha problemi a riconoscere, all'avversario, non solo l'onore delle armi - anche se non ci sono state alcuna sconfitta così come alcuna vittoria a giustificarlo - ma l'apprezzamento per aver saputo incassare ogni colpo senza quasi mai ribattere nel rispetto di una vera e totalizzante libertà di espressione e di critica. Ben diverso, questo atteggiamento, da quello mostrato da qualcun altro, da qualche padron delle ferriere convinto di potersi permettere tutto senza comprendere che è proprio quando si ha paura delle parole scritte ché è imminente il momento della, per dirla con Albert Camus, inevitabile chute. Alla fine, da parte di entrambi, una confiance, una fiducia reciproca che, almeno fino a oggi...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Alla soglia dei trent'anni

domenica, 15 gennaio 2017, 00:39

di aldo grandi

Magari. Magari fossimo, anagraficamente parlando, alla soglia dei tre decenni di vita. Invece no, siamo sì a un anno di distanza dal compimento del fatidico terzo decennio o del sesto lustro e del trentesimo anno, ma di convivenza o unione di fatto se si preferisce, con la passione che ci ha divorato la vita finendo per farci divorare, loro malgrado, anche quella degli altri. Nel novembre 2018 saranno esattamente 30 anni che questo scribacchino di provincia vive con questa inseparabile compagna, l'unica che non ha mai abbandonato, la sola che non lo ha mai deluso. Era cominciato tutto per passione, per una sorta di incredibile, irrefrenabile, irrinunciabile, improcrastinabile esigenza morale- non moralistica - sull'onda di un libro scritto da un grande giornalista e un grande storico, Il lungo viaggio attraverso il fascismo e di un altro, autore Fidia Gambetti, Gli anni che scottano e un altro ancora, Gioventù Italiana del Littorio, la stampa dei giovani nella guerra fascista, autrice una professoressa di storia contemporanea poi prima titolare di una cattedra di storia delle donne a Sassari, Marina Addis Saba. Eravamo partiti con la convinzione che avremmo, se non spaccato il mondo, sicuramente fatto di tutto per non farci spaccare noi. Avremmo voluto essere come Rocco, all'anagrafe il collega Andrea Purgatori, inviato del Corrierone e protagonista del film Il muro di gomma sulla strage di Ustica...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Ugo Giurlani, con 33 appartamenti e... una villa, aveva proprio bisogno di quei 2 mila euro?

lunedì, 9 gennaio 2017, 00:33

di aldo grandi

Questione di stile. Ma non solo. Questione di tante altre cose, a cominciare da quelle per cui, da piccoli, da adolescenti, si comprende subito la differenza tra chi possiede e chi, al contrario, non può permetterselo. E' la dura legge del sistema e prima la si apprende, prima si possono affilare gli strumenti necessari a rovesciarne, se non gli assunti, almeno il proprio personale destino. Quando chi scrive ha domandato a Ugo Giurlani, imprenditore, proprietario immobile e terriero, ex dirigente di società partecipate del comune, figlio di uno dei personaggi più influenti della Lucca che, una volta, contava, se era vero che aveva affittato una villa a S. Pietro a Vico agli immigrati, si è sentito rispondere: 'Perché non avrei dovuto?'. Già perché? In fondo basterebbe leggere l'articolo che la collega Ilaria Bonuccelli scrisse su Il Tirreno nel marzo 2012 per capirlo. Nella dichiarazione dei redditi relativa al 2011, il professionista, all'epoca anche dirigente Polis, risultava proprietario o comproprietario di 33 appartamenti, oltre che di una serie di terreni agricoli. Quanto al reddito, esso ammontava a 78 mila 122 euro. Davanti a questi dati, glielo dice il sottoscritto perché, forse, avrebbe...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Se son Baccelli fioriranno

venerdì, 6 gennaio 2017, 17:31

di aldo grandi

Siamo seri. Una volta tanto. Voi, se foste al posto di Stefano Baccelli, dipendente Salt perennemente in aspettativa per meriti politici, attualmente consigliere regionale a 8 mila euro al mese netti o giù di lì, con la prospettiva di averne ancora per qualche anno, rientrereste a Lucca per partecipare alle elezioni a sindaco 2017 sapendo bene che, in caso di sconfitta, potreste anche nascondervi sotto il letto che nessuno se ne accorgerebbe tanto orribile sarebbe stata la figura rimediata? Noi non conosciamo più di tanto l'ex presidente della Provincia, ma con quel sorrisetto-furbetto da vero e proprio linchetto, saremmo pronti a scommettere che, se fosse per lui, le chiappe dalla poltrona dove sta non le solleverebbe nemmeno in caso di cataclisma naturale. Se dipendesse da lui, appunto. Ma non dipende tutto da lui, bensì dai maggiorenti del Pd regionale e nazionale, con in testa il senatore barghigiano presidente della commissione cultura a palazzo Madama. E se sarà necessario il suo sacrificio, Baccelli sa bene che non potrà rifiutarsi alla bisogna anche se si troverà a dover combattere sotto una bandiera divisa in due: da un lato i tambelliniani giacobini e dall'altra i baccelliani moderati. Non c'è, in sostanza né ci potrebbe essere anche volendo una scelta plebiscitaria nei suoi confronti e tuti sanno che andare al voto spaccati può essere un rischio grosso...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Carne da macello

lunedì, 2 gennaio 2017, 21:44

di aldo grandi

Una cosa deve essere chiara e deve essere detta. Anche a costo di sembrare spietati, devastanti, impietosi: se la posto dell'artificiere ferito gravemente dall'esplosione della bomba a Firenze ci fosse stato, per puro caso, un simpatizzante di CasaPound, in molti si sarebbero lavati mani e coscienza pensando che, in fondo, si trattava solamente di un fascista. Negli anni Settanta e Ottanta, militare nel Movimento Sociale Italiano o anche solo essere simpatizzanti di destra o anche pensarla diversamente dall'estrema sinistra dominante, significava il rischio concreto di pagare con la vita la propria libertà di pensiero ed espressione. Insieme ai fascisti o a coloro che, in qualche modo, si richiamavano a determinati valori, ci venivano ficcati anche poliziotti e carabinieri, tutti rappresentanti di quel partito conservatore che la Sinistra più o meno estrema si divertì a massacrare. Aggiungiamoci, poi, le vittime causate dall'altra fazione, da coloro che, fascisti, lo erano veramente e che non andavano tanto per il sottile nel compiere attentati o reagire. Alla fine, comunque la si voglia mettere, i servitori dello Stato hanno pagato un prezzo altissimo solo per aver cercato, in un modo o nell'altro, di difendere l'ordine e la sicurezza della cosiddetta maggioranza silenziosa, tanto silenziosa che nessuno, purtroppo...


Ce n'è anche per Cecco a cena

The Year After: il 2017, per il Pd, la fine del Principio

sabato, 31 dicembre 2016, 19:45

di aldo grandi

Non c'è più t... empo per gatti. Il 2017 va a cominciare e fra sei mesi si saprà chi, per i prossimi cinque anni, governerà Lucca. Di matematica, al momento, c'è soltanto la candidatura di Matteo Garzella il quale, probabilmente impermalosito dalle nostre osservazioni, si guarda bene dall'inviarci i suoi comunicati. Non ci strappiamo i capelli per questo tantomeno le vesti. Il suo partito, il Pd, ha smarrito la bussola e, probabilmente e come, ormai, è sentire e pensare comune a Palazzo Orsetti, i vertici del Pc lo hanno inizialmente mandato avanti per tastare il terreno e, oggi, ne hanno perso il controllo. La sua stessa uscita di pochi giorni fa contro il senatore nonché parlamentare nonché presidente della commissione cultura nonché sostenitore di Matteo Renzi, la dice lunga su quale sia l'attuale situazione all'interno di un partito che rischia, realmente e per colpa, a livello nazionale, del suo segretario, di fare la stessa fine di Alleanza nazionale per colpa di Gianfranco Fini. Non ci sono più una guida né una politica comune né, addirittura, il Pd a Lucca. Appare evidente, comunque, che le Primarie, ormai...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Il centrodestra parte malissimo: l'autogol di Maurizio Marchetti

mercoledì, 28 dicembre 2016, 08:18

di aldo grandi

Noi non riusciamo a comprendere come sia possibile commettere simili errori. Cazzate le chiameremmo e le chiameremo. Come può un personaggio politico come Maurizio Marchetti che dire navigato è dire poco, non rendersi conto che siamo di fronte alla necessità, per Lucca e per il Paese, di una svolta epocale e restare ancorato, ancora, per le decisioni folli di una mummia di nome Silvio Berlusconi che ha fatto più danni della grandine, alle vecchie regole del Sistema, alle vecchie stalattiti che tentano ancora di portare acqua al proprio mulino? L'uscita improvvidenziale di Marchetti, coordinatore provinciale di Forza Italia nonché ex sindaco di Altopascio è di una follia senza pari. Senza aver ancora scelto il candidato del centrodestra, ma essendo in procinto di farlo con un incontro che si terrà nella tarda mattinata di oggi in una abitazione privata presenti, oltre a Forza Italia, anche la Lega Nord e Fratelli d'Italia, Marchetti, dopo aver letto il comunicato diffuso da Marcello Pera, gli ha subito lanciato una proposta di collaborazione. Non soltanto questo comunicato diffuso ieri sera è stata una pazzia, ma, soprattutto, un errore politico e strategico...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Una questione di centimetri

sabato, 24 dicembre 2016, 17:08

di aldo grandi

No, tranquilli. Non ci riferiamo a Rocco Siffredi, pornostar assurto al ruolo di opinion maker, maestro di vita e, addirittura, scelto come oggetto di domande per quiz televisivi. I centimetri di cui vogliamo occuparci sono, questa volta, quelli che hanno permesso al poliziotto ferito dal terrorista tunisno a Sesto San Giovanni, di evitare il passaggio a miglior vita. Sì, perché se invece che a una spalla, il proiettile esploso dalla pistola del tunisino autore della strage di Berlino, fosse andato a colpire un po' più al centro, adesso non staremmo qui a sentir parlare i soloni della politica italiana della straordinaria efficienza delle nostre forze di intelligence o della capacità di presidiare il territorio dei nostri carabinieri o dei nostri agenti delle squadre volanti. La realtà è lievemente differente. Il tunisino è stato fermato per un normale controllo, di quelli che, giorno e notte, vengono posti in essere da poliziotti e carabinieri male equipaggiati e ancor peggio provvisti di norme legislative in grado da far fare loro un buon lavoro senza rischiare ad ogni istante non soltanto la vita, ma anche di finire sotto inchiesta per colpa di giudici troppo appiccicati alla poltrona invece che abituati...


Pagina: 1 2 » di 2 totali

carismi san miniato


gambardella_avvocato_2016


BF Cristiana Francesconi


clinica-iphone



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


essenza lucca


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Ultime notizie brevi


top speed autolavaggio


mercoledì, 18 gennaio 2017, 19:00

Continua l’allerta meteo per vento fino a domani

In base al bollettino regionale diramato quest’oggi perdura sul territorio comunale l’allerta meteo (codice giallo) per vento fino alle 13 di domani (giovedì 19 gennaio).


mercoledì, 18 gennaio 2017, 17:27

“Porte a aperte a palazzo Orsetti”: domenica 22 gennaio il sindaco guida i cittadini alla scoperta della dimora storica oggi sede del Comune

Si rinnova l’appuntamento con “Porte aperte a palazzo Orsetti”, l’iniziativa voluta dal sindaco Alessandro Tambellini per favorire la conoscenza di uno dei maggiori palazzi storici lucchesi e al contempo avvicinare i cittadini alla vita delle istituzioni locali. 


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 gennaio 2017, 17:13

Allarme a Lammari, espulso criminale albanese clandestino da 18 anni in Italia

Oggi, personale della questura ha dato esecuzione ad un provvedimento di espulsione immediata dal territorio nazionale con accompagnamento alla frontiera nei confronti di un 32enne albanese abitante a Lammari (frazione del Comune di Capannori), entrato illegalmente nel territorio nazionale circa 18 anni fa ed in passato condannato per reati in...


mercoledì, 18 gennaio 2017, 16:38

Venerdì 20 gennaio al Polo culturale e Artemisia l'incontro "Il film più seducente"

“Il film più seducente”. E’ questo il titolo dell’incontro in programma venerdì 20 gennaio alle 21 al polo culturale Artémisia a Tassignano. L’appuntamento fa parte della rassegna “Tra ragione e cuore. Un viaggio” promossa dall'amministrazione comunale e curata da Gianni Quilici in collaborazione con l'associazione 'Amici del libro' di Camigliano.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 gennaio 2017, 16:37

Lutto in Comune: è morto il geometra Giovanni Pellicci

Lutto in Comune. E' mancato nel pomeriggio di ieri (17 gennaio), dopo una breve malattia, il geometra Giovanni Pellicci. Aveva 63 anni ed era dipendente del Comune di Lucca dal 1980, dove attualmente ricopriva il ruolo di istruttore tecnico presso i lavori pubblici.


mercoledì, 18 gennaio 2017, 16:35

Nuova inizitiva della Fondazione Campus - Studi del Mediterraneo per tutti i suoi allievi

Nuova inizitiva della Fondazione Campus - Studi del Mediterraneo per tutti i suoi allievi, per la Scuola Made ma anche per un momento di condivisione con la Comunità: “Il Calendario Incontri”, e da qui come l’identità si rafforza nel confronto con l’alterità, così l’esperienza di “viaggio” può farci ritrovare il...


mercoledì, 18 gennaio 2017, 15:14

"Uniti ce la possiamo fare. E la sinistra ci sarà". Sinistra con Tambellini sulla ricandidatura dell'attuale sindaco

"Uniti ce la possiamo fare - è scritto in una nota del gruppo Sinistra con Tambellini - Con questa bella sintesi Alessandro Tambellini suggella la conclusione di un percorso, che va nel senso da noi auspicato da sempre. E che la Lucca democratica e progressista attendeva. Tambellini candidato unitario del centrosinistra.


mercoledì, 18 gennaio 2017, 13:13

Concorso Nazionale sulla figura dell'Ariosto dedicato alle scuole

E' stata prorogata al 28 febbraio la scadenza per la partecipazione al Concorso Nazionale sulla figura del poeta Ariosto, dedicato alle scuole e organizzato dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca in occasione delle celebrazioni per i 500 anni dell'Orlando Furioso, opera principe di Lodovico Ariosto. 


mercoledì, 18 gennaio 2017, 12:49

Lowlow presenta 'redenzione' e incontra i fans nell'instore allo Sky Stone il 20 gennaio

Il rap è ancora protagonista allo Sky Stone & Songs: venerdì 20 gennaio, alle 18, infatti, sarà ospite del negozio in piazza Napoleone il giovane rapper Lowlow, che con il suo video ‘Ulisse’ – che anticipava l’uscita dell’album ‘Redenzione’ – ha avuto più di 13 milioni di visualizzazioni, attestandosi così...


mercoledì, 18 gennaio 2017, 12:47

Comunicazione on line: come riconoscere, scoprire e prevenire le trappole dei social network

Se Internet ha cambiato la vita lavorativa e non della maggior parte delle persone non è azzardato affermare che i social network l'abbiano stravolta. Con quest'ultimo termine, che contiene in sé sia l'accezione positiva che quella negativa del significato, si mettono in guardia gli utenti della Rete, giovani in particolari,...