Anno 5°

lunedì, 2 maggio 2016 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

lagazzetta_prenota

Cronaca

Vergogna assoluta

sabato, 4 agosto 2012, 08:23

di fabrizio vincenti

Violentato, distrutto, abbandonato. Il club ippico di via della Scogliera offre, a chi ha voglia di guastarsi il fegato,  un viaggio in una di quelle trasmissioni di denuncia sullo stile di "Striscia la notizia". Oppure, se preferite, in una di quelle località del Sud d'Italia che fanno gridare alla vergogna dimenticandosi però che, a volte, gli altri siamo noi e il degrado, l'inciviltà, la vergogna sono talvolta anche cosa nostra. Quello che era uno dei fiori all'occhiello della città è ormai da anni in uno stato di totale abbandono, senza che nessuno si sia deciso a intervernire drasticamente. 

All'ingresso resiste ancora un cartello che, beffardamente, dà il benvenuto ai visitator del centro ippico, ma dovunque uno si giri è impressionante il degrado di questa struttura messa nuovamente in vendita dal Comune e di cui lo stesso sindaco Tambellini aveva recentemente parlato per sottolinearne lo stato di assoluta emergenza. Siamo nel cuore del parco fluviale, un cuore devastato da questo scempio e dalla permanenza di uno dei due campi zingari della zona. Nel club ippico siamo alla vergogna assoluta.

Ovunque i rifiuti abbondano, da decine di batterie di auto a inerti, che dettero vita, anni fa, a un sequestro dell'area da parte della procura; da vestiti abbandonati a resti di bivacchi. Tutto, qui, sa di abbandono e di morte. Le stalle, più volte incendiate, sono accessibili: dentro c'è di tutto, compresi i resti delle deiezioni degli animali, ormai mummificate dal tempo. La struttura, molto grande e divisa in due blocchi, è completamente annerita dai fumi degli incendi. Il giardino, quello che ne rimane, non è certo messo meglio: lo spettacolo si presenta come una distesa quasi ininterrotta di rifiuti di ogni genere. 

Il locale una volta adibito a ristorante, e che ha visto passare generazioni di lucchesi, ha vetri e porte sfondate. Dentro, ignoti si sono divertiti a sfasciare tutto quello che si poteva sfasciare, dalle suppellettili agli intonaci. Per terra anche qui tracce di bivacchi di balordi e giubbotti, probabilmente frutto di furti, abbandonati. E ancora vetri rotti, bottiglie, pezzi di elettrodomestici, calcinacci, rifiuti. Un quadro di di totale, inarrestabile degrado. Il Comune, proprietario dell'immobile sostiene di non avere soldi per ristrutturare il complesso. Probabilmente è vero, ma ci vuole davvero una faccia tosta per provare a metterlo in vendita, prima l'amministrazione Favilla ora quella Tambellini, in queste condizioni. Se non è possibile ristrutturarlo, perché almeno non ripulirlo garantendo un minimo di decoro anche in considerazione del fatto che l'area è, come detto, inserita nel parco fluviale e a due passi dalla città?

Stretto tra una guerra legale tra il Comune e il vecchio concessionario Federico Della Bidia, si è lasciato morire il club ippico, dagli anni '50 punto di riferimento degli appassionati di equitazione ma non solo visto che nelle sue strutture sono sempre stati presenti, e con un discreto successo, locali di ristorazione. I problemi sorgono nel 2006 quando la struttura viene affidata in concessione a Federico Della Bidia per 20 anni, che si sarebbe dovuto impegnare in lavori di miglioramento dell'impianto che prevedevano, tra l'altro, la creazione di un'area di ippoterapia. Le cose, però, prendono subito una piega pessima.

Nel corso di due anni le stalle prendono fuoco almeno tre volte. Non solo, nel 2009, il ristorante annesso viene chiuso per un contenzioso tra il solito Della Bidia e la società che ha in gestione il locale. Come se non bastasse, e siamo nel 2010, la procura sequestra parte dell'area per la presenza di una discarica, naturalmente non autorizzata, di rifiuti speciali, quei rifiuti che, almeno in parte, come detto, sono ancora presenti. Può bastare? Macché nel medesimo periodo scoppia il contenzioso tra il concessionario e il Comune: palazzo Orsetti imputa a Della Bidia di non aver effettuato i lavori di miglioramento previsti per contratto, il concessionario si difende sostenendo che i lavori non sono stati fatti perché i proprietari dei cavalli non hanno sgomberato le stalle per permettere l'avvio del lavori, versione contestata dai proprietari degli animali. Altre denunce, altre richieste di risarcimento danni mentre nel frattempo l'area precipita sempre più nel degrado assoluto.

Nel gennaio del 2011 il Comune si decide finalmente a revocare la concessione, ma Della Bidia impugna la revoca e chiede i danni (5 milioni a palazzo Orsetti e 2 ai proprietari dei cavalli). Dallo scorso anno il centro, sarebbe meglio dire quello che di esso resta, è in vendita per la modica, si fa per dire, cifra di 800 mila euro, vendita confermata proprio in questi giorni dall'amministrazione Tambellini che ha inserito il centro ippico nel lotto dei beni da mettere all'asta entro l'anno. Qualcuno troverà il coraggio e lo stomaco, per farsi avanti?

 


Questo articolo è stato letto 466 volte.


Giribon Intimo Lucca 2016


lagazzetta_prenota2


Terigi auto 2014-15


La Pasca


il casone


lagazzetta_prenota_


panda 2016


Affatato Schirru


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 30 aprile 2016, 17:04

Parla il paziente operato al rene sbagliato: "Io interdetto e maledetto"

Si chiama Guido Dal Porto, ha 56 anni, abita a Capannori ed è titolare di una impresa di ristrutturazioni edili colpita dalla crisi economica del settore


sabato, 30 aprile 2016, 14:28

Inviati gli ispettori della task force per fare luce sul caso del rene sano asportato per errore al San Luca

Il ministro della salute, Beatrice Lorenzin, ha inviato gli ispettori della task force, istituita presso il ministero, per verificare quanto accaduto nell'ospedale San Luca dove ad un uomo è stato asportato per errore un rene sano


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 30 aprile 2016, 12:06

Special Olympics: quando l'essenza dello sport è di casa a Lucca

Ragazzi e ragazze con disabilità intellettiva, provenienti da ogni parte della Toscana - più la special guest San Marino - che si sfidano a colpi di strike al palasport bowling di San Vito


venerdì, 29 aprile 2016, 17:36

Parla Torcigliani, il chirurgo sospeso: "Non ho colpe, c'era un referto e io l'ho seguito"

Stefano Torcigliani, 56 anni, lucchese, medico urologo al S. Luca, ha operato il paziente asportandogli il rene sano invece di quello malato. Ecco le sue dichiarazioni


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 aprile 2016, 15:19

Beccato con tre grammi di cocaina: foglio di via per un giovane di Massarosa

Il giovane, residente a Massarosa è stato segnalato alla prefettura di Lucca quale utilizzatore di sostanze stupefacenti e munito di foglio di via obbligatorio con contestuale divieto di ritorno nel comune di Lucca per due anni


venerdì, 29 aprile 2016, 14:22

Colpito e affondato: sospeso il chirurgo urologo che ha sbagliato l'intervento al San Luca

L'assessore alla sanità Stefania Saccardi ha sospeso il chirurgo di urologia dell'ospedale San Luca e chi ha refertato l'esame. L'intervento effettuato il 14 aprile su un paziente di 56 anni


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px