Anno 5°

martedì, 28 marzo 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

Cronaca

Il grande bluff dei minori stranieri: nella villa di S. Pietro a Vico hanno tutti quasi 18 anni

martedì, 10 gennaio 2017, 11:26

di barbara pavarotti

E' ora di sfatare il mito che i minori stranieri non accompagnati ospitati nei centri loro dedicati siano tutti bambini bisognosi di protezione e di accudimento. Di bambine poi nemmeno l’ombra, tranne quelle che nascono durante le traversate in mare o all’arrivo sulle nostre coste, perché le loro madri vengono regolarmente violentate durante il viaggio.

E’ così anche a Lucca. I 14 nuovi ospiti della villa del manager Ugo Giurlani, a San Pietro a Vico, sono tutti alle soglie della maggiore età. Lo conferma la Onlus che ha preso in affitto la palazzina dall’imprenditore a 2000 euro al mese proprio per poterci ospitare questi 14 ragazzi. E’ il “Gruppo volontari accoglienza immigrati” (GVAI), opera sociale della diocesi di Lucca, che spiega: “La casa è perfetta, termosifoni in ogni stanza, impianto elettrico a norma”. Evidentemente Giurlani, nonostante abbia dichiarato alla Gazzetta che la casa del bisnonno era disabitata da 30 anni, ci ha fatto dei lavori: altrimenti impianti di 30 anni fa non potrebbero certo essere a norma. Il manager, proprietario o comproprietario di ben 33 appartamenti, tiene comunque molto – e giustamente – alle sue proprietà. Infatti quando ha affittato alla GVAI ha insistito perché un’agenzia di assicurazioni lucchese sottoscrivesse con la Onlus una polizza a tutela dei danni creati dagli ospiti stranieri. Richiesta respinta. Purtroppo non si può avere tutto. Se si vuol fare beneficenza bisogna mettere nel conto un minimo di perdite.

E’ da fine anni ’90 che GVAI si occupa di minori stranieri non accompagnati. Altri 16 li ha sistemati in un’altra villa di Lucca, a Sant’Anna. Minorenni perché hanno tutti circa 17 anni, quindi sono alla soglia della maggiore età. Ma intanto questo status comporta un sacco di vantaggi, sia per loro che per le strutture che li gestiscono. A cominciare dalla cifra stanziata dallo Stato per i minori: dai 45 ai 54 euro a testa giornalmente. Ben più di quanto spetta a chi assiste adulti, per i quali l’asticella è fissata sui 30-35 euro a testa. Accogliere minori – e non parliamo di GVAI, che, essendo legata alla diocesi, ha sicuramente un obiettivo misericordioso e umanitario – è un affare doppio. Esiste un fondo nazionale per l’accoglienza di minori non accompagnati la cui capienza di spesa per il 2016 e 2017 è di 170 milioni. I minori non possono essere espulsi, possono avere un permesso di soggiorno per motivi di studio o di accesso al lavoro. Insomma, hanno una corsia preferenziale.

Ma chi stabilisce che sono minorenni quando la cosa non è affatto evidente visto che non si tratta di bambini? Nessuno. Ci si basa sulle loro dichiarazioni perché arrivano privi di documenti. Come è successo per l’autore della strage di Berlino, Anis Amri, che al suo arrivo a Lampedusa dichiarò, pur essendo maggiorenne, di avere 17 anni. Gli fu data fiducia e fu alloggiato in un centro per minorenni, quindi con maggiori garanzie e tutele. In teoria si dovrebbero svolgere esami medici per accertare l’età, in pratica non lo si fa perché sono costi aggiuntivi per il sistema sanitario nazionale. Quindi viene loro assegnata genericamente una data di nascita presunta che è il primo gennaio 1998, così rientrano, come da loro dichiarato, nella categoria minori.

I dati del ministero dell’Interno sono sconcertanti. Al 30 aprile 2016 risultavano in Italia 11.648 minorenni stranieri, in aumento vertiginoso - il 41% in più - rispetto alla stessa data del 2015. Sapete quanti sono, fra questi, i bambini da zero a sei anni? Ventisette. Quelli da 7 a 14 sono 826. Gli altri, quindi la stragrande maggioranza, sono giovani sui 17 anni. E, ovviamente, sempre secondo dati del Viminale, questi minori sono per il 95 per cento maschi. Gli uomini sono 11.082, le donne 566.

I paesi da cui provengono? E’ l’Africa a fornire il maggior numero di minori richiedenti protezione internazionale. Dall’Eritrea, che, secondo le classifiche del Viminale, occupa il terzo posto, quanto a minori presenti in Italia, i ragazzi fuggono, spiega “Save the children”, per evitare il servizio militare obbligatorio nel loro paese e particolarmente duro.

Naturalmente, anche dopo il compimento dei 18 anni, c’è un percorso di accompagnamento. In genere rimangono nelle strutture per minori un annetto, e poi vengono trasferiti nelle strutture per adulti.

Tutto questo per chiarire che si tratta di una balla sacrosanta e perfettamente legalizzata dichiarare, come ha fatto Ugo Giurlani alla Gazzetta, che i 14 migranti alle soglie della maggiore età ospitati in casa sua a pagamento “avevano bisogno di una sistemazione perché erano in promiscuità nella tendopoli”. Quale promiscuità? La differenza che corre fra avere 17 anni e mezzo e 18? Certo, la legge dice questo. Ma sarebbe più corretto dire: qui parliamo di affari e questa differenza di un anno o di sei mesi è fondamentale per far lievitare l’affare. I minori – se poi lo sono veramente – sono una grande risorsa. Che poi lo stato stia andando in bancarotta, le tasse siano sempre più feroci, per questa e altre vicende, tipo i 20 miliardi da trovare a debito per il salvataggio di Monte dei Paschi, è un’altra storia. 


Questo articolo è stato letto 2003 volte.


lattanzi classico


carismi san miniato



La Pasca


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


panda 2016


Marco Catelli affitti


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


top speed autolavaggio


martedì, 28 marzo 2017, 10:08

Razzismo alla rovescia: ecco i soldi per i Comuni 'virtuosi' che accolgono i profughi: 500 euro per ogni migrante

La prefettura di Lucca comunica che sono stati emessi dal Ministero dell’Interno, in data 24 marzo 2017, i mandati di pagamento per l’erogazione dei contributi a favore dei Comuni della Provincia di Lucca che accolgono i richiedenti protezione internazionale: 500 euro per ogni richiedente asilo


lunedì, 27 marzo 2017, 16:24

Canile abusivo di Meati: i proprietari avranno tempo fino a giovedì per collocare i cani in strutture attrezzate

Il comune rispondendo a una richiesta dei proprietari stessi e con il parere positivo rilasciato da parte dei Carabinieri e della Asl Toscana Nord Ovest, ha emesso quest’oggi una nuova ordinanza dirigenziale


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 27 marzo 2017, 14:32

Spacciavano davanti a una comunità di tossicodipendenti: arrestati due tunisini

Si tratta di Noufil Talbi (28 anni), regolare sul territorio nazionale, e Boubaker Talbi (22 anni), irregolare sul territorio nazionale, entrambi senza fissa dimora, con precedenti per stupefacenti


domenica, 26 marzo 2017, 17:25

Gli altri parlano, CasaPound agisce: ripulita la piscina di Mutigliano

Questa domenica i militanti di CasaPound sono intervenuti a Mutigliano per ripulire la piscina comunale abbandonata, a fianco dell'Istituto Tecnico Busdraghi. Era presente il candidato sindaco Fabio Barsanti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 26 marzo 2017, 16:20

Giovanni Barco, il professore che sogna di ridare speranza a chi non ha più niente da sperare

Le cure che vengono praticate dal professor Barco grazie alla somministrazione di ossigeno poliatomico liquido per via endovenosa non vogliono sostituire le tradizionali chemioterapie, ma, indubbiamente e come dimostrano i dati, sono ad esse complementari e in grado di alleviare o ridurre gli effetti e le conseguenze che spesso la...


domenica, 26 marzo 2017, 10:53

E' morto l'ultimo paracadutista superstite della battaglia di El Alamein

Si è spento alle 12,30 del 25 marzo il paracadutista Luciano Masi, presidente onorario della sezione di Lucca dell’Associazione Nazionale Paracadutisti D’Italia (A.N.P.D’I.), stretto dall’affetto dei suoi due figli Giorgio e Mauro, del nipote Tiziano e di tutti i paracadutisti lucchesi che gli sono rimasti vicini fino in fondo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px