Anno 5°

sabato, 21 ottobre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Piantumazione dell'Inula Viscosa: partita la lotta alla mosca olearia

mercoledì, 29 aprile 2015, 13:31

Oliveto biologico? Si grazie. A Lucca, dopo la non felice raccolta del 2014, si è scelto di intraprendere una strada diversa per incrementare la raccolta delle olive e, cioè, quella dell'oliveto biologico, mentre gli esperti parlano di una raccolta decisamente migliore – tempo permettendo – rispetto allo scorso anno.

La scorsa stagione, secondo quanto determinato dagli esperti, ha visto una proliferazione straordinaria della mosca olearia, causata dalle condizioni meteo, che, al contempo, hanno anche causato una ridotta nascita di olive. I due fattori - alto numero di mosche oleare e poche olive - uniti, hanno avuto l'effetto di ridurre considerevolmente la produzione di olio nel 2014 che ha toccato valori molto negativi. «Si tratta di condizioni che non si presentano tutti gli anni - spiegano alla Cia Toscana Nord - ma è altresì vero che, con i cambiamenti climatici in atto, è necessario ripensare le coltivazioni in modo da poter arginare i danni in eventuali altre annate difficili». 

Ecco, quindi, che sono partiti alla Fattoria Colleverde di Matraia, i lavori di piantumazione di esemplari di Inula Viscosa sui circa 15 ettari di oliveto biologico dell'azienda.  

L'Inula Viscosa è una pianta spontanea, diffusa sulle scarpate di tutte le regioni costiere del Mediterraneo ed è preziosa grazie alle sue molteplici proprietà, che, per quanto concerne gli olivi, la vede come 'casa' invernale di un insetto, l'Eupelmus Urosonus, che è un parassitoide polifago, il quale rappresenta, di fatto, il più attivo antagonista naturale della mosca olearia, grazie alle sue due-tre generazioni annue. 

«Ovviamente – afferma la Cia Toscana Nord – la sola presenza dell'Eupernus Urosonus non è sufficiente da sola a combattere i forti attacchi di mosca dell'olivo, ma la sua azione può essere determinante in associazione ad altre forme di lotta biologica e in concomitanza con altri insetti benefici ospiti di piante, la cui presenza dovrebbe garantire una maggiore biodiversità ai nostri oliveti, quali fichi, mirti, cardoni e perfino le tanto famigerate infestanti». 

 


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


Orti di Elisa



Locanda di Bacco


Osteria Il Manzo


bonito400


Bar Monica



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 20 ottobre 2017, 13:13

Accademia Italiana della Cucina, cena ecumenica alla Buca di Sant'Antonio

“I formaggi nella cucina della tradizione regionale”, è il tema selezionato per la cena Ecumenica 2017 dell'Accademia Italiana della Cucina. E anche la delegazione di Lucca ha partecipato a questo appuntamento che riunisce nello stesso giorno tutti gli Accademici ad una tavola ideale con un menu che verte sul medesimo...


giovedì, 19 ottobre 2017, 16:08

Espresso '18: trionfo per Giannelli, Viani e Cassanelli. Gli altri...godono

Annuale appuntamento con Le Guide dell'Espressso. Giunta al 40° anno la guida presentata alla Leopolda di Firenze celebra i grandi della cucina italiana


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 ottobre 2017, 12:31

Casone di Profecchia, buono per tutte le stagioni

Complice il bel tempo che sta perdurando, centinaia di turisti, provenienti un po' da tutta la Toscana ma anche dall’Emilia Romagna, data la vicinanza, continuano a venire al Casone per una passeggiata alla ricerca dei frutti tipici della stagione, i funghi e le castagne, oppure per gustare uno dei menu...


lunedì, 16 ottobre 2017, 13:33

Mortadella ti amo

Chiude il locale solo per noi, a tarda sera di una domenica di ottobre. Andrea Bertucci è unico, non ci fosse, non avrebbero senso l'amicizia e l'onestà. Il 16 novembre al Vecchio Mulino le Gazzette festeggeranno il compleanno di Barbara Pavarotti


venerdì, 13 ottobre 2017, 22:16

Harry's Bar, dal 1953 un sogno intramontabile

Dal 1953 apre i battenti sul Lungarno Amerigo Vespucci a Firenze. E' un locale dall'atmosfera magica e, perciò, unica. I suoi cocktail più famosi, dal Bellini al Dry Martini, vanno a braccetto con profumi e sapori indimenticabili. Gianni Mercatali ci ha accompagnato in questo breve viaggio


venerdì, 13 ottobre 2017, 15:52

Il lucchese Stefano Terigi è lo Chef Emergente 2017: "Fare il cuoco non è un giochino"

Parla lucchese lo Chef Emergente del 2017. Stefano Terigi, cuoco presso il ristorante Il Giglio, ha da poco vinto il prestigioso premio che si è tenuto nell'ambito del Festival della Gastronomia di Roma alle Officine Farneto