Anno 5°

lunedì, 11 dicembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Enogastronomia

Piantumazione dell'Inula Viscosa: partita la lotta alla mosca olearia

mercoledì, 29 aprile 2015, 13:31

Oliveto biologico? Si grazie. A Lucca, dopo la non felice raccolta del 2014, si è scelto di intraprendere una strada diversa per incrementare la raccolta delle olive e, cioè, quella dell'oliveto biologico, mentre gli esperti parlano di una raccolta decisamente migliore – tempo permettendo – rispetto allo scorso anno.

La scorsa stagione, secondo quanto determinato dagli esperti, ha visto una proliferazione straordinaria della mosca olearia, causata dalle condizioni meteo, che, al contempo, hanno anche causato una ridotta nascita di olive. I due fattori - alto numero di mosche oleare e poche olive - uniti, hanno avuto l'effetto di ridurre considerevolmente la produzione di olio nel 2014 che ha toccato valori molto negativi. «Si tratta di condizioni che non si presentano tutti gli anni - spiegano alla Cia Toscana Nord - ma è altresì vero che, con i cambiamenti climatici in atto, è necessario ripensare le coltivazioni in modo da poter arginare i danni in eventuali altre annate difficili». 

Ecco, quindi, che sono partiti alla Fattoria Colleverde di Matraia, i lavori di piantumazione di esemplari di Inula Viscosa sui circa 15 ettari di oliveto biologico dell'azienda.  

L'Inula Viscosa è una pianta spontanea, diffusa sulle scarpate di tutte le regioni costiere del Mediterraneo ed è preziosa grazie alle sue molteplici proprietà, che, per quanto concerne gli olivi, la vede come 'casa' invernale di un insetto, l'Eupelmus Urosonus, che è un parassitoide polifago, il quale rappresenta, di fatto, il più attivo antagonista naturale della mosca olearia, grazie alle sue due-tre generazioni annue. 

«Ovviamente – afferma la Cia Toscana Nord – la sola presenza dell'Eupernus Urosonus non è sufficiente da sola a combattere i forti attacchi di mosca dell'olivo, ma la sua azione può essere determinante in associazione ad altre forme di lotta biologica e in concomitanza con altri insetti benefici ospiti di piante, la cui presenza dovrebbe garantire una maggiore biodiversità ai nostri oliveti, quali fichi, mirti, cardoni e perfino le tanto famigerate infestanti». 

 


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


Orti di Elisa



Locanda di Bacco


Osteria Il Manzo


bonito400


Bar Monica



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 dicembre 2017, 21:39

Aggiungi un posto a tavola... a casa di Yannick Alléno

Michele Marcucci è tornato. Non solo dal suo viaggio, consuetudinario a fine stagione, in terra d'Oltralpe, ma anche alla sua Enoteca di via Garibaldi a Pietrasanta. Potevamo non raccogliere il suo racconto?


sabato, 9 dicembre 2017, 20:37

Mura e Muraglia è il piatto vincitore della Gara giovani Chef preparato da Clara Ferretti

Mura e Muraglia è il piatto cucinato da Clara Ferretti, chef del Ristorante Il Grammofono vincitore della gara Giovani Chef che si svolta oggi pomeriggio nella Sala Viola del Real Collegio


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 dicembre 2017, 09:21

Al Desco 2017 si gioca con le Risto-Fagioliadi

Domenica 10 dicembre, nella sala gialla, il tavolo di Slow Beans – comunità leguminosa, con esposizione e vendita di legumi dei presidi slow food di tutta Italia, il tavolo di LuccaBiodinamica con degustazione vini e conversazioni sula biodinamica, le magliette dei "Beans" disegnate da Gnago e ... le attesissime Risto-Fagioliadi


venerdì, 8 dicembre 2017, 13:57

I giovani chef si sfidano al Desco

Dopo il successo della prima edizione torna un appuntamento tra i più attesi de Il Desco: la Gara tra Giovani Chef della provincia


venerdì, 8 dicembre 2017, 10:28

Cento cene per Slow Wine a Lucca

Dopo una settimana di pausa doppio appuntamento con le Cento Cene per la presentazione della Guida SlowWine 2018 direttamente in enoteche e ristoranti. Questa settimana con due appuntamenti dal taglio diverso ma con la stessa cura per la cucina e i vini


giovedì, 7 dicembre 2017, 11:47

"Dolce e Farina", contest tra produttori al Passo del Cerreto

Dolce&Farina, è il secondo contest , cioè una gara tra i produttori di farina di castagne della Riserva di Biosfera Unesco dell'Appennino Tosco Emiliano. E' un 'Laboratorio gastronomico d'Appennino' con proposte culinarie a cura di un gruppo di ristoratori