Anno 5°

mercoledì, 18 gennaio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

Enogastronomia

A Pescia si mangia al Cucco

domenica, 1 gennaio 2016, 20:46

di aldo grandi

Il Cucco è un ristorante in via Roma a Pescia dove non puoi non scegliere di andare per assaggiare i piatti dello chef Bruno Silvestri. Bella la piazza, bella la città, Pescia appunto, più vicina a Lucca di quanto non lo sia a Pistoia, pochi i coperti, 25 per una sorta di esclusività e intimità che accoglie il commensale e lo fa sentire a casa propria. Con Bruno, per gli amici Brunino, fino a qualche mese fa titolare di un analogo ristorante in via Salsero a Montecatini Terme, c'è la moglie, proprietaria del locale, Morianna Hriplivaja.  A dare una mano in sala i due figli, uno fisso, l'altra a voucher.

Il ristorante Il Cucco ha una bella cucina a vista e la filosofia che regna è quella della leggerezza sposata alla pulizia e, unite, alla qualità degli ingredienti. 

Bruno Silvestri è uno chef cresciuto alla corte di papà, mentre il nonno, anche lui Bruno, faceva il fotografo sempre a Pescia. "Ho iniziato a imparare vedendo lavorare mio padre - racconta - che aveva, con mia madre, la trattoria la Locanda Narciso in via Marruota. Seguivo mio padre per fare la spesa e restavo estasiato dalla cura e dall'attenzione che metteva nello scegliere le materie prime. Dopo avergli dato una mano per anni, passai ad aprire un mio ristorante, a Montecatini, in via Salsero coadiuvato da mia mamma Elvira Simoni che già lavorava alla trattoria. Aprimmo nel 1998, due anni in sala e, poi, passai direttamente in cucina per non uscirci più".

"Dopo dieci anni - prosegue Silvestri - nel 2008 mi resi conto che i costi erano divenuti insostenibili, con otto elementi da stipendiare per cui scelsi di chiudere e di trasferirmi in qualcosa di più piccolo, da mandare avanti con una gestione familiare. Così cominciai a cercare un locale adatto fino a quando non mi consigliarono questo, dove prima si mangiava da “Atman” con la cucina dello stellato Igles Corelli. Ho aperto nel 2016, pochi mesi fa e sono contento. Se anche una sera non riempio la sala, non me la prendo più di tanto mentre prima, sapendo che avevo da pagare il personale, la notte non prendevo sonno. La mia filosofia in cucina è quella ispirata alla leggerezza. Io voglio che il commensale, a fine pasto, si senta leggero a meno che, ma è una sua scelta, non voglia 'appesantirsi' bevendo qualcosa di alcolico o superalcolico. Per ottenere questo risultato, è necessario acquistare materioe prime di prim'ordine e il poter risparmiare sui costi del personale consente di potersi dedicare con maggiore cura alla scelta dei prodotti da impiegare in cucina. A chi dovrei fare gli auguri di buon anno? Sono diventato, col tempo e dopo aver pensato molto agli altri, un po' egoista per cui, se me lo consente, gli auguri li faccio a me stesso".

Foto di Armando Alibrandi 

 

Ristorante Il Cucco

Via Roma 4

Pescia

Tel. 0572 490904


Questo articolo è stato letto 613 volte.


carismi san miniato


Orti di Elisa


lagazzettadilucca


Locanda di Bacco


Osteria Il Manzo



Bar Monica



Bar Monica


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 18 gennaio 2017, 10:03

Maestà della Formica inaugura la sua gestione del Rifugio Alpi Apuane

Sabato 4 febbraio, in occasione di una delle manifestazioni collettive più sentite in Garfagnana, la Ciaspolata...


mercoledì, 18 gennaio 2017, 09:26

Cena con delitto al 'Pesce che vorrei' di Lammari

C'è un mistero intricato da risolvere e Victor Jaspen, ispettore di Scotland Yard, ha bisogno di voi. L'appuntamento è per le 20.30 di venerdì 3 febbraio alla ristopescheria "Il pesce che vorrei", dove, tra una portata e l'altra, i clienti potranno provare l'ebrezza di partecipare a una "cena con il...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 13 gennaio 2017, 16:40

Il pesce che vorrei

Sei arrabbiato? Sfavato? Deluso, ma affamato e hai voglia di assaggiare qualcosa di fresco e leggero allo stesso tempo? Vuoi un posto dove star bene senza etichette, ma dove ti fanno sentire a casa propria? Allora vai da Claudia, Alessia e Iva sul vialone di Lammari


giovedì, 12 gennaio 2017, 20:57

Fubi's: il cliente assaggia e giudica il nuovo menu. In anteprima.

efano Fubiani è riuscito, soprattutto negli ultimi tre anni, a mettere a disposizione di tutti la grande cucina. Fubi's è oggi una sorta di avamposto della Nuova Viareggio, fatta di grande ricerca...


martedì, 10 gennaio 2017, 15:41

Dolci "gourmet", goduriosi, differenti: Ana D'Andéa al Dao

Circa un mese fa avevamo parlato di quell'esperienza esaltante avuta al DAO, vero tempio della carne, con tanto di sacerdote, dottissimo in materia, abile asador ed esperto di tagli...


sabato, 7 gennaio 2017, 19:23

Enoteca Marcucci, buona la prima

Befana all'Enoteca Marcucci, una Prima che funziona, bella gente a tavola, accanto a Gianni Mercatali e sua moglie Flavia Panigada la nipote del pittore Fernando Botero, Camila, con il futuro marito Pascal Klapp, poi, un tavolo più in là, Yoram Guttgeld e Maria Antonietta Di Benedetto