Anno 5°

martedì, 21 febbraio 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

Enogastronomia : soprese a Marlia

Dolci "gourmet", goduriosi, differenti: Ana D'Andéa al Dao

martedì, 10 gennaio 2017, 15:41

di Marco Bellentani

Circa un mese fa avevamo parlato di quell'esperienza esaltante avuta al DAO, vero tempio della carne, con tanto di sacerdote, dottissimo in materia, abile asador ed esperto di tagli e venature come Orlando Giordan. Tralasciando, in quello che fu un tripudio ci godimento cernivoro (leggi qui l'articolo), quella che si può definire la seconda delle gradite sorprese di questo piccolo locale situato a Marlia (Capannori): i dolci. Accanto all'esperto Giordan, infatti, lavora Ana D'Andréa compagna di vita e da una vita compagna di lavoro dello chef veneziano. Ana, come tutte le pauliste, le cittadine della megalopoli brasiliana, ha quell'accento ineffabile dall'espressione sfuggente, di chi prende la vita con filosofia e logica, senza mai tralasciare la passione pura per ciò che ama. Per nostra fortuna, tra le sue passioni ci sono proprio i dolci. Devozione, questa, che l'ha trasformata in una pasticcera dai diversi riconoscimenti oltre che dalle annose esperienze internazionali.

Così, proprio dopo quei magic moments che sono le carni alla spada del Dao, ecco che, diversificando non poco la nostra voglia di zuccheri nobili, è possibile trovarsi davanti ad una carte dei dolci che parla italo-brasiliano. La nazione verdeoro risplende, in questa sezione, a pieno titolo, portandoci, come detto, la possibilità di assaggiare tradizioni differenti (e sorprendenti), godimento e salubrità. Dolcezza si, ma controllata...di quelle che esaltano il gusto degli ingredienti. E, va da se, siamo di fronte davvero ad un'altra piccola/grande esperienza.

Poker di Brigadeiro

Monumento brasiliano nato dalle difficoltà, ci mancherebbe. Pasticceria povera? Chiamatela come volete, ma la ricchezza di sapore di questa morbida mousse di latte si presta alle più svariate interpretazioni facendo nascere, in patria, addirittura luoghi dedicati solo a questo dolce. Le varianti fanno la differenza: al cacao, al pistacchio, a base di limone oppure al peperoncino. Le innumerevoli variabili  presentate da Ana fanno di questo poker (o tris a vostra scelta) una sorpresa costante, dolce e suadente, ma con un'uscita pulita che predispone la mascella ad addentarne un altro.

L'immagine può contenere: una o più persone e cibo

Paçoca

Che capolavoro. Lasciatecelo dire. Il nostro preferito forse perché seppur lontano dalla nostra tradizione, non si estremizza in un'evoluzione incomprensibile, esoticamente fine a se stessa. Anzi, il dolce è semplice, diretto, emozionante. Un concentrato di latte e farina di arachidi che ne dona uno spirito tutto americano. Il cognac spinge un pò la grinta del dolce, ricompensata dalla coulis di frutti di bosco. Crunch d'arachidi a decorazioni che garantisce quella nota croccante molto accattivante.

Tiramisù

Qui si gioca con la nostra tradizione, non si disdegna un pizzico di liquore (il mitico Zabov!), ma soprattutto si usa la Nutella. La celebre marca si riconosce e lega proprio questo ricordo a qualcosa di infantile, un momento piacevole.

L'immagine può contenere: cibo

La Pinsa (Veneta)

Matrimonio d'amore e di lavoro, quello tra Orlando e Ana, ma anche quello tra Italia e Brasile. Si, perché quello che in Sudamerica chiamano Budino di Pane, qui ha un nome più romantico: La Pinsa. Tradizione veneta (o brasiliana, fate vobis) di un tempo andato. Pane raffermo, latte condensato, uvetta, finocchio selvatico e caramello. Praticamente un pasto: un classico mangia/mangia e rimangia che se te ne portassero una teglia la finiresti. C'è voluttà, ma c'è anche ricerca in questi dolci. Infatti, la voracità non nascondi l'equilibrio e il lavoro che stanno dietro a preparazioni adatte a tutti, anche ai più scafati gourmet.

L'immagine può contenere: dessert e cibo

Il bello che Ana sembra non volersi fermare qui: sperimentazioni che uniscono le due culture e che perpetuino il bello si qui creato sono in atto. Il resto lo fa Orlando, alla griglia. Ma se avete voglia di una doppietta proteica da ricordare un viaggetto al Dao risulta necessario.

 

DAO

Viale Europa 219, 55013 Marlia, Capannori(LU)

Telefono:0583 40795

 

Tutte le foto sono state scattate  ©LA FONDERIA 

LaFonderia Facebook

Circuito La Fonderia - Una scelta di Campo: smlafonderia@gmail.com

©riproduzione riservata


Questo articolo è stato letto 1130 volte.


carismi san miniato


Orti di Elisa


lagazzettadilucca


Locanda di Bacco


Osteria Il Manzo



Bar Monica



Bar Monica


Altri articoli in Enogastronomia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 19 febbraio 2017, 09:33

Zio Sam... all'Enoteca

Al secolo Samuele Cosentino, professione ristoratore, al suo secondo giorno di ferie meritate: una visita con cena all'enoteca più famosa della Versilia in compagnia di un vecchio amico e di un fotografo senza confini


domenica, 19 febbraio 2017, 09:07

Marcucci presenta il suo Franciacorta Brut

Enoteca Marcucci Franciacorta Brut, un blanc de blanc di uve Chardonnay, frutto di una selezione operata dai Fratelli Muratori e dalla loro storica tenuta Villa Crespia


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 17 febbraio 2017, 13:10

Tradizione e perfezione: il "nuovo" Pozzo di Bugia firmato Gaio Giannelli

Il dado è tratto. Diverse sono state le speculazioni circa il futuro de Il Pozzo di Bugia: contaminazioni, contemporaneità, visioni. Il fatto sta che di contaminazioni, Gaio Giannelli...


giovedì, 16 febbraio 2017, 20:18

Fubi's e il Piatto Unico: pranzi di Carnevale tra spendibilità e gusto

Un'occasione in più per stare con Fubi's. Sabato 18 e Domenica 19, eccezionalmente per il Carnevale, il ristorante viareggino rimarrà aperto anche a pranzo proponendo, tra l'altro, una soluzione "gourmet" per tutte le tasche.


giovedì, 16 febbraio 2017, 17:57

Quest'anno la disfida della zuppa diventa solidale!

Il 17 febbraio 2017, venerdì, buon per gli scaramantici che amano gustare zuppe, si terrà all'Agriturismo Alle Camelie, Pieve di Compito, la seconda eliminatoria


mercoledì, 15 febbraio 2017, 19:14

La zuppa alla frantoiana fa il pienone a Palazzo

La zuppa alla frantoiana cucinata da Mariangela Baccelli al ristorante A Palazzo di San Giusto di Brancoli ha riscosso, indubbiamente, un innegabile successo.Ecco la photogallery