Anno 5°

domenica, 19 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Accoglienza ai profughi, presentato in un libro bianco il "modello Toscana"

venerdì, 14 luglio 2017, 12:38

Le migrazioni verso l'Europa non sono più un fenomeno emergenziale, ma strutturale; occorre dunque trovare un sistema per gestirlo stabilmente. Parte da questo assunto il "Libro bianco sull'accoglienza ai richiedenti asilo politico e protezione internazionale" uno strumento nel quale è disegnato il modello istituzionale e sociale della Toscana, basato su un'accoglienza diffusa, capace di mettere al centro il territorio e su politiche integrate.

Il libro bianco è stato presentato oggi a Firenze da Regione Toscana e Anci Toscana nel corso di un evento che si è sviluppato per tutta la mattina al Cinema La Compagnia, con interventi di tecnici, esperti, docenti universitari, amministratori.

Attualmente sono 12.763 i migranti ospitati in Toscana nell'ambito di 864 strutture a cui vanno aggiunti gli oltre 900 accolti nei centri Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati). E già questi dati mostrano un primo aspetto che è stato evidenziato nel libro bianco, cioè la necessità di mantenere un'accoglienza capillare e diffusa: la strutture hanno una media di 14 migranti ospitati.

Ma molti altri sono gli elementi innovativi, a partire dal metodo. Il libro bianco è infatti il frutto di un percorso di condivisione e partecipazione cui hanno preso parte tutti gli attori dell'accoglienza: oltre a Regione e comuni, associazioni di volontariato, parti sociali, università e enti gestori.

Il contributo di tutti questi soggetti, unitamente all'analisi di circa 200 progetti di accoglienza, frutto di altrettante esperienze concrete, ha permesso di giungere alla redazione di questo documento in cui sono indicati i principi e i requisiti del sistema di accoglienza e viene definito un nuovo modello di governance, che mette al centro il territorio, favorisce l'accoglienza diffusa, incoraggia l'aggregazione dei comuni, stabilisce gli standard minimi di accoglienza e propone politiche integrate, mettendo quindi insieme tutte le esigenze fondamentali del migrante, dai bisogni socio sanitari alla formazione linguistica e lavorativa.

I principi del libro bianco
Sono 7 i principi individuati dal Libro bianco come capisaldi di tutta la politica di accoglienza. Si parte dal principio che il fenomeno migratorio è strutturale e non emergenziale e per affrontarlo stabilmente occorre costruire politiche di ampio respiro indirizzate verso un obiettivo: la coesione sociale. Per far questo occorre riconoscere nel migrante la persona, rafforzando i servizi volti a far fronte alla vulnerabilità della sua situazione e promuovendo azioni per creare relazioni tra persone accolte e comunità accogliente. Nella creazione di queste politiche programmate e stabili il ruolo centrale deve spettare al soggetto pubblico; accanto a esso perno del sistema devono essere i territori attraverso il tessuto istituzionale e sociale (associazioni di volontariato, terzo settore, associazioni di categoria). Infine si propone la promozione della cooperazione territoriale internazionale come strumento di rafforzamento delle relazioni con i Paesi di origine e quindi come parte del sistema di accoglienza

La centralità dei comuni
Il modello toscano vuol stimolare i comuni e le realtà sociali presenti sul territorio a aggregarsi per partecipare alla gestione dell'accoglienza: in questo modo i comuni potranno attrezzarsi per gestire l'accoglienza e governarla, senza più subirla. Il nuovo modello di accoglienza toscano vuole puntare sulla stipula di convenzioni dirette tra Prefetture e istituzioni sovracomunali (Province, Unioni di comuni, Circondari, Società della Salute) o tra Prefetture e Comuni capoluogo in modo da assegnare al soggetto pubblico territoriale il ruolo di regìa, indirizzo e coordinamento dei servizi di accoglienza straordinaria. In questo quadro, si propone anche la redazione di un modello di capitolato unico regionale per i servizi di accoglienza in modo da garantire standard omogenei su tutto il territorio e da innalzarne la qualità generale e valorizzare le realtà del terzo settore presenti sul territorio.

Verso una politica integrata dell'accoglienza
Il libro bianco si concentra poi sulla costruzione di una politica integrata dell'accoglienza: accanto ai bisogni primari del migrante si costruisce un sistema articolato dei servizi necessari a far crescere a tutto tondo la presenza del migrante nel contesto sociale.

Tre i fulcri di queste politiche:

  • Il primo: l'affermazione del valore dell'istruzione di base e della conoscenza delle lingua italiana come requisito per la tutela dell'individuo (la formazione linguistica è il primo passo perché le persone accolte possano interagire con le comunità locali e inserirsi in modo positivo nel tessuto sociale con cui entrano in contatto).
  • Il secondo: il riconoscimento dell'importanza dell'inserimento socio-lavorativo delle persone accolte, in quanto strumento per l'emancipazione dal sistema di accoglienza e occasione per maturare esperienze e competenze che potenzialmente possono essere spese nel paese di origine in caso di rimpatrio. Per favorire l'inserimento socio-lavorativo si ritiene necessario potenziare gli strumenti per la formazione professionale.
  • Infine il terzo: una riposta adeguata ai bisogni socio-sanitari. All'interno del libro bianco si punta da una parte ad individuare un percorso chiaro ed uniforme per l'accesso e la presa in carico dei servizi e dall'altra a qualificare - attraverso la definizione di specifici percorsi formativi - il personale deputato all'accompagnamento, alla diagnosi e alla cura delle persone accolte, con strumenti di rinforzo al dialogo interculturale.

Il "Libro bianco sull'accoglienza" sarà disponibile dalla giornata di oggi su Open Toscana.

 



Cassa di Risparmio di San Miniato


bionatura2


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


panda 2017


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


lucar-2016_usato


esedra-liceo-internazionale


desco2017


ragghianti


Osteria Il Manzo


Pausa caffe


Altre notizie brevi


caffe_monica


domenica, 19 novembre 2017, 12:51

L'associazione per Lammari torna con le domeniche di “Soffitte in Piazza”

Si terrà oggi dalle ore 9 alle ore 17 il tradizionale e ormai consolidato mercatino di Soffitte in Piazza, gli oltre 80 banchi li potete trovare a Lammari sul Viale Europa - parcheggio Bar Masini


domenica, 19 novembre 2017, 10:23

Al Rassicurati “Peter Pan, un bambino come noi” ispirato al romanzo “Peter e Wendy” di James Matthew Barrie

Domenica 19 novembre, a partire dalle 16, al Teatro dei Rassicurati di Montecarlo si terrà la seconda giornata della nona edizione del Festival Nazionale Città di Montecarlo “L’Ora di Teatro - Un Sipario aperto sul Sociale” organizzato dalla F.I.T.A.


cyber


sabato, 18 novembre 2017, 19:02

Idv Provincia di Lucca: "E' un dovere proseguire ad un confronto per unire il centro sinistra"

"La direzione nazionale di Italia dei Valori a cui hanno partecipato i nostri senatori toscani Alessandra Bencini e Maurizio Romani e il segretario regionale Giovanni Fittante, ha dato mandato al Segretario Nazionale Messina per verificare la possibile partecipazione dell'Idv alla costruzione di un centrosinistra di governo il più allargato possibile...


sabato, 18 novembre 2017, 11:57

Misure contro il dumping cinese, l'Unione europea fa propria la posizione italiana

La notizia era molto attesa: l'Unione europea, dopo annose discussioni, ha fatto propria la posizione italiana e ha approvato un nuovo regolamento che conserva la possibilità di applicare anche alla Cina misure anti-dumping, escludendo il riconoscimento dello status di economia di mercato.


celsius build


sabato, 18 novembre 2017, 09:44

La festa delle mondine a Lammari

La corale Alfredo Catalani di Lammari, organizza, questa domenica 19 novembre, la festa delle mondine, con necci e frittelle. L’iniziativa si terrà presso il circolo San Jacopo a Lammari a partire dalle ore 15. Il ricavato servirà a sostegno, la corale, invita ad intervenire numerosi.


sabato, 18 novembre 2017, 09:42

LuccaLibri, presentazione del libro di Marisa Giacobbe

La narrazione di un mondo che non c'è più e sopravvive solo nel ricordo e in alcune, rare, nicchie di vita vera; l'amicizia; la famiglia; la scuola di una volta; i piccoli animali; la Natura e il ciclo delle stagioni: forse non più felici delle attuali, ma snz'altro più serene.


Omnia-Sport


venerdì, 17 novembre 2017, 17:25

Prosegue “Per l’alto mare aperto” - Lettura dell'Odissea di Omero, organizzata dall’Associazione culturale Amici del Machiavelli,

Prosegue “Per l’alto mare aperto” - Lettura dell'Odissea di Omero, organizzata dall’Associazione culturale Amici del Machiavelli, dalla Biblioteca Statale di Lucca, dal Centro di Cultura di Lucca dell’Università Cattolica e dal Comitato di Lucca della Societa’ Dante Alighieri, grazie al concreto sostegno della Provincia di Lucca, della Fondazione Cassa di...


venerdì, 17 novembre 2017, 16:06

Cento cene per Slow Wine a Lucca

Una guida tira l'altra. Dopo la presentazione a Lucca della guida alle Osterie d'Italia 2018 di lunedì scorso ci aspettano gli appuntamenti con la presentazione della Guida SlowWine 2018 direttamente in enoteche e ristoranti.


pescia-teatropacini


venerdì, 17 novembre 2017, 15:41

Temperature in diminuzione, Gaia ricorda di proteggere i contatori dal gelo

Per ora c'è il sole che rende più mite il clima, ma nei prossimi giorni in Toscana è prevista una diminuzione delle temperature che potrebbe portare gelo, specie nelle zone montane e durante le ore notturne. GAIA S.p.A.


venerdì, 17 novembre 2017, 14:44

Anni '70: Cesare Ferri ospite a 'L'Artiglio' per presentare la sua autobiografia

Questo sabato presso L'Artiglio (via Michele Rosi, 76), lo "spazio non conforme" animato da CasaPound Italia, sarà presentato il libro di Cesare Ferri "San Babila, la nostra trincea", un interessante memoriale che indaga e ripropone le complesse sfaccettature della militanza politica nella Milano degli anni '70.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px