Anno 5°

domenica, 19 novembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Politica

Operai morti per la Luminara, il comune non aveva firmato il documento obbligatorio per la valutazione del rischio

mercoledì, 13 settembre 2017, 12:57

Un documento che potrebbe diventare fra gli elementi chiave nell'inchiesta della magistratura sui due operai morti in via Vittorio Veneto, mentre montavano i lumini della Processione di Santa Croce. Nella gara di appalto per l'affidamento del servizio, il Comune non ha ritenuto necessario redigere il documento obbligatorio per la valutazione del rischio non inserendo le spese per la sicurezza sui luoghi di lavoro. Sottolineando, addirittura, nero su bianco, che non erano previsti particolari rischi.

La circostanza dunque potrebbe avere un peso nell'indagine aperta dalla Procura. Nella determina dirigenziale del 2015 (l'appalto ha durata tre anni e arriva fino al 2017 compreso) si afferma infatti che non era necessario redigere il documento unico di valutazione rischi da interferenze (DUVRI) e che il relativo costo per la sicurezza sarebbe stato pari a 0. A scoprirlo è stato Fratelli d'Italia, che ieri sera ha presentato un'interrogazione urgente al sindaco Alessandro Tambellini durante il consiglio comunale.

"Nella determina 1389 del 10 agosto 2015 in cui venivano stabilite le modalità di assegnazione del montaggio e smontaggio del materiale per la Luminara di S.Croce e per la fornitura dei relativi materiali - afferma Buchignani -, affidato in appalto con aggiudicazione definitiva alla ditta Agricola Morelli il dirigente oltre a stabilire le modalità per la gara di appalto, ha ritenuto non necessario redigere il documento DUVRI (Documento unico per la valutazione dei rischi da interferenze) in quanto "data la natura del servizio ...non sono previsti particolari rischi ai fini della sicurezza".

Ma il consigliere Buchignani rivela che la realizzazione di tale documento unico per la valutazione rischi da interferenze è un obbligo in materia di sicurezza del lavoro, introdotto dall'articolo. 26 del testo unico sulla sicurezza del lavoro. La scoperta del partito di opposizione pone alcuni seri interrogativi: per quali ragioni e con quali motivazioni tale documento non è stato redatto o commissionato dal committente, in questo caso l'amministrazione comunale?  Perché non sono state inserite all'interno della determina, le spese per la sicurezza sui luoghi di lavoro? Il Comune, in quanto committente, con un altro atto ha predisposto o acquisito il Piano della Sicurezza? Resta da capire ora se la magistratura acquisirà gli atti. Il fatto che il Comune nell'affidamento dell'appalto di montaggio dei lumini abbia escluso pericoli, appare una grave omissione.


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400


elettroKDM


Affatato Schirru


LUCAR_2016


fondazione carilucca


carismi san miniato



il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Politica


top speed autolavaggio


domenica, 19 novembre 2017, 14:58

Convenzione Summer Festival, Betti SiAmoLucca: "Bene il rinnovo, ma quanti ritardi"

"Finalmente la giunta Tambellini ha approvato l'accordo-quadro per il Lucca Summer Festival. Ora manca solo la firma di Mimmo D'Alessandro e della Di & Gi, che incoronerà Lucca "regina della musica pop" per altri cinque anni"


sabato, 18 novembre 2017, 13:31

"Provincia civica e progressista" annuncia i primi due nomi per il rinnovo del consiglio provinciale: Teresa Leone e Luigi Troiso

Si scaldano i motori della lista "Provincia civica e progressista", la prima ufficialmente scesa in campo per il rinnovo delle elezioni provinciali, in programma domenica 17 dicembre prossimo


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 18 novembre 2017, 10:50

Barsanti (CasaPound): "Per il Pd anziani e lavoratori sono solo un costo da tagliare"

"Tagli al lavoro, tagli al sociale, tagli all'assistenza agli anziani: questa è la politica del centro sinistra". Attacca così la Giunta Fabio Barsanti, consigliere comunale di CasaPound. L'occasione è il consiglio comunale straordinario sulla gestione delle RSA


sabato, 18 novembre 2017, 09:39

Ato Rifiuti, Consani (SìAmo Lucca) interroga il sindaco: “Qual è la sua posizione?”

Cristina Consani, consigliere comunale del gruppo SiAmo Lucca, ha presentato un’interrogazione al sindaco chiedendo quale sia la posizione che intende assumere per quanto riguarda la politica di smaltimento rifiuti nell'Ato Toscana Costa, di cui fa parte, e in particolare sulla difesa del controllo pubblico nella gestione del settore


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 17 novembre 2017, 17:55

Giovanni Marchi: “Ma il Pd è unito sugli assi viari?”

“E’ dalla fine della campagna elettorale del comune di Lucca, anche se l’argomento non è stato molto sviscerato, che nessuno sente più parlare della ormai famosa grande viabilità che dovrebbe “è opportuno usare il condizionale” liberare Lucca e la piana dalla morsa del traffico”


venerdì, 17 novembre 2017, 17:40

Aperto in Comune il tavolo di confronto su villa Santa Maria

L'assessore Del Chiaro ha illustrato ai rappresentanti dei lavoratori le due strade percorribili per la Rsa, tenendo conto che le due categorie da tutelare sono gli anziani ospiti della struttura e chi nella struttura oggi lavora