Anno 5°

domenica, 20 agosto 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Da Mario

La locanda di Bacco, in via San Giorgio 36 all’angolo con via Battisti, tel. 0583 492012

nel centro storico, ha ritrovato da febbraio il binario lasciato nel tempo.

È tornato il capostazione Mario Mazzero, imprenditore conosciuto ai lucchesi, e non solo, da più di 20 anni. Già titolare dello storico Caffè Di Simo di via Fillungo, nel 2002, insieme con altri soci, aveva rilevato proprio la trattoria a due passi da piazza San Frediano, piazza della Misericordia e Fillungo stesso. Scelte diverse, poi, lo avevano portato a provare esperienze in altre zone della città, fino al ritorno, se non alle origini, sicuramente a una delle sue grandi passioni e a un esempio di locale tra i più caratteristici di Lucca, Bacco, appunto, dove Mario fa il cuoco in prima persona.

Non la solita trattoria, però, ma un vero e proprio spaccato di borgata romana. Mazzero, capitolino doc, ha pensato un luogo dove, sì, trovano spazio i light lunch e la tradizione lucchese, ma, in un’offerta culinaria rivisitata che abbraccia, comunque, tutta la penisola, ecco che risaltano le godurie proprie di Roma. Quelle classiche, che riempiono occhi e pancia e vanno preparate senza scherzi, senza improvvisazioni. “Per chi viene da Bacco e non disdegna uno spaghetto cacio e pepe – assicura Mario – da noi ne trova uno fatto nel verso giusto, non inventato”.

Un menu diversificato, allora, dove fanno mostra di sé gli immancabili tortelli al ragù, la ribollita, il farro. Una carta nella quale, però, non si possono non notare, senza lasciarsi andare alla tentazione, i bucatini alla matriciana, per dirla in romanesco, o la carbonara, le conchiglie ai carciofi e ragù di agnello, i formaggi, le insalatone tutte dedicate alla Lupa: dalla Cesare, alla Nerone, alla Tarquinio il Superbo fino alla Circo Massimo e molte altre ancora.

E gli orari? Flessibili come non mai: “Qui siamo aperti tutti i giorni – spiega Mario– dalle 12 finché c’è gente, poi di nuovo dalle 18 a oltranza. Quando una persona ha bisogno di mangiare vuol dire che ha un’esigenza. Chi fa una scelta di vita come la nostra è giusto che sia sempre disponibile per il cliente”.


Ricerca nel sito