Anno 5°

martedì, 28 marzo 2017 - Recte agere nihil timere

FacebookTwitterYouTubeFeed RSS degli articoli

Rubriche : lettere alla gazzetta

Angelini, una parola a favore di Enrico Gnesi e due a sfavore di Marco Chiari

martedì, 3 gennaio 2017, 21:40

di piero angelini

Nella discussione tra Enrico Gnesi e Marco Chiari sulla presunta validità dei cinque saggi chiamati a scegliere il candidato del centrodestra, si intromette il consigliere comunale Piero Angelini che dice la sua su un pezzo di storia lucchese e ne ha anche per l'attuale giunta comunale:

Marco Chiari, in un recente intervento su la Gazzetta, ha accusato Enrico Gnesi di spargere “fango, solo fango e sempre fango”, semplicemente perché ha messo in discussione la qualità di “saggi” data a Favilla, Moscardini e compagnia bella, incaricati non so da chi di scegliere il candidato di centro destra, in contrapposizione a Tambellini.

Se quello che ha detto Gnesi è fango, io ne aggiungo dell’altro; ritengo infatti che Favilla e Moscardini, in vari modi e in varie forme, siano riusciti a distruggere, a Lucca, il centro destra e affidare a loro l’incarico di risuscitarlo, mi sembra davvero demenziale. Tra l’altro Favilla brilla ancora per la sua cronica ambiguità, come dimostra il fatto della sua partecipazione alle iniziative referendarie di Marcello Pera, pur avendo manifestato in pari tempo forti dubbi sulla loro validità.

Io ritengo che, per battere Tambellini e competere per il governo della città, si deve partire da un programma condiviso, come abbiamo fatto noi di Governare Lucca nel 2007 (programma poi tradito da Favilla), che a Lucca, oggi, non può che fondarsi sulla difesa dei “beni comuni”, che Tambellini ha dissipato, per sudditanza ai suoi padrini politici, che stanno a Firenze; si deve poi realizzare una coalizione aperta anche a persone e gruppi dell’attuale maggioranza che non possono accettare che il governo della città vada ad una aggregazione formata nel segno di una spartizione del potere, tra Tambellini e Marcucci, che tra l’altro li esclude; bisogna infine candidare a sindaco una persona, possibilmente giovane, che conosce ed ha difeso in questi anni la città e i suoi valori morali e civili, alla quale va dato ampio mandato per un generale rinnovamento della rappresentanza politica, in modo da presentarsi, anche su questo aspetto, diversi dal logoro Tambellini e dai suoi vecchi compagni d’armi e di scuola.

Bisogna, innanzitutto, liberarsi al più presto dalle troppe candidature a Sindaco che imperversano, che ritardano e frenano la formazione di una coalizione. Cimpito prinario dei “saggi” sarebbe appunto quello di dire no a certe candidature a sindaco, sbagliate, convincendo tutti a lavorare per la coalizione, ognuno però dal posto che gli compete. Non spetta a me questo lavoro, che, in altri tempi , ho fatto e fatto bene; anche se posso da subito dare un contributo. Infatti, ritornando alla polemica contro il buon Enrico Gnesi, che ha avuto il torto di esprimere liberamente la sua opinione, un nome di un candidato sbagliato mi sento di farlo ed è quello di Marco Chiari, una persona divisiva che può dare certamente un apporto alla coalizione, non può però rappresentarla.

La polemica pretestuosa con Enrico Gnesi ne è la testimonianza. Infatti Marco Chiari, non solo ha reagito malamente ai dubbi di Enrico Gnesi sulle qualità e capacità dei 5 saggi, ma, cosa che un candidato a Sindaco non dovrebbe mai permettersi, lo ha ricoperto perfino di ingiurie personali, accusandolo, per esempio di essersi “prostituito” in vari appuntamenti elettorali, “anche … per cercare vantaggi personali”; lo ha trattato poi con dileggio , fingendo di non ricordarsi chi mai fosse, salvo poi a ipotizzare che si tratterebbe forse “dell’impiegato all’ufficio edilizia del comune ed oggi trasferito all’ufficio fossi e canali dello stesso”.

Marco Chiari ha certamente un calo di memoria, forse dovuto all’età. Per ricordagli meglio chi fosse Enrico Gnesi riporto l’intercettazione di una sua telefonata del 27/12/2010, contenuta nell’Ordinanza cautelare della Volpe del deserto ( pp. 61-62), quando Chiari, parlando con un suo collaboratore di una sua pratica edilizia, difficile a sbrigare, si informa su chi sia mai l’istruttore e aggiunge “non vorrei fosse lo Gnesi che fa il bischero…”; e poiché il suo collaboratore spiega proprio che il Gnesi fa “il pignolino, come capita a lui ogni tanto”, Chiari conclude ”Ecco! Ora gli faccio un discorsino io!...vai”; il maresciallo che registra l’intercettazione annota, per quanto riguarda Gnesi, che l’assessore Chiari certamente “lo avrebbe redarguito (esercitando, così, una indebita pressione)”.

Non credo al maresciallo; capisco ora, però, perché lo Gnesi, come ricorda in modo malevolo il Chiari, sia stato trasferito, da parte dell’Amministrazione di cui anch’egli faceva parte, dall’Ufficio edilizia all’Ufficio fossi a canali. Una decisione sbagliata. Per proporsi come alternativa, bisognerebbe innanzitutto differenziarsi proprio nelle cose che Tambellini non assicura, in primo luogo l’indipendenza e la imparzialità dei suoi dipendenti e funzionari: basta pensare al Consiglio comunale del 31/05 u.s., sull’adozione del PS, in cui Tambellini ha costretto la segretaria comunale a comportarsi in modo del tutto diverso da quello che in precedenza aveva deciso, soltanto per impedire al sottoscritto di esercitare i suoi diritti di consigliere.

 

 


Questo articolo è stato letto 1252 volte.


prenota



Osteria Il Manzo


il casone


Giribon Intimo Lucca 2016


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Rubriche


top speed autolavaggio


lunedì, 27 marzo 2017, 18:50

E' finito un ciclo...

Tifosi rossoneri, altra ennesima prestazione sconcertante dei giovanotti rossoneri in quel di Viterbo. Sono bastati altri sette giorni e son di nuovo scomparsi grinta, voglia di correre e di lottare come a Prato a Roma, adesso si tratta veramente non più di qualche episodio isolato...


lunedì, 27 marzo 2017, 12:20

La Giorgi attacca Tambellini sull'Orto Botanico dato per cinque mesi ad un artista romano

Il consigliere del movimento 5 Stelle Laura Maria Chiara Giorgi polemizza con l'amministrazione Tambellini alla luce dell'iniziativa di dare l'Orto Botanico per una mostra di un artista romano con tanto di opere prezzate: "Cosa mai accaduta e insolita"


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 27 marzo 2017, 09:12

Ultimo spettacolo al Teatro dei Rassicurati

Toccherà a Maurizio Micheli con il suo Uomo solo in fila portare a conclusione la stagione di prosa del Teatro dei Rassicurati di Montecarlo, realizzata grazie alla virtuosa collaborazione tra la Fondazione Toscana Spettacolo onlus, il circuito regionale del teatro e della danza e il Comune di Montecarlo


domenica, 26 marzo 2017, 19:14

Tutti in rete, ovvero di come Warhol avesse proprio ragione, parlando dei 15 minuti di notorietà

Umberto Eco, uno dei "saggi" del nostro paese (saggio si ma anche no, per me era solo uno studioso che cercava occasione per far vedere a qualcuno che egli sapeva e conosceva molti segreti del mondo


domenica, 26 marzo 2017, 17:45

'La sagra degli egoismi'

Liano Picchi del comitato paesano di Paganico interviene sui passaggi a livello e sui relativi sottopassi denunciando una sorta di insofferenza generale che conduce a pensare ogni comitato per conto proprio


domenica, 26 marzo 2017, 17:39

Maria Laura Giorgi: "Evviva gli insulti alle regole"

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo intervento del consigliere comunale dei 5 Stelle sulla vicenda relativa alle 17 persone disoccupate che hanno lavorato per 240 ore per quattro cooperative locali