Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Buona partenza della Lucchese di Favarin: ad Arezzo finisce in parità

domenica, 5 agosto 2018, 20:43

di michele masotti

1-1

Arezzo (4-3-1-2): Melgrati, Luciani, Belvisi (89’Danese), Pinto e Zappella; Foglia, Buglio e Benucci; Keqi (61’Stefanec); Persano (78’ Brunori) e Cutolo A disposizione: Ubirti, Fracassini, Ricci, Choe, Bruschi e SussiAllenatore: Alessandro Dal Canto

Lucchese (3-5-2): Pagnini, Palmese (78’ Fazzi), De Vito, Madrigali; Palumbo, Bernardini, Lombardo, Provenzano e Cardore; Bortolussi (82’Aufiero) e Sorrentino A disposizione: Aiolfi, Scatena, Grossi, Isola e Belluomini Allenatore: Giancarlo Favarin

Arbitro: Ermanno Feliciani di Teramo (Assistenti Di Monte di Chieti e Ciancaglini di Vasto)

Marcatore: 8’ Cutolo e 25’ autorete Zappella

Note: Ammoniti Provenzano, Lombardo e Buglio. Calci d’angolo 5-4. Recupero 2’ e 4’. Presenti 130 tifosi della Lucchese

Nemmeno con due settimane in più di preparazione e con una rosa già definita, differenza dei rivali odierni, l’Arezzo riesce a sfatare il tabù Lucchese che per il dodicesimo incontro di fila, play-off compresi, esce imbattuta da questa trasferta. La Pantera, sopravvissuta ad un giugno da incubo, stupisce subito. Si vede già l’impronta tattica, specialmente nel pacchetto arretrato, di un tecnico come Favarin. Tutti i rossoneri si sono meritati ampiamente la sufficienza. La palma dei migliori in campo spetta, a nostro avviso, a Bortolussi, autore dell’assist che ha provocato l’autogol di Zappella e commuovente nel lottare nonostante la botta ricevuta alla testa, e a Madrigali. L’ex di turno ha annullato il centravanti Persano, confermando tutte quelle qualità messe in mostra prima dell’infortunio subito un anno e mezzo fa. Menzione di onore anche per Bernardini, instancabile motorino della mediana rossonera e sempre pronto a pressare i portatori di palla dei locali. Naturalmente qualcosa deve essere ancora registrato, vedi il giro palla a centrocampo, ma l’approccio e la tenuta mentale dei rossoneri lascia fiduciosi per il campionato che verrà. Adesso l’attenzione si sposta nuovamente in sede di calciomercato, dove il direttore sportivo Obbedio (domani potrebbe arrivare l’ufficialità nda) lavorerà per completare la rosa della Lucchese.

Dopo la prima settimana di preparazione, è già tempo di Coppa Italia per la nuova Lucchese targata Giancarlo Favarin. In attesa di capire se il girone D sarà un triangolare oppure domenica prossima ci sarà il match di ritorno al Porta Elisa, la Pantera debutta ad Arezzo. Se consideriamo che fino a venti giorni fa la prospettiva più rosea era quella di giocare, con il massimo rispetto per tali realtà, a Fucecchio o a Montignoso l’upgrade compiuto con il salvataggio del club, operato dai soci lucchesi, è eccellente. Venendo al campo, Favarin opta per il 3-5-2 provato in settimana. L’unica novità consiste nell’inserimento sull’out di destra di Palumbo in luogo di Tavanti. Subito in campo dal primo minuto l’ultimo arrivato Sorrentino: debutto tra i professionisti per Palmese. Fascia di capitano che finisce sul braccio di Bortolussi. Panchina rossonera composta interamente da elementi della Berretti. Anche l’Arezzo, reduce da tre settimane di allenamenti, si presenta ai nastri di partenza molto rinnovato.

Nel 4-3-1-2 disegnato da Del Canto, tornato ad allenare i grandi dopo l’esperienza nella primavera della Juventus, i reduci della passata stagione sono quattro. A centrocampo spicca la presenza di Buglio, prodotto del settore giovanile dell’Empoli e fratello minore di Angelo, ex rossonero. Alle spalle di capitan Cutolo e Persano si muove Keqi.

L’equilibrio nel punteggio dura otto minuti. A romperlo ci pensa il capitano locale Cutolo che, ricevuta palla sulla destra, converge centralmente e scocca un sinistro a giro che non lascia scampo a Pagnini. Il palleggio dei locali, ovviamente più tonici dal punto di vista fisico, sembra irretire la Lucchese che però, con umiltà e grande applicazione tattica, tiene bene il campo e ristabilisce la parità. Palumbo è caparbio sulla corsia destra, Bortolussi pennella un bel traversone con Zappella che, nel tentativo di anticipare Sorrentino, effettua il più classico degli autogol. La replica dell’Arezzo non si fa attendere e ci vuole un prodigioso Pagnini nel salvare la porta rossonera sull’incornata aerea di Persano.  Stoico Bortolussi: il capitano rossonero subisce un colpo alla testa, sembra sul punto di uscire ma non abbandona i suoi compagni. L’attaccante della Pantera rientra in campo con una vistosa fasciatura.

Ripresa che si apre con uno squillo di marca locale. Discesa sulla destra di Zappella, cross al centro per l’inserimento di Keqi che di testa non inquadra lo specchio della porta. Decisamente più nitida è l’occasione avuta al 64’ dalla Lucchese con Sorrentino, il cui diagonale viene respinto non senza qualche apprensione da Melgrati. I ragazzi di Favarin piacciono per come non lasciano spazio agli avanti locali, mantenendo strette le distanze tra i reparti e per la personalità con cui provano a riversarsi nella metà campo aretina. La partita che scorre via senza grossi sussulti, fino al minuto numero settantasei. Sanguinoso pallone perso da Lombardo, Buglio verticalizza immediatamente per Cutolo che libera un sinistro che finisce sull’esterno della porta.

Primo cambio in casa rossonera, con il classe 2000 Fazzi che rileva Palmese. Al 88’ Madrigali ci mette un pezza spedendo in corner il tiro a botta sicura del solito Cutolo. Dal successivo tiro dalla bandierina Buglio salta più in alto di tutti ma mette fuori.

Nei quattro minuti di recupero concessi, non accade più nulla. Il meritato pareggio porta in dote a tutta la Lucchese, supportata da 130 tifosi in questo vernissage stagionale, una sostanziosa iniezione di fiducia. In settimana sapremo se questo girone D verrà completato da una ripescata, potrebbe essere l’Imolese, o se ci sarà il replay di questa sfida, ovviamente al Porta Elisa, il prossimo 19 agosto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


il casone


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Directo Responsive Web


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


mercoledì, 20 febbraio 2019, 14:36

Una Lucchese più forte di tutto e tutti: pesantissimo blitz in quel di Cuneo

La Lucchese non muore mai. I rossoneri, reduci dal terribile avvio di settimana che ha portato il -8 e la grana dei contributi non pagati, sbancano il terreno di gioco del Cuneo, prima di oggi sconfitto solo dal Pontedera in terra piemontese, al termine di 97’ tosti, accesi e, specialmente...


mercoledì, 20 febbraio 2019, 00:39

La Pantera sta ancora a cuore a qualcuno?

Mentre Giancarlo Favarin e i suoi ragazzi sono arrivati a Cuneo in vista del recupero di oggi, calcio d’inizio fissato per le 14.30, la Lucchese sta vivendo l’ennesimo momento drammatico, sportivamente parlando, dei suoi ultimi undici anni


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 19 febbraio 2019, 15:41

Favarin: "Non possiamo e non dobbiamo sbagliare l'approccio a questa delicatissima gara"

Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Giancarlo Favarin all'ufficio stampa rossonero in vista della gara Cuneo - Lucchese


martedì, 19 febbraio 2019, 01:04

Multa e penalizzazione, la Lucchese presenterà ricorso

In tarda serata la società Lucchese Libertas 1905 ha diffuso un comunicato in cui manifesta sorpresa per la decisione adottata dal tribunale federale nazionale e annuncia l'intenzione di fare ricorso in appello


lunedì, 18 febbraio 2019, 21:25

Lucchese, umiliata e offesa una città intera

Non bastava la notizia della nuova penalizzazione e della conseguente multa per la questione fidejussione. Si apprende che sono stati pagati gli stipendi, ma non i contributi. E' uno stillicidio


lunedì, 18 febbraio 2019, 19:48

Ghirelli: "Ciò che è accaduto al Pro Piacenza si sarebbe potuto evitare"

Intervenuto nel corso della trasmissione "C-Piace", in onda su Eleven Sports e condotta da Jolanda De Rienzo e Walter Astori, Francesco Ghirelli si è espresso a caldo riguardo l'ufficialità dell'esclusione del Pro Piacenza dal campionato di Serie C, decisione del Giudice Sportivo arrivata nel corso della giornata di lunedì