Anno 7°

venerdì, 29 maggio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Giuliano Lombardi, un burbero dal cuore tenero

martedì, 23 aprile 2019, 22:10

di aldo grandi

La notizia è arrivata, come spesso arriva, via cavo, di questi tempi via cellulare e a darla è stata, suo malgrado, Alessia Lombardi, la figlia, collega e amica, di Giuliano Lombardi, un uomo burbero, ma dal cuore tenero. Suo papà non ce l'ha fatta, era malato da tempo e ad assisterlo proprio Alessia insieme alla mamma, donna straordinaria e di forte tempra. Giusto un anno fa, di questi tempi, un altro lutto colpì Alessia, la morte del suo compagno Claudio Di Bert, anche lui appassionato dei colori rossoneri e anche lui, più volte, in viaggio su e giù per la penisola per assistere alle partite della Lucchese Libertas 1905.

La prima, vera trasferta, inizio di un filotto durato anni e sparpagliato tra il sud, il centro e il nord di questo disgraziato stivale, fu, andiamo a memoria, ad Andria, contro la Fidelis, partenza con Emiliano Pellegrini alla guida, Giuliano Lombardi seduto accanto, dietro Claudio, il sottoscritto e Alessia. L'auto, una Mercedes di colore grigio metallizzato, di proprietà, se non andiamo errati, di Giuliano - la maggior parte era Emiliano a prendere un'auto a nolo - ci mise un tempo record per arrivare dall'altra parte dell'Italia, non ricordiamo esattamente quanto, ma facemmo in tempo ad arrivare a Trani, mangiare da Dio sul lungomare e, poi, recarci allo stadio. 

Se la memoria non ci tradisce, il contachilometri segnava, costantemente, i 180 chilometri orari e, forse, anche qualcosa di più. Giuliano, adesso, ci ha lasciati ed era, ormai, da diverso tempo che la sua voce, a volte con un timbro esagerato, non accompagnava più le partite dei rossoneri. In decine di trasferte avevamo imparato a raccontarci, più o meno, la nostra vita, lui, ex carabiniere a cavallo, era stato spedito a combattere il separatismo in Sardegna dove, sul finire degli anni Sessanta, Graziano Mesina, Grazianeddu, la faceva da padrone. Ed era stato proprio in un conflitto a fuoco con il bandito che Lombardi restò gravemente ferito e, da lì a pochi anni, mandato in pensione. 

Giuliano Lombardi non aveva un carattere facile. Era facile, questo sì, all'incazzatura, soprattutto quando guardava le partite della Lucchese e, in trasferta o in casa che fosse, la sua voce risuonava, a volte, così forte e così pesa da far temere a noi neofiti chissà quale sventura. 

Era un uomo burbero, con un tono di voce alto, che non le mandava a dire e, che, anzi, si toglieva sempre, quando lo aveva, il sassolino dalle scarpe. Stravedeva per suo figlio ex arbitro e carabiniere e per la figlia Alessia, che non esitava a rimproverare e lei, altrettanto tosta, in grado di rispondere e fare come voleva. Abitavano, una volta, sulla via Romana, poco dopo il bar Achille, e con il sottoscritto avevano, in comune, la passione per la Fiorentina. Non a caso la cagnolina di casa aveva, come nome, Viola. 

All'epoca Alessia Lombardi collaborava con Il Tirreno mentre il sottoscritto ed Emiliano Pellegrini, con Luciano Nottoli e Fabio Lenzi, scrivevamo di Lucchese su La Nazione. Giuliano avrebbe voluto e non rammentiamo quante volte lo ebbe a dire, che la figlia riuscisse, in un modo o nell'altro, a passare al quotidiano fiorentino e, alla fine, con sua soddisfazione, c'è riuscita.

Era Giuliano, innamorato delle auto e la sua era sempre tra le più belle, con un debole, appunto, per le auto tedesche di grossa cilindrata. Fu lui, un giorno, durante una trasferta alla quale partecipò anche il figlio Alessio del sottoscritto, che gli parlò della possibilità di fare l'arbitro visto anche il fisico, e, senza che il padre ne venisse a conoscenza, Alessio Grandi si iscrisse proprio alla sezione di Lucca iniziando a indossare la giacchetta nera.

Al di là del carattere burbero e, a volte, anche intrattabile, Giuliano Lombardi aveva un cuore tenero ed era conosciuto da tutti. Lui solo a Lucca, oltre al Valter Nieri che si occupava dei cinema, era in grado di riempire le sue cartine geografiche di Lucca con decine e decine di annunci pubblicitari. In questa attività lo aiutava proprio Alessia che aveva la passione per il giornalismo e l'editoria. Con lui abbiamo vissuto un'epoca calcistica rossonera che non era certamente quella della serie B di Maestrelli e Grassi, ma gli ultimi anni di Grassi e l'avvento dell'era Fouziana. Ricordare, oggi, in questa triste circostanza, Giuliano Lombardi, fa male al cuore, lui che ogni volta che ci accoglieva si vedeva che aveva il piacere di starci ad ascoltare oltre a quello di invitarci a prendere qualcosa al tavolo di casa. 

E da Giuliano Lombardi, così come dai Pellegrini e dai Claudio Di Bert, da Alessia Lombardi e dai Luca Tronchetti e i Giulio Del Fiorentino così come dai Luciano Nottoli e tanti altri, imparò, il sottoscritto, ad entrare in confidenza con il calcio di serie C: fu un apprendistato splendido, fatto di ricordi e complicità, indimenticabile.

Non esistono più, oggi, personaggi come lui, capace di guidare e organizzare il tifo rossonero quando il calcio era ancora miseria e nobiltà allo stesso tempo. I funerali si svolgeranno venerdì prossimo 26 aprile alle 15.30 alla chiesa dell'Arancio. Non mancheremo. Alla famiglia Lombardi le condoglianze di tutta la redazione de La Gazzetta di Lucca.

Nelle foto: in alto la trasferta a Trani e, in basso, un'immagine scattata a Padova. Entrambe le foto sono dell'archivio privato della famiglia Lombardi.

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

il casone

auditerigi

toscano

Directo Responsive Web

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


mercoledì, 27 maggio 2020, 22:59

In vendita le maglie della promozione rossonera in serie C

Avere in casa una maglia ufficiale della Lucchese, una di quelle indossate durante il campionato di serie D dai ragazzi di mister Monaco che hanno conquistato la promozione in serie C al primo tentativo. Un sogno per tanti tifosi, che adesso la società rossonera rende realizzabile


lunedì, 25 maggio 2020, 22:29

Vendute in appena tre ore oltre 1000 mascherine rossonere anti Covid-19

Un successo enorme, che va al di là delle più rosee aspettative della Lucchese e che testimonia l'entusiasmo della città verso la squadra protagonista di una stagione esemplare conclusa con la promozione in C


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 25 maggio 2020, 22:24

Una corona di fiori in piazza San Michele in Foro per ricordare i 115 anni dalla fondazione della Lucchese Libertas 1905

Questo pomeriggio su iniziativa della Giunta e del Consiglio comunale il sindaco Alessandro Tambellini ha deposto una corona di fiori in ricordo della fondazione della Lucchese Libertas 1905 allo storico negozio Marzetto dietro il coro di San Michele


sabato, 23 maggio 2020, 12:58

Arrivano le mascherine rossonere per proteggersi dal Covid-19

Erano molto attese dai tifosi e adesso è finalmente giunto il momento di poterle comperare e indossare. Comode, leggere, performanti, lavabili e ovviamente certificate, saranno in vendita da lunedì 25 maggio al Lucchese Point


venerdì, 22 maggio 2020, 19:31

Consiglio Lnd, Lucchese soddisfatta: "Contenti per esito riunione"

C'è una comprensibile soddisfazione nella sede della Lucchese 1905 dove il presidente Bruno Russo, il direttore generale Mario Santoro, il direttore sportivo Daniele Deoma e l'amministratore delegato Alessandro Vichi hanno accolto con un grande sorriso le proposte della Lnd


venerdì, 22 maggio 2020, 18:44

Lucchese C siamo: Sibilia propone la promozione per la prima in classifica

L’ufficialità arriverà il 28 maggio quando a Roma si terrà il Consiglio federale, ma di fatto la Lucchese e le altre otto prime della classe degli altri gironi di Serie D sono già in C. La Lega nazionale dilettanti proporrà alla Figc la promozione dei rossoneri e la retrocessione delle...