Anno 7°

mercoledì, 13 novembre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Brodino in terra ligure per la Lucchese: non decolla l’operazione risalita in classifica

domenica, 20 ottobre 2019, 16:00

0-0

Ligorna (3-4-3): Bulgarelli, Danovaro, Ferrante e Zunino; Pondaco (68’Di Cecco), Gnecchi, Castorani e Gulli; Corsini, Chiarabini e Kacorri (57’Mancini) A disposizione: Ventura, Capotos, Gilardi, Moretti, Bennati, Gallotti e Vallerga Allenatore: Luca Monteforte

Lucchese (4-4-2): Coletta, Papini, Visibelli, Benassi e Ligorio; Panati (70’Gueye), Fazzi (85’Pardini), Cruciani e Nannelli (60’Bartolomei); Falomi (65’Tarantino) e Bitep (80’Nolè) A disposizione: Marinca, Lici, Coselli e Vignali Allenatore: Francesco Monaco

Arbitro: Dorillo di Torino (Assistenti Caldarola di Asti e Russo di Nichelino)

Note: ammoniti Castorani, Mancini e Nannelli Calci d’angolo 6-4. Recupero 0’ e 4’

Sulla ruota di Genova esce per la quinta volta in stagione il segno X per la Lucchese: di fronte ad un Ligorna non trascendentale, ma onestamente più pericoloso della formazione di Monaco, i rossoneri hanno confermato gli atavici problemi di costruire delle occasioni da gol e rimangono impanati in zona play-out. Se da un lato resta l’impressione che una certa quadratura difensiva sia stata trovata, in tal senso è stato azzeccato l’ingaggio di Coletta, uno dei migliori tra gli ospiti, d’altro canto la svolta tanto attesa per ora non sembra essere arrivata. Punto che alla fine, in virtù dei cambi conservativi operati dei rossoneri, può andare bene alla truppa di Monaco. Di certo il bilancio dopo otto giornate per la Lucchese non è dei più esaltanti. Otto punti in altrettante partite rappresentate un ruolino di marcia tutto altro che esaltante, considerando che se il Savona dovesse imporsi nel recupero contro il Bra, operazione tutt’altro che improbabile, la Pantera scivolerà di un ulteriore gradino in classifica. E domenica al Porta Elisa arriva la rivoluzione Fossano, capace di issarsi al terzo posto in graduatoria.

Il maltempo concede una tregua a Genova, dalle 20 di stasera scatterà un’allerta rossa, e così Ligorna-Lucchese può andare regolarmente in scena. Oltre alle assenze di Lucarelli, Remorini e Nolè, Monaco deve fare i conti con quella dell’ultimo minuto di Presicci. Al suo posto prima da titolare per l’altro 2000 Fazzi, al rientro tra i convocati dopo essere stato colpito da un virus, che forma la cerniera mediana assieme a Cruciani nel 4-4-2 rossonero. Turno di riposo per il baby Pardini, rimpiazzato da Papini, mentre Panati viene piazzato sulla corsia sinistra di centrocampo. In attacco spazio al tandem Falomi-Bitep. I liguri, carichi a mille per affrontare la compagine più illustre incrociata nei loro 97 anni di vita, propongono il consueto 3-4-3, un marchio di fabbrica del tecnico Monteforte. Confermato in toto l’undici che sette giorni fa ha impattato sul terreno di gioco del Borgosesia. Titolari gli ex Chiarabini e Pondaco, mentre sono out Balleri e Gallotti. Ottava giornata che vede il rinvio, causa avverse condizioni climatiche, di Savona-Bra e Sanremese-Borgosesia.

Gara spigolosa e combattuta sin dalle prime battute. La prima chance viene costruita dalla Pantera al 12’ con Cruciani che suggerisce per Nannelli la cui stilettata viene respinta dall’attento Bulgarelli. Le ristrette, ma ovviamente regolamentari dimensione del sintetico ligure, fanno sì che i fraseggi palla a terra siano merci rara. In contropiede a rendersi pericolosi sono i locali. Rapido dai e vai tra Corsini e Chiarabini viene provvidenzialmente fermata da Ligorio. Ligorna pericolosa ancora alla mezzora con un rasoterra di Kacorri che finisce di poco a lato. Particolarmente all’inglese la direzione di gara di Dorillo che non sanziona neppure con il giallo una brutta entrata della stessa punta albanese su Cruciani. Squadre che vanno all’intervallo sul punteggio di partenza, chiaro segnale di un primo tempo equilibrato.

Ripresa che si apre con una Lucchese maggiormente propositiva e un Ligorna che fa più fatica a ripartire. Monteforte prova a scuotere i suoi inserendo Mancini, in gol nell’ultima partita, per un Kacorri che non gradisce la sostituzione, mentre Nannelli viene rilevato da Bartolomei. Reattivo Coletta al 64’ sul tentativo di rovesciato abbozzato da Gulli. Sessanta secondi più tardi fa il suo ingresso in campo Tarantino in luogo di un Falomi anche oggi non rifornito molto dai suoi compagni. Valzer dei cambi in salsa rossonera che vede l’entrata sul terreno di gioco di Gueye, seconda punta alle spalle di Bitep con Tarantino dirottato sulla destra. La partita continua ad essere monotona con poche idee da ambedue le parti. Al 78’ sugli sviluppi di una punizione laterale, Coletta dice di no alla girata di Di Cecco. Preoccupato per il forcing ligure, Monaco toglie una punta, Bitep, per rinforzare il centrocampo con Nolè. Gara che finisce con un pareggio a reti bianche con la Pantera che non dà continuità alla vittoria contro il Savona e resta in zona play-out.

Michele Masotti

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


il casone


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Directo Responsive Web


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


domenica, 10 novembre 2019, 17:23

La lucida analisi di Monaco: “Non riusciamo a pungere in attacco”

Pareggiare in casa contro il Verbania non era l’epilogo che l’ambiente rossonero aveva sperato per questa seconda domenica di novembre. Al di là dello splendido gol di Filippo Fazzi, la Lucchese raramente ha messo in difficoltà il terzetto arretrato piemontese


domenica, 10 novembre 2019, 14:34

La Lucchese non va oltre il pareggio interno contro il Verbania

La Lucchese porta a cinque la serie di match senza sconfitta ma non riesce a piegare tra le mura amiche un ordinato Verbania che ha meritato l’1-1. Il quinto pareggio in campionato ha il sapore di un mezzo passo falso in torneo così equilibrato


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 novembre 2019, 13:34

Lucchese-Verbania, si ricorda Domenico "Mimmo" Ragone

Per ricordare la figura di Domenico "Mimmo" Ragone, mediano rossonero dal 1953 al 1958 e segretario sportivo dal 1976 al 1983, scomparso all'età di 88 anni, domenica 10 novembre allo stadio Porta Elisa verrà effettuato un minuto di raccoglimento prima dell'inizio della partita Lucchese-Verbania


sabato, 9 novembre 2019, 12:43

Lucchese, contro il Verbania alla caccia della vittoria. Out per infortunio Falomi

L’inedita sfida contro il Verbania, calcio d’inizio alle 14.30, rappresenta per la Lucchese una ghiotta occasione per allungare la striscia positiva, arrivata a quota quattro, e di avvicinarsi ai vertici di una classifica quanto mai corta


venerdì, 8 novembre 2019, 15:52

Lucchese, anche Varia finisce sulle maglie. Santoro: “Dobbiamo legare questa casacca a tutta la città”

È un Mario Santoro che ha parlato a 360° di tutto il mondo Lucchese durante la conferenza stampa nella quale è stata svelata la versione definitiva della casacca rossonera


venerdì, 8 novembre 2019, 11:33

Lutto in casa rossonera per la morte di Domenico Ragone

La Lucchese 1905 si unisce al dolore della famiglia e di tutti i tifosi rossoneri per la scomparsa di Domenico Ragone, che negli anni Cinquanta fu giocatore della Lucchese e che negli anni Settanta- Ottanta fu segretario e anche amministratore unico della società rossonera