Anno 7°

martedì, 31 marzo 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Lucchese, il colpo a Savona vale nuovamente la testa della classifica

domenica, 16 febbraio 2020, 15:07

di michele masotti

1-2

Savona (4-3-3): Vettorel, Dinane (85’ Kacellari), Tissone Ghinassi (63’ Pertica) e Venneri; Albani (63’ Fossati), Amendola (46’ Dinane) e Disabato; Giovannini, Siani e Stronati A disposizione: Gudagnin, David, Balla, Gibilaro e Rovido. Allenatore: Luciano De Paola

Lucchese (4-2-3-1): Coletta, Bartolomei, Papini, Benassi e Soldati (83’ Panati); Cruciani e Meucci; Nannelli (90’ Fazzi), Vignali (46’ Lionetti) e Remorini (30’ Bitep); Iadaresta (72’ Lici) A disposizione: Luglio, Matteoni, Nolè e Gueye. Allenatore: Francesco Monaco

Arbitro: Baratta di Rossano (Assistenti Castagna di Verona e Sciammarella di Paola)

Marcatore: 38’ Cruciani e 61’ Bitep, 93’ Di Sabato su rigore

Note: Al 67’ Di Sabato ha colpito la traversa su calcio di rigore. Espulso al 40’ Benassi per fallo di reazione. Ammoniti: Brignone, Meucci, Cruciani e Remorini. Calci d’angolo 2-4. Recupero 4’ e 4’

La Lucchese, costretta a giocare in dieci uomini per tutta la ripresa, supera a pieni voti l’esame Savona con un gol per tempo tornando, grazie al contemporaneo pareggio interno del Prato con il Bra, solo al comando del torneo. Contro un avversario tosto e una direzione arbitrale decisamente casalinga, i rossoneri ottengono la sesta vittoria esterna stagionale lanciando l’ennesimo messaggio al campionato. Appassionante la lotta per la promozione in C con le prime cinque racchiuse nell’arco di cinque punti. A finire sul taccuino sono stati il rientrante Cruciani, un vero lusso per la Serie D, e Bitep: davvero bella la favola di questo ragazzo, che in due stagioni è passato dalla Terza Categoria con il Fornaci, per poi approdare in Prima nel Ponte a Moriano, ed ora si ritrova ad essere una giocatore in grado di cambiare il volto alle partite in Serie D. Complimenti al dg Mario Santoro e al ds Deoma per aver puntato su questo calciatore, cresciuto a vista d’occhio sotto i consigli di Francesco Monaco.

Allo stadio “Bagicalupo” di Savona, intitolato al portiere del leggendario “Grande Torino” interamente distrutto dalla tragedia di Superga del 4 maggio 1949, la Lucchese si gioca una fetta importante di futuro per restare a stretto contatto con il Prato. Senza i lungodegenti Ligorio e Gallon, con Tarantino, Lucarelli e Pardini rimasti a Lucca per scelta tecnica, mister Monaco opta per il consueto 4-2-3-1 con Cruciani a dettare i tempi della manovra in coppia con Meucci. Le altre variazioni rispetto alla partita di sette giorni fa consistono nell’inserimento di Soldati in luogo di Lici e in quello di Vignali al posto di Fazzi. Ottimo l’esodo di tifosi al seguito della Pantera.

I locali, reduci da cinque risultati utili di fila, sono una formazione molto cambiata a differenza di quella ammirata nella gara di andata. In tanti tra i big, su tutti Rossini e Tripoli, hanno cambiato casacca in virtù dei problemi societari che attanagliano gli “striscioni”. È un 4-3-3 il modulo scelto da De Paola. Timoroso l’avvio della Lucchese, sorpresa dalla furia agonistica del Savona che mette in difficoltà Soldati grazie alle scorribande di Giovannini. Al 5’ Baratta inaugura il taccuino dei cattivi ammonendo Remorini. Clamorosa la chance sciupata dai locali al 23’ quando, sugli sviluppi di una punizione di Albani, Meucci rinvia malamente servendo Venneri che spara fuori a pochi metri da Coletta. Al 24’ Vignali perde l’attimo giusto per calciare verso la porta ligure. Nervoso Remorini che rischia in più circostanze di incassare il secondo giallo. Monaco, fiutando il pericolo, sostituisce il classe 1994 con Bitep: rossoneri disposti ora con un 4-3-3.

Al minuto numero trentadue Vettorel si fa trovare pronto sul diagonale scagliato da Nannelli. È il segnale di come la squadra di Monaco abbia preso le misure ai giovani liguri. Al 38’ una bella verticalizzazione Meucci premia l’inserimento di Cruciani, strepitoso nel controllare la sfera e poi sentenziare il portiere locale. Passano due minuti e i rossoneri restano in inferiorità numerica. Su segnalazione del guardalinee Castagna, il direttore di gara espelle Benassi per un fallo di reazione su Siani. Prima dell’intervallo da sottolineare una velenosa punizione del solito Cruciani, smanacciata in corner da Vettorel.

La ripresa si apre con l’inserimento di Lionetti per Vignali, con la Pantera che rafforza così la propria mediana. Al 48’ altra discesa dello scatenato Giovanni per l’accorrente Di Sabato che sfiora il palo alla sinistra di Coletta. Il portiere romano fa buona guardia su un calcio piazzato laterale del numero dieci di De Paola. La Pantera interrompe il forcing ligure, quest’oggi in campo con una maglia gialla, con lo stacco aereo di Meucci, fuori di poco. I rossoneri, con il killer instinct della grande squadra, raddoppiano al 61’ con Jonathan Bitep, abilissimo a risolvere una mischia in area locale. Gol meritato per l’attaccante ex Ponte a Moriano, diventato un fattore importante per questa squadra.

I padroni di casa, comunque, non mollano conquistando un calcio di rigore per l’intervento in ritardo di Soldati su Giovannini. Va dal dischetto Di Sabato che centra in pieno la traversa. È l’episodio che fiacca i tentativi di rimonta del Savona mentre la Lucchese gestisce con maestria e sagacia la fase finale della gara nonostante l’uomo in meno.

Nel terzo dei quattro di minuti di recupero il direttore di gara concede un secondo dubbio rigore per il Savona.  Baratta sanziona severamente un contatto tra Meucci e Siani: questa volta Di Sabato fa centro. Una rete valida soltanto per fini statistici. A dieci giornate dalla fine la Pantera torna a scrutare tutte le altre 17 rivali dall’alto verso il basso del suo primato.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

tuscania

il casone

auditerigi

toscano

Directo Responsive Web

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


domenica, 29 marzo 2020, 15:51

Lucchese, i possibili scenari sul futuro del campionato

Da più di un mese la Lucchese non scende in campo a causa dell’emergenza Covid-19. Stante l’attuale situazione, appare quanto mai improbabile ipotizzare una ripresa delle attività sportive nel mese di maggio come riconosciuto dal ministro dello sport Vincenzo Spadafora


giovedì, 26 marzo 2020, 16:10

Il romanzo degli allenatori rossoneri: quando il “fornaretto” Amadei non riuscì ad evitare la retrocessione

Se si pensa agli allenatori che hanno scritto pagine memorabili delle ultracentenaria storia della Lucchese i primi nomi che vengono in mente, solo per citarne alcuni, sono quelli di Erbstein, Melani, Orrico, Favarin, Pagliuca e tutti quelli che hanno conquistato una promozione o prestigiose salvezze nel gotha del calcio italiano


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 24 marzo 2020, 19:21

Lucchese, parla il dg Mario Santoro: “Abbiamo ricreato amore verso i colori rossoneri”

Con il campionato di Serie D costretto ad una pausa forzata a tempo indeterminato per fronteggiare l’emergenza Covid-19, come del resto tutto lo sport mondiale vedi lo slittamento delle Olimpiadi di Tokyo al 2021, questo mese di marzo può essere utilizzato per fornire un bilancio della stagione rossonera


lunedì, 16 marzo 2020, 13:55

Il cuore immenso della Curva Ovest: superati i 13.000 euro di raccolta per il San Luca

Per fronteggiare l’emergenza globale chiamata Coronavirus, la Curva Ovest ha deciso di lanciare una raccolta fondi a favore del reparto di Terapia intensiva dell’ospedale San Luca. In pochi giorni il risultato è stato strabiliante


lunedì, 9 marzo 2020, 17:13

Lucchese, prolungato lo stop alla D fino al 3 aprile

La Lega nazionale dilettanti, dimostrando un maggiore buonsenso rispetto alla Lega di Serie A, ha allungato sino al 3 aprile lo stop a tutti i campionati nazionali


venerdì, 6 marzo 2020, 19:48

Coronavirus, la Lucchese si è sottoposta a tutti i controlli

Il responsabile sanitario dottor Adolfo Tambellini (nella foto) ha sottoposto tutti i tesserati - giocatori, tecnici, dirigenti e collaboratori - ad approfonditi e meticolosi controlli medici. I controlli, che hanno dato esito negativo, verranno ripetuti nei prossimi giorni