Anno XI

martedì, 20 aprile 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

La Lucchese naufraga ad Alessandria: i grigi si impongono nettamente

domenica, 28 marzo 2021, 12:30

di michele masotti

5-2

Alessandria (3-5-2): Pisseri, Prestia, Di Gennaro e Macchioni; Celia (65’Rubin), Casarini (59’Gazzi), Bruccini, Mustacchio (59’Corazza) e Parodi (76’Stanco); Arrighini (65’Di Quinzio) e Eusepi A disposizione: Crisanto, Chiarello, Cosenza, Crosta, Mora, Giorno e Bellodi Allenatore: Moreno Longo

Lucchese (3-5-2): Biggeri, Panariello, Benassi e Dumancic; Pellegrini, Sbrissa, Meucci (46’Lionetti), Panati (81’Dalla Bernardina) e Lo Curto (25’Adamoli)(59’Maestrelli); Nannelli e Petrovic (25’Marcheggiani) A disposizione: Pozzer, Cellamare, Solcia, Forciniti, De Vito, Durante e Galardi Allenatore: Giovanni Lopez

Arbitro: Stefano Nicolini di Brescia (Assistenti Pellino di Frattamaggiore e Franco di Padova)

Marcatore: 8’Petrovic, 14’ e 28’ Arrighini, 24’Bruccini, 33’Parodi, 52’Marcheggiani su rigore e 58’Prestia

Note: All’8’ Pisseri ha parato un calcio di rigore a Petrovic. Ammoniti Benassi, Marcheggiani e Pisseri. Calci d’angolo 7-1. Recupero 2’ e 3’.

Pranzo indigesto al “Moccagatta” di Alessandria per la Lucchese, travolta per 5-2 dai lanciatissimi “orsi grigi”, capaci già di chiudere nella prima frazione i conti. Per carità, perdere contro il team, a nostro avviso, più forte del torneo poteva essere prevedibile ma quello che lascia perplessi, al di là delle assenze tra gli ospiti, l’atteggiamento assolutamente passivo mostrato da capitan Benassi e compagni. A ciò vanno aggiunte tre topiche elementari commesse in occasione di almeno tre reti locali, purtroppo un difetto seriale di una formazione troppo inesperta per la C, e qui si torna agli errori fatti in sede di mercato, sia estivo che invernale, che hanno colorato in maniera così ampio il punteggio. La squadra di Lopez dovrà attendere i risultati del pomeriggio e sperare che Piacenza e Giana Erminio, di scena a Renate e Sesto San Giovanni, non ottengano i tre punti. In quel caso il progetto di evitare il “taglio” della forbice degli otto punti rasenterebbe i limiti impossibile.

A sei giornate dalla fine, ma con diverse compagini situate in zona play-out che devono recuperare alcune partite, la Lucchese rende visita alla corazzata Alessandria, reduce da cinque vittorie nelle ultime sei uscite, per il lunch match della domenica delle palme. Senza Flavio Bianchi, rimasto a Lucca per un problema al polpaccio sinistro, la Pantera sale in terra piemontese con l’intento, nonostante la forza della squadra allenata dall’ex Moreno Longo (terzino sinistro della Lucchese dal 1997 al 1999), di sfruttare i passi falsi casalinghi di Pistoiese ed Olbia per rosicchiare qualche punto. Nel 3-5-2 ospite trovano posto in difesa il rientrante Dumancic, con Eros avanzato come esterno di destra sulla linea mediana, Matteo Panati impiegato come interno di centrocampo e il duttile Nannelli, quest’oggi seconda punta in coppia con Petrovic. Modulo speculare per i grigi, privi solamente del difensore Sini, che possono contare sulla rosa più profonda ed esperta del campionato. L’unico millenial dei piemontesi a partire dal primo minuto è il classe 2002 Macchioni, difensore di cui si dice un gran bene in un reparto completato dall’ex Livorno Di Gennaro e Prestia. Le chiavi della mediana locale sono affidate a Bruccini, altro ex di giornata, mentre in attacco viene confermata il prolifico tandem Eusepi-Arrighini.

Nemmeno il tempo di dare il calcio d’inizio che l’Alessandria sfiora il vantaggio dopo 15’’. L’imbeccata di Arrighini premia il taglio di Mustacchio, sciupone nel calciare fuori a tu per tu con Biggeri. Alla prima occasione la Lucchese lascia subito il segno. Corre il 7’ quando Nannelli, liberato dall’imbucata di Sbrissa, scatta con i tempi giusti sul filo dell’offside venendo steso da Pisseri. È indiscutibilmente calcio di rigore con conseguente cartellino giallo per il portiere ex Catania. Dagli undici metri si presenta Petrovic che si fa ipnotizzare da Pisseri, al quarto penalty neutralizzato in stagione, ma il pivot croato è il più lesto di tutti a ribadire in rete con un colpo di testa. La gioia degli ospiti dura solo sei minuti poiché l’orso piemontese ristabilisce i conti sfruttando l’ennesima ingenuità stagionale della Pantera. Da una punizione nella metà campo piemontese un banale errore in fase di rilancio di Lo Curto scatena il contropiede dell’Alessandria. Arrighini, sfruttando l’autostrada che ha davanti visto l’assenza di difensori rossoneri, ha il tempo di mettere a sedere Biggeri per poi fare centro nella porta sguarnita. Situazione da matita rosso e inconcepibile per una squadra che si sta giocando la permanenza in Serie C. Il pareggio galvanizza la squadra di Longo che al 24’ mette la freccia nel punteggio. Una nuova ripartenza dei locali viene interrotta con un fallo al limite dell’area di Benassi. Alla battuta va lo specialista Bruccini che fa centro superando Biggeri sul proprio palo per il più classico del gol dell’ex. Come accadde a Lecco ad inizio gennaio, Lopez effettua una doppia sostituzione. Fuori Petrovic, costretto al forfait per il colpo subito alla testa, e Lo Curto, ancora acerbo per questa categoria, dentro Marcheggiani e Adamoli. Detto di una conclusione di Meucci terminata a fil di palo, il monologo dei locali prosegue approfittando di una nuova leggerezza difensiva della Lucchese. Un pallone perso davanti all’area di rigore ospite permette ad Arrighini di superare Biggeri con un colpo sotto. È la pietra tombale della partita poiché al 33’ arriva il 4-1 con Parodi, abile ad inserirsi nelle maglie larghe della retroguardia della Pantera. Si chiude così una prima frazione di gioco che ha avuto le sembianze di un incontro di boxe tra un peso massimo e un peso piuma.

Al rientro dall’intervallo Lopez toglie Meucci, diffidato, per inserire il redivivo Lionetti. Al 46’ Eusepi manca di un soffio l’appuntamento con la deviazione sotto misura. Cinque minuti più tardi la discesa di Adamoli viene fermato dal fallo di Parodi. Secondo calcio di rigore che Marcheggiani trasforma con il brivido. Subito il gol, l’Alessandria riprende a macinare calcio e a rimpinguare il proprio bottino con un gran destro dal limite dell’area di capitan Prestia, di professione difensore centrale. Un risentimento all’adduttore destro costringe Adamoli all’adduttore destro. Il match, entrato nel garbage time con 30’ di anticipo, riserva un’altra occasione ad Eusepi per entrare nel tabellino dei marcatori ma il destro dell’ex Pisa finisce a lato.

Nel prossimo turno, fissato per il sabato di pasqua, per la Lucchese sarà tempo di ultima spiaggia nella trasferta del “Garilli” di Piacenza. Speriamo che sia tempo di resurrezione anche per la Pantera.

 


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

il casone

auditerigi

toscano

Directo Responsive Web

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


domenica, 18 aprile 2021, 20:50

Sprofondo rossonero: tris della Carrarese e ora date la colpa a Lopez...

Altra disfatta della squadra di Lulù Di Stefano chiamato a sostituire l'esonerato Lopez senza nemmeno sapere perché. Ma chi ha, veramente, sbagliato per questa stagione di merda che più merda non si può?


martedì, 13 aprile 2021, 13:15

Lucchese a picco, paga Lopez: esonerato

La società Lucchese 1905 comunica ufficialmente di aver sollevato dall'incarico di allenatore della prima squadra Giovanni Lopez. La conduzione tecnica verrà da quest’oggi affidata ad Oliviero Di Stefano, che gode della piena stima e fiducia della società


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 11 aprile 2021, 15:09

Contro il Livorno pareggio inutile: la serie D sempre più vicina

Per il Lucchese e Livorno il derby numero 54 equivale all’ultima chiamata nella disperata rincorsa ad accorciare la forbice degli otto punti di ritardo, requisito fondamentale per prendere parte ai play-out


giovedì, 8 aprile 2021, 21:39

Lucchese-Livorno, il derby del 'si salvi chi può'

Da un mese a questa parte i match della Lucchese, a caccia di un piazzamento nei play-out sperando di restare sotto la forbice degli otto punti, hanno appiccato addosso l’etichetta dell’ultima spiaggia


sabato, 3 aprile 2021, 18:38

La Lucchese non va oltre il pari: i play-out restano ancora una chimera

Dal prato del Garilli, in passato teatro per prestigiosi palcoscenici, passa una buona fetta delle residue speranze della Lucchese di centrare i play-out, evitando la temuta “forbice”. Finisce 1-1


venerdì, 2 aprile 2021, 17:58

Lucchese, a Piacenza c’è l’ultima chiamata per i play-out. Lopez: “Stagione condizionata dal Covid”

Ora o mai più. Il sabato di Pasqua propone alla Lucchese, reduce dal pesante rovescio subito ad Alessandria e con l’incombente spada di Damocle della “forbice” degli otto punti che cancellerebbero i play-out, la sfida da dentro o fuori di Piacenza, in casa di una squadre uscite vittoriosa in tre...