Anno XI

lunedì, 14 giugno 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Toto allenatore Lucchese: Pagliuca in pole position, con Buscè sullo sfondo

sabato, 5 giugno 2021, 17:27

di michele masotti

Se in casa rossonera fervono gli ultimi preparativi per allestire al meglio la serata di lunedì 7 giugno quando avverrà la presentazione ufficiale del progetto legato al nuovo Porta Elisa, evento che si terrà all’Auditorium di San Francesco con la confermata presenza del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, la matassa riguardante i ruoli tecnici, ds e allenatore, della Lucchese edizione 2021-2022 potrebbe essere risolta sul finire della prossima settimana. Il tutto in attesa di capire quanto chance avrebbe la Pantera di essere riammessa, complici qualche mancata iscrizioni di società nella terza serie nazionale (eventualità da non trascurare nda), alla prossima Serie C in virtù delle favorevole retrocessioni dopo i playout di compagini come Bisceglie, Fano e Ravenna, tutte e tre già ripescate almeno una volta negli ultimi cinque campionati. Una peculiarità che, stando ai criteri adottati fino alla passata stagione (per quelli valenti per il campionato 2021-2022 si dovrà pazientare fino al Consiglio Federale di mercoledì 9 giugno che avrà tra gli ordini del giorno, potrebbe rendere meno irta di ostacoli una riammissione in C per la Lucchese, sempre che ci siano, come detto dei forfait di altri club per il più classico dei “mors tua, vita mea”. Ricordiamo che il club rossonero nel corso della sua ultracentenaria storia ha usufruito di tale opportunità soltanto in un’occasione. Correva l’annata 1957-1958 quando i rossoneri, partecipanti al campionato di 1° Categoria (l’allora quinta serie del calcio italiano) vennero promossi in C per meriti sportivi. Ragion per cui i vertici societari starebbero ancora aspettando di effettuare le definitive scelte dei quadri tecnici sulla base di quale campionato verrà disputato.

Per quanto concerne il direttore sportivo, la società ha avuto diversi colloqui con diversi candidati. Detto del tramonto dell’opzione legata all’esperto Alfio Pelleccioni, anche il nome di Lorenzo Vitale, attuale ds dell’Aglianese e figlio di Pino dg della grande Lucchese di Maestrelli, sta vedendo scendere le proprie quotazioni. Possibile che l’ex dirigente della Pistoiese possa prolungare di un altro anno il suo rapporto con il club neroverde, primo nel girone D della Serie D a 360’ dal termine. Resta in piedi la suggestione Pinzani, ds del Prato che con il passaggio ad una cordata romana potrebbe vivere un’estate all’insegna del restyling, ma la probabilità che sta crescendo con il passare dei giorni sarebbe quella che vedrebbe la conferma di Daniele Deoma. Il ds della Pantera, che nelle settimane precedenti si era detto disponibile a compiere un passo indietro rimanendo sempre socio del club, sarebbe stato convinto a mantenere questo incarico.

Capitolo Allenatore

Il vero cambiamento, o possibile ritorno al passato, avverrà certamente alla voce allenatore. Radiomercato indica come candidato numero Guido Pagliuca, allenatore di quella Lucchese versione 2013-2014 che si aggiudicò la Serie D grazie al romanzesco successo di Correggio (1-2 con gol di Pecchioli al 94’). Il tecnico livornese, stimato da sempre dal presidente Bruno Russo (suo ds in quella precedente esperienza nda), avrebbe staccato nella corsa Giancarlo Favarin, l’allenatore più benvoluto dalla piazza e che in quel di Lucca ha sempre ottenuto grandi risultati. Stando a quanto ci risulta, sul tecnico pisano non ci sarebbe stata un’unità di intenti da parte degli attuali soci rossoneri. Pagliuca, come detto, adesso si trova in pole position e a metà della prossima settimana si incontrerà con i dirigenti della Lucchese per suggellare o meno questo secondo matrimonio in rossonero. Un ritorno a Lucca che sarebbe una manna dal cielo per il tecnico livornese, reduce da alcune esperienze non fortunate in Serie D alla guida di Real Forte Querceta, GhivizzanoBorgo e Pianese terminate tutte con degli esoneri. Come piano B sullo sfondo resta l’ipotesi legata ad Antonio Buscè. Il tecnico della Primavera 1 dell’Empoli, club nel quale allena da sette anni nel settore giovanile dopo avervi vissuto le stagioni migliori da esterno destro in Serie A nei primi anni duemila, sarebbe pronto a cimentarsi su una panchina dei grandi per dare vita ad un progetto pluriennale. Scelte che dovranno essere ponderate bene, per questo motivo prendersi qualche giorno in più non sarebbe del tutto campato in aria, in modo da non ripetere gli errori compiuti la passata estate nella costruzione della rosa.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

il casone

auditerigi

toscano

Directo Responsive Web

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


sabato, 12 giugno 2021, 13:12

Lucchese, adesso è ufficiale: Guido Pagliuca è il nuovo allenatore

A distanza di sette anni, l’ultima partita risale al 16 novembre 2014 persa contro la Pistoiese, Guido Pagliuca torna a sedersi sulla panchina della Lucchese


lunedì, 7 giugno 2021, 21:29

Ecco il video del nuovo Porta Elisa

La serata di lunedì 7 giugno ha rappresentato, salvo intoppi non visibili all’orizzonte visto che tutte le componenti in campo stanno remando dalla stessa direzione, un cambiamento epocale nel futuro della Lucchese. Video


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 22 maggio 2021, 08:35

Nuovo allenatore, la Lucchese sfoglia la margherita: Buscè, Giannichedda e Favarin i papabili

Incanalato sui binari giusti il progetto legato al restyling del Porta Elisa, in casa Lucchese si lavora per riempire la casella relativa al nuovo allenatore


martedì, 18 maggio 2021, 20:18

Giancarlo Favarin a passeggio in via Fillungo

Una piacevole sorpresa, un incontro tra vecchi amici, un... caso o qualcosa di più? L'ex allenatore rossonero Giancarlo Favarin era, oggi pomeriggio, a spasso per via Fillungo in compagnia della moglie


lunedì, 17 maggio 2021, 19:40

Lucchese, il futuro passa dallo stadio. L’ad Vichi: “A primavera 2022 potrebbe esserci l’assegnazione dei lavori”

Assorbito parzialmente l’amaro verdetto della retrocessione in D maturata a Meda, i vertici societari della Lucchese hanno interrotto il loro silenzio stampa con una conferenza incentrata interamente sul progetto del nuovo Porta Elisa


venerdì, 14 maggio 2021, 15:36

Parte il 14 giugno la conferenza dei servizi preliminare per la ricostruzione dello stadio 'Porta Elisa'

È stata convocata la prima riunione della conferenza dei servizi per il 14 giugno alla quale prenderanno parte i rappresentanti di 23 enti coinvolti a norma di legge