Anno XI

lunedì, 17 gennaio 2022 - Giornale non vaccinato

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

A.S. Lucchese

Una matura Lucchese supera indenne l’esame di Pescara

domenica, 28 novembre 2021, 14:55

di michele masotti

0-0

Pescara (3-4-3): Sorrentino, Ingrosso, Drudi e Veroli; Zappella, Memushaj (64’Clemenza), Pometti e Nzita (74’De Marchi); Chiarella (57’Rizzo), Rauti (46’Ferrari) e D’Ursi A disposizione: Radaelli, Iacobucci, Rasi, Illanes, Valdifiori, Diambo, Cancellotti e Frascatore Allenatore: Gaetano Auteri

Lucchese (4-3-1-2): Coletta, Nannini, Bellich, Bachini e Corsinelli; Frigerio (83’Brandi), Minala e Visconti (55’PicchI); Belloni (83’Babbi); Fedato (77’Baldan) e Semprini (55’Nanni) A disposizione: Cucchietti, Bensaja, Gibilterra, Yakubiv, Dumbravanu, Schimmenti e Lovisa Allenatore: Guido Pagliuca

Arbitro: Sfira di Pordenone (Assistenti De Nardi di Conegliano e Zezza di Ostia Lido)

Note: espulsi al 93’Drudi per fallo da ultimo uomo e a partita finita Rizzo per condotta violenta. Ammoniti Veroli, Belloni, Ingrosso e Nannini. Calci d’angolo 3-0. Recupero 2’ e 5’.

 

PESCARA - Settimo risultato positivo nelle ultime otto uscite per la Lucchese che torna dall’insidiosa trasferta di Pescara con uno 0-0 frutto di una gara accorta, preparata prima e realizzata poi molto bene tatticamente dalla truppa rossonera.

Soltanto all’alba del match, infatti, Coletta ha dovuto sporcarsi i guanti salvo trascorrere un pomeriggio da disoccupato, eccetto l’ordinaria amministrazione sui palloni alti. Deludente la prova dei locali, apparsi confusi in fase offensiva ed incapaci di trovare un piano di riserva allo sfogo al gioco sulle corsie laterali. Ottima, come accennato, la prova corale dei rossoneri. Se l’attacco non ha avuto grossi palloni giocabili, anche se Nanni da subentrato ha trasmesso il suo solito carico di argento vivo, i quattro interpreti della retroguardia di Guido Pagliuca meritano dei voti altissimi. Davvero una realtà l’intesa scaturita tra i due marcatori centrali Bellich e Bachini.

Con la giusta sfrontatezza di chi è consapevole dei propri mezzi, la Lucchese scende in terra abruzzese per la sfida al Pescara, in un confronto diretto in chiave playoff in virtù dei 21 punti che accomunano biancocelesti e rossoneri. Costretto a rinunciare allo squalificato Eklu e all’infortunato Papini, Guido Pagliuca propone una mediana con Minala vertice basso, spalleggiato dalle mezzali Visconti e Frigerio mentre in attacco si rivede Semprini a far coppia con Francesco Fedato. Acque agitate, invece, per il Delfino; Auteri, la cui panchina è molto traballante, cambia diverse pedine rispetto allo scivolone di Pontedera. In difesa maglia da titolare per il classe 2003 Davide Veroli. Nel reparto offensivo, invece, a sorpresa parte dalla panchina Franco Ferrari. Al possente argentino viene preferito Rauti, in gol domenica scorsa, accompagnato ai lati da Chiarella e D’Ursi. Sono almeno un centinaio i tifosi ospiti al seguito della Pantera in una delle più lunghe trasferte della stagione.

Non si è completato il primo giro delle lancette che Coletta indossa già il mantello di Superman, respingendo il tap-in a colpo sicuro di Veroli, salito in area ospite per sfruttare un corner. Sembrerebbe l’antipasto per assistere ad una scoppiettante frazione iniziale ed invece si tratterà dell’unica occasione. Il copione vede i locali attuare un possesso palla tanto prolungato quanto sterile per merito di una Lucchese, ben messa in campo dal tecnico cecinese e con i reparti molto stretti tra loro. La difesa ballerina dell’avvio di campionato appare uno sbiadito ricordo; Bellich e Bachini concedono pochissimi palloni giocabili a Rauti. In mezzo al campo, dove Minala gioca con estrema intelligenza alla luce di una condizione logicamente lontana dal top, Frigerio e Visconti sono puntuali nel fornire una mano ai propri difensori. In attacco, di contro, il tridente Belloni-Fedato-Semprini non riesce ad azionare la propria proverbiale velocità. Eccetto le due ammonizioni, una per parte, nei primi 45’ resta soltanto da segnalare un destro tutt’altro che irresistibile di Semprini dai 20 metri al tramonto del primo tempo. Padroni di casa che tornano negli spogliatoi subissati dai fischi della parte più calda del tifo abruzzese, in aperto contrasto con il presidente Sebastiani.

In avvio di ripresa Auteri decide di giocarsi immediatamente la carta Ferrari, proprio in luogo di Rauti. Al 52’ momento di blackout del fischietto friulano Sfira quando indica inizialmente il dischetto del rigore anziché sanzionare un fallo di Ferrari su Corsinelli. Le proteste dei rossoneri riportano fortunatamente sulla retta via il direttore di gara che concede una punizione agli ospiti. Tre minuti più tardi doppia mossa per la Lucchese: fuori Visconti e Semprini, dentro Picchi e Nannini. Al 58’ una pennellata di Zappella libera il colpo di testa di Ferrari: sfera di poco a lato alla sinistra di Coletta. Lo stallo maturato nei primi quarantacinque minuti non si schioda, con una Lucchese che sorniona prova a colpire in contropiede grazie agli strappi di Nanni. Auteri tenta il tutto per tutto con gli ingressi di Clemenza e De Marchi ma è la Pantera, per effetto di un poderoso break di Bachini, a non concretizzare l’ultimo passaggio che avrebbe portato Nanni a calciare solo davanti a Sorrentino. Al 79’ ci prova dalla distanza D’Ursi ma il suo destro a rientrare non inquadra lo specchio della porta.

Nel finale Pagliuca decide di coprirsi maggiormente rinunciando ai guizzi di Fedato per rinforzare la difesa con Baldan. A tre minuti dalla fine per poco il neo entrato Babbi non approfitta di un’avventurosa uscita di Sorrentino. Nel terzo dei cinque minuti di extratime i locali restano in dieci uomini per il fallo da ultimo uomo commesso da Drudi sull’attaccante ex Piacenza. Al triplice fischio finale si scatena una vergognosa caccia all’uomo da parte dei calciatori abruzzesi all’indirizzo dei colleghi rossoneri. Ne fa le spese Rizzo che pensa di bene di colpire con uno schiaffo Bellich sotto gli occhi di Sfira.

Ennesimo risultato confortante della Pantera che resta così al sesto posto, a +4 dalla zona playout e arrivando così con il morale alto al derby di sabato sera, calcio d’inizio alle 17:30, quando al Porta Elisa scenderà la Carrarese.


Questo articolo è stato letto volte.


tuscania

il casone

auditerigi

toscano

Directo Responsive Web

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in A.S. Lucchese


venerdì, 14 gennaio 2022, 11:56

Mario Santoro non ha dubbi: "Joseph Portelli? Solo un contatto e nulla più"

Il direttore generale della Lucchese Mario Santoro smentisce categoricamente ogni voce in merito all'acquisto da parte dell'imprenditore maltese: "Una cosa che non prendiamo nemmeno in considerazione"


venerdì, 14 gennaio 2022, 11:51

Joseph Portelli ad un passo dall'acquisto della Lucchese?

La notizia imperversa sui social già da quale ora ed inevitabilmente sta suscitando tanti commenti e anche quale preoccupazione. La Lucchese sembra vicino al cambio di proprietà


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 10 gennaio 2022, 18:33

Anche per la Lucchese è arrivato il momento della terza dose del vaccino Covid

Anche per la Lucchese è arrivato il momento della terza dose del vaccino Covid. Questo pomeriggio, i giocatori della prima squadra e della formazione femminile hanno ricevuto la terza dose, assieme ai dirigenti e collaboratori della società, nell'edificio A della Cittadella della Salute "Campo di Marte"


venerdì, 7 gennaio 2022, 18:59

Il Covid rivoluziona il campionato di Lega Pro: la Lucchese torna in campo il 18 gennaio

Il Covid rivoluziona ancora una volta il campionato di Lega Pro. Nela giornata odierna, la Lega Pro con un comunicato ha aggiornato le nuove date ed i nuovi orari delle gare fino alla decima giornata


giovedì, 30 dicembre 2021, 16:12

Lucchese, Pagliuca traccia il bilancio di fine 2021: “Orgogliosi di quanto fatto ma siamo solo a metà del nostro cammino”

In casa Lucchese il penultimo giorno del 2021 significa tempo di bilanci relativi ad un girone di andata affrontato in ritardo rispetto al resto della compagnia, i rossoneri hanno iniziato a costruire la squadra a partire dalla prima metà dello scorso mese di agosto, e chiuso in un crescendo rossiniano


lunedì, 27 dicembre 2021, 20:07

Morto Mauro Isetto ex allenatore e preparatore dei portieri della Lucchese

E' morto Mauro Isetto, ex allenatore e preparatore dei portieri della Lucchese ai tempi di Piero Braglia nel 2007, ultimo anno della sciagurata gestione di Fouzi Hadj. Nato a Montevarchi, era un uomo dal carattere mite senza dubbio l'opposto del burbero Pierino Braglia