Anno 7°

venerdì, 14 dicembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Avv Alberta Cagnacci Lucca


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Un anno vissuto pericolosamente

mercoledì, 12 dicembre 2018, 16:17

di aldo grandi

Era il 22 dicembre 2017. La telefonata sul cellulare arrivò mentre chi scrive era steso su un letto al Casone di Profecchia, alta Garfagnana 1400 metri di altezza, con un febbrone da cavallo. Dall'altra parte del 'filo' la polizia postale di Lucca invitava a recarsi immediatamente presso il suo ufficio a San Filippo per ritirare la notifica di un provvedimento giudiziario adottato dal Gip nei confronti de La Gazzetta di Lucca, ossia il sequestro preventivo di una pagina denominata Coglioni in divisa. Dopo aver spiegato le condizioni di salute che rendevano impossibile recarsi a Lucca, si riuscì a trovare una via di mezzo. Il sottoscritto, malato o non malato non era un problema dello Stato, avrebbe dovuto recarsi immediatamente a Castelnuovo Garfagnana per ritirare copia del documento presso la stazione carabinieri dove, nel frattempo e via fax, il documento sarebbe stato inviato. Detto fatto. Una tortura con il risultato di rientrare al Casone con la febbre ancora più alta e il morale ancora più in basso. A inizio gennaio, nuovo sequestro preventivo di alcuni articoli rintracciati sulle cinque Gazzette, ma questa volta l'avvocato Cristiana Francesconi decide di fare ricorso e il tribunale le darà ragione revocando il sequestro. Nell'aria c'è anche un processo nei confronti di Aldo Grandi per un titolo giudicato diffamatorio che rappresenta, quindi, una ulteriore tegola sulla testa di questo pennivendolo da strapazzo. Ma non è tutto... 


Ce n'è anche per Cecco a cena

L'avete 'vorsuto' il sindaco di sinistra? E ora tenetevelo

venerdì, 7 dicembre 2018, 19:36

di aldo grandi

Noi non sappiamo se il sindaco Alessandro Tambellini ha letto gli articoli sull'inchiesta coordinata dalla procura di Lucca e condotta dalla squadra mobile lucchese sul traffico e spaccio di droga all'interno e all'esterno della tendopoli della Croce Rossa Italiana in via delle Tagliate - piazzale don Baroni. E se con lui lo hanno fatto anche i suoi assessori e consiglieri comunali, sempre pronti a dire due parole e anche di più quando si tratta di attaccare ipotetici fantasmi neofascisti, ma altrettanto tenaci nel non profferire parola quando avvengono episodi scarsamente edificanti per le nostre cosiddette risorse piovute a queste latitudini per pagarci, dicono, la pensione. Penseranno, chissà, che è tutta colpa dei giornalisti che esagerano la portata degli eventi e allora, per questo motivo, vogliamo rileggere la notizia così come l'ha redatta la questura di Lucca nel suo comunicato così non si potrà dire che abbiamo calcato troppo la mano o amenità del genere. L'indagine - si legge nel comunicato stampa - ha scardinato un sodalizio che, da gennaio a luglio scorsi, ha trasformato piazzale don Baroni (dove si tiene bisettimanalmente il mercato, quello vero però ndr) in un mercato della droga, ceduta appena fuori la struttura della Croce Rossa che li accoglieva in quanto richiedenti asilo. Allora quello che per anni abbiamo detto e cioè che questi clandestini hanno portato, soprattutto, crimine e delinquenza spicciola, non è una nostra invenzione...


Ce n'è anche per Cecco a cena

L'Anticristo

martedì, 4 dicembre 2018, 22:43

di aldo grandi

A chi, come chi scrive, l'asticella dell'età si è ormai innalzata fin quasi la soglia dei sessant'anni, il ricordo del Natale a scuola non aveva assolutamente alcunché di eccezionale, ma era, diciamolo pure, scontato perché nessuna istituzione avrebbe mai rinunciato alla realizzazione del proprio presepe e/o del proprio albero. Non esistevano dubbi su cosa dovevamo credere né su come dovevamo celebrarlo e all'orizzonte ancora nessuno si era sognato di alzare l'indice e condannare un crocefisso appeso a una parete o una stalla con un bue e un asinello a far calore nelle fredde serate d'inverno. Il Natale è sempre stato, per l'Europa e non soltanto per l'Italia, un momento di preghiera, di riflessione, di devozione, di emozione. Basti pensare agli anni della guerra, quando in trincea o sui campi di battaglia di mezzo mondo i soldati, lontani da casa, celebravano il 25 dicembre con una nostalgia di casa ancora più forte e commossa, se possibile, degli altri giorni. I cappellani di guerra erano visti come punti di riferimento e di conforto da chi non sapeva se il giorno successivo sarebbe stato ancora come quello precedente. Oggi non è più così. Oggi e un giorno non molto lontano, sarà una conquista e una tragedia potersi e sapersi dire cristiani né più né meno di come lo fu ai tempi dell'antica Roma. A Pistoia, ieri sera, il consiglio comunale ha bocciato la richiesta di installare un presepe in ogni scuola, una vergogna, un modo per non dirsi e non sentirsi non tanto cristiani, ma, peggio ancora, italiani... 


Ce n'è anche per Cecco a cena

Meglio soli che male accompagnati

sabato, 1 dicembre 2018, 20:23

di aldo grandi

Ha destato sorpresa la decisione del Governo italiano di non aderire al Global Contact for Migration che si terrà a Marrakech nei prossimi giorni. I soliti idioti continuano a pensare che l'Italia, invece di perseguire i propri interessi nazionali, debba sottostare alle scelte degli organismi sovranazionali che vogliono uniformare in tutto il globo la politica del pensiero unico dominante. Eppure basterebbe un po' di buonsenso per comprendere che non può esistere un diritto illimitato all'emigrazione se coloro i quali vivono nel paese di destinazione non vengono interpellati. In sostanza dovrebbe essere evidente che ogni Paese ha il dovere, oltreché il diritto, di impedire una invasione più o meno indiscriminata solo perché i soloni dell'accoglienza tout court per proteggere non solo i propri confini, ma anche i propri abitanti e la propria identità nazionale. Purtroppo parlare di concetti legati ad una visione italocentrica è, per la sinistra, usare un linguaggio incomprensibile. Dalla fine della seconda guerra mondiale chiunque abbia cercato di difendere l'Italia e gli italiani, si è sentito dare del fascista o del razzista e quindi senza alcuna possibilità di far sentire la propria voce. Oggi, però, era inevitabile, il vento sta cambiando in tutto il mondo e non si tratta, come vogliono farci credere i nipotini della lotta di classe, di un rigurgito nazionalista e fascista, bensì della riscoperta di alcuni valori che per decenni sono stati segregati dalla cecità della politica ideologizzata...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Femministe sì, maschilisti no?

lunedì, 26 novembre 2018, 16:44

di aldo grandi

E' appena trascorsa la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Niente da dire, ricorrenza giusta e istruttiva anche se, a nostro avviso, spesso interpretata a senso unico e senza tutta una serie di considerazioni. Il linguaggio politicamente corretto del Pensiero Unico Dominante tendente, come sempre, a sinistra, giudica il femminismo e, quindi, le femministe alla stregua di una categoria protetta e legittimata a inalberare il vessillo di tutela della donna. La quale, ovviamente, difende la sua posizione e i suoi diritti. L'opposto di femminismo, ossia maschilismo, è impronunciabile e vocabolo dai connotati esclusivamente negativi. Succede, così, che un uomo che voglia vedere tutelati i propri diritti venga considerato un maschilista nel senso più deleterio del termine - altro senso, inoltre, non esiste - mentre per una donna il termine femminista ha una eccezione esclusivamente positiva salvo rare, più uniche, eccezioni. Pensavamo questo, noi che, in tutto il corso della nostra esistenza, per le donne abbiamo nutrito una sorta di rispetto-venerazione che ci ha condotti, molte volte, a ritenerle, sbagliando, sostanzialmente e fisicamente più deboli e, quindi, come tali, meritevoli di protezione, amore, cortesia, gentilezza: in una parola cavalleria. Quello che, tuttavia, con difficoltà riusciamo a digerire, è la tendenza a fare del femminismo un vessillo di scontro e non di confronto, dove gli uomini vengono visti come dei potenziali nemici capaci delle violenze più efferate. Lasciamo perdere, innanzitutto, questo atteggiamento persecutorio che, purtroppo, esiste eccome, ma che fa il paio, sia pure in misura più ridotta, con altri tipi di violenze che gli uomini sono costretti a subire in svariati ambiti della propria esistenza...


Ce n'è anche per Cecco a cena

(Dis)integrazione

mercoledì, 21 novembre 2018, 22:00

di aldo grandi

Una giunta come quella attuale, a Lucca, non si era mai vista. La peggiore degli ultimi trent'anni e non è un caso se, dalle inchieste, la città risulta essere scesa ancora come qualità della vita. Oggi due notizie abbastanza simili hanno occupato le città di Lucca e di Pistoia. Nel primo caso un extracomunitario della Guinea (Africa) è stato arrestato per stalking nei confronti di una educatrice, lucchese, del centro di accoglienza di via della Rosa. A Pistoia un nigeriano, anche lui giovanissimo, è finito in manette dopo aver minacciato con un coltello un altro ospite di una struttura di accoglienza e uno degli operatori. Fortunatamente e grazie all'intervento dei carabinieri, i due episodi non hanno avuto conseguenze se non quelle giudiziarie per i due protagonisti. Adesso qualcuno, di quelli con la bocca sciacquata con la vernice rossa, ci verrà a dire che siamo razzisti, fascisti, populisti o sovranisti e altre amenità del genere. Niente di tutto questo, siamo solo osservatori che non hanno mai nascosto quello che hanno visto e che hanno raccontato...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Che fine ha fatto 'Lo Schermo'?

lunedì, 19 novembre 2018, 20:39

di aldo grandi

Stefano Giuntini non vuole assolutamente commentare, troppi sono l'amarezza e il disappunto. Lui, che è stato un pioniere del giornalismo on line a Lucca, fondatore de Lo Schermo, vederlo ridotto in questo stato, con le pagine ferme e non aggiornate da giorni, senza collaboratori e, almeno fino a quando non sarà reso noto, nemmeno un direttore più o meno responsabile, è una cosa che fa stringere il cuore. Bene, noi che il cuore ce lo siamo stretti talmente tante volte che, ormai, non ci resta più niente da strizzare, ci siamo accorti già da diverso tempo il quotidiano on line stava arrancando con pochi collaboratori e, soprattutto, incetta di comunicati, senza iniziative e senza novità, se non sempre il solito blog dove i lettori potevano dire tutto quello che passava loro per la testa. Così, al sottoscritto, una decina di giorni fa, è venuta l'idea, più o meno balzana questo non lo dobbiamo dire noi, di telefonare a colui che, vox populi, è il proprietario della testata, quell'Andrea Bicocchi vice presidente del centro nazionale del volontariato nonché figlio dell'ex parlamentare democristiano Giuseppe Bicocchi. Già un paio di anni fa lo avevamo disturbato per chiedergli chi sarebbe stato il direttore che avrebbe sostituito Lodovico Poschi Meuron, e lui ci disse che figuriamoci se lo andava a dire proprio alla Gazzetta di Lucca...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Tutti a casa

mercoledì, 14 novembre 2018, 11:39

di aldo grandi

Quando, ieri sera, il nostro Eliseo Biancalana - l'unico giornalista presente tra tutti quelli che lavorano a Lucca, che segue personalmente e sul posto le riunioni, evidentemente ritenute pallose dagli altri, del consiglio comunale - ci ha inviato il pezzo sulla mozione approvata dalla maggioranza con l'adesione anche dell'unico consigliere pentastellato Massimiliano Bindocci, abbiamo compreso perché questo Paese sta andando allo sfascio e perché alcuni, a Sinistra e nei 5Stelle, credono che l'unico modo di andare avanti sia farsi colonizzare dalle popolazioni di colore dell'Africa, nemmeno fossimo un branco di pecore pronte per la fecondazione artificiale. La maggioranza di centrosinistra in consiglio comunale - maladetti quei 361 voti e maladetti coloro che invece di andare a votare piazzarono le loro belle chiappe sull'arenile versiliese - ha votato contro il decreto Salvini in materia di immigrazione andando a braccetto con altre amministrazioni comunali verniciate di rosso e di bianco, con l'Anci, un altro organismo assolutamente inutile e schierato a sinistra e con tutte le cooperative, le Ong e chi più ne ha più ne metta che vedono nella sostituzione etnica e nella distruzione di ogni senso di identità e di appartenenza, la soluzione di tutti i problemi. Invece di inviare un messaggio di plauso per come, finalmente, di immigrati in Italia ne arrivano sempre meno, ecco questi neofiti del samaritanesimo a spese degli altri salire sulle barricate dell'uguaglianza senza distinzione né meriti, dell'abolizione di ogni libertà di essere diversi ma non nel senso di Lgbtq, bensì diversi per scelte, capacità, volontà...


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Ultime notizie brevi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 13 dicembre 2018, 19:09

Conferenza presentata da Davide Picchi e Angelo Lippi

Sabato 15 dicembre, alle 15.30, presso la Casermetta San Regolo, sopra l’Orto Botanico di Lucca, si svolgerà come di consueto, una conferenza presentata da Davide Picchi e Angelo Lippi, seguita da un piccolo momento conviviale per scambiarci gli auguri di Natale e di buon anno con il banchetto porta e...


giovedì, 13 dicembre 2018, 19:07

Secondo concerto di Fiocchi di Natale 2018

Secondo concerto di Fiocchi di Natale 2018. Sabato 15 dicembre alle 16,30 concerto di canti di natale nel ricordo di don Emilio Maggini che ha permesso a noi lucchesi di conoscere tanta musica importante. Saranno in scena la Corale Polifonica di Gallicano diretta dal maestro don Fiorenzo Toti che presenterà...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 13 dicembre 2018, 17:57

Marlia: domenica a Il Rapace i volontari lucchesi raccontano la missione in Birmania

I volontari della onlus *Solid, Solidarité Identités* saranno domenica dalle ore 17:30 a *Il Rapace* in via della Chiesa 24 a Marlia, per raccontare la loro esperienza in Birmania. La onlus infatti sta costruendo un villaggio nel Karen State, una zona della Birmania martoriata dalla fine della seconda guerra...


giovedì, 13 dicembre 2018, 16:13

Maltempo, codice giallo per neve e vento domani, venerdì 14 dicembre

Masse d'aria fredda di origine continentale continuano ad affluire sulla Toscana favorendo deboli nevicate fino a bassa quota in Appennino. Da nord-est atteso l'arrivo di venti di Grecale da moderati a forti.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 13 dicembre 2018, 15:38

Scuola aperta alla media Buonarroti di Ponte a Moriano

Sabato 15 dicembre dalle ore 17 alle ore 19, la Scuola Secondaria di I Grado “M. Buonarroti” di Ponte a Moriano incontrerà gli alunni e le loro famiglie in vista delle iscrizioni al prossimo anno scolastico.


giovedì, 13 dicembre 2018, 12:06

A Lucca la presentazione di "Tempo rubato" di Simone Fana

Sabato 15 dicembre alle 11, presso la Biblioteca civica Agorà di Lucca, Simone Fana presenta "Tempo Rubato". Insieme all'autore saranno presenti Maurizio Brotini, segretario CGIL Toscana, Tommaso Bellandi, del Direttivo Società Italiana di Ergonomia e Ennio Bilancini, professore di Economia Scuola IMT.Tempo e salario costituiscono gli assi di una rivendicazione...


giovedì, 13 dicembre 2018, 11:50

Lucca-Pistoia, Marcucci e Bini: "Altra strenna natalizia di Toninelli a Lucca"

"Dal disastroso ministro Toninelli arriva un'altra strenna natalizia per la Toscana: nella manovra di bilancio sottratti 5 milioni di euro per il raddoppio ferroviario della linea Lucca-Pistoia".Lo affermano il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci e la senatrice dem Caterina Bini, che preannunciano un emendamento per annullare il...


giovedì, 13 dicembre 2018, 11:24

Chiari (FdI): "Parcheggi, Tambellini e Pd incoerenti"

"I parcheggi di Lucca sono sempre più cari e negli anni delle giunte Tambellini ci sono stati aumenti costanti, eppure ricordo che l'attuale sindaco quando io ero assessore e lui capogruppo del PD in consiglio comunale mi attaccava sostenendo che vessassi i cittadini quando introdussi la tariffa di 10 centesimi...


giovedì, 13 dicembre 2018, 10:47

"Scuola Aperta" alle medie di Sant'Anna

L'appuntamento è rivolto ai genitori e agli alunni di classe quinta Scuola Primaria. Sabato 15 dicembre l’Istituto Comprensivo Lucca 3 organizza una giornata di Scuola Aperta presso le medie “Carlo Del Prete” di Sant Anna in Via Don Minzoni.


giovedì, 13 dicembre 2018, 10:46

Al via la quarta edizione della Running for a C(l)ause

Le associazioni Battitoanimale e 4ZampenelCuore presentano la quarta edizione della Running for a C(l)ause, la corsa benefica natalizia in favore degli animali più sfortunati durante la quale si potrà correre o camminare, da soli o in compagnia del proprio amico a 4 zampe.L' appuntamento è domenica 16 Dicembre, ritrovo sulle...