Anno 5°

lunedì, 23 aprile 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Avv Alberta Cagnacci Lucca


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Confcommercio ha (finalmente) aperto gli occhi

sabato, 21 aprile 2018, 23:41

di aldo grandi

Era ora. Meglio tardi che mai. Ce ne è voluto di tempo, ma, finalmente, Confcommercio, la più numerosa delle associazioni di categoria cittadine ha capito che con questa amministrazione comunale c'è ben poco da poter dialogare tantomeno concertare. Il comunicato diffuso giovedì dall'associazione di Palazzo Sani, a leggerlo con attenzione, è, probabilmente, il più duro e critico mai pubblicato negli ultimi anni da un ufficio stampa solitamente attento, per volere superiore, a non calpestare né a destra né, tantomeno di questi tempi, a sinistra. Questa volta, però, qualcosa di grave deve essere accaduto perché persone notoriamente diplomatiche come Rodolfo Pasquini e Ademaro Cordoni abbiano concesso il nullaosta alla pubblicazione di un testo che è un vero e proprio j'accuse nei confronti dei due assessori della giunta Tambellini, ossia Valentina Mercanti e Francesco Raspini. Un comunicato che, è bene dirlo, dà ragione...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Perdere l'anno per una idiozia

sabato, 21 aprile 2018, 11:38

di aldo grandi

Il consiglio di classe è andato giù piuttosto pesante. Cinque dei sei alunni finiti nel mirino per l'atto di umiliazione nei confronti del professore saranno, probabilmente, costretti a ripetere l'anno se il consiglio di istituto ratificherà le decisioni del consiglio di classe. Ciò vuol dire che questa bravata immortalata dai cellulari di altri studenti costerà un anno scolastico ai suoi autori e sofferenze indicibili alle loro famiglie. Ne valeva la pena? Possibile che gli studenti non si siano resi conto che avrebbero messo in moto una macchina infernale che li avrebbe stritolati? Non solo la decisione della scuola, ma, adesso, anche le indagini della squadra mobile e della polizia postale della questura di Lucca e anche qui saranno rotture di scatole e spese legali. Il tutto per aver voluto dimostrare, con quell'azione, di essere in grado di tenere testa, umiliandolo e sbeffeggiandolo, al professore di storia e italiano. Qualcuno ha detto che episodi analoghi sono sempre avvenuti nei confronti di insegnanti poco inclini a farsi rispettare e a far rispettare la disciplina. Può darsi, ma all'epoca non c'era chi li immortalava e diffondeva sui social...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Il professore minimizza, lo studente chiede scusa, la scuola che fa?

mercoledì, 18 aprile 2018, 14:57

di aldo grandi

Abbiamo visto, prima quasi con dolore, poi con rabbia, quindi con amarezza i video girati dagli studenti della classe dell'Itc Francesco Carrara in cui si vede il professore di italiano e storia, letteralmente, sbeffeggiato e umiliato al punto da sentirlo appellare con un pezzo di merda o invitarlo a mettersi in ginocchio. E siamo rimasti colpiti dal senso di impotenza, quasi di rassegnazione di questo insegnante che quasi non riusciva a capacitarsi di cosa gli stava succedendo, nemmeno si trattasse di un film artatamente girato per fare audience e suscitare scandalo. Il modo in cui gli studenti trattano questo professore e, quindi, indirettamente la scuola che rappresenta, ossia una delle più prestigiose, almeno fino a qualche lustro fa, di Lucca, è quanto di più vergognoso e violento si possa immaginare e solo delle menti malate possono partorire un'idea del genere ossia mortificare un professore al punto da ridicolizzarlo davanti agli occhi dell'intera classe per non dire dei suoi. Il preside dell'istituto si è domandato come mai il suo collega non abbia denunciato l'episodio e la risposta l'ha data lo stesso insegnante questa mattina al sottoscritto...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Entro il 19 i soldi sul conto di Arnaldo Moriconi o la Lucchese resta dov'è

domenica, 15 aprile 2018, 12:35

di aldo grandi

Mentre la Lucchese insegue i play-off e chissà che non ce la faccia a regalare questa sorpresa ai suoi tifosi, tiene banco la vicenda relativa all'ormai imminente acquisto della società rossonera da parte del sodalizio Grassini-Lucchesi. Arnaldo Moriconi, patron rossonero, ha concesso una ulteriore proroga di dieci giorni per cui, come tiene a precisare, non il 19, ma entro il 19 i soldi pattuiti dovranno essere versati con tanto di bonifico sul proprio conto. Siamo, quindi, agli sgoccioli di questa vicenda che sta tenendo con il fiato sospeso gli appassionati della Pantera. 750 mila euro o giù di lì non sono cifra da poco e fino a quando il nostro Paperon de Moriconi non li vedrà nero su bianco, ci penserà due volte prima di manifestare un giudizio. Noi vogliamo pensare che sia Lorenzo Grassini sia, soprattutto, Fabrizio Lucchesi non siano venuti a Lucca tanto per sfogliare la margherita, bensì con intenzioni serie di procedere in breve tempo a rinforzare la squadra per farle raggiungere traguardi prestigiosi. Si parla, addirittura, da Roma, di sponsor di spessore pronti a contribuire al rilancio dei colori rossoneri...


Ce n'è anche per Cecco a cena

La Lucchese ad un passo da Grassini

giovedì, 12 aprile 2018, 14:57

di aldo grandi

Noi saremo sinceri. Prima di essere sicuri che la Lucchese Libertas 1905 finirà, mani e piedi, nelle tasche di Lorenzo Grassini e Fabrizio Lucchesi, vogliamo vedere il classico bonifico sul conto corrente della società rossonera. Tuttavia e nonostante i dieci giorni di rinvio che avrebbero potuto far pensare a qualche intoppo, le cose sembrano viaggiare in un modo accettabile per entrambe le parti. Fabrizio Lucchesi, quindi, potrà dimostrare ai tifosi la sua reale capacità di traghettare, dopo anni di purgatorio e inferno, la Lucchese nel Paradiso della serie B. Questa mattina, infatti, c'è stato l'ennesimo, presumibilmente l'ultimo, incontro alla sede rossonera presso lo stadio Porta Elisa cui hanno preso parte i vertici del club rossonero e, all'opposto, lo stesso Grassini accompagnato dal suo avvocato e da Fabrizio Lucchesi. A detta di qualcuno che ha preferito mantenere l'anonimato, l'ottimismo regna sovrano proprio dopo questo appuntamento andato avanti per quasi tre ore e conclusosi al ristorante Celide sulla circonvallazione, lontano da occhi, ma non da orecchie indiscrete. Il contratto definitivo è, ormai, questione di pochi giorni...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Mario Pardini, polemiche a sproposito

domenica, 8 aprile 2018, 22:16

di aldo grandi

Noi non siamo mai stati particolarmente teneri con questa amministrazione comunale, tantomeno con il sindaco Alessandro Tambellini al quale riconosciamo di averci sopportato e subìto senza adire vie legali o minacciarci di querele. Ecco perché possiamo tranquillamente affrontare questo tema sicuri di non essere tacciati di partigianeria. Ci riferiamo alla nomina pressoché scontata di Mario Pardini a presidente di Lucca Crea. Abbiamo già letto i commenti di Fabio Barsanti, il quale chiama addirittura in causa i rapporti presunti esistenti tra la giunta Tambellini e l'ex senatore Marcello Pera che di Pardini è stato, lo scorso anno, mentore politico. Qualcun altro ha citato proprio questa militanza nei comitati per il sì al referendum a dimostrazione del vincolo indissolubile che legherebbe Mario Pardini a Marcello Pera e, quindi, ad una sorta di trasversalità più immaginaria che reale. Pensate un po': Mario Pardini non è certamente uomo di sinistra e, casomai, lo è di centrodestra, quindi lontano dalle posizioni tambelliniane al punto che egli era assolutamente convinto che non sarebbe nemmeno stato preso in considerazione per il cda di Lucca Crea. Invece Tambellini lo ha scelto insieme a Gottardo e Riccomi e, con ogni probabilità, lo nominerà presidente...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Conflitto tra vigili urbani e sindaco: cosa c'è dietro?

giovedì, 5 aprile 2018, 14:06

di aldo grandi

Da un po' di tempo a questa parte assistiamo a una serie di proteste nemmeno troppo tacite da parte del corpo della polizia municipale nei confronti dell'attuale amministrazione comunale e, nella fattispecie, del sindaco Tambellini e dell'assessore Raspini. Prese di posizioni che denotano un malessere serpeggiante tra agenti e non solo dovuto, a quanto pare, alla pretesa della giunta di modificare l'orario unilateralmente per andare incontro ad esigenze di sicurezza cittadina. La polizia municipale non ci sta e, nemmeno tanto velatamente, manda a dire al sindaco anche attraverso il sindacato di non essere più disposta, sia pure nel rispetto dei propri compiti e dei propri doveri, a credere, obbedire senza combattere. Il riferimento della sindacalista Cgil Lo Zopone all'aneddoto delle multe è lampante in proposito. Apprendiamo, infatti, che prima il sindaco e l'attuale amministrazione avrebbero fatto il diavolo a quattro affinché ne venissero somministrate il più possibile, poi, di fronte alle rimostranze dei cittadini, magari in campagna elettorale o giù di lì, l'invito a essere meno rigorosi. In sostanza, un impiego dei vigili urbani a seconda delle esigenze di cassa e non soltanto. Questa rivelazione, con tanto di virgolettato, da parte della sindacalista Fp Cgil, è sintomatica...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Un'ebrea uccisa dai musulmani fa meno notizia che se uccisa dai fascisti

lunedì, 2 aprile 2018, 00:20

di aldo grandi

"Nous avions déjà souffert avec mon père qui est un ancien déporté et là, on se retrouve avec une mère assassinée. Les gens ne comprennent pas ce que c'est d'être juif". Sono parole di Daniel Knoll, il figlio di Mireille Knoll, l'ottantacinquenne vedova ebrea uccisa alcuni giorni fa nella sua abitazione parigina con undici coltellate da due giovani di religione musulmana. Una notizia che non ha suscitato reazioni internazionali e che, ormai, non fa quasi più nemmeno notizia, in una Francia dove l'antisemitismo dilaga non soltanto nella banlieu parigina, ma un po' ovunque al punto che, oggi, essere ebrei in Francia rappresenta essere in pericolo di morte. Eppure, se si va a scrutare nelle pagine dedicate all'omicidio efferato di questa povera sopravvissuta all'Olocausto, sia in Francia sia, ma è più comprensibile, in Italia, nessun accenno o il minimo indispensabile alla religione dei due fermati per l'assassinio. Ancora una volta, la tendenza della stampa e dei giornalisti a non chiamare le cose con il loro vero nome e questo nonostante l'aggravante della motivazione religiosa sia stata subito riconosciuta dagli inquirenti. Già nel 2017 un'altra donna ebrea, di 65 anni, era stata barbaramente uccisa da un musulmano, ma in quel caso, forse perché sotto elezioni presidenziali, ci è voluto un anno prima che gli investigatori riconoscessero il carattere antisemita dell'omicidio...


Ce n'è anche per Cecco a cena

I buoni e i cattivi

sabato, 31 marzo 2018, 21:42

di aldo grandi

Noi non saremo dei santi, ma c'è chi è molto, molto peggio di noi. Sarà un caso, una singolare coincidenza, ma su tutte le testate giornalistiche, cartacee e non, il comune di Lucca pubblicizza la manifestazione Verdemura che andrà in scena il 5, 6 e 7 aprile sulle mura urbane. Ora, poiché si presume che tali spazi pubblicitari siano a pagamento, ci domandiamo quali siano stati i criteri di scelta utilizzati dagli amministratori di tutti i lucchesi e, quindi, anche di chi, abitualmente, legge la Gazzetta. Noi non chiediamo contributi pubblici né pretendiamo inserzioni pubblicitarie pubbliche, ma se vengono date a tutti e non a noi ci domandiamo per quale ragione. A essere onesti non ci vuole la laurea per comprenderlo, visto che stiamo sulle scatole a questa amministrazione che, presumibilmente, agirà di conseguenza. Troviamo, però, veramente vergognoso vedere i banner pubblicitari apparire sulle altre testate senza che qualcuno spieghi e abbia gli attributi per assumersene le responsabilità, perché di tutte le testate esistenti in questa città - troppe a nostro avviso - proprio la Gazzetta di Lucca venga esclusa. A parti inverse se, cioè, avesse vinto il centrodestra, dovremmo allora dedurne che i bradipi di palazzo Orsetti avrebbero dovuto fare pubblicità solamente con la Gazzetta? Non sarebbero certamente state le poche centinaia di euro che non arrivano dai comuni di Capannori e di Lucca - guarda caso guidate entrambe da giunte di centrosinistra - a cambiarci la vita, ma quello che dà fastidio sono la protervia e l'arroganza di certe amministrazioni che scelgono a chi distribuire denaro pubblico che appartiene a tutta la comunità e non soltanto a quella che la pensa secondo i dettami del PUD (pensiero unico dominante). Immaginiamo che cosa sarebbe accaduto se, appunto a parti rovesciate, la pubblicità di due giunte di centrodestra fosse arrivata solo a noi...


Ce n'è anche per Cecco a cena

La tana del Guercio

venerdì, 30 marzo 2018, 11:56

di aldo grandi

In molti, soprattutto all'interno delle segrete stanze di palazzo dei Bradipi, vorrebbero sapere chi è il Guercio, ossia l'autore della rubrica con cui, ogni tanto spesso, vengono castigati o rivelati situazioni o episodi della vita politico-amministrativa cittadina. In molti ritengono che l'autore della rubrica sia il sottoscritto, dimenticando che di rubriche ne fa già abbastanza e che, a dirla tutta, le sigla sempre con tanto di nome e cognome. Chi è, dunque, il Guercio, colui che vede con un occhio solo meglio, sovente, di coloro che ne utilizzano due? Indubbiamente trattasi di persona che conosce bene, anzi, molto bene i meandri della vita cittadina e che, in particolare, ha una robusta memoria storica. Scrive anche abbastanza bene se riesce, ogni volta, a catalizzare l'attenzione di alcune centinaia, a volte anche più di mille, lettori che non si perdono una puntata. E' sicuramente lucchese doc poiché non potrebbe essere diversamente vista la facilità con cui penetra un po' ovunque ricavandone suggerimenti, pettegolezzi, anticipazioni. Capisce anche di politica essendo sempre aggiornato su tutto ciò che accade nella ormai ex Repubblica di Lucca. E, allora, potrebbe domandarsi qualcuno, perché non rivelare, lei direttore, il nome dell'autore di siffatti articoli pungenti e dissacratori. Per il semplice motivo che questa rubrica ha finito per appassionare anche chi scrive e che, quindi, nemmeno ci pensa lontanamente di svelare il segreto compromettendo, così, una voce anarchica che più libera non si può. Certo, se qualcuno venisse a sapere chi è che si firma il Guercio resterebbe, probabilmente, di stucco non immaginandosi minimamente che dietro le righe della rubrica ci possa essere l'autore (o l'autrice) in questione...


Pagina: 1 2 » di 2 totali

carismi san miniato


bonito400


BF Cristiana Francesconi



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Ultime notizie brevi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 23 aprile 2018, 15:19

Montecarlo: Enel rinnova le cabine elettriche a San Salvatore

Prosegue il percorso di E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione, per il potenziamento del sistema elettrico del territorio lucchese: domani, martedì 24 aprile, la società elettrica effettuerà un importante intervento nel comune di Montecarlo per il restyling di alcune cabine...


lunedì, 23 aprile 2018, 14:45

Sanità, Marchetti (FI) "Manager di programmazione d'area vasta da cordone politico per Rossi a cordone della borsa aperto a danno dei toscani"

«Tutto come previsto fin dal 2015 da Forza Italia: la riforma della sanità toscana ha fatto comodo alla strana coppia Rossi-Saccardi per mescolare in tavola le carte di una contabilità sul filo del rasoio ma nei fatti ha impoverito i servizi e creato nuove figure d'apparato appesantendo il sistema.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 23 aprile 2018, 11:56

Festa della Mamma: Fondazione Telethon e Uildm nelle piazze di tutta Italia con i cuori di biscotto

Al centro le "mamme rare" e il loro impegno verso le sfide quotidiane che la vita impone: il 5 e il 6 maggio al via "Io per lei", la campagna di primavera di Fondazione Telethon e Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM) per supportare la ricerca scientifica sulle malattie...


lunedì, 23 aprile 2018, 11:27

Toscana: seconda regione del centro Italia per aziende puntuali nei pagamenti

Secondo quanto emerso dallo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS, società del Gruppo CRIF specializzata nella business information, migliora l’andamento dei pagamenti in Italia a marzo 2018.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 22 aprile 2018, 19:50

"Wanderlust" al ristorante Il Grammofono

"Wanderlust". Ossia il forte e irresistibile impulso a viaggiare, girare il mondo per incontrare e conoscere. Questo il titolo che il Ristorante il Grammofono di Lucca ha scelto per la serata di venerdì 27 aprile: una cena, opera della chef Clara Ferretti (vincitrice della Gara fra giovani chef lucchesi nella...


domenica, 22 aprile 2018, 13:38

Prende il via al Granaio di San Pietro a Vico la Settimana del cibo, della buona musica e Festa della Birra

A partire dal 24 e fino 30 aprile presso il Granaio di San Pietro a Vico, si terrà la settimana del cibo, della buona musica e della birra.


sabato, 21 aprile 2018, 19:06

La manifestazione odierna organizzata da 16 associazioni e due coordinamenti, ha visto una grande partecipazione di persone appartenenti alle organizzazioni promotrici e tanti cittadini

La manifestazione odierna organizzata da 16 associazioni e due coordinamenti, ha visto una grande partecipazione di persone appartenenti alle organizzazioni promotrici e tanti cittadini. In oltre duecento si sono ritrovati in piazza San Frediano per poi percorrere un tratto di via Fillungo ed arrivare in piazza San Francesco, luogo dove...


sabato, 21 aprile 2018, 16:40

Hangar militareTassignano: "Al non coraggio del sindaco si aggiunge la non conoscenza dell'assessore Micciché"

ll Gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle Capannori prende atto che nella discussione sull'hangar militare di Tassignano si è inserita la Sig.ra Miccichè:


sabato, 21 aprile 2018, 15:54

Ottimo risultato per il sindacato Nursind per il rinnovo delle candidature Rsu 2018

Ottimo risultato per il sindacato Nursind per il rinnovo delle candidature Rsu 2018. "Si desidera ringraziare tutti i colleghi e simpatizzanti - si legge in una nota - per essersi recati a votare, il 17, 18 e 19 aprile, per il rinnovo delle Rappresentanze Unitarie Sindacali della nostra Azienda USL.


sabato, 21 aprile 2018, 14:47

"Genitori 2.0 - Come sopravvivere nel terzo millennio" a Lucca

Continuano in Lucchesia gli incontri dal titolo "Genitori 2.0 - Come sopravvivere nel terzo millennio da genitori sufficientemente buoni" rivolti ai genitori dei bambini che frequentano i nidi d'infanzia del Comune di Lucca ed organizzati dalla dirigente psicologa responsabile del Consultorio della Piana di Lucca, dottoressa Patrizia Fistesmaire, e dai...