Anno 7°

lunedì, 22 ottobre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Avv Alberta Cagnacci Lucca


Ce n'è anche per Cecco a cena


Ce n'è anche per Cecco a cena

Umberto Tenucci ha riaperto, schiaffo ad avvoltoi, iene, sciacalli e... invidiosi

sabato, 13 ottobre 2018, 12:16

di aldo grandi

Ci sono eventi, nella vita, capaci di segnare il cammino di un uomo rendendogli arduo andare avanti. Un tunnel infinito senza luce e senza nemmeno sapere quando e se, questa luce, tornerà. Poi, improvvisamente, accadono episodi che permettono di riaprire gli occhi con fiducia e tutto quello che è stato finisce, fortunatamente, confinato non nel dimenticatoio, ma nell'archivio della propria esistenza. Questa mattina ci saremmo aspettati molta più gente, di fronte al negozio di Umberto Tenucci, di quanta ne abbiamo trovata. Riapriva, lo storico locale, dopo essere stato chiuso per ben due anni a seguito delle vicissitudini giudiziarie in cui era stato coinvolto il suo proprietario. Via Fillungo, può sembrare strano, ma appariva rinfrancata, più felice, più bella anche con il fiore all'occhiello con alle spalle oltre 150 anni di storia cittadina. Gli amici si sono fatti avanti alla spicciolata, con discrezione come del resto è uso in questa città. Chi ha portato un'orchidea, chi una parola di incoraggiamento, chi la testimonianza di un'amicizia indissolubile, chi ancora si è avvicinato con curiosità. E gli occhi di Umberto avevano, bene in evidenza, una luce particolare come se invece di riaprire ciò che era stato chiuso, fosse, quella di oggi, una sorta di rinascita esistenziale, una prima volta da assaporare lentamente. Piero Pacini, Samuele Cosentino, Gabriele Mandoli, Titti Dall'Aglio immortalati in una foto a testimonianza di una solidarietà e di un legame forte e convinto...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Amaro Lucano

domenica, 7 ottobre 2018, 20:06

di aldo grandi

Qualcuno ha chiesto al sottoscritto di occuparsi, nella rubrica Ce n'è anche per Cecco a cena, del sindaco di Riace, Domenico Lucano, agli arresti domiciliari per aver favorito l'immigrazione clandestina organizzando e celebrando matrimoni tra alcuni abitanti del suo paese e donne sbarcate sulle spiagge italiane grazie all'apertura massiccia delle nostre frontiere portata avanti dalla Sinistra e dai suoi alfieri istituzionali. Non conoscendo le carte in possesso del pubblico ministero chi scrive non può dare un giudizio sulla necessità o meno della misura cautelare imposta al sindaco. Avendo conosciuto e frequentato per vari motivi esponenti della Sinistra extraparlamentare riesce difficile pensare che le accuse riguardino anche illeciti di natura economica ossia diretti ad arricchire le proprie tasche. E, comunque, non sarebbe questo, a modesto parere del sottoscritto, il problema principale. La foto del sindaco con il pugno chiuso della mano sinistra alla finestra della propria abitazione la dice tutta su quali siano la formazione, la mentalità, i principi, i valori, l'ideologia di questo personaggio addirittura dai soliti sciocchi yankees considerato una delle 50 persone più influenti del pianeta. E il bello è che noi italiani, provincialotti come sempre, tutti di corsa a imitare gli ignoranti a stelle e strisce. Non ci dilungheremo, quindi, sulla vicenda giudiziaria del sindaco di Riace se non per dire che non siamo né contenti né dispiaciuti per quello che gli è successo. E' un cittadino come gli altri, per di più investito di una carica istituzionale e se con questa carica ha privilegiato, commettendo un reato, gli interessi privati, qualunque essi siano, invece che quelli della Repubblica italiana e del suo Paese, bene, allora è giusto che venga processato...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Lucchese, una colossale figura di merda

venerdì, 5 ottobre 2018, 17:58

di aldo grandi

Proprio ora che la squadra allenata da Giancarlo Favarin sta dimostrando di potersela giocare alla pari con tutte le avversarie, ecco che sta per giungere la classica martellata sui coglioni, ossia la penalizzazione dovuta ai mancati adempimenti dell'interregno Grassini-Lucchesi. C'è chi parte da -8, chi spera in un -5 chi, addirittura, vorrebbe l'annullamento di ogni penalità. Così, purtroppo, non sarà e la compagine rossonera dovrà fare i conti con un andicap non da poco. Proprio quest'anno in cui, visti gli inizi, ci sarebbe stato da divertirsi. Al di là di questa misera considerazione, è indubbio che l'uomo della strada, ancor più del tifoso, affidandosi al buonsenso tipico dei populisti come vengono definiti dal politically correct, si domanda come sia stato possibile precipitare in un caos come quello che ha vissuto la Lucchese negli ultimi mesi. Sì, cari signori, perché è inevitabile, ineluttabile, indiscutibile, innegabile che tutti quanti, nessuno escluso, hanno fatto una colossale figura di merda. Ed è inutile, a nostro avviso, andare a cercare scuse o strategie improbabili, bensì evidente che i protagonisti di questa tragicommedia hanno commesso un errore dietro l'altro. Della figura fatta da Grassini, quello delle miniere aurifere in Tanzania e da Lucchesi, e da Lucchesi, quello che era stato effettivamente diesse con Roma e Fiorentina, c'è ben poco da aggiungere...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Meglio populisti che gufi

lunedì, 1 ottobre 2018, 22:54

di aldo grandi

A chi scrive Il Tirreno, quotidiano livornese schierato da sempre a sinistra, non è mai piaciuto granché, salvo quando, tanti anni fa, rappresentava, con la cronaca nera, la migliore scuola di giornalismo sul campo. Oggi, addirittura, l'autore di queste righe si è visto segnalare con un esposto all'ordine professionale da parte di due colleghe, una in servizio a Viareggio e una a Massa Carrara, per ipotetiche violazioni di uno dei codici etici ispirati dal Pensiero Unico Dominante. Negli ultimi anni, poi, il giornale labronico ha perso decine di migliaia di lettori, come, del resto, le altre testate cartacee e i suoi commenti, a leggerli, appaiono come ispirati da una stessa concezione lontana anni luce da quel cosiddetto buonsenso che piace tanto, invece, alla maggioranza degli italiani. Domenica mattina, tuttavia, capitatoci sott'occhio casualmente in un bar la copia del quotidiano, ci siamo messi a leggere l'editoriale a firma del direttore responsabile Luigi Vicinanza, persona dalla quale abbia sempre percepito una forte lontananza e i cui parti domenicali non ci avevano mai entusiasmato. Questa volta, però, abbiamo fatto fatica a non rileggere quel che aveva scritto perché ci sembrava impossibile, su un giornale del gruppo La Repubblica-L'Espresso, che un direttore arrivasse a comprendere quello che sta sotto gli occhi di tutti, ma che la Sinistra radical chic-choc e del politicamente corretto non vuole vedere. Vicinanza scrive: Non si può tifare per lo spread. Non si può esultare se la Borsa va giù. E' da irresponsabili prendersi la rivincita sugli avversari politici oggi al governo - bollati come irresponsabili a tutte le ore del giorno - augurandosi il tracollo finanziario del Paese...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Una lunga rabbia

sabato, 29 settembre 2018, 00:05

di aldo grandi

Per chi non lo conoscesse e, sicuramente, saranno in molti visto il tempo trascorso, all'inizio degli anni Cinquanta fu pubblicato un libro che ebbe un certo successo. Lo aveva scritto Carlo Castellaneta, pugliese di origine, milanese di adozione e il titolo era proprio Una lunga rabbia. Era, in sostanza, la storia di un giovane alla ricerca della propria strada nell'Italia del secondo dopoguerra, devastata dalla guerra e in cerca di un futuro. Lo stesso autore, ex correttore di bozze alla Mondadori, poi giornalista al Corriere della Sera e direttore di Storia Illustrata, aveva esordito il decennio precedente con un bellissimo libro dal titolo Viaggio col padre dove si intrecciavano il passato, il presente e il futuro del protagonista durante un viaggio in treno dal sud a Milano.
A distanza di così tanti anni, in un'Italia completamente diversa dove la rivoluzione sociale ed economica ha lasciato posto e potere a quella tecnologica, c'è ancora qualcuno, il sottoscritto, che pur non essendo più giovane e nemmeno più figlio nonché padre per circostanze avverse, al termine di tre mesi di purga o di sospensione decisa dal collegio di disciplina dell'ordine dei giornalisti di Roma, che una lunga rabbia sa cosa significhi, soprattutto se ad essa si unisce la impossibilità di fare quello per cui ha sempre creduto nella democrazia e nella libertà ossia il mestiere di scrivere...


Ce n'è anche per Cecco a cena

Il guerriero ritrovato

martedì, 25 settembre 2018, 13:29

di barbara pavarotti

Suonino le trombe, rullino i tamburi. Il guerriero torna in pista. Era ora. Fra qualche giorno leggerete nuovamente gli editoriali di Aldo Grandi e questa rubrica tornerà al suo legittimo ideatore. Abbiamo cercato – un po’ qui un po’ là – di sostituirlo, ma con risultati abbastanza deludenti in verità perché Grandi, nel bene e nel male, è unico. Nessuno, in queste terre di provincia, sa sferzare a destra e a manca come lui. Perché di provincia si tratta, è inutile negarlo, qui siamo lontani dagli ardori e dagli strali che altri direttori lanciano dai rispettivi giornali. Aldo Grandi, che ha un’esperienza giornalistica multiforme e soprattutto vissuta sempre da bastian contrario, mai asservito alla logica del “tenersi buoni quelli che contano”, davvero è un’eccezione. Poi la redazione si è anche un po’ stufata di questa sua “vacanza” forzata e non vede l’ora che il suo direttore torni a dirigere le proprie “creature”. L’ottima e impareggiabile Cinzia Guidetti, direttore responsabile in sua assenza, non si è staccata per tre mesi dal computer e ha trascorso l’estate col cellulare incollato all’orecchio. La dura vita di chi dirige una squadra di 40 persone. Quindi è buono e sano che Grandi torni. Ha scontato la “pena”, ovvero la sospensione imposta dall’Ordine, ed è giusto che dal 28 settembre torni a farsi il cosiddetto mazzo...


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Ultime notizie brevi


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 21 ottobre 2018, 09:45

Leone e Bonturi a disposizione dei cittadini al circolo Arci

Lunedì 22 ottobre, presso il circolo Arci in via Santa Gemma Galgani, nel centro storico al n.79, i consiglieri comunali Teresa Leone e Renato Bonturi saranno a disposizione dei cittadini a partire dalle 16,30 fino alle 18,30.


sabato, 20 ottobre 2018, 14:31

"La chiesa di S. Cristoforo da lunedì accessibile ai disabili"

"La chiesa di S.Cristoforo è inaccessibile per chi ha disabilità motorie, com'è possibile che gli organizzatori delle mostre non ci abbiano pensato?". Silvano Mannori: Ringraziamo per la segnalazione, ma ci avevamo pensato. Vogliamo invitare tutti gli interessati alle mostre organizzate, nell'ambito del progetto: Il fumetto: divertimento, cultura, ecumenismo, a farci...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 20 ottobre 2018, 14:30

Al via un corso gratuito di fotografia

Il Gruppo Archeologico Capannorese in collaborazione con il Comune di Capannori organizza un corso gratuito base di fotografia. Si articola in 10 lezioni che si terranno tutti i martedì sera dalle ore 21 alle ore 23 a partire dal 23 ottobre nella sala riunioni del Comune in piazza Aldo Moro.


sabato, 20 ottobre 2018, 12:59

Le condoglianze di "A colpi di Pennarello" e "La Magione del Tau" per la scomparsa della mamma di Alessandro Sesti

Ieri, venerdì 19 ottobre, è venuta a mancare la madre dell'illustratore e vignettista Alessandro Sesti. I cinque "Cavalieri della Magione del Tau", Elena De Nard, Riccardo Innocenti, Gabriele Muratori, Riccardo Pieruccini e Simone Togneri, "La Magione del Tau" e tutto lo staff di "A colpi di Pennarello" gli porgono le...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 20 ottobre 2018, 12:14

Open Day della Compagnia Balestrieri Lucca

Domani, domenica 21 ottobre, festa a casa della Compagnia Balestrieri Lucca, infatti l'associazione ha deciso di organizzare il primo "Open Day" della Balestra. La Compagnia lucchese per l'occasione terrà aperta la sua sede (Baluardo San Pietro) mettendo a disposizione del pubblico le sue attrezzature per consentire a grandi e bambini...


venerdì, 19 ottobre 2018, 18:14

Festa di Halloween con cavalli e pony a Porcari

Domenica 28 ottobre presso l'Asd Gt Quarter Horses e Pony Club in via Ciarpi 14/d a Porcari festa di Halloween in maschera aperta a tutti! Saranno presentati tutti gli animali con messa in sella su cavalli e pony per grandi e piccini più stuzzichini. Tutto gratuitamente. Dalle 14.30 in poi.


venerdì, 19 ottobre 2018, 16:31

Domenica a San Leonardo in Treponzio la 16^ Festa della castagna

Domenica 21 ottobre a partire dalle ore 14.30 allo Sportello al Cittadino zona sud (ex Circoscrizione n.4) in via di Sottomonte a San Leonardo in Treponzio


venerdì, 19 ottobre 2018, 15:37

USL Toscana nord ovest, al via la terza "Settimana della Trasparenza"

Rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità, accogliere i giudizi e i suggerimenti dei cittadini sulla cosiddetta “Amministrazione trasparente”: è questo l’obiettivo della terza “Settimana della trasparenza” organizzata dall’Azienda USL Toscana nord ovest e che si svolgerà dal 22 al 28 ottobre.“La normativa – spiega Maria Bartolozzi, Responsabile aziendale...


venerdì, 19 ottobre 2018, 14:59

“Super! Super! Super!” spettacolo di giocoleria ed arti circensi al teatro Nieri di Ponte a Moriano

Domani sabato 20 ottobre si terrà il terzo appuntamento della rassegna di teatro amatoriale “Chi è di scena!” organizzata dalla F.I.T.A. - Federazione Italiana Teatro Amatori - Comitato Provinciale di Lucca in collaborazione con Comune di Lucca, al Teatro Comunale “Idelfonso Nieri” di Ponte a Moriano, in scena la compagnia...


venerdì, 19 ottobre 2018, 14:15

A Marlia nasce una nuova associazione rivolta alle donne e ai giovani

Nei giorni scorsi è nata Tèlia, Associazione di Promozione Sociale scaturita dall’entusiasmo di un gruppo di donne, che decidono di mettere in gioco le proprie competenze, passioni e abilità per promuovere la crescita personale degli altri.