Anno 5°

giovedì, 14 dicembre 2017 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Fuga dalla Vittoria

domenica, 6 agosto 2017, 00:12

di aldo grandi

Chi scrive, da sempre, odia le ingiustizie, i soprusi, le soverchierie commessi nei confronti di chiunque, i privilegi, le consorterie, i comitati di affari, i partiti, tutto ciò che serve a relegare l'individuo e le sue capacità, l'uomo e la sua dignità, nei bassifondi della società. Chi scrive odia, soprattutto, il potere che non è di destra né di sinistra, né di centro: il potere, più semplicemente, è. Ed è uguale ovunque e ad ogni latitudine. Bene, per aver difeso il professor Pietro Martinelli sospeso e decurtato dello stipendio di circa 400 euro per aver manifestato il proprio pensiero sull'islam a una studentessa egiziana che non si era alzata in piedi come avevano fatto tutti gli altri e che, durante la lezione, se ne era andata per non assistere alla relazione sullo stato dell'Isis, la Gazzetta di Lucca ha ricevuto una lettera dell'avvocato milanese della preside della scuola dove insegna Marinelli. Proprio la preside, del resto, ha sospeso l'insegnante. Nella lettera dell'avvocato ci è stato intimato di non scrivere più sulla questione e di aver offeso la professoressa Maria Vittoria Amantea senza averla nemmeno ascoltata. Una lettera lunga quella del legale Marco Maccaferri che a noi sembra assurgere e assumere il tono di un ultimatum e l'avvocato sa bene che a un ultimatum si risponde solamente in un modo.

Abbiamo cercato di parlare con l'avvocato, ma dallo studio, dopo alcune chiamate, ci ha telefonato una sua collega molto gentile che, però, era completamente estranea alla vicenda, ma che, a nostra richiesta, si è impegnata a riferire al collega che, tuttavia e fino ad oggi si è ben guardato dal contattarci per spiegarci in che cosa avremmo offeso la sua cliente. All'avvocato non piacevano né andavano bene i nostri articoli, quelli del sottoscritto e di Barbara Pavarotti e senza tante storie e come sempre accade nelle lettere di questo genere, si riserva il diritto di adire le vie legali per chiedere risarcimento in sede civile e condanna in sede penale. 

Più volte abbiamo provato a contattare la professoressa Amantea sul suo profilo facebook, ma non ci ha mai risposto. Ha provato anche la collega Pavarotti, ma senza successo. 

Apprendiamo, tuttavia, proprio oggi, che  il professor Pietro Marinelli dell’istituto Falcone-.Righi di Corsico (Milano) denunciato e sospeso per aver criticato l’islam durante una lezione dedicata all’isis, ha avuto uno sviluppo inaspettato. La notizia arriva dallo stesso docente sul suo profilo facebook:

Cari amici, la preside del mio Istituto ha chiesto, nei miei riguardi, una visita medica di controllo, alla Commissione medica di verifica della Sovrintendenza della Lombardia, per accertare la mia idoneità o inidoneità all'insegnamento. Ciò perché lei sostiene che io abbia "disturbi nel comportamento gravi, evidenti e ripetuti, che fanno presumere l'esistenza dell'inidoneità psichica permanente assoluta o relativa al servizio".

Di fronte a queste righe non abbiamo potuto restarcene zitti anche a costo di prenderci tutte le querele di questo mondo. A questo punto crediamo che la professoressa Amantea debba spiegare e far sapere in base a cosa il professor Marinelli dovrebbe essere sottoposto a una visita medica atta a stabilire la sua idoneità al servizio. L'avvocato ha contestato all'autore di queste righe di aver definito Marinelli 'umiliato e offeso' nel titolo, ma perché?, questa visita medica secondo lui come dovrebbe essere interpretata se non una vergognosa umiliazione ai danni di un docente le cui colpe dovremmo e vorremmo conoscere visto che lo stesso avvocato milanese ci accusa di non aver verificato i fatti?

Viviamo in un mondo dove i giornalisti, nella stragrande maggioranza, sono dei lacché di regime o dell'editore e del direttore di turno, senza spina dorsale e proni al potere. A molti basta la minaccia di una querela per abbassare i pantaloni e rinunciare a tutto pur di non rischiare di essere inchiappettati.

Parola d'ordine del politicamente corretto dell'informazione è, appunto, non urtare la suscettibilità di chiunque, fossero anche cani e porci anzi, in particolare se si tratta di cani e porci. 

L'ordine dei giornalisti, invece di essere un organo in grado di difendere gli iscritti, spesso altro non è se non un tribunale pronto a giudicare al primo esposto che arriva sul tavolo presentato da chicchessia. 

Noi riteniamo che quando si tratta di principi, come in questo caso, nessuno debba fermarsi di fronte alla paura di essere chiamato in giudizio. In un universo dove la solidarietà è a senso unico e dove la mediocrità e l'ipocrisia regnano sovrani e incontrastati, in un paese dove il popolo è ancora più africano nell'animo e nello spirito di quanto non lo siano i milioni di clandestini che sbarcano sulle sue coste, c'è un professore, Pietro Martinelli, che tiene alto il nome non tanto del cristianesimo o dell'Italia, ma del corpo docente nella sua totalità e che cosa succede? Nessuno, né tra il sindacato, sempre in prima fila per difendere anche le peggiori stronzate, né tra la sinistra, né tra i partiti, né tra i colleghi del professore, né tra gli studenti che quando si tratta di contestare, lo fanno senza nemmeno sapere di cosa parlano. Solo, ancora una volta, la Gazzetta anzi, le Gazzette, che scendono in campo per non isolare quest'uomo, per non farlo sentire solo, per manifestargli la propria solidarietà e per chiedere, ancora una volta, al ministero di intervenire e alla preside, che sarà tornata dalle ferie, di farci sapere che cosa ha esattamente commesso il professor Pietro Marinelli. Lo esige la nostra coscienza, lo richiede il nostro mestiere, le rivendica il popolo italiano che, nella scuola pubblica, ancora ha fiducia.


Questo articolo è stato letto volte.


carismi san miniato


bonito400


BF Cristiana Francesconi



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 10 dicembre 2017, 21:42

Giorgio Del Ghingaro e l'ultimo treno per Roma

Ci stavamo domandando quando sarebbe accaduto. Non tanto e non solo perché riteniamo che, di fronte alla nullità di una infinità di squallidi politicanti da strapazzo, il Nostro appaia quasi un gigante, quanto perché, dopo il Grande Passo di Massimo Mallegni sindaco dimissionario di Pietrasanta nonché suo grande amico e...


giovedì, 7 dicembre 2017, 22:06

Il nemico in casa

Certo che adesso i giornalisti cosiddetti progressisti e politically correct avranno di che sbizzarrirsi per attaccare Donald Trump, colui che, primo e unico nella storia, ha scelto Gerusalemme come sede dell'ambasciata Usa nonché come capitale effettiva di Israele.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 5 dicembre 2017, 00:18

Assalto all'Arma: carabinieri abbandonati, bistrattati, umiliati e derisi. E gli Alti Papaveri stanno a guardare

Che questo sia un Paese di merda è, ormai, cosa risaputa e pare entrata anche nelle consuetudini e nei modi di dire. Un Paese e usiamo la P maiuscola per tenerezza ancor più che per rispetto, dove le cose non solo vanno alla rovescia, ma dove l'imbecillità e la strumentalizzazione...


venerdì, 1 dicembre 2017, 18:51

Il Regno dell'Ipocrisia

Alleviamo conigli e poi ci lamentiamo se non sanno comportarsi da leoni. Da qualche parte, questa frase, è stata pubblicata, presumibilmente su un profilo facebook e al di là di tutte le differenze storiche, fa il paio con quella, più famosa e risalente alla prima guerra mondiale quando, su un...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 28 novembre 2017, 06:46

La dittatura dell'antifascismo

Se oggi, anno di (dis)grazia 2017, a distanza di quasi ottanta anni da quando è finita la guerra civile, la Sinistra ha bisogno ancora di emettere gli squittii per un ipotetico rigurgito fascista, non si può non pensare, con devastante consapevolezza il sottoscritto, all'atmosfera e all'aria che si respiravano negli...


giovedì, 23 novembre 2017, 19:19

A cosa serve la Giornata mondiale contro la violenza alle donne se non si puniscono in maniera esemplare coloro che tale violenza commettono?

Il 25 novembre è stato scelto nel 1999 come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne dall'Assemblea Generale della Nazioni, ma, probabilmente, il 21enne albanese, clandestino in Italia, con precedenti per furto e rapina, nemmeno lo sapeva.