Anno 5°

mercoledì, 18 luglio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Baccelli e Marcucci, onore ai vinti

mercoledì, 7 marzo 2018, 21:12

di aldo grandi

Avremmo sicuramente più di un motivo per essere soddisfatti della clamorosa sconfitta patita, in terra lucchese, dalla coppia Baccelli-Marcucci, ma al di là di ogni considerazione di carattere politico, non possiamo non sottolineare la grande prova di dignità fornita da entrambi i candidati durante la conferenza stampa nella sede territoriale del Partito democratico. Prima Baccelli e, poi, Marcucci, hanno ammesso senza tentare inutili virtuosismi, la loro sconfitta, una batosta umana ancor più che politica come è trapelato dalle parole del consigliere regionale visibilmente ed emotivamente coinvolto e commosso. E' stato, il suo, un discorso senza usare perifrasi, senza ricorrere a metafore, un andare diritto al sodo senza tentativi di annacquare il boccone indigesto al fine di mandarlo giù con meno difficoltà. E anche il senatore, abituato a essere sempre in prima linea in questi ultimi anni a fianco di Matteo Renzi, non ha provato a rintuzzare gli attacchi, taciti, ma palesi, causati dalla sconfitta alle urne. Per Andrea Marcucci l'amarezza ha avuto il sopravvento e traspariva evidente dalle sue parole, come a domandarsi per quale ragione, a lui che tanto aveva fatto e fa per il territorio, sia stato riservato un trattamento simile. Ciò che è piaciuto, però, nelle due 'confessioni' è stata la capacità di andare al di là dell'orgoglio ferito e di riconoscere i propri limiti e le proprie delusioni, manifesti, trasparenti, ma coltivati con dignità. Baccelli ha portato due esempi della propria incredulità, uno riferito al 2009 quando, ha detto, rischiò di essere travolto dall'inondazione di S. Maria a Colle. In più l'impegno e la passione, enormi, per rimettere in sesto argini e alvei che, evidentemente e visti gli scarsi risultati delle urne in quel seggio, non sono bastati a conquistarsi la gratitudine e la fiducia degli abitanti.

Anche Marcucci, sia pure con minore enfasi, ha mostrato dispiacere e, perché no?, anche una certa malcelata sorpresa nel riconoscere che nelle sue terre, la Mediavalle e la Garfagnana, gli avversari hanno avuto, in alcuni centri, una maggioranza all'apparenza incomprensibile. Bagni di Lucca, Coreglia Antelminelli, Borgo a Mozzano governato dal fedelissimo Andreuccetti, gli hanno riserbato esiti nefasti anche se, geograficamente parlando, in queste zone già il referendum del 4 dicembre 2016, aveva inviato segnali inequivocabili. 

Mai però, come durante questa conferenza stampa-confessione, questi due 'giganti' della politica locale avevano, a nostro avviso, mostrato anche una loro caratura politica inequivocabile. Un po' annebbiata dall'aver voluto a tutti i costi fare riferimento ai progetti degli assi viari e del ponte sul Serchio da loro sostenuti e avviati e, adesso, nelle mani dei 'nuovi barbari' arrivati quasi a spodestare gli aventi, da sempre, diritto. 

Onore ai vinti, dunque, perché si sono meritati l'onore delle armi grazie proprio alla loro disponibilità umana, al non nascondersi dietro scuse risibili, alla consapevolezza che non avrebbe avuto senso scaricare su altri responsabilità proprie. Eppure, ci sentiamo di accogliere questa testimonianza con un giusto riconoscimento politico che, a nostro avviso, sta nel ribadire come la colpa di una sconfitta annunciata non sia dei Baccelli e dei Marcucci, ma del partito in cui hanno militato e militano e della incapacità di quello, a livello nazionale, di mostrarsi interprete delle reali esigenze e dei reali bisogni degli italiani. Chiunque, oggi come oggi, candidato del Pd o a Sinistra, avrebbe fatto la medesima fine, forse anche peggio. 

Non sono stati i Baccelli e i Marcucci a perdere, bensì il loro partito a uscire massacrato dalla competizione elettorale, ma per ragioni tutt'altro che locali e particolaristiche per cui niente e nessuno tolgono a ciò che essi hanno fatto o provato a fare per il territorio.

L'errore e la coerenza al tempo stesso stanno nell'aver voluto a tutti i costi marciare a fianco di uno sconfitto, Matteo Renzi, che vagava da due anni in cerca di una identità che lui per primo non ha mai difeso per il popolo che voleva rappresentare.

Baccelli e Marcucci avranno altre chances, presumibilmente, per dimostrare il proprio attaccamento a Lucca e alla Lucchesia, ma a patto che siano disposti a cambiare sentiero. Quello intrapreso da anni da tutta la Sinistra e dal Pd non conduce da nessuna parte.

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 16 luglio 2018, 17:28

Il giornale di Chicco e le Gazzette

Tutti inneggiano al nascituro quotidiano online di Enrico Mentana che darà lavoro pagato ai giovani e farà lavorare gratis i “vecchi”, ovvero i giornalisti già affermati, con uno stipendio o una pensione, nel ruolo di maestri.


sabato, 14 luglio 2018, 21:21

Aldo Grandi al rogo!

Aldo Grandi sta dalla parte sbagliata. Sempre. Perché non è diplomatico, non conosce le mezze misure, perché a ogni editoriale è come se volesse giocarsi la sua vita ai dadi, perché provoca senza pudore e ignora reticenze e compromessi. Aldo Grandi è nato così, pecora nera in un mondo di pecore.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 giugno 2018, 19:52

Una enorme figura di m...a

Per quanto ci riguarda, la nuova proprietà e la nuova dirigenza della Lucchese Libertas srl hanno chiuso i conti. E non stiamo riferendoci, certamente, a quelli economici che, a quanto pare, non stanno navigando in buone acque, ma alla sincerità, alla stima, a quel rapporto di fiducia che, all'inizio di...


mercoledì, 27 giugno 2018, 23:57

Lucca, da isola bianca a isola rossa

Quando questo scribacchino di provincia sbarcò per la prima volta a Lucca, nel lontanissimo autunno 1989, la città di Lucca era conosciuta politicamente a livello regionale e nazionale, per essere, per tradizione, un'isola bianca in mezzo a un arcipelago rosso dove per arcipelago si intendeva la regione Toscana.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 25 giugno 2018, 01:50

Bada culo!

Una cosa è certa: Alessandro Tambellini ha avuto davvero un gran culo. Se le elezioni amministrative a Lucca invece di tenersi nel 2017, si fossero svolte un anno dopo cioè ora, Remo Santini sarebbe stato eletto sindaco, ma anche qualunque altro nome avrebbe ottenuto un successo a spese della Sinistra.


giovedì, 21 giugno 2018, 20:20

Italiani si nasce, comunisti si diventa

Hanno in mano le reti televisive pubbliche grazie a giornalisti assunti per raccomandazione e amici degli amici. Detengono la maggior parte dei quotidiani cartacei, quelli che, una volta, si dicevano ad alta tiratura mentre oggi, ormai, ne è rimasto solo il ricordo.