Anno 5°

mercoledì, 18 luglio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Un circo senza animali non è un circo per bambini

lunedì, 26 marzo 2018, 21:04

di aldo grandi

Ha ragione, in fondo, il Guercio quando scrive che i problemi di questa città sono ben altri rispetto al fatto se il circo Medrano, appollaiato in piazzale don Baroni, debba fare i propri spettacoli con gli animali oppure no. Eppure non si può far finta di non vedere che anche questa volta, come ormai accade sempre più spesso, si rovescia ciò che è sempre stato in nome di un presente e di un futuro che, spesso, sono l'esatto opposto di ciò che erano fino a qualche tempo fa. Da che mondo è mondo il circo ha sempre avuto, al suo interno, gli animali oltre ad altre attrazioni ed è indubbio che uno dei principali motivi per i quali le famiglie si recavano a vederlo stava proprio nella presenza delle bestie, soprattutto, se feroci. Certo, al pari degli zoo, invece della libertà della savana o della giungla, gli animali erano ridotti in cattività, costretti a fare ciò che l'uomo imponeva loro in un modo o nell'altro. Ma tant'è. Così era sempre stato e così, per molti, avrebbe dovuto continuare ad essere. Invece, piano piano, il circo è stato stravolto e lo si vorrebbe, o lo vorrebbero, composto solo da esseri umani, clown, trapezisti, giocolieri, tutto fuorché la presenza di animali. Giusto o sbagliato che sia a noi pare che questo circo sia più adatto agli adulti che non ai bambini e che venga tolto, a questi ultimi, il tratto epico della faccenda, esattamente come, una volta, le letture dei ragazzi spaziavano tra Sandokan e Julio Verne o Zanna bianca mentre oggi, purtroppo, non solo non esistono più questi personaggi e questi autori, ma nemmeno le letture in generale.

Per carità, siamo tutti in favore degli animali e nessuno vuole seviziarli o renderli schiavi delle pretese dell'essere più malvagio al mondo, ossia l'uomo, ma da qui a cancellare ogni presenza di quattro zampe al circo ce ne corre. Sarà, forse, per questa ragione che qualcuno, l'altra notte ha affisso uno striscione in cui lamentava proprio l'assenza degli animali in un circo che voglia essere adatto ai più piccoli. Non sarà, magari, il massimo, ma aveva ragione. A noi sembra, come accade in tanti altri campi, di voler intravedere anche in questa decisione di vietare la presenza degli animali, il voler imporre una ideologia ad una realtà atavica. In sostanza, imporre a colpi di carta bollata e di posizioni ideologizzate un comportamento lontano anni luce dalle abitudini della gente che, il circo, lo ha vissuto e ci è cresciuta. Ricorda ancora, chi scrive, l'amore che aveva per gli animali che doveva domare uno dei principali artefici della storia del circo, Nando Orfei, il quale, esattamente come Moira Orfei, faceva notare alle prime avvisaglie delle polemiche animaliste, come i primi, ad avere interesse a tenere bene le bestie erano proprio loro, gli uomini e le donne del circo. 

Il Guercio ha ragione, ci sono tanti problemi molto più gravi a Lucca e uno di questi, ad esempio, è il mercato ambulante divenuto, ormai, l'ombra di quello che, per i suoi operatori, era. E il circo Medrano, in questi giorni, di sabato e di mercoledì, ha involontariamente provocato un danno economico per la impossibilità di molti visitatori di parcheggiare l'auto e recarsi al mercato. Che dire? Noi il circo ce lo ricordiamo da piccoli con gli animali e, da grandi, ci basterebbero, forse, solo gli acrobati, ma i bambini, di un circo senza animali, non sanno, davvero, cosa farsene.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 16 luglio 2018, 17:28

Il giornale di Chicco e le Gazzette

Tutti inneggiano al nascituro quotidiano online di Enrico Mentana che darà lavoro pagato ai giovani e farà lavorare gratis i “vecchi”, ovvero i giornalisti già affermati, con uno stipendio o una pensione, nel ruolo di maestri.


sabato, 14 luglio 2018, 21:21

Aldo Grandi al rogo!

Aldo Grandi sta dalla parte sbagliata. Sempre. Perché non è diplomatico, non conosce le mezze misure, perché a ogni editoriale è come se volesse giocarsi la sua vita ai dadi, perché provoca senza pudore e ignora reticenze e compromessi. Aldo Grandi è nato così, pecora nera in un mondo di pecore.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 giugno 2018, 19:52

Una enorme figura di m...a

Per quanto ci riguarda, la nuova proprietà e la nuova dirigenza della Lucchese Libertas srl hanno chiuso i conti. E non stiamo riferendoci, certamente, a quelli economici che, a quanto pare, non stanno navigando in buone acque, ma alla sincerità, alla stima, a quel rapporto di fiducia che, all'inizio di...


mercoledì, 27 giugno 2018, 23:57

Lucca, da isola bianca a isola rossa

Quando questo scribacchino di provincia sbarcò per la prima volta a Lucca, nel lontanissimo autunno 1989, la città di Lucca era conosciuta politicamente a livello regionale e nazionale, per essere, per tradizione, un'isola bianca in mezzo a un arcipelago rosso dove per arcipelago si intendeva la regione Toscana.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 25 giugno 2018, 01:50

Bada culo!

Una cosa è certa: Alessandro Tambellini ha avuto davvero un gran culo. Se le elezioni amministrative a Lucca invece di tenersi nel 2017, si fossero svolte un anno dopo cioè ora, Remo Santini sarebbe stato eletto sindaco, ma anche qualunque altro nome avrebbe ottenuto un successo a spese della Sinistra.


giovedì, 21 giugno 2018, 20:20

Italiani si nasce, comunisti si diventa

Hanno in mano le reti televisive pubbliche grazie a giornalisti assunti per raccomandazione e amici degli amici. Detengono la maggior parte dei quotidiani cartacei, quelli che, una volta, si dicevano ad alta tiratura mentre oggi, ormai, ne è rimasto solo il ricordo.