Anno 5°

mercoledì, 18 luglio 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Entro il 19 i soldi sul conto di Arnaldo Moriconi o la Lucchese resta dov'è

domenica, 15 aprile 2018, 12:35

di aldo grandi

Mentre la Lucchese insegue i play-off e chissà che non ce la faccia a regalare questa sorpresa ai suoi tifosi, tiene banco la vicenda relativa all'ormai imminente acquisto della società rossonera da parte del sodalizio Grassini-Lucchesi. Arnaldo Moriconi, patron rossonero, ha concesso una ulteriore proroga di dieci giorni per cui, come tiene a precisare, non il 19, ma entro il 19 i soldi pattuiti dovranno essere versati con tanto di bonifico sul proprio conto. Siamo, quindi, agli sgoccioli di questa vicenda che sta tenendo con il fiato sospeso gli appassionati della Pantera. 750 mila euro o giù di lì non sono cifra da poco e fino a quando il nostro Paperon de Moriconi non li vedrà nero su bianco, ci penserà due volte prima di manifestare un giudizio. Noi vogliamo pensare che sia Lorenzo Grassini sia, soprattutto, Fabrizio Lucchesi non siano venuti a Lucca tanto per sfogliare la margherita, bensì con intenzioni serie di procedere in breve tempo a rinforzare la squadra per farle raggiungere traguardi prestigiosi. Si parla, addirittura, da Roma, di sponsor di spessore pronti a contribuire al rilancio dei colori rossoneri.

Se così sarà saremo i primi a rallegrarcene, ma prima di tutto occorre attendere questo fatidico 19 aprile. Intanto la squadra agli ordini di mister Lopez - che noi confermeremmo senza indugio - sta facendo il proprio dovere per cui c'è ben poco da rimproverarle. La telenovela, in sostanza, è agli sgoccioli, mancano solamente 750 mila euro all'alba.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi



prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 16 luglio 2018, 17:28

Il giornale di Chicco e le Gazzette

Tutti inneggiano al nascituro quotidiano online di Enrico Mentana che darà lavoro pagato ai giovani e farà lavorare gratis i “vecchi”, ovvero i giornalisti già affermati, con uno stipendio o una pensione, nel ruolo di maestri.


sabato, 14 luglio 2018, 21:21

Aldo Grandi al rogo!

Aldo Grandi sta dalla parte sbagliata. Sempre. Perché non è diplomatico, non conosce le mezze misure, perché a ogni editoriale è come se volesse giocarsi la sua vita ai dadi, perché provoca senza pudore e ignora reticenze e compromessi. Aldo Grandi è nato così, pecora nera in un mondo di pecore.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 29 giugno 2018, 19:52

Una enorme figura di m...a

Per quanto ci riguarda, la nuova proprietà e la nuova dirigenza della Lucchese Libertas srl hanno chiuso i conti. E non stiamo riferendoci, certamente, a quelli economici che, a quanto pare, non stanno navigando in buone acque, ma alla sincerità, alla stima, a quel rapporto di fiducia che, all'inizio di...


mercoledì, 27 giugno 2018, 23:57

Lucca, da isola bianca a isola rossa

Quando questo scribacchino di provincia sbarcò per la prima volta a Lucca, nel lontanissimo autunno 1989, la città di Lucca era conosciuta politicamente a livello regionale e nazionale, per essere, per tradizione, un'isola bianca in mezzo a un arcipelago rosso dove per arcipelago si intendeva la regione Toscana.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 25 giugno 2018, 01:50

Bada culo!

Una cosa è certa: Alessandro Tambellini ha avuto davvero un gran culo. Se le elezioni amministrative a Lucca invece di tenersi nel 2017, si fossero svolte un anno dopo cioè ora, Remo Santini sarebbe stato eletto sindaco, ma anche qualunque altro nome avrebbe ottenuto un successo a spese della Sinistra.


giovedì, 21 giugno 2018, 20:20

Italiani si nasce, comunisti si diventa

Hanno in mano le reti televisive pubbliche grazie a giornalisti assunti per raccomandazione e amici degli amici. Detengono la maggior parte dei quotidiani cartacei, quelli che, una volta, si dicevano ad alta tiratura mentre oggi, ormai, ne è rimasto solo il ricordo.