Anno 7°

martedì, 23 ottobre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Quello che la Rai (e non solo) non dice né mostra: a Viterbo bagno di folla per Matteo Salvini

mercoledì, 5 settembre 2018, 21:59

di Antonio Chimenti

Guardate queste immagini. Si tratta di un video girato in occasione della visita di Matteo Salvini, ministro dell'Interno e vice presidente del Consiglio, a Viterbo. Il clima è festoso oltre ogni limite e siamo sicuri che queste scene avverrebbero ovunque in questa Italia stanca dei soliti politicanti da strapazzo verniciati di rosso sbiadito. Dice: ma allora voi delle Gazzette siete diventati leghisti? No, noi non diventiamo leghisti per il semplice motivo che siamo già quel che siamo e la politica dei partiti non ci piace né ci è mai piaciuta. Tuttavia non si può non guardare con simpatia da un lato, amarezza dall'altro, questo filmato. Purtroppo il servizio televisivo nel nostro Paese è in mano a un faraone come Silvio Berlusconi, ormai più una mummia, e preda dei giornalisti assunti nei decenni a calci in culo e raccomandati ora da una parte, ora dall'altra nella Tv di stato. Ecco la ragione per cui queste scene, non inventate, ma vere, non le vedremo mai nonostante si paghi il canone anche noi che non la pensiamo come il Pensiero Unico Dominante delle Boldrini o dei Gentiloni, dei Fiano o dei Renzi di turno. Eppure se un servizio pubblico fosse veramente tale, allora non si dovrebbe vedere solamente, come stasera, il servizio sulla spedizione anti immigrati di un gruppo di idioti, ma anche queste immagini che sono la testimonianza, a dispetto di tutti gli intellettuali-giornalisti-politici radical chic-choc, di che cosa apprezza la gente in questo momento: la concretezza e il buonsenso.

Mai come in questo frangente si è avvertito e si avverte la dissonanza, la discrepanza, la lontananza che esiste tra il popolo italiano nella sua grande maggioranza e le élites o classi dirigenti che l'hanno governato fino ad oggi e vorrebbero educarlo, nemmeno si trattasse di un bambino capriccioso che non asseconda i desiderata di papà e mamma. La realtà è che gli italiani hanno perso la pazienza, che sono tornati a credere nella possibilità di uscire dalla situazione di sudditanza in cui sono stati per anni grazie ai governi illegittimi succedutisi nel tempo. Gli italiani, sì, proprio loro, così disprezzati e mal sopportati nelle assise europee della globalizzazione spinta e indiscriminata, della finanza mondiale, dove si decidono a tavolino le sorti di un Paese tenendo conto soltanto dei suoi numeri. 

Gli italiani sono ingestibili, individualisti, irrispettosi, irriconoscenti, imprevedibili, indisciplinati ed è per queste loro caratteristiche che le cariatidi di Bruxelles li guardano con sospetto e antipatia. Perché non sanno mai cosa possono aspettarsi da un popolo che ha edificato le cattedrali e che possiede il patrimonio artistico-culturale più importante al mondo.

Chi si ostina a dare del fascista a Matteo Salvini non ha capito niente. Chi ancora ha bisogno del feticcio fascismo da esorcizzare non ha capito niente di ciò che sta avvenendo nel cuore e nella testa di questo popolo a volte bistrattato oltre ogni misura e mai, fondamentalmente, compreso fino in fondo. Gli italiani non sono fascisti e nemmeno razzisti. Sono, più semplicemente, italiani che si sentono stranieri in casa propria dove sono stati accolti milioni di clandestini senza che qualcuno abbia chiesto il loro parere visto che, fino a prova contraria, la sovranità risiede nel popolo e non certo nei suoi governanti.

Siamo arrivati al paradosso che la Lega, il partito secessionista per antonomasia, è diventato l'unico partito che difende l'identità nazionale di questo Paese. Che poi lo faccia strumentalmente è un'altra questione e saranno i fatti a dimostrare di che natura sia il patriottismo ritrovato di Salvini e della sua truppa.

Certo, ostinarsi a non vedere che ogni Stato, alla faccia della solidarietà europea, si muove perseguendo il proprio particulare, vuol dire proprio avere gli occhi foderati di prosciutto. Guardate a cosa sta facendo la Francia in Libia eppure tocca sentire i politicanti da strapazzo della Sinistra invocare l'europeismo e l'amicizia con Macron per affinità di vedute - tutti e due figli del medesimo sistema di banchieri - e attaccare la posizione autonoma e sicuramente nazionale ancor più che nazionalista, dell'attuale governo italiano. 

Siamo arrivati al punto che i militanti e i simpatizzanti della galassia senza senso e colorata di rosso preferirebbero vedere morti i propri fratelli e accogliere a braccia aperte chiunque altro si affacci sulle nostre disgraziate coste.

Poveri idioti. Non hanno compreso, come, invece, avevano fatto Ida Magli e Oriana Fallaci, che quando si toccano certe corde sensibili all'animo umano - identità, storia, cultura, religione - bisogna usare la massima cautela e perfino papa Francesco, con le sue teorie azzardate e prive di buonsenso, è il papa più contestato della storia. Più la Tv non ci fa vedere queste immagini e più gli italiani continueranno, per bastian contrario, a sostenere Salvini e l'attuale governo.

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


scopri la Q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 22 ottobre 2018, 21:25

Avevamo ragione noi!

Ormai non sappiamo nemmeno quante querele e altrettanti esposti all'ordine professionale ci hanno interessato in questi sette anni di Gazzette. Segnalazioni per violazione di tutti i codici etimologici esistenti, perfino per quelli non ancora varati. Accuse di razzismo, fascismo, populismo, qualunquismo.


sabato, 13 ottobre 2018, 12:16

Umberto Tenucci ha riaperto, schiaffo ad avvoltoi, iene, sciacalli e... invidiosi

Ci sono eventi, nella vita, capaci di segnare il cammino di un uomo rendendogli arduo andare avanti. Un tunnel infinito senza luce e senza nemmeno sapere quando e se, questa luce, tornerà. Poi, improvvisamente, accadono episodi che permettono di riaprire gli occhi con fiducia e tutto quello che è stato...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 7 ottobre 2018, 20:06

Amaro Lucano

Qualcuno ha chiesto al sottoscritto di occuparsi, nella rubrica Ce n'è anche per Cecco a cena, del sindaco di Riace, Domenico Lucano, agli arresti domiciliari per aver favorito l'immigrazione clandestina organizzando e celebrando matrimoni tra alcuni abitanti del suo paese e donne sbarcate sulle spiagge italiane grazie all'apertura massiccia delle...


venerdì, 5 ottobre 2018, 17:58

Lucchese, una colossale figura di merda

Proprio ora che la squadra allenata da Giancarlo Favarin sta dimostrando di potersela giocare alla pari con tutte le avversarie, ecco che sta per giungere la classica martellata sui coglioni, ossia la penalizzazione dovuta ai mancati adempimenti dell'interregno Grassini-Lucchesi.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 1 ottobre 2018, 22:54

Meglio populisti che gufi

A chi scrive Il Tirreno, quotidiano livornese schierato da sempre a sinistra, non è mai piaciuto granché, salvo quando, tanti anni fa, rappresentava, con la cronaca nera, la migliore scuola di giornalismo sul campo. Oggi, addirittura, l'autore di queste righe si è visto segnalare con un esposto all'ordine professionale da...


sabato, 29 settembre 2018, 00:05

Una lunga rabbia

Per chi non lo conoscesse e, sicuramente, saranno in molti visto il tempo trascorso, all'inizio degli anni Cinquanta fu pubblicato un libro che ebbe un certo successo. Lo aveva scritto Carlo Castellaneta, pugliese di origine, milanese di adozione e il titolo era proprio Una lunga rabbia.