Anno 7°

sabato, 25 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Femministe sì, maschilisti no?

lunedì, 26 novembre 2018, 16:44

di aldo grandi

E' appena trascorsa la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Niente da dire, ricorrenza giusta e istruttiva anche se, a nostro avviso, spesso interpretata a senso unico e senza tutta una serie di considerazioni. Il linguaggio politicamente corretto del Pensiero Unico Dominante tendente, come sempre, a sinistra, giudica il femminismo e, quindi, le femministe alla stregua di una categoria protetta e legittimata a inalberare il vessillo di tutela della donna. La quale, ovviamente, difende la sua posizione e i suoi diritti. L'opposto di femminismo, ossia maschilismo, è impronunciabile e vocabolo dai connotati esclusivamente negativi. Succede, così, che un uomo che voglia vedere tutelati i propri diritti venga considerato un maschilista nel senso più deleterio del termine - altro senso, inoltre, non esiste - mentre per una donna il termine femminista ha una eccezione esclusivamente positiva salvo rare, più uniche, eccezioni. Pensavamo questo, noi che, in tutto il corso della nostra esistenza, per le donne abbiamo nutrito una sorta di rispetto-venerazione che ci ha condotti, molte volte, a ritenerle, sbagliando, sostanzialmente e fisicamente più deboli e, quindi, come tali, meritevoli di protezione, amore, cortesia, gentilezza: in una parola cavalleria. Quello che, tuttavia, con difficoltà riusciamo a digerire, è la tendenza a fare del femminismo un vessillo di scontro e non di confronto, dove gli uomini vengono visti come dei potenziali nemici capaci delle violenze più efferate. Lasciamo perdere, innanzitutto, questo atteggiamento persecutorio che, purtroppo, esiste eccome, ma che fa il paio, sia pure in misura più ridotta, con altri tipi di violenze che gli uomini sono costretti a subire in svariati ambiti della propria esistenza. 

E facciamo il punto su una contraddizione così palese e così evidente da instaurare in noi la sensazione prima, la convinzione dopo che, a fronte di un giusto, comprensibile, giustificato atteggiamento rivendicativo esista una ideologizzazione della donna che, guarda caso, sbanda costantemente a sinistra, in quell'universo parallelo dove non esistono mezze misure, ma l'assolutismo vero e proprio. 

In tutte le manifestazioni di carattere femminista, l'uomo viene messo, in un certo senso all'indice per la sua, potenziale e indiscutibile, a volte, violenza esercitata su un soggetto fisicamente più debole. Ma nonostante questo, mai e poi mai che vengano prese posizioni della stessa intensità contro il fenomeno dell'immigrazione incontrollata che da anni siamo costretti, noi uomini e le donne, a subìre. Una volta e fino almeno al pontificato di Giovanni Paolo II, la Chiesa era piuttosto guardinga e restìa ad ammettere anzi, ad accettare i matrimoni misti tra donne di religione cristiana e cattolica con uomini di fede musulmana. E non esistevano problemi nel riconoscere, indubbiamente, l'esistenza di conflitti, il più delle volte insanabili, in questa unione. 

In questi ultimi anni, al contrario, ciò che prima veniva dalla Chiesa esplicitamente manifestato, oggi è quasi del tutto scomparso. E sono ben pochi gli intellettuali, i giornalisti, i politici che hanno il coraggio di mettere nero su bianco i rischi cui va incontro, sistematicamente, la famiglia mista. 

Eppure noi non abbiamo mai sentito pronunciare una condanna né un rifiuto da parte delle associazioni femministe o dalle femministe più politicizzate, dell'invasione cui siamo stati costretti accogliendo centinaia di migliaia di giovani virgulti di religione musulmana senza nemmeno porci il dilemma se il farlo avrebbe generato situazioni esplosive. O non è evidente nel Corano la posizione, decisamente subordinata per non dire inferiore, della donna? Per carità, in una realtà musulmana i musulmani si comportano come bravi credenti rispettando le regole del Corano, ma in un Paese a maggioranza cattolica e, per il resto, secolarizzata, come si può non comprendere quale pericolo corrano la famiglia e i suoi componenti?

Inoltre, queste femministe a un tanto al chilo, non le abbiamo viste scendere in piazza e manifestare la propria rabbia nei confronti degli assassini di Pamela o di Desirée e certamente, chi ha la nostra età, ricorderà con quale giusto accanimento e disprezzo furono inseguiti gli autori del massacro del Circeo. Ma il dubbio è che se gli assassini e gli stupratori o gli spacciatori sono di colore o immigrati, non avviene la stessa rivolta interiore ed esterna che si manifestano qualora, come al Circeo, gli autori siano etichettabili come fascisti. Come se la violenza fosse una questione ideologica o di partito e non, al contrario, un atteggiamento trasversale da combattere sempre e comunque.

Ecco perché noi, quando si parla di battaglia contro la violenza alle donne, restiamo interdetti nel constatare che esistono diversi tipi di violenza e quella più criticabile e condannabile, secondo le associazioni femministe, è quella dell'uomo bianco, notoriamente fascista, razzista, omofobo e chi più ne ha più ne metta. E che le femministe non si rendono conto che assurgere a paladine dell'omosessualità è come, paradossalmente, condannare all'estinzione la razza umana o rinunciare all'unica prerogativa esclusiva che la donna possiede, ossia quella di generare la vita e di consentire la sopravvivenza della specie. 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 maggio 2019, 19:38

Industriali ed imprenditori désengages

Una volta, alle origini del capitalismo italiano, notoriamente cresciuto non solo per meriti propri, ma anche grazie all'apporto di capitali stranieri, c'erano famiglie che, come nel resto del mondo occidentale, vivevano la propria condizione sociale non tanto come un diritto o un privilegio, ma come una sorta di compito assegnato...


sabato, 18 maggio 2019, 19:39

Barra dritta e avanti tutta

Chi, come il sottoscritto, fa questo lavoro di merda da trent'anni, ha, ormai, compreso quali sono i meccanismi in base ai quali funziona il sistema di quella che, pomposamente, viene definita libertà di informazione. Ci sono insegnanti, giornalisti, editori che si sciacquano la bocca cercando di spiegare ai ragazzi delle...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 13 maggio 2019, 14:56

Sinistra, Chiesa e poteri forti contro il popolo. Chi sente di essere italiano non può stare dalla loro parte

E' incredibile. Allucinante, terribilmente, maledettamente serio. Quello che sta accadendo in Italia a livello politico è un tentativo di colpo di stato strisciante messo insieme non dai fascisti, come suggeriscono e vorrebbero gli imbecilli verniciati di rosso, ma dalle élites intellettualoidi della sinistra radical chic choc.


giovedì, 9 maggio 2019, 22:12

Assi viari, altra inculata per l'unico soggetto che non può difendersi: l'ambiente

Sembra che tutta la campagna elettorale del comune di Capannori ruoti intorno alla nuova viabilità e ai cosiddetti assi viari, reputati, dai soloni della politica a un tanto al chilo, indispensabili per migliorare le condizioni di transito, di traffico e di vita della nostra già deturpata piana lucchese.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 6 maggio 2019, 16:58

La Gazzetta sta con gli ebrei

Questa sinistra peracottara si guarda bene dal manifestare la propria solidarietà a chi, veramente, lo merita, per limitarsi a farlo solo quando, politicamente, le torna comodo. Così capita che dia appoggio a cani e porci senza che si riesca a capire dove cominciano i cani e finiscono i porci.


mercoledì, 1 maggio 2019, 11:15

Radio Radicale, il problema principale dell'amministrazione comunale

Tra le tante cose (sic!) di cui si occupa il consiglio comunale quando si riunisce a Palazzo Santini, apprendiamo anche che c'è il futuro di Radio Radicale, una emittente radiofonica che definire inutile è un eufemismo, che ascoltano solo, forse, i resocontisti parlamentari e qualche masochista i turno. Bene, ieri...