Anno 7°

mercoledì, 20 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Il verso della civetta

venerdì, 9 novembre 2018, 20:03

di aldo grandi

Diciamo la verità. A noi Forza Italia non è mai piaciuta, nemmeno ai tempi in cui aveva l'Italia in pugno, quegli anni Novanta che, poi, abbiamo visto tutti come sono andati a finire. Figuriamoci se può piacerci ora, molto più simile a una repubblica sudamericana dove gli ufficiali sono più numerosi dei soldati. Eppure, non possiamo far finta di non vedere il senatore Massimo Mallegni - che una volta ci rispondeva anche quando non lo chiamavamo e che adesso, invece, nemmeno si degna di considerarci - e il suo braccio sinistro Maurizio Marchetti, quest'ultimo passato dal ruolo di sindaco a quello di consigliere regionale, colpiti da una vera e propria satiriasi di attivismo. Mallegni, eletto dalla sua gente, ha mollato la poltrona di sindaco per tentare la fortuna alla roulette parlamentare ed è riuscito a diventare senatore. Ma ciònonostante ha voluto per sé, nella nuova giunta a lui succedutagli, gli assessorati ai Beni e attività culturali, Turismo, Comunicazione e Relazioni Internazionali. In questo provvisto, presumibilmente, del dono dell'ubiquità e in buona compagnia con il presidente della provincia Luca Menesini che è anche sindaco di Capannori. Ovviamente tutti zitti a Pietrasanta, dove si parla solo quando non comanda quello contro cui si vuol parlare. Per carità, nessuno nega le doti di Mallegni e la sua capacità di interagire con gli elettori. Anche in provincia di Massa e Carrara sta svolgendo egregiamente il suo lavoro. Eppure a noi sembra che abbia voluto tutto e anche di più. Qualcuno, addirittura e sicuramente in malafede, sostiene che in Versilia non si muova foglia senza che Mallegni non voglia, ma a noi pare un'esagerazione. Certo, non comprendiamo, ad esempio, come alcuni personaggi, molto vicini a lui fino a qualche tempo fa, vedi Massimiliano Simoni ultimo direttore artistico della Versiliana, siano stati allontanati dai ruoli che ricoprivano. Qualcuno potrà anche dire che ciò non è vero e che, sempre per quel che riguarda Simoni, se ne è andato di propria volontà, ma noi, ai quali Simoni ha parlato nei giorni caldi dell'esonero, abbiamo motivi per credere che sia stato costretto ad andarsene semplicemente perché la nuova giunta, sindaco in testa, non aveva alcuna intenzione di rinnovargli l'incarico. Noi Mallegni lo conosciamo da un bel po' di tempo, persona amabile e squisita fino a quando uno gli dà ragione e non gli si pone di traverso perché, a quel punto, la squisitezza e l'amabilità se ne vanno a quel paese. Persona robusta, economicamente indipendente, consapevole del proprio aplomb, occhi azzurri e magnetici, simpatico e gioviale, ma molto permaloso e, a quanto sembra, anche dotato di memoria corta, il neosenatore di Forza Italia è alla corte di uno degli uomini che, pur avendo avuto in mano l'Italia, non ha saputo farci alcunché: Silvio Berlusconi.

Ora, se permettete, come si fa a militare nel partito di (S)Forza Italia? Come si fa ad essere ancora legati ad una mummia sia pure ben conservata, come è, appunto, il Cavaliere? Come si fa, soprattutto, a non restare sbalorditi nell'osservare quelli che sono gli interventi dei miliziani di quel che resta di un partito? Non passa giorno senza che i servi sciocchi del padrone non sparino sul Governo annunciando e augurandosi il peggio del peggio pur di ritornare in sella, senza capire che, ormai, quella sella non è più in grado di reggerli. Il Marchetti, anche lui personaggio istrionico e ambizioso, non passa giorno senza far produrre agli addetti stampa una miriade di comunicati stampa nella sua veste di consigliere regionale. In Italia, ormai, il grido (S)Forza Italia può andar bene, al massimo, durante una sfida della Nazionale di calcio o, meglio ancora, durante una seduta particolarmente intensa sulla tazza del cesso, ma come espressione della volontà di milioni di elettori, per carità, non fateci ridere. Più che un grido, però, forse sarebbe meglio un verso, quello della civetta: tuttomio, tuttomio.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 febbraio 2019, 19:30

Caso Diciotti, una farsa con i 5Stelle nel ruolo di giullari

Per chi ha la memoria - e non soltanto - sufficientemente buona per ricordare gli anni della Prima Repubblica, l'autorizzazione a procedere nei confronti di un parlamentare è cosa cui le cronache del tempo ci avevano abituato.


martedì, 12 febbraio 2019, 22:55

Arrivederci Roma

Un giornalista che si rispetti, come ogni uomo del resto, deve ammettere quando sbaglia. Ebbene, qualcuno ci ha fatto notare che i soldi per pagare medico sociale e fisioterapisti oltre ad altri debitucci sparsi un po' qui e un po' là, non è stato Arnaldo de Paperoni, bensì la Lega...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 10 febbraio 2019, 12:37

Il sindaco Tambellini scrive a Colmar, imita Marcucci e fa una figura ridicola

Questo sindaco ci riserva delle sorprese incredibili, soprattutto, non si rende conto del ridicolo di cui si circonda facendo, a volte, quello che fa. Prendiamo, ad esempio, la lettera che ha sentito il bisogno di inviare, addirittura, al suo pari grado della città francese di Colmar, gemellata da sempre con Lucca.


mercoledì, 6 febbraio 2019, 20:00

Lucchese, siamo alla frutta? No, siamo già ai saluti

Diciamo la verità, quella che non si legge sui documenti ufficiali, ma si conosce nel profondo dell'animo. Il businessman sirio-armeno Fouzi Hadj fece il salto della quaglia, ma nessuno può negare che per almeno due anni ha messo milioni di euro e tanta passione per i colori rossoneri.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 31 gennaio 2019, 16:10

Confcommercio come il marchese del Grillo: s'è svejata!

Noi non sappiamo chi sia l'autore o da quale penna arrivi il comunicato stampa appena ricevuto dall'amico e addetto stampa Simone Dinelli, ma è indubbio che esso, pur con tutte le sua inevitabili e proverbiali cautele, rappresenta un segnale al quale, ormai, da tempo, non eravamo più abituati.


martedì, 29 gennaio 2019, 16:12

Bolsonaro a Lucca, i sindacati non... concedono il permesso

Questa storia della visita del presidente del Brasile Jair Bolsonaro a Lucca, città da dove partirono i suoi nonni per raggiungere il Sudamerica, acquisisce ogni giorno di più i contorni di una farsa. La Sinistra, evidentemente sulle barricate per l'avvento al Governo della Lega e dei 5Stelle, si ritiene in...