Anno 7°

venerdì, 21 febbraio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Gerardo Boragine sotto scorta per una sentenza: forse qualcuno pensa alla Var anche per i giudici?

giovedì, 20 dicembre 2018, 22:18

di aldo grandi

Abbiamo appreso poco fa che il giudice Gerardo Boragine del tribunale di Lucca è stato messo sotto scorta in seguito alle minacce ricevute in altrettanti tweet sui social dopo che il ministro dell'Interno Salvini aveva ironizzato sulla sua decisione di assolvere 26 più o meno giovani antagonisti dai reati contestati loro per una manifestazione contro il leader leghista nel 2015 a Viareggio. Noi non entriamo nel merito della sentenza assolutoria, ma se il giudice Boragine ha ritenuto di dover assolvere gli imputati - peraltro lo stesso pubblico ministero aveva chiesto analogo provvedimento - crediamo sia giusto accettare il verdetto indipendentemente da quelle che possono essere le simpatie politiche. Il giudice, paradossalmente, è un po' come l'arbitro in una partita di calcio. Qualunque decisione, se non gradita ai tifosi, viene interpretata come errore voluto quando non, addirittura, premeditato. Allora è bene chiedersi una cosa: se dubitiamo dell'onestà intellettuale di un arbitro e, appunto, di un giudice al momento di emettere la sentenza, allora non andiamo da nessuna parte. Il fischietto di una partita così come il giudice di un processo, fatte, ovviamente, le dovute distinzioni, non possono essere messi in discussione sul fronte dell'onestà poiché, se salta questo principio, tutta l'impalcatura finisce per crollare.

Noi, che di processi nelle aule dei tribunali o procedimenti disciplinari dall'ordine professionale ne abbiamo collezionati parecchi e un po' a tutte le latitudini, sia pure qualche volta con malcelato disappunto abbiamo sempre accettato le decisioni di chi era chiamato a giudicarci. E se anche in qualche circostanza l'amarezza e l'arrabbiatura erano e sono state consistenti, mai una sola volta il sottoscritto ha pensato potesse trattarsi di una scelta condizionata da chissà quale pregiudizio. E' vero, ci sono magistrati più o meno bravi, come esistono arbitri più o meno capaci, ma la sostanza non cambia. Tutti operano in perfetta buonafede e da questo principio non si può prescindere se vogliamo mantenere in piedi la democrazia.

Noi conosciamo il dottor Gerardo Boragine come uno dei più preparati e indipendenti giudici della magistratura lucchese. Mai una sola volta, prima d'ora, era avvenuto che qualcuno esprimesse giudizi così violenti e ingiusti al suo indirizzo, anzi. E' stato sempre giudicato un magistrato equilibrato, autorevole e competente. 

Non sappiamo su quali presupposti sia stata assegnata la scorta al giudice Boragine, ma conosciamo perfettamente la vigliaccheria, che non ha colore politico, di chi si nasconde dietro i social per infamare e minacciare. Il potere giudiziario, è bene dirlo, deve essere indipendente. Da tutto, fuorché, a nostro avviso, dalle prove e dalla legge che deve applicare. Troppo spesso la politica si nasconde dietro un dito quando, invece, è la principale responsabile di leggi troppo garantiste che impediscono agli stessi magistrati di poter agire.

Saremmo degli ipocriti se dicessimo che i magistrati, nei nostri confronti, hanno sempre soddisfatto le nostre speranze ancor più che le nostre aspettative, ma così va il mondo e queste sono, alla fine, le regole del gioco al quale, quando, volenti o nolenti, si è chiamati a giocare, non si può pretendere di cambiare le regole. Anzi. Meglio, sempre, metterci la faccia, nella vittoria come nella sconfitta. Non si può applaudire solo quando ci danno ragione.

Per questi motivi oltre che per la stima personale che abbiamo nei suoi confronti, esprimiamo incondizionata solidarietà al giudice Gerardo Boragine convinti che saprà continuare nel suo lavoro con la stessa professionalità e lo stesso acume di sempre.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


bonito400


BF Cristiana Francesconi


tuscania


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


sabato, 15 febbraio 2020, 19:51

James Bond (in Fondazione), si... firma solo due volte

Come mai a Lucca non c'è un solo giornalista che abbia osato o che osi formulare delle critiche all'operato della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca? Per carità, è indubbio che l'ente di San Micheletto sta andando a gonfie vele, guadagna e distribuisce pani e pesci, ma che nessuno alzi...


martedì, 11 febbraio 2020, 17:32

Sindaco Tambellini e assessore Vietina invece che alle panchine arcobaleno pensate ai cessi della Pascoli

Come al solito in questo Paese senza dignità oltreché senza memoria - storica in primis - qualcuno, leggendo il pezzo sui cessi alla turca alla scuola elementare Giovanni Pascoli di piazza Santa Maria Forisportam, ha pensato a chissà quale dietrologia.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 5 febbraio 2020, 19:38

Panchina arcobaleno pro Lgbtq+ in piazza San Salvatore? Sedetevici voi

Ma allora è un vizio! Non bastavano i giovani democratici, si fa per dire, della Media Valle e della Garfagnana a chiedere a tutti i sindaci di installare una panchina arcobaleno per gli Lgbtq+ - e spiegateci, per favore, quel + cosa vuol dire perché noi siamo notoriamente ignoranti in...


martedì, 4 febbraio 2020, 20:03

Ora vogliono anche beatificare Craxi: non vi azzardate a toccare Tangentopoli

Qualcuno ci ha fatto notare che lo spazio del Cecco a cena è stato, insolitamente, vuoto per alcuni giorni. Verissimo. Ci siamo presi 48 ore di libera uscita, in realtà 36 o poco più, e siamo andati a Roma per goderci un po' di libertà e staccare la spina.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 26 gennaio 2020, 12:03

Riusciranno i (commercianti) nostri eroi a capire di essere il valore aggiunto di questa città?

Abbiamo ricevuto, letto e pubblicato la lettera con cui Sauro Barsotti, dell'Antico Caffè delle Mura, si genufletteva di fronte al sindaco e all'assessore Mercanti per non aver avvertito prima che stava trattando e, poi, aveva concluso l'accordo con i cinesi.


mercoledì, 22 gennaio 2020, 23:29

Dalla Cina con... i soldi ovvero l'Antico Caffè delle Mura e la solita ipocrisia

Una volta, erano i mitici anni Settanta, dalla Cina arrivava solamente Bruce Lee con furore mentre oggi arrivano migliaia di cinesi e tutti, regolarmente, privi di furore, ma provvisti e molto bene, di banconote. E' dell'altro ieri la notizia di due fermi di altrettanti cittadini cinesi all'aeroporto di Fiumicino trovati...