Anno 7°

martedì, 23 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Bolsonaro a Lucca, i sindacati non... concedono il permesso

martedì, 29 gennaio 2019, 16:12

di aldo grandi

Questa storia della visita del presidente del Brasile Jair Bolsonaro a Lucca, città da dove partirono i suoi nonni per raggiungere il Sudamerica, acquisisce ogni giorno di più i contorni di una farsa. La Sinistra, evidentemente sulle barricate per l'avvento al Governo della Lega e dei 5Stelle, si ritiene in grado oltreché in diritto di insorgere contro un viaggio diplomatico che Bolsonaro compirà a maggio in Italia. Alessandro Tambellini - a proposito, gli abbiamo inviato un sms per una intervista, nemmeno ha risposto, evidentemente non siamo a lui graditi come, invece, altre testate - ha detto la sua manifestando riserve all'incontro, in sostanza per lui sarebbe meglio che non venisse. A ruota alcuni esponenti di Sinistra per Tambellini e la Fiom Cgil con il suo segretario Mauro Rossi. Poi, questa mattina, un comunicato dell'Unità Sindacale di Base lavoro privato il quale annuncia mobilitazione pubblica. Ma la cosa che, più di ogni altra, fa ridere se non ci fosse da piangere è che i sindacati biasimano l'intervista rilasciata dall'amministratore della Fabio Perini spa, il brasiliano Cruz, il quale si era detto entusiasta di poter ricevere il suo presidente della Repubblica a Lucca. Per i sindacalisti l'errore non solo sta nell'averla fatta, l'intervista, il 27 gennaio Giornata della Memoria, ma, addirittura nell'aver preso l'iniziativa di invitare Bolsonaro a Lucca alla Perini spa senza aver prima consultato le proprie maestranze ossia i rappresentanti sindacali e i lavoratori.

Ora, a parte il fatto che tutta questa opposizione alla visita di Bolsonaro, presidente di origini lucchesi, ci sembra fuori luogo essendo stato eletto dopo regolari consultazioni e senza che sia stata utilizzata violenza alcuna per vincere, suona, addirittura, incredibile e allucinante che l'amministratore delegato di una azienda come la Fabio Perini spa, ma in generale di qualsiasi azienda, debba, per invitare un capo di stato, chiedere il permesso e il gradimento ai suoi dipendenti. Quindi il signor Cruz, prima di manifestare il suo interesse ed entusiasmo nell'invitare ufficialmente Bolsonaro a Lucca, avrebbe dovuto, forse, indire una sorta di referendum attraverso il quale i lavoratori avrebbero scelto al posto suo. 

Pur con tutto il rispetto per lo Statuto dei lavoratori nato nel lontano 1970, questa richiesta da parte dei sindacati rasenta il ridicolo poiché non si capisce in base a quale criterio la proprietà di un'azienda dovrebbe seguire le indicazioni dei propri dipendenti anche in materia di visite ufficiali. Tutto ciò la dice lunga su quanto i sindacati siano arroccati su posizioni rivendicative fuori dal tempo. A noi viene logico pensare che se un imprenditore, un commerciante, un ristoratore desiderano invitare ed accogliere Jair Bolsonero, hanno tutto il diritto di farlo senza dover ascoltare il parere di chicchessia. Ha fatto bene, quindi, Cruz a lanciare l'idea e fanno bene tutti quelli che gli andranno dietro. Quanto alla Sinistra, così impariamo ad andare al mare invece che a votare. Comunque forza e coraggio, il tempo passa veloce.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 19 aprile 2019, 19:34

Caro Martinelli non hai indovinato: la fidejussione non andava bene

Non lo conoscevamo di persona e, a dirla tutta, quasi quasi nemmeno di nome. E' stato Arnaldo Moriconi, l'ex presidente della Lucchese Libertas 1905 a presentarcelo, rimanendo sorpreso per il fatto che non lo avevamo riconosciuto pur avendone, a volte scritto su queste pagine.


sabato, 13 aprile 2019, 14:59

Santini, un giorno lungo cinque anni

Si sono, ormai, spenti i riflettori sulle elezioni amministrative 2017 eppure qualcuno, ogni tanto spesso, continua a domandarsi, noi compresi, come sia stato possibile per il centrodestra lucchese, perdere la corsa alla guida della città. In realtà c'è ben poco da angustiarsi, i numeri dicono tutto e dimostrano che la...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 9 aprile 2019, 23:53

Il consiglio comunale perde una serata a litigare sul garante dei diritti dei detenuti

Pazzesco. Questa giunta di bradipi non finirà mai di stupirci. Viaggia a velocità degne di una lumaca quando si tratta di dare ragione al buonsenso e schizza via come un fulmine quando c'è da difendere i diritti delle minoranze, tutte, nessuna esclusa, salvo quella dei lucchesi che, ormai, di questa...


sabato, 6 aprile 2019, 15:10

Caccia alle streghe

Il padre del sottoscritto, nato nel 1914 a Iolanda di Savoia, crebbe durante il fascismo e nella balbiana Ferrara respirò quelli che Renzo De Felice chiamò gli anni del consenso. Non fece la guerra, né partecipò alla Repubblica sociale, in compenso fu epurato dal lavoro alla Ducati e nel 1947...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 28 marzo 2019, 13:02

A me mi vien da rece

Sono mesi, ormai, che ogniqualvolta capita di soffermarsi sulle vicende rossonere, a chi scrive vengono dei conati di vomito. Ma è in questi ultimi tempi che i conati si sono trasformati, perdonate il linguaggio non proprio oxfordiano, in emissioni-eruzioni sistematiche.


venerdì, 22 marzo 2019, 19:00

Eccone n'antro

Non erano bastati i Grassini e i Lucchesi. Non sono ancora sufficienti i Castelli, gli Ottaviani, i Ceniccola. Non hanno fatto il loro tempo i Moriconi e i Belardelli. Adesso ci si mette anche un certo Alessandro Nuccilli da Roma, imprenditore, dicono, dell'edilizia, un passato calcistico che definire burrascoso sarebbe...