Anno 7°

martedì, 23 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Confcommercio come il marchese del Grillo: s'è svejata!

giovedì, 31 gennaio 2019, 16:10

di aldo grandi

Noi non sappiamo chi sia l'autore o da quale penna arrivi il comunicato stampa appena ricevuto dall'amico e addetto stampa Simone Dinelli, ma è indubbio che esso, pur con tutte le sua inevitabili e proverbiali cautele, rappresenta un segnale al quale, ormai, da tempo, non eravamo più abituati. Sì, perché ci era parso che negli ultimi mesi l'associazione dei commercianti di Lucca per antonomasia, ossia Confcommercio, avesse bandito ogni forma di dissenso e di protesta nei confronti dell'attuale amministrazione comunale, la quale, se un pregio ha, è quello di fare sempre quel che vuole senza rendere conto a nessuno tantomeno a chi la pensa e agisce diversamente. Finirà, comunque, anche questa dittatura verniciata di rosso e finiranno anche tutti coloro che, per comodità, scelta, indecisione, usano penne e calamai per sdraiarsi sulla linea Gotica di mister Tambellin Man. Tornando al comunicato in oggetto, prendiamo atto con piacere che qualcuno si è reso conto di come, ultimamente, siano apparse alcune posizioni in merito al collocamento degli eventi che hanno fatto di Lucca un brand a livello mondiale, decisamente in controtendenza. E poiché è sempre vero che è meglio aver paura che toccarne, Confcommercio ha voluto inviare un messaggio a nuora affinché suocera intenda. In sostanza c'è chi spinge per trasportare-trasferire alcune o parti di alcune manifestazioni lontano dall'attuale loro collocazione suggerendo nuove location decisamente azzardate e tutt'altro che di sicura riuscita.

Fino ad oggi Confcommercio aveva cercato, come sempre e comprensibilmente, di salvare capra e cavoli, ma, ad oggi, non si capisce più dove siano finite le capre e chi abbia mangiato i cavoli. Purtroppo o per fortuna, a Lucca le cose non si gridano mai, ma si sussurrano nemmeno si trattasse di quel famoso film anni Settanta dal titolo emblematico, Sussurri e grida. Ecco, a Lucca sussurrano tutti, ma qualcuno che, poi, osi anche gridare lo si trova con il lanternino, ossia mai o quasi mai. 

Questa amministrazione si è distinta per aver contribuito a far diventare Lucca città aperta e aperta a chi non c'è bisogno di aggiungerlo visto che, ormai, i lettori così come i nostri detrattori sanno benissimo come la pensiamo. In realtà questa giunta fa come gli pare, quando gli pare, se gli pare e, soprattutto, senza tenere conto di un'opposizione che, finalmente, pare aver scelto di far redigere i comunicati stampa a gente che conosce la grammatica italiana. 

Prendiamo, quindi, con piacere questa presa di posizione di Palazzo Sani e ci viene in mente un altro Palazzo, Pfanner, utilizzato nel famoso film di Alberto Sordi Il marchese del Grillo: e come in quel caso, anche in questo si può proprio dire che, finalmente, qualcuno s'è svejato.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 19 aprile 2019, 19:34

Caro Martinelli non hai indovinato: la fidejussione non andava bene

Non lo conoscevamo di persona e, a dirla tutta, quasi quasi nemmeno di nome. E' stato Arnaldo Moriconi, l'ex presidente della Lucchese Libertas 1905 a presentarcelo, rimanendo sorpreso per il fatto che non lo avevamo riconosciuto pur avendone, a volte scritto su queste pagine.


sabato, 13 aprile 2019, 14:59

Santini, un giorno lungo cinque anni

Si sono, ormai, spenti i riflettori sulle elezioni amministrative 2017 eppure qualcuno, ogni tanto spesso, continua a domandarsi, noi compresi, come sia stato possibile per il centrodestra lucchese, perdere la corsa alla guida della città. In realtà c'è ben poco da angustiarsi, i numeri dicono tutto e dimostrano che la...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 9 aprile 2019, 23:53

Il consiglio comunale perde una serata a litigare sul garante dei diritti dei detenuti

Pazzesco. Questa giunta di bradipi non finirà mai di stupirci. Viaggia a velocità degne di una lumaca quando si tratta di dare ragione al buonsenso e schizza via come un fulmine quando c'è da difendere i diritti delle minoranze, tutte, nessuna esclusa, salvo quella dei lucchesi che, ormai, di questa...


sabato, 6 aprile 2019, 15:10

Caccia alle streghe

Il padre del sottoscritto, nato nel 1914 a Iolanda di Savoia, crebbe durante il fascismo e nella balbiana Ferrara respirò quelli che Renzo De Felice chiamò gli anni del consenso. Non fece la guerra, né partecipò alla Repubblica sociale, in compenso fu epurato dal lavoro alla Ducati e nel 1947...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 28 marzo 2019, 13:02

A me mi vien da rece

Sono mesi, ormai, che ogniqualvolta capita di soffermarsi sulle vicende rossonere, a chi scrive vengono dei conati di vomito. Ma è in questi ultimi tempi che i conati si sono trasformati, perdonate il linguaggio non proprio oxfordiano, in emissioni-eruzioni sistematiche.


venerdì, 22 marzo 2019, 19:00

Eccone n'antro

Non erano bastati i Grassini e i Lucchesi. Non sono ancora sufficienti i Castelli, gli Ottaviani, i Ceniccola. Non hanno fatto il loro tempo i Moriconi e i Belardelli. Adesso ci si mette anche un certo Alessandro Nuccilli da Roma, imprenditore, dicono, dell'edilizia, un passato calcistico che definire burrascoso sarebbe...