Anno 7°

giovedì, 20 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Confcommercio come il marchese del Grillo: s'è svejata!

giovedì, 31 gennaio 2019, 16:10

di aldo grandi

Noi non sappiamo chi sia l'autore o da quale penna arrivi il comunicato stampa appena ricevuto dall'amico e addetto stampa Simone Dinelli, ma è indubbio che esso, pur con tutte le sua inevitabili e proverbiali cautele, rappresenta un segnale al quale, ormai, da tempo, non eravamo più abituati. Sì, perché ci era parso che negli ultimi mesi l'associazione dei commercianti di Lucca per antonomasia, ossia Confcommercio, avesse bandito ogni forma di dissenso e di protesta nei confronti dell'attuale amministrazione comunale, la quale, se un pregio ha, è quello di fare sempre quel che vuole senza rendere conto a nessuno tantomeno a chi la pensa e agisce diversamente. Finirà, comunque, anche questa dittatura verniciata di rosso e finiranno anche tutti coloro che, per comodità, scelta, indecisione, usano penne e calamai per sdraiarsi sulla linea Gotica di mister Tambellin Man. Tornando al comunicato in oggetto, prendiamo atto con piacere che qualcuno si è reso conto di come, ultimamente, siano apparse alcune posizioni in merito al collocamento degli eventi che hanno fatto di Lucca un brand a livello mondiale, decisamente in controtendenza. E poiché è sempre vero che è meglio aver paura che toccarne, Confcommercio ha voluto inviare un messaggio a nuora affinché suocera intenda. In sostanza c'è chi spinge per trasportare-trasferire alcune o parti di alcune manifestazioni lontano dall'attuale loro collocazione suggerendo nuove location decisamente azzardate e tutt'altro che di sicura riuscita.

Fino ad oggi Confcommercio aveva cercato, come sempre e comprensibilmente, di salvare capra e cavoli, ma, ad oggi, non si capisce più dove siano finite le capre e chi abbia mangiato i cavoli. Purtroppo o per fortuna, a Lucca le cose non si gridano mai, ma si sussurrano nemmeno si trattasse di quel famoso film anni Settanta dal titolo emblematico, Sussurri e grida. Ecco, a Lucca sussurrano tutti, ma qualcuno che, poi, osi anche gridare lo si trova con il lanternino, ossia mai o quasi mai. 

Questa amministrazione si è distinta per aver contribuito a far diventare Lucca città aperta e aperta a chi non c'è bisogno di aggiungerlo visto che, ormai, i lettori così come i nostri detrattori sanno benissimo come la pensiamo. In realtà questa giunta fa come gli pare, quando gli pare, se gli pare e, soprattutto, senza tenere conto di un'opposizione che, finalmente, pare aver scelto di far redigere i comunicati stampa a gente che conosce la grammatica italiana. 

Prendiamo, quindi, con piacere questa presa di posizione di Palazzo Sani e ci viene in mente un altro Palazzo, Pfanner, utilizzato nel famoso film di Alberto Sordi Il marchese del Grillo: e come in quel caso, anche in questo si può proprio dire che, finalmente, qualcuno s'è svejato.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 17 giugno 2019, 13:31

Vescovo anguilla, ma dubbi, perplessità e amarezze su papa Bergoglio restano e sono destinati ad aumentare

Se monsignor Italo Castellani era seguace di papa Bergoglio, il suo successore, monsignor Paolo Giulietti da Perugia, nuovo vescovo della diocesi di Lucca, ne è il segugio. Le sue risposte alle nostre domande, in una interSvista vis à vis senza limiti né obblighi o censure, ne sono la testimonianza più...


mercoledì, 12 giugno 2019, 20:30

Va, se ci riesci, dove ti porta il cuore

Era la fine degli anni Novanta. Oreste del Buono, un mito dell'editoria e non solo, propose a questo scribacchino di provincia con aspirazioni nazionali, di pubblicare con Baldini&Castoldi la biografia di Ruggero Zangrandi. Chi scrive, allora, si recò a Milano dove ebbe anche modo di conoscere personalmente Alessandro Dalai, l'editore,...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 9 giugno 2019, 19:25

Alla faccia di Paperon de Moriconi

Non che non ci sarebbero altri temi sicuramente più importanti e significativi da affrontare, ma quello che è avvenuto ieri sera in terra pugliese dove la Lucchese ha centrato la permanenza nella categoria, merita senza ombra di dubbio la nostra attenzione. Cominciamo con una ammissione di colpevolezza.


lunedì, 3 giugno 2019, 16:41

La Luminara senza candele dopo mille anni: la giunta Tambellini peggio dei barbari

Capita, a volte, che non ci siano argomenti sufficientemente stimolanti per redigere questa rubrica, ormai, divenuta, per molti se non per tutti, l'unico spazio di libertà nel quale non si lecca il culo all'amministrazione comunale di Alessandro Tambellini.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 31 maggio 2019, 00:51

Politica in Lucchesia: a sinistra volponi, a destra coglioni

Mettendo un attimo da parte la soddisfazione per la vittoria della Lega sovranista in un paese che la sinistra ha abituato a cedere non solo la propria sovranità, ma anche la propria identità nazionale, storica, culturale e religiosa, soffermiamoci sulla situazione politica di Lucca.


lunedì, 27 maggio 2019, 23:58

La Lega ha vinto, l'Italia respira, ma a Capannori è notte fonda

Ancora prima che la Lega di Salvini toccasse le attuali latitudini elettorali, la Gazzetta di Lucca e le sue sorelle avevano sottolineato i pericoli ai quali stava andando incontro il nostro disgraziato Paese per colpa delle politiche antidentitarie, antinazionali, follemente immigrazioniste, antisovraniste portate avanti, purtroppo da troppo tempo, dalla sinistra...