Anno 7°

venerdì, 22 febbraio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Lucchese, sedotti e abbandonati

venerdì, 25 gennaio 2019, 17:49

di aldo grandi

Sono giorni, ormai, che a tirare avanti la carretta della società rossonera sono rimasti in tre: Giacomo Bernardi, addetto stampa, Marcella Ghilardi segretaria nonché, adesso, anche team manager e Gabriele Minchella responsabile del marketing. Su e giù, avanti e indietro tra corridoi, scalinate e stanze di un Porta Elisa che mai come oggi appare così rassegnato e dismesso. Nessuna traccia dei padroni del vapore, né di quelli vecchi né, tantomeno, di quelli nuovi. Arnaldo Moriconi è desaparecido volutamente in esilio mentre Aldo Castelli e gli altri due magi avrebbero manifestato l'intenzione di non tornare a Lucca se non quando si saranno calmate le acque anche se, per ora, le acque sono ancora molto, ma molto agitate. Anche nella giornata di oggi la squadra con mister Favarin si è allenata a San Giuliano Terme, cosicché lo stadio è anche più deserto del solito. Enrico Tommasi, nuovo direttore generale con tanto di contratto depositato, dice lui, in Lega, cerca di farsi vedere operativo, ma di questi tempi non è semplice. In arrivo e in prestito, Antonio Di Nardo, giocatore gradito sia al tecnico sia per il diesse Obbedio, ma l'operazione, a quanto sembra, è stata conclusa via pec ossia attraverso la posta elettronica certificata e in quel di Roma dove risiede e lavora l'amministratore della Lucchese Umberto Ottaviani. Fatta questa premessa e aggiunto che Antonio Obbedio era oggi pomeriggio ad Empoli per vedere una partita, c'è ben poco da dire se non che tutti si sentono come tanti Robinson Crusoe alle prese, ciascuno, con il suo Venerdì.

Questa situazione di solitudine non soltanto affettiva, ma, addirittura, esistenziale e professionale, sta accompagnando il presente e lascia intravedere un futuro a tinte fosche. Si parla della necessità di predisporre una nuova fidejussione, lo stesso presidente di Lega Ghirelli lo ha ribadito, ma, a quanto pare i destinatari, nessuno escluso, sembrano fare orecchie da mercante. L'ottimismo scema e l'atmosfera è di quelle da Ultima spiaggia, splendido film (On the beach) diretto da Stanley Kramer nel 1959 con Gregory Peck, Ava Gardner e Fred Astaire (nella foto): dopo una apocalisse nucleare, l'Australia è l'unico luogo del pianeta escluso dalle devastazioni. Qui due sopravvissuti lasciano i propri affetti per imbarcarsi in una missione che potrebbe salvare il futuro dell'umanità... Bene, in un mondo senza più abitanti e con città deserte e silenziose, i superstiti cercano una qualsiasi forma di vita che non esiste più. Un po' come in casa rossonera, dove di forme di vita, a parte quelle di cui sopra, non ce ne sono almeno a portata di mano. E di telefono visto che nessuno sembra possedere i cellulari del proprietario Aldo Castelli mentre Paperon de Moriconi si è ritirato nel suo deposito sulla collina.

Oggi è arrivata in redazione la telefonata di un collega de La Stampa da Alessandria il quale voleva sapere se domenica la Lucchese giocherà la partita al Porta Elisa. Anche lassù sono arrivate le esternazioni del sindaco Tambellini che, giusto ieri, invitava a non nascondersi dietro ad un dito. Il bello è che qui non esistono dita per il semplice motivo che sono già spariti tutti. 

Qualche traccia umana sembra, tuttavia, resistere se si pensa alle operazioni, poche, ma indubbie, che Obbedio sta cercando di condurre in porto nonostante gli scarsi mezzi, ma da qui a parlare di società nuovamente sostenibile, ce ne corre.

Domenica contro l'Alessandria potrebbe essere, realmente, l'ultima partita anche se si dovranno attendere le decisioni del consiglio federale il 30 gennaio. Il pessimismo, all'interno dell'oasi rossonera, si taglia col coltello, ma nessuno molla e, soprattutto, quei pochi che ci sono rimasti fanno finta che l'ultima spiaggia non esista e che tutto proceda in un modo o nell'altro.

Forza e coraggio, mancano pochi giorni al D-day e se anche non siamo sulle spiagge della Normandia, anche a queste latitudini un'ultima spiaggia, sia pure ideale, c'è da conquistare: quella della dignità ancor più che quella della classifica.

 

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 18 febbraio 2019, 19:30

Caso Diciotti, una farsa con i 5Stelle nel ruolo di giullari

Per chi ha la memoria - e non soltanto - sufficientemente buona per ricordare gli anni della Prima Repubblica, l'autorizzazione a procedere nei confronti di un parlamentare è cosa cui le cronache del tempo ci avevano abituato.


martedì, 12 febbraio 2019, 22:55

Arrivederci Roma

Un giornalista che si rispetti, come ogni uomo del resto, deve ammettere quando sbaglia. Ebbene, qualcuno ci ha fatto notare che i soldi per pagare medico sociale e fisioterapisti oltre ad altri debitucci sparsi un po' qui e un po' là, non è stato Arnaldo de Paperoni, bensì la Lega...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 10 febbraio 2019, 12:37

Il sindaco Tambellini scrive a Colmar, imita Marcucci e fa una figura ridicola

Questo sindaco ci riserva delle sorprese incredibili, soprattutto, non si rende conto del ridicolo di cui si circonda facendo, a volte, quello che fa. Prendiamo, ad esempio, la lettera che ha sentito il bisogno di inviare, addirittura, al suo pari grado della città francese di Colmar, gemellata da sempre con Lucca.


mercoledì, 6 febbraio 2019, 20:00

Lucchese, siamo alla frutta? No, siamo già ai saluti

Diciamo la verità, quella che non si legge sui documenti ufficiali, ma si conosce nel profondo dell'animo. Il businessman sirio-armeno Fouzi Hadj fece il salto della quaglia, ma nessuno può negare che per almeno due anni ha messo milioni di euro e tanta passione per i colori rossoneri.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 31 gennaio 2019, 16:10

Confcommercio come il marchese del Grillo: s'è svejata!

Noi non sappiamo chi sia l'autore o da quale penna arrivi il comunicato stampa appena ricevuto dall'amico e addetto stampa Simone Dinelli, ma è indubbio che esso, pur con tutte le sua inevitabili e proverbiali cautele, rappresenta un segnale al quale, ormai, da tempo, non eravamo più abituati.


martedì, 29 gennaio 2019, 16:12

Bolsonaro a Lucca, i sindacati non... concedono il permesso

Questa storia della visita del presidente del Brasile Jair Bolsonaro a Lucca, città da dove partirono i suoi nonni per raggiungere il Sudamerica, acquisisce ogni giorno di più i contorni di una farsa. La Sinistra, evidentemente sulle barricate per l'avvento al Governo della Lega e dei 5Stelle, si ritiene in...