Anno 7°

sabato, 23 marzo 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Caso Diciotti, una farsa con i 5Stelle nel ruolo di giullari

lunedì, 18 febbraio 2019, 19:30

di aldo grandi

Per chi ha la memoria - e non soltanto - sufficientemente buona per ricordare gli anni della Prima Repubblica, l'autorizzazione a procedere nei confronti di un parlamentare è cosa cui le cronache del tempo ci avevano abituato. Ce n'era uno, poi, tale Giulio Andreotti, che in tutta la sua vita politica ebbe, una più una meno, quasi una ventina di richieste la maggior parte delle quali mai concesse. E i reati ipotizzati dai magistrati erano diversi, non proprio da educande. Oggi, a distanza di così tanti anni, ecco che un'altra richiesta di autorizzazione a procedere viene formulata da una procura nei confronti del ministro dell'Interno Matteo Salvini per il caso Diciotti. Ancora una volta, non possiamo non rilevare, le sorti di un Governo legittimamente eletto dal popolo sono nelle mani di una magistratura che in questo caso, a nostro avviso, è decisamente fuori strada. Invece di dare un premio a chi è riuscito a interrompere lo spaventoso traffico di esseri umani provenienti dall'Africa che sbarcavano sulle nostre coste a milioni - di questo non finiremo mai di prendercela con i Governi di sinistra - lo si mette sotto accusa con ipotesi di reato assolutamente ridicole. I buffoni del Movimento 5Stelle sono chiamati ad esprimere on line il proprio assenso alla concessione dell'autorizzazione a procedere, ma quello che nessuno, a quanto pare, ha ancora capito, è che gli italiani o, almeno, quelli più in testa e consapevoli, stanno con Salvini senza se e senza ma.

E comunque vada a finire questa farsa, Salvini ne uscirà più forte e legittimato di prima. Che si vada pure alle elezioni, così da dare un definitivo calcio nel culo a una Sinistra piagnona, parassitaria, politicamente corretta purché tutto funzioni come vuole lei. Quanto ai Pentastellati, comunque vadano le cose, alle prossime elezioni, qualunque esse siano, saranno ridimensionati perché nella vita si può essere ignoranti, ma non incapaci. Non capire che il Governo sarebbe stato ancora più forte con una decisa presa di posizione contro la richiesta dei giudici assolutamente priva di senso oltreché di fondamenta, è un errore che i Grillini pagheranno a caro prezzo sul fronte del prossimo futuro elettorale. La comica poi della consultazione referendaria on line è quanto di più assurdo si possa immaginare.

La gente sta con Salvini perché è l'unico che ha capito quali sono le emergenze del nostro Paese: in primis la sicurezza e poi l'immigrazione e i due aspetti sono profondamente legati tra loro. Chi non vuole vederlo è perché ha gli occhi foderati di prosciutto ideologizzato a un tanto al chilo. La nostra soddisfazione sarà celebrare le esequie politiche di chi ancora pensa di poterci prendere in giro.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


q3


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 marzo 2019, 19:00

Eccone n'antro

Non erano bastati i Grassini e i Lucchesi. Non sono ancora sufficienti i Castelli, gli Ottaviani, i Ceniccola. Non hanno fatto il loro tempo i Moriconi e i Belardelli. Adesso ci si mette anche un certo Alessandro Nuccilli da Roma, imprenditore, dicono, dell'edilizia, un passato calcistico che definire burrascoso sarebbe...


martedì, 19 marzo 2019, 18:27

Obbedio: "E' iniziato il conto alla rovescia verso la morte"

"E' iniziato il conto alla rovescia verso la morte". Se questa frase la dicesse un tifoso qualsiasi avrebbe, sicuramente, ragione, ma il peso delle parole sarebbe senza dubbio diverso. Se a pronunciarle, però, è Antonio Obbedio, direttore sportivo e anima di questa Lucchese, allora cambia tutto e davvero, come scriveva...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 15 marzo 2019, 18:55

Centinaio? Troppi, ne bastano molti, ma molti di meno

Già da qualche giorno girava la notizia che il ministro delle politiche agricole e del turismo Gian Marco Centinaio sarebbe stato ad Altopascio per un incontro organizzato dalla Lega che avrebbe visto calare nel paese del Tau o anche del pane, i referenti principali della Lega in Toscana.


mercoledì, 13 marzo 2019, 12:00

Piattume o pattume?

Si ragionava, con una collega, una di quelle che hanno il cervello e che, soprattutto, lo fanno funzionare, sul presente del giornalismo locale. Ed eravamo concordi nel ritenere che il piattume la fa da padrone un po' ovunque.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 7 marzo 2019, 19:24

Chiude la tendopoli, ma il merito non è né del sindaco né della prefettura

La prefettura e il sindaco Alessandro Tambellini hanno comunicato oggi, giorno di grazia 7 marzo 2019, che la tendopoli di via delle Tagliate, che per tutti questi anni ha ospitato clandestini provenienti dal terzo, quarto e quinto mondo, chiude i battenti.


mercoledì, 6 marzo 2019, 20:26

Di Volponi ce n'è uno tutti gli altri son nessuno

Sono e saranno in molti, immaginiamo, coloro i quali si strapperanno, metaforicamente, le vesti e i capelli per dimostrare il dispiacere se non, addirittura, il dolore per la scomparsa di un imprenditore, Mauro Volponi, che ha fatto del commercio una ragione di vita e delle sue scarpe un valido motivo...