Anno 7°

domenica, 25 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

A me mi vien da rece

giovedì, 28 marzo 2019, 13:02

di aldo grandi

Sono mesi, ormai, che ogniqualvolta capita di soffermarsi sulle vicende rossonere, a chi scrive vengono dei conati di vomito. Ma è in questi ultimi tempi che i conati si sono trasformati, perdonate il linguaggio non proprio oxfordiano, in emissioni-eruzioni sistematiche. Siamo venuti, addirittura, a sapere che da Roma qualcuno dei tre magi avrebbe chiesto il tesseramento di un giovane calciatore toscano in cambio di una fetta di prosciutto del valore di alcune decine di migliaia di euro. Vero? Falso? Già il fatto che una voce del genere si sia diffusa nell'ambiente rossonero la dice lunga su quali siano i meandri all'interno dei quali gravita, ormai, la navicella sfasciata rossonera. Ieri mister Nuccilli si è visto a palazzo dei Bradipi dove ha incontrato Alessandro Tambellini. Quest'ultimo, che conserva e cova dentro di sé, con orgoglio, la sua anima contadina, al termine dell'incontro ha espresso una moderata soddisfazione, ma sappiamo che non ha gli anelli al naso - e nemmeno alle orecchie - e che senza vedere garanzie fideiussorie nero su bianco, col cavolo che spenderà una parola in favore dell'(im)prenditore romano che, in passato, tutto avrebbe voluto comprare, ma non ha comprato. Pare che qualcuno, simile ad un avvoltoio ai piedi del letto, stia aspettando che la pantera esali l'ultimo respiro così da proporsi per l'affidamento di un funerale con i fiocchi, tanti debiti e anche qualche, magari, sorpresa. Si tratta di cadaveri tutt'altro che eccellenti, più simili agli zombie di George A. Romero in una sorta di remake del film La notte dei morti viventi. Ormai siamo alla fine di questa ridicola, ma tragica storia d'amore i cui protagonisti altro non meritano se non la gogna. 

Sono tutti lì a rivendicare l'acquisto contrattuale di una società con un passato glorioso al modico prezzo di 1 euro. Una società con oltre 1 milione di euro di debiti, ma nessuno che si azzardi a dire che, in un modo o nell'altro, riuscirà a farvi fronte. Abbiamo già visto e vissuto tramonti simili, ma qui il buio ha avuto, da subito, il sopravvento. I giornali, lo sappiamo, devono scrivere sempre qualcosa e non perché ci siano le notizie, ma perché ci sono gli spazi da riempire quotidianamente anche quando il nulla prevale sul niente. 

Noi abbiamo già cantato il de profundis al sodalizio rossonero e questa inutile agonia non fa altro che gettare illusioni negli occhi, ma, soprattutto, nel cuore dei tifosi rossoneri, gli unici che hanno non solo il diritto, ma anche il dovere morale di far sentire la propria voce, anche perché, onestamente, tutti gli altri farebbero meglio a tenere la bocca ermeticamente chiusa.

Invece no, questi signorotti decaduti in cerca di una sovraesposizione mediatica, si lanciano in proposte azzardate e anche prive di sostanza, quella che, al contrario, servirebbe per restituire fiducia e ossigeno a chi, fiducia e respiro, non ha più. Quando leggiamo i nomi e, in particolare, i cognomi degli aspiranti condottieri di un inesistente esercito, ci vien da rece ossia ci viene da vomitare traducendo il vernacolo lucchese.

Attendiamo pazientemente il lavoro della procura della Repubblica la quale non dovrebbe limitarsi a infilare il naso negli ultimi mesi, ma dovrebbe dare un'occhiata anche agli ultimi anni di gestione societaria, per capire le ragioni per le quali si è arrivati a questo punto di non ritorno. Questo giochino delle scatole cinesi portato avanti, evidentemente, senza tanti scrupoli, andrebbe scoperchiato.

Noi lo ribadiamo, meglio poveri, ma onesti che falsamente ricchi e ipocriti.

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 23 agosto 2019, 20:40

Querele, denunce, processi, procedimenti disciplinari, censure, sospensioni ma, alla fine, le Gazzette sono ancora lì, più forti che mai

Da quando questo folle scribacchino di provincia ha aperto, una per una, le Gazzette, non sono mancati - tutt'altro - le querele, le denunce, i processi, i procedimenti disciplinari al (dis)ordine dei giornalisti, gli avvertimenti, le censure, financo le sospensioni, addirittura, per tre mesi.


giovedì, 22 agosto 2019, 09:04

Sermide, Drusilla ed Ezra Pound: aneddoti per un uomo libero, Franco Barbieri

Tanti anni fa, agli albori di questa vita da scribacchino di provincia, chi scrive abitava a Roma, sulla via Cassia e, ancora studente a Scienze Politiche Università La Sapienza, si era messo in testa di conoscere e intervistare la generazione che aveva vissuto la propria gioventù durante il fascismo divenuta,...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 20 agosto 2019, 08:55

Bastardi senza gloria

Alcuni soggetti più o meno di parte si riuniranno per celebrare l'eccidio di S. Maria a Colle, avvenuto nell'agosto del 1944. Non so quanti libri e che libri hanno pubblicato coloro che si sciacquano un giorno sì e l'altro pure la bocca con l'antifascismo, evento nato e sorto in contrapposizione...


venerdì, 16 agosto 2019, 13:50

Lucchese, tempi duri per chi ama stare fuori dal coro

Il sottoscritto riceve, questa mattina, una telefonata da parte di Daniele Deoma, direttore sportivo rossonero, amico di lunga data. Oltre che a salutarmi, mi passa un altro grande amico, Toni Carruezzo, al quale il sottoscritto domanda se fosse possibile fare una chiacchierata ricordando i bei tempi andati così da fare...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 8 agosto 2019, 20:51

Giornali stampati su carta da cesso: ultima trovata per frenare la perdita di copie

Pare che giri sul web o da qualche altra parte la notizia, clamorosa se vera, che alcuni Maestri della libertà di stampa e dell'ambientalismo estremo avrebbero trovato la soluzione al male che affligge, da anni, gli editori ossia l'emorragia inarrestabile di copie perdute.


lunedì, 5 agosto 2019, 18:49

Daniele Deoma, i vecchi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano

Entri negli uffici dell'attuale Lucchese Libertas 1905 e ti sembra di tornare indietro nel tempo. Facce note, vecchi amici. Da Gabriele Baraldi a Toni Carruezzo, da Daniele Deoma a Bruno Russo, da Francesco Monaco a Mario Santoro.