Anno 7°

lunedì, 27 maggio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Chiude la tendopoli, ma il merito non è né del sindaco né della prefettura

giovedì, 7 marzo 2019, 19:24

di aldo grandi

La prefettura e il sindaco Alessandro Tambellini hanno comunicato oggi, giorno di grazia 7 marzo 2019, che la tendopoli di via delle Tagliate, che per tutti questi anni ha ospitato clandestini provenienti dal terzo, quarto e quinto mondo, chiude i battenti. Nel comunicato del comune di Lucca, dove albergano quattro addetti stampa pronti a redigere comunicati in gran quantità, c'è scritta la parola hub, che noi, ignoranti peggio delle pecore - le capre, lo ripetiamo, sono animali intelligentissimi - non sappiamo cosa significhi né, sinceramente, ci interessa saperlo. Non si comprende perché invece della parola hub non si sia usata la più comune, sensata, comprensibile parola tendopoli, ma qui bisognerebbe entrare nel cosiddetto linguaggio politicamente corretto e spremerlo come un limone. Fortuna e buonsenso hanno voluto che nel documento del comune di Lucca nessuno si sia preso i meriti per questa chiusura che, ricordiamo, ai tempi delle elezioni amministrative lo stesso Tambellini provò a limitarne la capienza scrivendo direttamente all'allora prefetto senza ottenere alcun risultato: i migranti arrivavano a centinaia di migliaia, l'hub non solo era in piena operatività, ma scoppiava addirittura. Giustamente palazzo dei Bradipi fa notare che la chiusura della tendopoli alle Tagliate va imputata alla diminuzione dei flussi migratori e, allora, qui sarebbe stato intellettualmente onesto riconoscere che il merito di questa diminuzione - a meno che non la si voglia considerare una colpa se non, magari, un reato è del nuovo governo e, in particolare del ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Apriti cielo, abbiamo pronunciato il nome del diavolo in persona, di colui che gran parte della Sinistra, soprattutto, quella estremista, vedrebbe volentieri appeso a testa in giù come già accadde tanti anni fa. Il fatto è che la Sinistra - questa accozzaglia di nostalgici della guerra civile, questo insieme di pseudo partigiani dell'Era Sbagliata, con le loro manifestazioni di piazza frequentate, in particolare, da gente che non ha molto da fare dalla mattina alla sera che non ha, cioè, da lavorare nel senso compiuto, produttivo e redditizio del termine - vorrebbe che i flussi migratori non si arrestassero mai, che i milioni di immigrati provenienti dall'Africa nera e dall'Asia più o meno giallastra sbarcassero sistematicamente ogni giorno senza alcun limite né confine, convinti che, come il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, avrebbero cibo, vitto e alloggio così, per incanto, automaticamente. 

In questo sogno delirante che è anche un miraggio allucinato, la Sinistra va a braccetto con la Chiesa di papa Francesco, il quale vedrebbe volentieri l'umanità tornare al Medioevo quando il timor di dio e della Santa Inquisizione rendeva la gente molto più servile, fedele e paziente. 

Ovviamente il lavoro di Salvini viene additato come la quintessenza della perfidia e della malvagità umane senza ammettere che si tratta dell'applicazione pura e semplice del principio del buonsenso, dote che si spande e spende a milioni tra il popolo mentre è completamente assente nelle élites intellettuali e radical chic-choc.

Al di là di ogni considerazione, manifestiamo la nostra soddisfazione per la rimozione di una struttura che rappresentava una vergogna per la città e, nel farlo, ci domandiamo se dovremo attendere Salvini anche per la cancellazione del campo zingari accanto all'ex campo di atletica. Consigliamo, se ancora non ci hanno pensato da sé, l'amministrazione tambelliniana di organizzare una escursione gratuita nella zona al fine di repertare e ammirare carcasse di vari oggetti inanimati tra cui auto e moto e una situazione igienico-sanitaria ai limiti della sopportazione umana.

Nell'attesa e, non si sa mai, nel timore che ciò non avvenga, noi, per cautelarci, continueremo a sostenere il metodo Salvini. 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 maggio 2019, 19:38

Industriali ed imprenditori désengages

Una volta, alle origini del capitalismo italiano, notoriamente cresciuto non solo per meriti propri, ma anche grazie all'apporto di capitali stranieri, c'erano famiglie che, come nel resto del mondo occidentale, vivevano la propria condizione sociale non tanto come un diritto o un privilegio, ma come una sorta di compito assegnato...


sabato, 18 maggio 2019, 19:39

Barra dritta e avanti tutta

Chi, come il sottoscritto, fa questo lavoro di merda da trent'anni, ha, ormai, compreso quali sono i meccanismi in base ai quali funziona il sistema di quella che, pomposamente, viene definita libertà di informazione. Ci sono insegnanti, giornalisti, editori che si sciacquano la bocca cercando di spiegare ai ragazzi delle...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 13 maggio 2019, 14:56

Sinistra, Chiesa e poteri forti contro il popolo. Chi sente di essere italiano non può stare dalla loro parte

E' incredibile. Allucinante, terribilmente, maledettamente serio. Quello che sta accadendo in Italia a livello politico è un tentativo di colpo di stato strisciante messo insieme non dai fascisti, come suggeriscono e vorrebbero gli imbecilli verniciati di rosso, ma dalle élites intellettualoidi della sinistra radical chic choc.


giovedì, 9 maggio 2019, 22:12

Assi viari, altra inculata per l'unico soggetto che non può difendersi: l'ambiente

Sembra che tutta la campagna elettorale del comune di Capannori ruoti intorno alla nuova viabilità e ai cosiddetti assi viari, reputati, dai soloni della politica a un tanto al chilo, indispensabili per migliorare le condizioni di transito, di traffico e di vita della nostra già deturpata piana lucchese.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 6 maggio 2019, 16:58

La Gazzetta sta con gli ebrei

Questa sinistra peracottara si guarda bene dal manifestare la propria solidarietà a chi, veramente, lo merita, per limitarsi a farlo solo quando, politicamente, le torna comodo. Così capita che dia appoggio a cani e porci senza che si riesca a capire dove cominciano i cani e finiscono i porci.


mercoledì, 1 maggio 2019, 11:15

Radio Radicale, il problema principale dell'amministrazione comunale

Tra le tante cose (sic!) di cui si occupa il consiglio comunale quando si riunisce a Palazzo Santini, apprendiamo anche che c'è il futuro di Radio Radicale, una emittente radiofonica che definire inutile è un eufemismo, che ascoltano solo, forse, i resocontisti parlamentari e qualche masochista i turno. Bene, ieri...