Anno 7°

martedì, 23 luglio 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Assi viari, altra inculata per l'unico soggetto che non può difendersi: l'ambiente

giovedì, 9 maggio 2019, 22:12

di aldo grandi

Sembra che tutta la campagna elettorale del comune di Capannori ruoti intorno alla nuova viabilità e ai cosiddetti assi viari, reputati, dai soloni della politica a un tanto al chilo, indispensabili per migliorare le condizioni di transito, di traffico e di vita della nostra già deturpata piana lucchese. Luca Menesini, candidato del Pd e del centrosinistra ha mosso alcuni dubbi chiedendo una revisione del piano, ma non ha il coraggio né l'autonomia politica per ribellarsi al diktat del suo partito che, al contrario, gli assi viari li vuole eccome. Sul fronte opposto, il candidato del centrodestra Bartolomei rimprovera a Menesini questa sorta di presunta sudditanza, ma non è in grado, nemmeno lui, di opporsi completamente ad un progetto che, al di là delle solite stronzate con cui si cerca di edulcorare la situazione, finirà inevitabilmente e logicamente per avere conseguenze devastanti sul territorio. Già, ma il territorio, se ci si pensa bene, non vota e, quindi, 'sti cazzi direbbero alle latitudini laziali. Noi, a partire da chi scrive, siamo ignoranti e la nostra cultura storica e politica, sia pure formatasi con grande sacrificio su centinaia di testi presenti, passati e anche trapassati, non ci consente di entrare nel merito di un progetto che, a quanto pare, sembra essere compreso soltanto dagli addetti ai lavori e, guarda caso, dai professionisti della politica.

Dove sono finiti gli ambientalisti, quelli veri, però, non quelli che grazie ai ruoli ricoperti nelle associazioni nazionali hanno, poi, piazzato il culo sui banchi di Montecitorio e Palazzo Madama? E a Lucca, suvvia, che fine hanno fatto coloro i quali dovrebbero scendere in strada e difendere se stessi e il paesaggio dai soliti interessi legati alla costruzione-costrizione-distruzione del territorio?

Se parlate con i presunti esperti, essi vi diranno che la realizzazione dell'opera rappresenta la panacea di tutti i mali, che una volta costruiti gli assi, la gente potrà tornare a respirare aria pulita e a non vedere più Tir e roba del genere. Noi non ci crediamo. L'unica cosa concreta che accadrà sarà la cementificazione di altre zone del territorio con la degradazione dell'ambiente e di tutta quella povera e disgraziata fauna che ci vive. E poi si ha il coraggio di chiamare in causa, in occasione di incidenti stradali, i cinghiali, i daini, i caprioli killer colpevoli di attraversare le arterie. Ma se gli abbiamo mangiato, letteralmente, la loro terra. 

Di asfalto, a nostro avviso, ce n'è già abbastanza e invece di pensare a costruirne altro sommergendo di catrame la nostra meravigliosa natura, perché non cercare di rendere transitabili e meno pericolose quelle esistenti? Si può sacrificare tutto, perfino la salute e l'ambiente in cui viviamo per le solite, schifosissime, esagerate ragioni del profitto che, tra l'altro, è sempre appannaggio dei pochi e di coloro che sono disposti a leccar loro il culo pur di avere in cambio prebende e cadreghini.

La Gazzetta, tutte le Gazzette, lo dicono a voce alta: no agli assi viari. E ora se qualcuno vuole toglierci la sua pubblicità, faccia pure. 

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 17 luglio 2019, 12:13

Ora anche la Russia: le trovano tutte pur di smantellare Salvini, ma il Pci è stato foraggiato per decenni dai soldi dell'Urss

Quando questo scribacchino di provincia cominciò a scrivere si era nel lontano 1986. Un periodico, Orizzonti della sinistra, diretto da Italo Avellino, cercava dei collaboratori. La sede era a due passi da ponte Cavour, cuore di Roma.


giovedì, 11 luglio 2019, 21:07

La pubblicità 'sessista' non doveva essere rimossa. Così l'hanno avuta vinta i talebani verniciati di rosso

Che l'Italia sia un Paese formato, per la maggior parte, di levantini e soltanto raramente e in circoscritte contingenze ed emergenze storiche, si formino ed emergano minoranze rivoluzionarie non lo abbiamo detto noi, ma un certo Giaime Pintor nel suo Sangue d'Europa, personaggio che, scommettiamo i nostri miseri redditi, nell'assise...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 9 luglio 2019, 22:50

Pubblicità sessista che invita alla sopraffazione: a Sinistra si sono bevuti il cervello

No. Non è giusto. Chi scrive stava, letteralmente, stravaccato sul letto con tanto di ventilatore sparato a forza 1 - forza 2 e forza 3 troppo forti - e già assaporava l'abbandono consueto tra le braccia di Morfeo, che non è un uomo beninteso - quando il solito, mitico, unico...


domenica, 7 luglio 2019, 22:09

Il partito dei dementi e il primo imam divenuto papa

Anche all'interno del partito dei dementi c'è qualche voce fuori dal coro che cerca di far capire come stia andando incontro a un vero e proprio suicidio politico. Tutta la Sinistra, ma a beneficiarne è solo quella antagonista e dei centri (a)sociali, non sa più dove sbattere la testa e...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 5 luglio 2019, 23:56

Barista aggredito in Passeggiata da tre immigrati. Ma Giorgino dov'era? Al mare?

Dicono che il problema dell'Italia non sia l'immigrazione indiscriminata e selvaggia e hanno ragione. Il problema anzi, il cancro sono gli immigrati che sono stati fatti sbarcare e che stanno ancora sbarcando illecitamente nel nostro Paese grazie al buonismo dei compagni radical chic e degli idioti verniciati di rosso che,...


venerdì, 5 luglio 2019, 16:29

Gay Pride, massimo grado di priorità per Tambellini e la sua truppa

Oggi se non sei gay, bisex, lesbo, trans, queen, se non hai preferenze sessuali orientate un po' su tutti i letti possibili e immaginabili, se ti piacciono solo le donne e, soprattutto, se te ne piace e ne ami solamente una, non solo non sei niente e nessuno