Anno 7°

sabato, 15 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

La Lega ha vinto, l'Italia respira, ma a Capannori è notte fonda

lunedì, 27 maggio 2019, 23:58

di aldo grandi

Ancora prima che la Lega di Salvini toccasse le attuali latitudini elettorali, la Gazzetta di Lucca e le sue sorelle avevano sottolineato i pericoli ai quali stava andando incontro il nostro disgraziato Paese per colpa delle politiche antidentitarie, antinazionali, follemente immigrazioniste, antisovraniste portate avanti, purtroppo da troppo tempo, dalla sinistra mondialista serva del potere finanziario e degli organismi sovranazionali europei e internazionali. I danni causati dai vari governi verniciati di rosso e votati da un elettorato incapace di comprendere quanto la sinistra fosse diventata antitaliana e favorevole a tutti quei popoli in grado di mettere in crisi ogni principio di identità nazionale, sono incalcolabili. Non fosse che per i milioni di immigrati fatti sbarcare senza la benché minima regola, senza alcun limite, senza alcuna logica se non quella dettata dalla solita Ideologia marxista che di Ideologia ha tutto e di marxismo più niente. Era prevedibile e augurabile che i popoli, italiano compreso, si ribellassero a chi, in tutta Europa, sta svendendo l'Occidente all'Islam e a tutte le altre popolazioni con l'intento, manifestamente evidente, di voler uccidere ogni residuo di civiltà. In questo disegno allucinante la sinistra ha trovato, per la prima volta nella sua storia, l'alleanza schierata della Chiesa di un papa, l'attuale, più adatto a travestirsi da Imam che non a custode delle tradizioni millenarie che dovrebbe, al contrario, difendere e consolidare. Alle elezioni europee la Lega ha fatto il pieno, ma è ovvio che i giornali di regime, quelli verniciati di rosso per intenderci dei quali abbiamo esempio anche a Lucca, invece di ammettere la sconfitta, preferiscono nascondere la vittoria, consolandosi con i risultati delle amministrative. 

Provate a pensare cosa sarebbe accaduto se il 34 per cento lo avesse conquistato il Pd. Altro che dittatura e cambio di governo. Saremmo già tutti tornati al 1984 di George Orwell e alla sua Fattoria degli animali. Fortuna vuole che gli italiani, come ebbe a dire una volta colui che finì appeso a testa in giù, non potranno mai essere comunisti per indole caratteriale e formazione storica. 

Tornando alle elezioni, proprio nel pomeriggio Aldo Rosati, portavoce, scudiero, braccio destro e, pare, anche sinistro del capogruppo al Senato Andrea Marcucci, ha inviato alle testate giornalistiche il seguente comunicato: La vittoria complessiva dei candidati sindaci del Pd in provincia di Lucca premia il buon governo del centrosinistra e la maggiore aderenza alla realtà dei nostri programmi. A Capannori, Borgo a Mozzano, Barga e Castelnuovo Garfagnana recuperiamo voti che nello stesso giorno alle Europee sono finiti alla Lega. Significa che gli elettori sul piano nazionale premiano Salvini per la propaganda, ma per le cose di casa si affidano al Pd.

Allora, secondo Marcucci gli elettori che hanno votato alle amministrative si sono fidati della concretezza del Pd mentre quelli - gran parte dei quali sono i medesimi - che hanno votato per la Lega lo hanno fatto perché infinocchiati e ammaliati dalla propaganda salviniana.

Ora, a parte il fatto che al posto di Andrea Marcucci cercheremmo di essere più coerenti e logici dal momento che non si spiega come mai anche molti elettori che hanno votato i candidati a sindaco della sinistra - soprattutto in Garfagnana - abbiano anche votato, non si capirebbero altrimenti i risultati, per la Lega a livello europeo. 

Ma al posto di Marcucci non ci consoleremmo citando il successo di Menesini il quale, almeno a parole, ha bocciato ripetutamente il progetto degli Assi Viari portato avanti dal suo stesso partito. A questo punto si vedrà, in concreto, da quale parte si schiera il sindaco con il dono dell'ubiquità - Provincia e comune - se, cioè, continuerà a contrastare le pretese assolutistiche del Pd o se, al contrario, sarà disposto ad andare fino in fondo pur di non tradire la fiducia di chi lo ha votato per quel motivo.

Sarebbe stato molto più onesto ammettere, da parte di un capogruppo al Senato con trascorsi in commissione cultura e non solo, che le politiche suicide e antinazionali del suo partito hanno spinto la maggioranza relativa degli italiani a schierarsi con un partito che, fino a qualche tempo fa, era ristretto nelle pianure nebbiose del nord. Invece, niente di tutto questo nell'analisi dell'esito del voto. Con il risultato, per noi importante e fruttifero, che l'errore non servirà a far comprendere come sia suicida e assurdo oltreché infame e ingiusto, sbandierare ai quattro venti politiche che non tengono conto degli italiani, bensì di tutti quelli e solo quelli che italiani non sono.

Tornando ai risultati di Capannori, l'esito imbarazzante di Bartolomei e di tutto il centrodestra, nonostante la spinta dei voti alle europee, dovrebbe far riflettere su quanto, appena due anni fa, l'impresa di Remo Santini ebbe dell'incredibile, senza grandi schieramenti e comizi oltreché sotto il falso grido di allarme sull'avvento del fascismo tra le mura, finendo sconfitto per soli 361 voti. Forse qualcuno, da quelle parti, dovrebbe e potrebbe riconsiderare il capogruppo dell'opposizione in consiglio comunale a Lucca. Santini avrebbe potuto anche mollare, dedicarsi al giornalismo e chiudere una volta per tutte dopo la sconfitta. Non lo ha fatto, anzi, si è sciroppato un biennio di magre soddisfazioni e assolute frustrazioni sui banchi di palazzo Santini ad ascoltare i parti traumatici e i discorsi sull'avvento del fascismo formulati da una maggioranza che ha l'età di Napoleone. Chissà che il centrodestra, alla fine, non debba e possa ripartire proprio da lui per evitare le figure di merda rimediate, purtroppo, a dieci chilometri di distanza.

Una parola per Montecarlo, rimasta al centrodestra. Vedremo cosa saprà fare il piccolo centro attestato in cima a una collina che, onestamente, ogni volta sorprende per la sua lucidità e indipendenza dal pensiero unico dominante.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 12 giugno 2019, 20:30

Va, se ci riesci, dove ti porta il cuore

Era la fine degli anni Novanta. Oreste del Buono, un mito dell'editoria e non solo, propose a questo scribacchino di provincia con aspirazioni nazionali, di pubblicare con Baldini&Castoldi la biografia di Ruggero Zangrandi. Chi scrive, allora, si recò a Milano dove ebbe anche modo di conoscere personalmente Alessandro Dalai, l'editore,...


domenica, 9 giugno 2019, 19:25

Alla faccia di Paperon de Moriconi

Non che non ci sarebbero altri temi sicuramente più importanti e significativi da affrontare, ma quello che è avvenuto ieri sera in terra pugliese dove la Lucchese ha centrato la permanenza nella categoria, merita senza ombra di dubbio la nostra attenzione. Cominciamo con una ammissione di colpevolezza.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 3 giugno 2019, 16:41

La Luminara senza candele dopo mille anni: la giunta Tambellini peggio dei barbari

Capita, a volte, che non ci siano argomenti sufficientemente stimolanti per redigere questa rubrica, ormai, divenuta, per molti se non per tutti, l'unico spazio di libertà nel quale non si lecca il culo all'amministrazione comunale di Alessandro Tambellini.


venerdì, 31 maggio 2019, 00:51

Politica in Lucchesia: a sinistra volponi, a destra coglioni

Mettendo un attimo da parte la soddisfazione per la vittoria della Lega sovranista in un paese che la sinistra ha abituato a cedere non solo la propria sovranità, ma anche la propria identità nazionale, storica, culturale e religiosa, soffermiamoci sulla situazione politica di Lucca.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 22 maggio 2019, 19:38

Industriali ed imprenditori désengages

Una volta, alle origini del capitalismo italiano, notoriamente cresciuto non solo per meriti propri, ma anche grazie all'apporto di capitali stranieri, c'erano famiglie che, come nel resto del mondo occidentale, vivevano la propria condizione sociale non tanto come un diritto o un privilegio, ma come una sorta di compito assegnato...


sabato, 18 maggio 2019, 19:39

Barra dritta e avanti tutta

Chi, come il sottoscritto, fa questo lavoro di merda da trent'anni, ha, ormai, compreso quali sono i meccanismi in base ai quali funziona il sistema di quella che, pomposamente, viene definita libertà di informazione. Ci sono insegnanti, giornalisti, editori che si sciacquano la bocca cercando di spiegare ai ragazzi delle...