Anno 7°

venerdì, 23 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Politica in Lucchesia: a sinistra volponi, a destra coglioni

venerdì, 31 maggio 2019, 00:51

di aldo grandi

Mettendo un attimo da parte la soddisfazione per la vittoria della Lega sovranista in un paese che la sinistra ha abituato a cedere non solo la propria sovranità, ma anche la propria identità nazionale, storica, culturale e religiosa, soffermiamoci sulla situazione politica di Lucca. Abbiamo visto che in Media Valle e Garfagnana le idee e le divisioni ben poco possono contro chi è abituato al 'baratto' elettorale. A Capannori il centrodestra ha fatto, sostanzialmente, schifo. Molto, ma molto di più di quanto fece, anni fa, a Lucca alle amministrative. Nemmeno al ballottaggio è arrivato il candidato a sindaco Salvadore Bartolomei, roba da nascondersi per i prossimi cinque anni. A Lucca le elezioni sono ancora lontane, ma la maggioranza che due anni fa ha vinto con soli 361 voti di vantaggio, sta già seminando per la prossima tornata elettorale. Forse nessuno si rende conto che a sinistra, in fatto di organizzazione e strategia ne sanno una più del diavolo, ma, soprattutto, non hanno limiti alla coerenza e alla decenza: tutto fa brodo per vincere anche la menzogna. In una Italia dove i nostalgici del fascismo di CasaPound e Forza Nuova hanno raccattato poco o nulla, la sinistra ha impostato e imposta tutta la sua campagna di propaganda sul pericolo fascista additandone l'esempio in Matteo Salvini e in tutti coloro che non la pensano come le Boldrini, i Fiano e i loro compagni di sventura. A destra, invece di leggere non si sa bene cosa, dovrebbero studiarsi i testi di tale Vladimir Ulianov Lenin per comprendere come tutto, della società borghese, può essere strumentalizzato e utilizzato a fini politici per vincere la battaglia secolare tra chi vorrebbe una dittatura del pensiero unico e chi, al contrario, crede ancora nel rispetto dei valori che sono alla base della nostra società.

A Lucca, poi, il centrodestra prende schiaffi un po' ovunque. Prima per via di una inchiesta giudiziaria che non ha prodotto alcunché se non danni pressoché irreversibili o quasi a chi ci finì nel mezzo, poi per alcuni errori tattici che hanno permesso a mister Tambellin Man di acciuffare il secondo mandato per il rotto della cuffia.

Ma quello che è passato è passato, pensiamo, piuttosto, al presente. A sinistra la giunta filotutto fuorché filolucchese e filoitaliana sta già affilando le armi per la prossima candidatura a primo cittadino che vedrà emergere l'ex dirigente della polizia di stato Francesco Raspini, figlio di uno dei più famosi notai cittadini. La sua ragnatela la sta tessendo lentamente, ma progressivamente e sta facendo di tutto affinché, quando sarà il momento, i suoi avversari vi rimangano impigliati.

Tutt'altro che stupido, per niente superficiale, scaltro il giusto, attento osservatore, Raspini è un politico che sa mascherare i propri stati d'animo all'occorrenza, un sindaco, detta in parole povere, buono per tutte le stagioni e, perché no?, anche per tutti coloro che, in fondo, preferiscono andarsene al mare piuttosto che votare contro l'avvento della sinistra antitutto. 

Bene, Tambellini sta già lavorando per il futuro e Raspini segue a ruota. Qualcuno, l'altra mattina durante una sorta di improvvisata conferenza, osservava come questa giunta non abbia, praticamente, avversari nei media, con i due cartacei che, ormai, sembrano uguali e dove la giunta trova ospitalità più che gradita e gratuita mentre per l'on line la sostanza, a parte la Gazzetta di Lucca con cui l'amministrazione comunale non parla da due anni - evidentemente parla e si confessa così tanto con gli altri da non aver bisogno di confrontarsi con l'unica testata che la pensa diversamente, ma che, facciamo notare, rappresenta un robusto numero di elettori, ossia tutti quelli che ha preso la sinistra meno 361: quisquilia - è la medesima.

Possibile che il centrodestra o coloro che ritengono di rappresentarlo - Chiari, Maniglia, Marchetti, Mallegni, Santini, Barsanti, Martinelli e chi più ne ha più ne metta - non si rendano conto che se si vuole contrastare efficacemente la sinistra al potere non ci si può affidare solo all'onda lunga di Matteo Salvini, ma bisogna costruire, nel tempo, una classe dirigente amministrativa credibile? E che non si possono aspettare gli ultimi sei mesi per annunciare il candidato a sindaco e fare tutto di fretta come le nozze con i fichi secchi? Guardate Capannori, ma anche Lucca: quando si avvicina la scadenza, via a lavori di qualsiasi natura sia che ci siano i soldi sia che si debbano trovare purché si facciano. La sinistra è pervasa da una satiriasi di attivismo che non conosce confini né limiti. Ci si appella all'antifascismo, alle truppe di Napoleone, se fosse necessario anche alle truppe dell'ex Patto di Varsavia pur di vincere e la destra che fa? Guarda.

Insomma, si può sapere che cosa pensa Susanna Ceccardi della insufficiente situazione in cui si trova la Lega a Lucca, Piana e Garfagnana con la Media Valle acclusa? E il senatore Mallegni con l'amico Marchetti entrambi, ormai, con la poltrona sotto il sedere, cosa intendono fare per non rischiare di scomparire completamente dalla circolazione politica visto come sta andando Forza Italia e l'età ormai avanzatissima del Cavaliere?

E Marco Chiari con Riccardo Zucconi, invece di consolarsi per i risultati raggiunti, perché non aprono gli occhi e cominciano a guardarsi intorno per arrivare tutti uniti alla scadenza delle prossime comunali lucchesi?

Noi della Gazzetta possiamo anche stare altri tre anni senza colloquiare con i rappresentanti nostrani del Pud (pensiero unico dominante) e altri cinque qualora dovessero vincere nuovamente, ma quello che ci chiediamo è se la città di Lucca può restare in questo stato e sotto una vera e propria dittatura rossa.

 


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 22 agosto 2019, 09:04

Sermide, Drusilla ed Ezra Pound: aneddoti per un uomo libero, Franco Barbieri

Tanti anni fa, agli albori di questa vita da scribacchino di provincia, chi scrive abitava a Roma, sulla via Cassia e, ancora studente a Scienze Politiche Università La Sapienza, si era messo in testa di conoscere e intervistare la generazione che aveva vissuto la propria gioventù durante il fascismo divenuta,...


martedì, 20 agosto 2019, 08:55

Bastardi senza gloria

Alcuni soggetti più o meno di parte si riuniranno per celebrare l'eccidio di S. Maria a Colle, avvenuto nell'agosto del 1944. Non so quanti libri e che libri hanno pubblicato coloro che si sciacquano un giorno sì e l'altro pure la bocca con l'antifascismo, evento nato e sorto in contrapposizione...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 16 agosto 2019, 13:50

Lucchese, tempi duri per chi ama stare fuori dal coro

Il sottoscritto riceve, questa mattina, una telefonata da parte di Daniele Deoma, direttore sportivo rossonero, amico di lunga data. Oltre che a salutarmi, mi passa un altro grande amico, Toni Carruezzo, al quale il sottoscritto domanda se fosse possibile fare una chiacchierata ricordando i bei tempi andati così da fare...


giovedì, 8 agosto 2019, 20:51

Giornali stampati su carta da cesso: ultima trovata per frenare la perdita di copie

Pare che giri sul web o da qualche altra parte la notizia, clamorosa se vera, che alcuni Maestri della libertà di stampa e dell'ambientalismo estremo avrebbero trovato la soluzione al male che affligge, da anni, gli editori ossia l'emorragia inarrestabile di copie perdute.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 5 agosto 2019, 18:49

Daniele Deoma, i vecchi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano

Entri negli uffici dell'attuale Lucchese Libertas 1905 e ti sembra di tornare indietro nel tempo. Facce note, vecchi amici. Da Gabriele Baraldi a Toni Carruezzo, da Daniele Deoma a Bruno Russo, da Francesco Monaco a Mario Santoro.


venerdì, 2 agosto 2019, 23:39

Corse, blitz sur la plage: une provocation francaise

Dopo alcuni giorni trascorsi su l'Ile de beauté a prenderci un po' di sole, eccoci di ritorno per tenervi compagnia fino alla fine del mese di agosto. Ebbene sì, cari amici miei, staremo insieme, più incazzati che mai, anche durante questo mese nel corso del quale, generalmente, la gente preferisce...