Anno 7°

martedì, 25 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Alla faccia di Paperon de Moriconi

domenica, 9 giugno 2019, 19:25

di aldo grandi

Non che non ci sarebbero altri temi sicuramente più importanti e significativi da affrontare, ma quello che è avvenuto ieri sera in terra pugliese dove la Lucchese ha centrato la permanenza nella categoria, merita senza ombra di dubbio la nostra attenzione. Cominciamo con una ammissione di colpevolezza. Abbiamo sbagliato, pensavamo che la situazione societaria avrebbe rappresentato la fine di ogni avventura e, invece, questa squadra e questo staff tecnico hanno dimostrato che i veri vincitori di questa stagione sfortunata sono proprio loro che non hanno mai smesso di lottare. Certo, adesso verranno i problemi veri e toccherà avere a che fare con gli stessi personaggi che, solo qualche mese fa, vennero mandati garbatamente a fanculo, ma la speranza è l'ultima a morire e importante era, intanto, restare in Lega Pro. La vittoria contro il Bisceglie, ma, in realtà, tutta la carrellata di partite e di successi collezionati dai rossoneri, sono un grande, meraviglioso, concreto schiaffo in faccia a Paperon de Moriconi alias Moricon de Paperoni, all'anagrafe Arnaldo Moriconi, colui che ha condotto alla salvezza la Lucchese per poi lasciarla morire di morte propria. Adesso, se fosse rimasto al timone, sarebbe il vincitore e il re di questo piccolo regno chiamato Lucca. Al contrario, è ritenuto, a torto o a ragione, il principale responsabile di ciò che è avvenuto sul fronte societario della Lucchese. Lui, il Moriconi, non solo ha abbandonato in alto mare la società che aveva portato in salvo dall'era Bacci, ma ha anche silurato quello che era l'amministratore di Città Digitali, la società che deteneva la maggioranza delle quote della società rossonera.

Non pago, proprio di recente lo ha anche estromesso dalla televisione Dì Lucca affidandone la direzione a Daniele Vanni con il quale aveva una causa di lavoro pendente e che aveva già allontanato in più di una circostanza. E il collega ed ex collaboratore delle Gazzette Bini si è visto finire nei guai per il reato di esercizio abusivo della professione. 

Che dire? Il sodalizio rossonero, aiutato negli ultimi tempi a sopravvivere e a concludere degnamente, almeno il campionato, sul campo, ha dato un calcio, sia pure in senso metaforico, a tutti coloro che, da Grassini-Lucchesi in poi, si sono presi gioco di una società gloriosa dal passato ultracentenario. E si è avuta anche la dimostrazione che la città è stata vicina a questi ragazzi, contribuendo a restituire loro quel minimo di dignità che altri, mister Moriconi in testa, gli avevano tolto. Molti se la prendono con il sindaco, soprattutto, per ragioni politiche poiché sinceramente il povero Tambellini non poteva fare di più di quel che non ha fatto. 

Meglio così, comunque, così, almeno, nessuno rivendicherà chissà quale paternità mentre l'unica cosa certa è che, come i popoli in guerra, non esistono giocatori e squadre liberati, ma giocatori e squadre che si liberano da soli.

Adesso vedremo cosa accadrà in tribunale. Noi, gli attuali proprietari della Lucchese non solo non sappiamo né vogliamo sapere chi siano, ma ci auguriamo che si tolgano presto dalle scatole avendo dimostrato di essere solo e solamente delle persone capaci di spremere, ma di non apportare alcunché.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 24 giugno 2019, 14:15

Lucchese, omicidio premeditato

Lo avevamo sempre temuto, sostanzialmente sempre pensato, consapevolmente mai dubitato: la Lucchese, da quando Paperon de Moriconi l'aveva ceduta a Grassini-Lucchesi per poi riprendersela e darla a Castelli, era un cadavere ambulante in cerca soltanto di una bara dove potersi sistemare a dovere in vista della sepoltura.


giovedì, 20 giugno 2019, 23:49

Lucchese: con la faccia come il culo o con il culo in faccia?

In consiglio comunale, racconta stasera il nostro Eliseo Biancalana, è divampata la polemica perché nessuno della Lucchese si è presentato a ritirare le medaglie per la salvezza conquistata sul campo nonostante le vicissitudini societarie. Il sindaco e altri consiglieri di maggioranza sono rimasti sorpresi per questa palese violazione del protocollo...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 17 giugno 2019, 13:31

Vescovo anguilla, ma dubbi, perplessità e amarezze su papa Bergoglio restano e sono destinati ad aumentare

Se monsignor Italo Castellani era seguace di papa Bergoglio, il suo successore, monsignor Paolo Giulietti da Perugia, nuovo vescovo della diocesi di Lucca, ne è il segugio. Le sue risposte alle nostre domande, in una interSvista vis à vis senza limiti né obblighi o censure, ne sono la testimonianza più...


mercoledì, 12 giugno 2019, 20:30

Va, se ci riesci, dove ti porta il cuore

Era la fine degli anni Novanta. Oreste del Buono, un mito dell'editoria e non solo, propose a questo scribacchino di provincia con aspirazioni nazionali, di pubblicare con Baldini&Castoldi la biografia di Ruggero Zangrandi. Chi scrive, allora, si recò a Milano dove ebbe anche modo di conoscere personalmente Alessandro Dalai, l'editore,...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 3 giugno 2019, 16:41

La Luminara senza candele dopo mille anni: la giunta Tambellini peggio dei barbari

Capita, a volte, che non ci siano argomenti sufficientemente stimolanti per redigere questa rubrica, ormai, divenuta, per molti se non per tutti, l'unico spazio di libertà nel quale non si lecca il culo all'amministrazione comunale di Alessandro Tambellini.


venerdì, 31 maggio 2019, 00:51

Politica in Lucchesia: a sinistra volponi, a destra coglioni

Mettendo un attimo da parte la soddisfazione per la vittoria della Lega sovranista in un paese che la sinistra ha abituato a cedere non solo la propria sovranità, ma anche la propria identità nazionale, storica, culturale e religiosa, soffermiamoci sulla situazione politica di Lucca.