Anno 7°

sabato, 24 agosto 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Alla faccia di Paperon de Moriconi

domenica, 9 giugno 2019, 19:25

di aldo grandi

Non che non ci sarebbero altri temi sicuramente più importanti e significativi da affrontare, ma quello che è avvenuto ieri sera in terra pugliese dove la Lucchese ha centrato la permanenza nella categoria, merita senza ombra di dubbio la nostra attenzione. Cominciamo con una ammissione di colpevolezza. Abbiamo sbagliato, pensavamo che la situazione societaria avrebbe rappresentato la fine di ogni avventura e, invece, questa squadra e questo staff tecnico hanno dimostrato che i veri vincitori di questa stagione sfortunata sono proprio loro che non hanno mai smesso di lottare. Certo, adesso verranno i problemi veri e toccherà avere a che fare con gli stessi personaggi che, solo qualche mese fa, vennero mandati garbatamente a fanculo, ma la speranza è l'ultima a morire e importante era, intanto, restare in Lega Pro. La vittoria contro il Bisceglie, ma, in realtà, tutta la carrellata di partite e di successi collezionati dai rossoneri, sono un grande, meraviglioso, concreto schiaffo in faccia a Paperon de Moriconi alias Moricon de Paperoni, all'anagrafe Arnaldo Moriconi, colui che ha condotto alla salvezza la Lucchese per poi lasciarla morire di morte propria. Adesso, se fosse rimasto al timone, sarebbe il vincitore e il re di questo piccolo regno chiamato Lucca. Al contrario, è ritenuto, a torto o a ragione, il principale responsabile di ciò che è avvenuto sul fronte societario della Lucchese. Lui, il Moriconi, non solo ha abbandonato in alto mare la società che aveva portato in salvo dall'era Bacci, ma ha anche silurato quello che era l'amministratore di Città Digitali, la società che deteneva la maggioranza delle quote della società rossonera.

Non pago, proprio di recente lo ha anche estromesso dalla televisione Dì Lucca affidandone la direzione a Daniele Vanni con il quale aveva una causa di lavoro pendente e che aveva già allontanato in più di una circostanza. E il collega ed ex collaboratore delle Gazzette Bini si è visto finire nei guai per il reato di esercizio abusivo della professione. 

Che dire? Il sodalizio rossonero, aiutato negli ultimi tempi a sopravvivere e a concludere degnamente, almeno il campionato, sul campo, ha dato un calcio, sia pure in senso metaforico, a tutti coloro che, da Grassini-Lucchesi in poi, si sono presi gioco di una società gloriosa dal passato ultracentenario. E si è avuta anche la dimostrazione che la città è stata vicina a questi ragazzi, contribuendo a restituire loro quel minimo di dignità che altri, mister Moriconi in testa, gli avevano tolto. Molti se la prendono con il sindaco, soprattutto, per ragioni politiche poiché sinceramente il povero Tambellini non poteva fare di più di quel che non ha fatto. 

Meglio così, comunque, così, almeno, nessuno rivendicherà chissà quale paternità mentre l'unica cosa certa è che, come i popoli in guerra, non esistono giocatori e squadre liberati, ma giocatori e squadre che si liberano da soli.

Adesso vedremo cosa accadrà in tribunale. Noi, gli attuali proprietari della Lucchese non solo non sappiamo né vogliamo sapere chi siano, ma ci auguriamo che si tolgano presto dalle scatole avendo dimostrato di essere solo e solamente delle persone capaci di spremere, ma di non apportare alcunché.


Questo articolo è stato letto volte.


vicopelago tennis club


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 23 agosto 2019, 20:40

Querele, denunce, processi, procedimenti disciplinari, censure, sospensioni ma, alla fine, le Gazzette sono ancora lì, più forti che mai

Da quando questo folle scribacchino di provincia ha aperto, una per una, le Gazzette, non sono mancati - tutt'altro - le querele, le denunce, i processi, i procedimenti disciplinari al (dis)ordine dei giornalisti, gli avvertimenti, le censure, financo le sospensioni, addirittura, per tre mesi.


giovedì, 22 agosto 2019, 09:04

Sermide, Drusilla ed Ezra Pound: aneddoti per un uomo libero, Franco Barbieri

Tanti anni fa, agli albori di questa vita da scribacchino di provincia, chi scrive abitava a Roma, sulla via Cassia e, ancora studente a Scienze Politiche Università La Sapienza, si era messo in testa di conoscere e intervistare la generazione che aveva vissuto la propria gioventù durante il fascismo divenuta,...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 20 agosto 2019, 08:55

Bastardi senza gloria

Alcuni soggetti più o meno di parte si riuniranno per celebrare l'eccidio di S. Maria a Colle, avvenuto nell'agosto del 1944. Non so quanti libri e che libri hanno pubblicato coloro che si sciacquano un giorno sì e l'altro pure la bocca con l'antifascismo, evento nato e sorto in contrapposizione...


venerdì, 16 agosto 2019, 13:50

Lucchese, tempi duri per chi ama stare fuori dal coro

Il sottoscritto riceve, questa mattina, una telefonata da parte di Daniele Deoma, direttore sportivo rossonero, amico di lunga data. Oltre che a salutarmi, mi passa un altro grande amico, Toni Carruezzo, al quale il sottoscritto domanda se fosse possibile fare una chiacchierata ricordando i bei tempi andati così da fare...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 8 agosto 2019, 20:51

Giornali stampati su carta da cesso: ultima trovata per frenare la perdita di copie

Pare che giri sul web o da qualche altra parte la notizia, clamorosa se vera, che alcuni Maestri della libertà di stampa e dell'ambientalismo estremo avrebbero trovato la soluzione al male che affligge, da anni, gli editori ossia l'emorragia inarrestabile di copie perdute.


lunedì, 5 agosto 2019, 18:49

Daniele Deoma, i vecchi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano

Entri negli uffici dell'attuale Lucchese Libertas 1905 e ti sembra di tornare indietro nel tempo. Facce note, vecchi amici. Da Gabriele Baraldi a Toni Carruezzo, da Daniele Deoma a Bruno Russo, da Francesco Monaco a Mario Santoro.