Anno 7°

venerdì, 18 ottobre 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Lucchese: con la faccia come il culo o con il culo in faccia?

giovedì, 20 giugno 2019, 23:49

di aldo grandi

In consiglio comunale, racconta stasera il nostro Eliseo Biancalana, è divampata la polemica perché nessuno della Lucchese si è presentato a ritirare le medaglie per la salvezza conquistata sul campo nonostante le vicissitudini societarie. Il sindaco e altri consiglieri di maggioranza sono rimasti sorpresi per questa palese violazione del protocollo che altro non vuol dire se non che la squadra e lo staff tecnico, con l'attuale amministrazione comunale di Sinistra non vogliono avere niente a che fare. Non hanno tutti i torti i ragazzi di Favarin e Obbedio. Non solo perché nessuno, in fondo, credeva alla possibilità di salvarsi sul campo, ma, soprattutto, perché il sindaco ha avuto un comportamento che definire schizofrenico sarebbe un eufemismo. Come si può, infatti, parlare di solidarietà verso la squadra, di disponibilità a cercare soluzioni e, poi, invece, presentare un decreto ingiuntivo per 100 mila euro per gli affitti non pagati dalla Lucchese negli ultimi tre anni? E perché non mandare qualche giardiniere a dare una sistemata al prato del Porta Elisa invece di lasciare che ad occuparsene fossero gli stessi giocatori? Ma cos'è?, una presa per il culo? Ciònonostante sbagliano le opposizioni a strumentalizzare le drammatiche vicende sportive rossonere attrubuendo ogni responsabilità a mister Tambellin man e al suo fidato compagno di giunta e assessore allo sport Stefano Ragghianti. Non crediamo davvero che se al posto di Tambellini ci fosse stato il centrodestra, la Lucchese avrebbe miracolosamente trovato sponsor e imprenditori di casa pronti a svenarsi per aiutarla.

Purtroppo tutto diventa occasione di scontro e di polemica politica. Anche quando non c'entra nulla. Vediamo un attimo. E' notorio che i tifosi rossoneri della Curva Ovest sono tutti, sistematicamente, spostati verso destra e contrari al sindaco che non mancano mai di definire con aggettivi tutt'altro che edulcorati. E' altrettanto risaputo che CasaPound è vicina ai colori rossoneri nemmeno si trattasse della madre di tutte le battaglie e non ci fossero, perdonateci l'ardire, altri problemi di altrettanta importanza e urgenza di soluzione. Da questo dovremmo dedurre, in poche parole, che i veri tifosi della Lucchese sono a destra e quelli fasulli a sinistra. Stronzate. Generalizzazioni e considerazioni prive di tutto, ma, in particolare, di intelligenza.

Niente da dire sul fatto che la Lucchese si è salvata anche grazie all'amore straordinario manifestato da centinaia, migliaia di supporters molti dei quali stipati, onestamente, in Curva Ovest, ma da qui a farne una bandiera politica ce ne corre eccome.

Il sindaco, è vero, se avesse manifestato per la Lucchese, sin dal suo primo insediamento, lo stesso fervore avuto verso l'assistenza dei clandestini nella tendopoli di S. Anna, forse qualche presenza in più allo stadio e qualche coro in meno al suo indirizzo ci sarebbero stati. Ma Tambellini è così, non gli parlate di calcio o di agonismo che lui subito pensa, come tutta la sinistra, alla competizione capitalista e al fascismo da stadio. Se volete ottenere udienza dal primo cittadino, bene, portategli il vescovo e fategli fare, a braccetto, il giro delle mura in segno di solidarietà e accoglienza verso i sommersi e i salvati del Mediterraneo e vedrete che si ergerà in tutta la sua figura pronto a radunare migliaia di adepti pronti a morire per i fratelli in camicia, pardon dalla pelle nera.

La Lucchese sta affondando non per colpa della giunta o dei politici verniciati di rosso. La Lucchese sta andando a puttane perché coloro i quali si sono susseguiti al suo vertice societario sono, sistematicamente, dei bla bla bla men, gente che apre la bocca perché ha fiato da sputare, che dà ad intendere fiabe senza storia a destra e a manca, che cerca una sovraesposizione mediatica per sfuggire alla propria mediocrità esistenziale e professionale, che non ha il becco di un quattrino e si illude di poter diventare imperatore. La colpa è anche di tutti quei colleghi, perdonateci, che non lasciano passare un giorno senza dire tutto e il contrario di tutto, che dovendo riempire per forza gli spazi bianchi dei menabò sportivi, ci infilano quello che, quel giorno, passa il convento e il convento, per dirla tutta, non passa più niente da un pezzo.

Noi abbiamo scelto il silenzio, in particolare perché colpiti e sorpresi dall'impresa della squadra di mister Favarin e mister Langella, di Antonio Obbedio, i quali hanno centrato l'obiettivo senza l'aiuto di nessuno se non della città e dei suoi tifosi. Nonostante ciò abbiamo assistito alle interviste dei vari personaggi coinvolti in questo monopoli senza titoli con l'unico contratto in vendita e in acquisto, quello della Lucchese Libertas 1905, dal costo ridicolo e da vergognarsi a spenderlo, di 1 euro.

E tutti lì, in attesa di spolpare quel che contiene la Lega Pro nella cassaforte rossonera chiusa a doppia e tripla mandata ché, altrimenti, sarebbe già stata saccheggiata dai pirati che poi se ne sarebbero fuggiti con il denaro in tasca. Altro che salvare la Lucchese, altro che concordato preventivo, altro che rateizzazione del debito. La verità è solo e soltanto una: non ci sono soldi e non c'è nessuno che li ha ed è disposto a cacciarli fuori per salvare, realmente, la Lucchese. Ed ecco le interviste a cazzo di cane, che anche noi, onestamente, a volte pubblichiamo, nelle quali personaggi senza spessore lanciano moniti e annunciano ultimatum sperando che qualcuno gli dia ancora credito e consegni le chiavi per aprire il forziere dove sono custoditi i soldi della Lega destinati alla società rossonera. 

La Lucchese, molto probabilmente, non ce la farà a trovare quella salvezza fuori dal campo di gioco che ha raggiunto, invece, giocando a calcio. A proposito, il manto erboso del Porta Elisa, che già faceva schifo a campionato in corso, adesso, che fine farà?


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


bonito400


BF Cristiana Francesconi


brico


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


brico


lunedì, 14 ottobre 2019, 18:13

Sabrina Landucci, un esempio per tutti: chapeau!

E' andata in onda stamani, su Canale 5, nella trasmissione condotta da Federica Panicucci, la vicenda relativa alle violenze subìte da Sabrina Landucci, ex moglie di Mario Cipollini, attualmente compagna di Silvio Giusti ex calciatore della Lucchese Libertas 1905 dei tempi d'oro.


mercoledì, 9 ottobre 2019, 00:08

Ai giornali (bambini) buoni i soldi (la dolce Euchessina) della Regione, a quelli cattivi, un c...o (che spingano)

Oggi pomeriggio è arrivato in redazione un articolo speditoci dall'agenzia di stampa della Regione Toscana con cui l'assessore Vittorio Bugli, ovviamente del Pd, annunciava di aver stanziato oltre due milioni e mezzo di euro per l'informazione locale, televisiva, cartacea e on line.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 4 ottobre 2019, 08:09

Marcello Petrozziello no limits

Conosciamo Marcello Petrozziello da 30 anni esatti avendo trascorso, con lui, il nostro primo capodanno a Lucca nel dicembre 1989 a Petrignano, in un rustico appartenente, allora e, forse, ancora oggi, alla famiglia Gambaro. Con noi, all'epoca, Remo Santini e Mauro Celli.


lunedì, 30 settembre 2019, 16:45

Memoria storica sì, ma quale? In realtà soltanto la vostra

Che a Sinistra siano specializzati nell'inventarsi assessorati da retribuire con soldi pubblici non è una novità. Anni fa alla Regione Toscana esisteva l'assessorato al perdono, nemmeno si trattasse delle vecchie indulgenze di cattolica memoria. Del resto comunismo e cattolicesimo sono due chiese che sono andate avanti parallelamente senza incontrarsi mai...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 26 settembre 2019, 22:54

La(ura) Gioia di fare questo mestiere: tutto cominciò alla Gazzetta di Lucca

Noi non abbiamo l'abitudine, più o meno pessima a nostro modesto avviso, di guardare la Tv. Da almeno 30 anni e, probabilmente, qualcuno riterrà che viviamo fuori dal mondo, ma, lo confessiamo senza timori, da quel mondo che ci vogliono a tutti i costi far digerire noi crediamo di far...


sabato, 21 settembre 2019, 19:32

Giorgino Del Ghingaro e l'aspirazione nemmeno tanto nascosta di diventare presidente della Regione

O Giorgino Giorgino che per la città del foco vivo ten vai così parlando onesto, piacciati di restare in questo loco. Giorgio Del Ghingaro, non c'è dubbio, ha deciso, invece, di non restare a Viareggio, di non candidarsi al secondo mandato nella ex Pirla pardon Perla della Versilia e di...