Anno 7°

giovedì, 23 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Se Danilo Mariani entra in società con o senza Santoro, Russo e Deoma, la Lucchese per noi è morta

domenica, 8 settembre 2019, 14:13

di aldo grandi

Danilo Mariani, l'imprenditore romano che vorrebbe entrare nella Lucchese Libertas 1905, ha lanciato un ultimatum all'attuale dirigenza rossonera, dichiarando che se entro il 21 settembre non riceverà una risposta, abbandonerà il progetto e il proposito di fare calcio a Lucca. Bene, a noi pare che non ci sia nemmeno bisogno di aspettare. Che si tolga pure dalle scatole subito, che di lui non c'è bisogno a queste latitudini. Forse è meglio essere chiari e dirla tutta una volta per tutte, in una città dove si pensa più a pararsi il culo che a metterci la faccia. Mariani è stato ascoltato da Bruno Russo presidente della Lucchese, ma sappiamo perché ce lo hanno detto loro, che tutto ciò è avvenuto per fare un favore al sindaco Alessandro Tambellini, il quale capisce di calcio e annessi quanto noi di ingegneria aerospaziale. A detta dell'attuale dirigenza nessuno ha mai avuto intenzione di accogliere il Mariani da Roma e se è stata portata avanti questa pseudo-trattativa è stato solamente per non inimicarsi il preside di palazzo dei Bradipi. Ora, noi abbiamo tanti difetti, ma un pregio: diamo alle parole il giusto peso poiché esse sono pietre e quando si pronunciano è come se si lanciassero. E fanno male quando colpiscono male e a casaccio. Appare evidente che Russo, Deoma e Santoro non potranno mai accogliere Mariani sia perché li ha lasciati nella merda alla vigilia dell'iscrizione in serie D, sia perché i lucchesi, tifosi e città, hanno dato fiducia a questa gente in virtù del loro passato e delle loro promesse.

E, poi, scusate, è stato detto che se arrivasse Mariani porterebbe Agostinelli come allenatore. Ma stiamo scherzando? E Francesco Monaco dove lo mettiamo? Scusate, ma non esiste da nessuna parte prendere in giro baracca e burattini. Mariani resti a Roma che con le sue cliniche avrà sicuramente molto da fare.

Veniamo ora ai nostri moschettieri. Saremo brutali. Per digerire Mario Santoro alla Lucchese abbiamo dovuto prendere qualche bustina di Diger Selz e alla fine abbiamo deciso di concedere fiducia a lui e a questo gruppo di ex che vivendo a Lucca, prima di fare cazzate, ci penseranno due volte avendoci messo la faccia e camminando ogni giorno per le strade di questo borgo. Lo facciamo perché questo gruppo ci ispira simpatia, perché vogliamo riconoscere che, se non fosse stato per Santoro, adesso la Lucchese, forse, non esisterebbe nemmeno più.

Ma a tutto c'è un limite, anche agli equilibri da mantenere con cani e porci. Sosterremo questa Lucchese se continuerà ad essere, come ci è stato detto, frutto dell'amore, della passione e, perché no?, anche di una scelta... suicida portata avanti da questi ex giovanotti cinquantenni che si dicono da sempre innamorati pazzi dei colori rossoneri. Ma se dovesse anche solo lontanamente entrare il signor Mariani o chi altri per lui o per chicchessia, la Lucchese, per noi, sarebbe una società morta e sepolta. 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


mercoledì, 22 gennaio 2020, 23:29

Dalla Cina con... i soldi ovvero l'Antico Caffè delle Mura e la solita ipocrisia

Una volta, erano i mitici anni Settanta, dalla Cina arrivava solamente Bruce Lee con furore mentre oggi arrivano migliaia di cinesi e tutti, regolarmente, privi di furore, ma provvisti e molto bene, di banconote. E' dell'altro ieri la notizia di due fermi di altrettanti cittadini cinesi all'aeroporto di Fiumicino trovati...


sabato, 18 gennaio 2020, 12:06

Il partito della Ztl 'lecca il culo' ai residenti

Ormai, ovunque, il partito democratico è diventato il partito della Ztl, ossia la formazione politica che tutela gli interessi delle classi abbienti che si sono conquistate il diritto, spesso a spese del contribuente, a vivere nei quartieri più in o nei centri storici avendo acquistato appartamenti più o meno di prestigio.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


lunedì, 13 gennaio 2020, 18:28

Sfrattato, dà fuoco alla casa e rischia una tragedia: per la Sinistra e i buonisti è colpa della società

Gente che il mondo vada alla rovescia e che, chi possiede, almeno, un po' di sale in zucca rischi veramente di non capirci più niente e desideri espatriare in un Paese dove il buonsenso e la logica siano dominanti, lo sapevamo.


giovedì, 9 gennaio 2020, 17:54

L'ultima tentazione di... Tambellini

Le sardine, soprattutto quelle più fresche e meno avariate, nemmeno se lo ricorderanno. Figuriamoci, poi, gli imbecilli che ruotano intorno all'universo antagonista che di antagonista, ormai, ha soltanto il lume della ragione. Nel lontano 1988 Martin Scorsese diede alla luce un film che sollevò un vespaio incredibile e, onestamente, ridicolo:...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 5 gennaio 2020, 20:24

Urla nel deserto: gli ebrei chiamano, nessuno risponde

Dopo averci ammorbato gli attributi al punto da farceli gonfiare indipendentemente dalla nostra, ormai, conclamata e risaputa alterazione del sistema immunitario, il presidente della Repubblica verniciato di rosso Sergio Mattarella è rientrato nel suo silenzio che non è mai abbastanza.


martedì, 31 dicembre 2020, 16:40

Dieci anni e un giorno: buon anno alla Gazzetta di Lucca, a noi, ai suoi lettori e a tutti quelli che ci permettono di andare avanti

Ogni anno è sempre la solita zuppa. Si guarda indietro per non guardare avanti e quando, alla fine, si decide di voltare lo sguardo al futuro, ecco il saluto e l'augurio ipocrita rivolto, tanto non costa nulla, a cani e porci: buon anno! Ma buon anno di che?, buon anno...