Anno 7°

domenica, 19 gennaio 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Censura Facebook, la Sinistra rifiuta la solidarietà a Barsanti, noi, al contrario, gliela diamo volentieri

mercoledì, 30 ottobre 2019, 19:54

di aldo grandi

Ora, che all'interno delle sedute di consiglio comunale a Palazzo Santini, cugino di quello dei Bradipi di via S. Giustina, si sia soliti affrontare le questioni politiche e sociali legate ai massimi sistemi, è cosa nota. Anche quando, a voler essere brutali, non c'entrano una beata fava con i problemi concreti di questa città allo sbaraglio. Per cui, forse, un minimo di comprensione-attenzione l'avrebbe meritata la mozione presentata da Fabio Barsanti di CasaPound a proposito della censura patita da quella fogna a cielo aperto che è la piattaforma di Facebook dove tutti, chi più, chi meno, sono liberi di offendere, criticare, denigrare, massacrare salvo che siano in qualche modo, anche soltanto lontanamente, collegabili e collegati alla destra o, magari, al fascismo foss'anche soltanto una innocente nostalgia. Il fatto è che a Lucca, in consiglio comunale, tra destra e sinistra si stanno raggiungendo livelli di sputtanamento reciproco, spesso non del tutto fondato, da far venire i brividi. Cosicché se la destra prende a pesci in faccia la sinistra, non si capisce perché quest'ultima, a parte i legami con imam Bergoglio, dovrebbe porgere l'altra guancia. E, ovviamente, viceversa. Noi che, è risaputo, consideriamo destra e sinistra, al massimo, due deviazioni possibili ad un incrocio, ci permettiamo, tuttavia, di manifestare solidarietà a Fabio Barsanti.

Ora, dobbiamo ammettere che il suo movimento, anche se rappresentato nelle istituzioni politiche italiane, ha sicuramente simpatie e nostalgie fasciste quando, non, addirittura, teutoniche, ma non ci sembra che, almeno fino ad oggi, abbia cercato di effettuare, come il 28 ottobre 1922, una marcia su Lucca che, peraltro, troverebbe ben pochi sostenitori. In fondo, solo gli imbecilli potevano e possono credere ad un rigurgito fascista come quello ventilato in campagna elettorale, l'ultima, dalla sinistra per cercare di vincere il duello con l'avversario.

Tornando alla vicenda Facebook, chi scrive non ha problemi ad ammettere di utilizzare la sua pagina per diffondere sia gli articoli che più gli piacciono o che maggiormente rompono i coglioni, sia fotografie di momenti (personali) felici o di persone a cui si sente particolarmente legato. Vanità? Può darsi, in fondo si vive o, si sopravvive, anche di queste piccole cose e non tutti si possono permettere il panfilo attraccato a Porto Cervo o a Montecarlo, o i soldi per fare tutto ciò che si vuole e che nessuno o solo pochi possono anche immaginare.

Facebook, tuttavia, è una multinazionale del Pensiero Unico o, meglio ancora, politicamente corretto, che se ne fotte della libertà di espressione anche se va onestamente ammesso che la libertà che ha garantito ai suoi iscritti è incommensurabilmente superiore a quella che ha loro tolto.

Noi che la censura l'abbiamo misurata sulla propria pelle e, perdonateci il francesismo, anche sulle proprie palle, siamo solidali a 360° con Fabio Barsanti anche se, al posto suo, avremmo evitato di presentare, addirittura, una mozione in consiglio comunale su una questione propria. Cosa cercava del resto?, l'approvazione o la condivisione o la comprensione di chi, verniciato di rosso, ha questi sentimenti per tutti fuorché per coloro che sono verniciati di nero o anche solamente di bianco, rosso e verde?

Caro Barsanti dia retta: manca poco e fra qualche mese o anche un anno o anche poco di più, i Mattarella guardiani del potere impopolare e della inesistente sovranità italiana, finiranno con i loro servi e traditori a pulire i cessi come è accaduto alle latitudini umbre. Stanno facendo di tutto per ritardare l'avvento della volontà del buonsenso comune, ma ogni giorno che passa è un pugno in faccia che prendono. Si tratta solo di aspettare, dopodiché vedrà che alle prossime amministrative lucchesi, sarà inutile anche inventarsi la resurrezione improvvisa di Mussolini per riuscire a vincere la consultazione elettorale.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini


bonito400


BF Cristiana Francesconi


auditerigi


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


il casone


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


sabato, 18 gennaio 2020, 12:06

Il partito della Ztl 'lecca il culo' ai residenti

Ormai, ovunque, il partito democratico è diventato il partito della Ztl, ossia la formazione politica che tutela gli interessi delle classi abbienti che si sono conquistate il diritto, spesso a spese del contribuente, a vivere nei quartieri più in o nei centri storici avendo acquistato appartamenti più o meno di prestigio.


lunedì, 13 gennaio 2020, 18:28

Sfrattato, dà fuoco alla casa e rischia una tragedia: per la Sinistra e i buonisti è colpa della società

Gente che il mondo vada alla rovescia e che, chi possiede, almeno, un po' di sale in zucca rischi veramente di non capirci più niente e desideri espatriare in un Paese dove il buonsenso e la logica siano dominanti, lo sapevamo.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 9 gennaio 2020, 17:54

L'ultima tentazione di... Tambellini

Le sardine, soprattutto quelle più fresche e meno avariate, nemmeno se lo ricorderanno. Figuriamoci, poi, gli imbecilli che ruotano intorno all'universo antagonista che di antagonista, ormai, ha soltanto il lume della ragione. Nel lontano 1988 Martin Scorsese diede alla luce un film che sollevò un vespaio incredibile e, onestamente, ridicolo:...


domenica, 5 gennaio 2020, 20:24

Urla nel deserto: gli ebrei chiamano, nessuno risponde

Dopo averci ammorbato gli attributi al punto da farceli gonfiare indipendentemente dalla nostra, ormai, conclamata e risaputa alterazione del sistema immunitario, il presidente della Repubblica verniciato di rosso Sergio Mattarella è rientrato nel suo silenzio che non è mai abbastanza.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


martedì, 31 dicembre 2020, 16:40

Dieci anni e un giorno: buon anno alla Gazzetta di Lucca, a noi, ai suoi lettori e a tutti quelli che ci permettono di andare avanti

Ogni anno è sempre la solita zuppa. Si guarda indietro per non guardare avanti e quando, alla fine, si decide di voltare lo sguardo al futuro, ecco il saluto e l'augurio ipocrita rivolto, tanto non costa nulla, a cani e porci: buon anno! Ma buon anno di che?, buon anno...


martedì, 24 dicembre 2019, 12:10

Buon Natale anche al porco

Dissacranti lo siamo sempre stati. In un mondo di ipocriti e falsi buonisti, qualcuno che voglia provocare e scuotere il velo di convenienza, piattume e superficialità che, sempre più spesso, alimenta le nostre esistenze non solo è necessario, ma, diremmo, quasi obbligatorio. Dicono che a Natale siamo tutti più buoni.