Anno 7°

giovedì, 13 agosto 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Lucca Crepa, metteteci la faccia prima di tutto (o almeno nome e cognome). Come tutti i lucchesi, prima lanciate il sasso e poi tirate indietro la mano. Si chiama paura se non peggio

mercoledì, 6 novembre 2019, 19:38

di aldo grandi

Mario Pardini, presidente di Crea e di Lucca Comics & Games, nella interSvista rilasciata al sottoscritto ha detto, papale papale, che la colpa delle basse paghe per i cosiddetti felpati non è della società partecipata del Comune - e ha ragione - ma di altri, sindacati in primis. Lo ha ribadito anche l'assessore Giovanni Lemucchi, anche lui senza peli sulla lingua e il sindacato, ovviamente, non ci sta. A proposito, la sindacalista Cgil Filcams Sabina Bigazzi dovrebbe sapere che Giovanni Lemucchi non è assessore al turismo, ma al bilancio, controllo di gestione, tributi, società partecipate prima di scrivere? O no? Non ci sta la Cgil - ma quando mai ci sta? - che chiama in causa i sindacati pirata per la firma dei contratti collettivi nazionali di lavoro. A noi, a scanso di equivoci, i sindacati hanno stancato. Fanno politica quando dovrebbero limitarsi a difendere gli interessi dei lavoratori che dicono di rappresentare. Chissà come mai sempre più operai od ex iscritti votano a destra e inneggiano a Salvini. Sarà che forse, anche loro, i sindacati, hanno perso di vista la sostanza delle cose? Tornando ai felpati, dobbiamo essere sinceri: ai tempi nostri, nella Roma degli anni di piombo e anche qualcosa di più, i giovani, probabilmente, mangiavano molta più merda di adesso, ma non ricordiamo di aver visto la nascita, ad ogni piè sospinto, di comitati, associazioni, prese di posizione e via dicendo. Se ti stava bene un lavoro, sia pure sottopagato, lo facevi, sennò, soprattutto se del tipo di quello di cui stiamo parlando, ciccia. Libro di rifiutarlo. Invece qui no. Qui si forma il comitato dei Lucca Crepa e non si capisce perché non hanno nemmeno i coglioni per metterci nome e cognome o la faccia che sarebbe meglio.

No, a quanto pare, tutto anonimo. Comunicati inviati ai giornali che, noi per primi, violano una regola fondamentale che è quella di pubblicare solo cose di cui si conosce la paternità. Qui, invece e a meno di smentite dell'ultim'ora, c'è solo un fantomatico comitato made sicuramente in Lucca, che si nasconde e non si mostra limitandosi a dire che si tratta di ex felpati. Scusate, ma quando avete firmato il contratto, lo sapevate che i soldi erano quelli o ci avete ripensato dopo come i cornuti?

Inoltre, nessuno è obbligato a fare questo lavoro per Lucca Crea o per le cooperative o aziende che si aggiudicano l'appalto tra l'altro obbligatorio. Se vi va, bene altrimenti ciccia dicono nella capitale, dove le cose funzionano ancora secondo certi, forse sbagliati, ma concreti, principi tutt'altro che campati in aria.

Sapete, cari felpati, quanto prende un collaboratore della Gazzetta di Lucca per ogni articolo che scrive: dai 3 ai 5 euro più ritenuta di acconto. Qualcuno ha un compenso fisso, chi segue il consiglio comunale prende qualcosa di pi. Sfruttamento? Gli altri giornali, quelli istituzionali, cartacei, pagano poco di più, pochissimo di più salvo contratti specifici. Cosa siamo? Di fronte a una massa di sfruttatori che godono nel vedere soffrire ragazzi e ragazze? No cari figli miei marxisti immaginari come recitava un libro di successo del secolo scorso. Grazie alla Gazzetta di Lucca e alle Gazzette in genere, decine di persone sono diventate giornalisti pubblicisti e molti di loro - molti ripeto - hanno anche trovato un lavoro a tempo indeterminato. In quei due anni o più che hanno collaborato, per carità, non si sono arricchiti, ma hanno imparato a scrivere, a stare in mezzo alla gente, a saper distinguere un assessore da un consigliere, un commerciante da un imprenditore, un bilancio da un pezzo di carta qualsiasi.

E' vero, per carità, i felpati sono pagati poco, ma si tratta, nella stragrande maggioranza, di ragazzi alle prime esperienze, che cominciano a comprendere che la vita non è la scuola né, tantomeno, i libri sui quali si pretende di costruire ciò che esiste solamente sulle pagine di carta. La vita non è questa, ci sono molti più felpati nel mondo di quanti uno possa immaginare, con la differenza, non trascurabile, che a Lucca Comics sono felpati solo per cinque giorni mentre, altrove, sono felpati per tutta la vita.

Quindi, per favore, meno seghe e la prossima edizione dei Comics, se non vi va bene, restate a casa. Vedrete che a quel punto la macchina organizzativa si fermerà. Ma voi ci credete? Ci saranno sempre altri felpati pronti a prendere poco, ma meglio di niente. Lo sfruttamento, cari ragazzi, ragazze e genitori con la puzza sotto il naso, è ben altro. Qui è esperienza e un po' di fatica o di frustrazione, chiamiamole così, non fanno male a nessuno soprattutto a chi, spesso, nemmeno sa cosa vuol dire lavorare e spaccarsi la schiena per portare a casa lo stipendio e andare avanti.

 

 

 

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

bonito400

BF Cristiana Francesconi

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


mercoledì, 12 agosto 2020, 02:12

Covid-19, il paese degli eunuchi: stop al massacro contro il Seven Apples

E' uno schifo. Una vergogna. Un insulto alla ragione e al buonsenso. L'ennesima dimostrazione che la burocrazia dei mediocri e la deresponsabilizzazione delle coscienze stanno uccidendo il sistema socio-economico di questa povera Italia divenuta, ormai, un Paese di castrati senza attributi né orgoglio o dignità.


giovedì, 30 luglio 2020, 11:56

'Con-vivere' scrive direttora nel comunicato: ci dispiace, ma noi ci rifiutiamo di cambiare la nostra lingua e continueremo a usare la parola direttore

Siamo nati nel 1961 e, pochi giorni fa, sotto il segno del leone, abbiamo compiuto la non più giovane età di 59 anni. Siamo cresciuti in un mondo dove le parole avevano un loro significato e, soprattutto, insindacabile e ineluttabile, frutto di usi e consuetudini secolari.


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


giovedì, 23 luglio 2020, 21:09

Bentornato Bindo! A proposito, lo sai che Coima ha sede in Qatar e che il socio più importante è proprio in quel Paese?

Lo avevamo un po' perso di vista e anche lui, in effetti, aveva contribuito ad eclissarsi un po' dalla scena politica. Capita anche nelle peggiori famiglie di attraversare momenti di calma più o meno piatta, ma importante è rientrare nei ranghi quanto prima.


lunedì, 20 luglio 2020, 22:26

Barbara Paci, una Barbie che parla e che può far paura

Un esponente della maggioranza, per di più una donna, avrebbe definito la candidato a sindaco del centrodestra Barbara Paci, una Barbie bionda e stupida. E poi saremmo noi i sessisti e maschilisti. Se questo esponente della maggioranza avesse le palle - non fisicamente è ovvio - dovrebbe venire alla luce...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 19 luglio 2020, 23:39

Troppa pubblicità sulle Gazzette? Può darsi, ma non avendo contributi né santi in paradiso non c'è altra scelta

All'inizio siamo stati zitti anche perché, visto anche il periodo non proprio roseo derivante dal Coronavirus, avevamo poca voglia e altrettanta fantasia per rispondere e spiegare. Ora, però, crediamo sia venuto il momento di dire le cose come stanno una volta per tutte.


mercoledì, 8 luglio 2020, 09:18

Gioventù bruciata? No, maturità senza spina dorsale

Innanzitutto chiediamo scusa per questa prolungata assenza, ma anche Cecco a cena, a volte, sente il bisogno di mettersi a... dieta (si fa per dire) e riflettere. Torniamo, quindi, dopo aver guazzabugliato un po' in riva al mare ed aver fatto scorta di pazienza per non incazzarci ad ogni piè...