Anno XI

giovedì, 21 gennaio 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Bentornato Bindo! A proposito, lo sai che Coima ha sede in Qatar e che il socio più importante è proprio in quel Paese?

giovedì, 23 luglio 2020, 21:09

di aldo grandi

Lo avevamo un po' perso di vista e anche lui, in effetti, aveva contribuito ad eclissarsi un po' dalla scena politica. Capita anche nelle peggiori famiglie di attraversare momenti di calma più o meno piatta, ma importante è rientrare nei ranghi quanto prima. Così, quando abbiamo visto lo striscione che il Bindocci aveva portato e aperto in consiglio comunale durante la discussione per la ex Manifattura Tabacchi, abbiamo capito che questo ex ragazzo, ex sindacalista Cgil, ex tutto, ma non rompicoglioni, è rimasto lo stesso nonostante abbia abbracciato la causa dei Pentapallati pardon, Pentastellati. E la conferma ce l'ha data oggi pomeriggio, quando in redazione è arrivato un suo intervento, straordinariamente diretto ed efficace, contro l'amministrazione comunale per via di quella figura di merda andata in scena questa mattina a San Concordio. Cosa è successo? E' presto detto: alcuni esponenti del comitato del quartiere hanno abbozzato, giustamente, una protesta più che legittima contro il taglio degli alberi e il capocantiere non ha saputo fare di meglio che avvisare nientepopodimeno che la questura che ha inviato la Digos dell'amico Leonardo Leone. A quanto pare i tre, due donne e un uomo in età matura, sarebbero stati denunciati. Bene, ci sembra che questo sindaco e questa amministrazione comunale meritino, davvero, di andare a casa e non aggiungiamo altro poiché querele e procedimenti disciplinari ne abbiamo avuti e continuano ad arrivare.

Stiamo parlando di una amministrazione comunale di sinistra gente, politici che, a regola, dovrebbero stare dalla parte della gente e che, invece, la gente la fanno denunciare e, poi, inviano alle redazioni anche un breve comunicato in cui ne annunciano quasi trionfalmente l'esito. Aridatece Mauro Favilla, gran signore davvero al confronto. Lo massacrarono all'epoca del parco di S. Anna, ma nessuno dei manifestanti venne mai anche solo identificato dalle forze dell'ordine. Alessandro Tambellini, che all'epoca stava all'opposizione e che contro il progetto Valentini fece fuoco e fiamme, dovrebbe ricordarselo bene.

Cambiano i tempi e la nuova sinistra è come la vecchia destra.

Solidarietà totale, da parte nostra e di tutte le Gazzette, alle tre persone che sono o sarebbero state denunciate. Conosciamo personalmente da anni Leonardo Leone, dirigente di spessore, dotato di grande umanità e, soprattutto - e lo diciamo per averlo visto più volte all'opera - sempre presente a se stesso e capace di attribuire la giusta dimensione alle cose affrontate. Vogliamo augurarci che non si finisca sotto processo per aver difeso la natura e aver protestato contro il taglio, inutile, di alcune piante e l'arroganza di una amministrazione comunale che ha perso, ormai, il contatto con la gente.

A proposito, perché l'assessore Marchini il Celestino non ci spiega come mai il sottopasso davanti porta S. Anna è ancora chiuso e non è stato inaugurato? Forse qualcuno ha sbagliato qualcosa tipo la lunghezza di un muretto? Forse dovranno essere apposte delle ringhiere per riparare all'errore? Qualunque cosa sia, a noi pare una bella figura di merda - l'ennesima - altro che taglio degli alberi a San Concordio.

Vogliamo, poi, aggiungere che il comune di Lucca ha deciso di 'aprire' le porte agli arabi? No, perché se qualcuno non lo sa Coima spa, tanto cara all'amico Bertocchini presidente della Fondazione Carilucca, ha sede in Qatar e il vicepresidente del consiglio di amministrazione è tale Feras Abdulaziz Al-Naama, tutto fuorché un italiano tantomeno un lucchese.

Comprendiamo il Bertocchini, a cui va il merito di aver fatto prosperare il capitale della fondazione 'giocando' in borsa vista la sua bravura e visto anche che è stato lui a impiantare alla Cassa di Risparmio di Lucca guidata da King Arthur il settore dedicato alle operazioni di borsa. Chapeau! Bertocchini è un grande e su questo non abbiamo dubbi, ma che ci voglia portare il Qatar in casa proprio non ci va giù. 

No perché proprio il Bindocci, ieri pomeriggio, ha domandato al Manfredi Catella che parla milanese, ma, come noi e come il Bindocci ha origini labroniche, da dove vengono i soldi che affiancheranno quelli sborsati dal chiostro di San Micheletto. Non conosciamo la risposta. Sappiamo, però, che negli ultimi anni la Coima spa ha realizzato, a bilancio, utili annuali tra i 20 e i 30 milioni di euro e scusate se è poco. Buona parte dei quali per non dire di più, se ne è andata a impinguare le tasche degli azionisti tra cui, appunto, il socio del Qatar. Ma sbagliamo o a Milano il Quatar ha versato milioni di euro come se piovesse? Già che ci siamo costruiamo anche una mosche a a Lucca con questi soldi.

Caro Bertocchini, caro Tambellini, cari tutti, Lucca è dei lucchesi e non è provincialismo, ma rifiuto di una globalizzazione che, di questo passo, finirebbe per farla diventare diversa da quello che è e, in particolare, magari di proprietà di qualcuno che, proprio, non desideriamo avere. 

Noi lo ribadiamo: non vendiamo una città per due parcheggi del cazzo, né per 90 appartamenti inutili ché nessuno ha chiesto prima informazioni alle agenzie immobiliari lucchesi rivolgendosi, invece, a quelle meneghine. Noi diciamo no a Coima e lo diciamo senza timore. Il Qatar lo lasciamo dove sta  e se a Milano contano più i soldi dei principi e dei valori, chissenefrega. 

La legge della Sharia è la principale fonte legislativa secondo la costituzione del Qatar e le principali organizzazioni che tutelano i diritti umani sono preoccupate per i gravi sfruttamenti e abusi, a volte equivalenti a lavoro forzato che avvengono in quel paese a danno di molti lavoratori migranti.

Questo lo sa il Tambellini o bisogna tradurglielo in lucchese per farglielo comprendere? Ma come, si sbracciano, lui e il suo partito, per tutelare chi meno ha e, poi, affidano i propri soldi - 61 milioni di euro della fondazione Carilucca - ad una società il cui socio principale o sicuramente preminente è il paese del Qatar dove la libertà è un eufemismo e la sharia la regola?

Ma a Lucca pensano davvero che la gente abbia l'anello al naso? Certo, pecunia non olet, ma allora finiamola di sciacquarci la bocca coi principi e ammettiamo che il denaro compra tutto e tutti.


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400

BF Cristiana Francesconi

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


sabato, 16 gennaio 2021, 19:48

Mallegni ha sbagliato e il centrodestra se pensa di strumentalizzare la Fondazione Carilucca non ha capito alcunché

Ci mancava il Mallegni Massimo da Pietrasanta a venirci ad insegnare a queste latitudine che lui ha capito tutto e noi, al contrario, nulla. (S)Forza Italia non ci ha mai convinto e per questo disgraziato Stivale ha fatto più danni della grandine.


mercoledì, 13 gennaio 2021, 00:15

Ristoratori d'Italia (e non solo), ma non di Lucca, sul sentiero di guerra: disobbedienza o... morte

Venerdì prossimo, 15 gennaio, decine di migliaia di ristoratori di ogni parte d'Italia - ad eccezione, a quanto pare, di Lucca (e Versilia, Garfagnana e Massa Carrara?) dove non ce n'è nemmeno uno o così pare, apriranno i battenti per non chiudere più in spregio, giustificato, ai ridicoli e inconcludenti...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 9 gennaio 2021, 16:01

Covid-19, la paura ci ha annebbiato il cervello: siamo diventati tutti pecore e piccioni

Prima di redigere un altro Cecco a cena, visto lo stato d'animo da cui siamo pervasi e la pioggia di querele ed esposti disciplinari che ci vengono mossi contro soltanto perché abbiamo il coraggio di dire ciò che pensiamo, ma, soprattutto, di scriverlo, ci siamo presi una pausa.


venerdì, 1 gennaio 2020, 16:58

Hanno fatto della follia la normalità e ridotto la normalità a follia

L'anno vecchio è finito nel peggiore dei modi e quello nuovo è cominciato allo stesso modo. Sono stati capaci di trasformare la normalità in follia e far sì che quest'ultima divenisse normalità a tutti gli effetti, accettata supinamente da milioni di esseri umani le cui esistenze, ormai, assomigliano molto a...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 25 dicembre 2020, 11:26

Se questo è un Natale...

Chi scrive pensa che dovrebbe, ormai, essere chiaro a tutti che qualcosa, in questa faccenda del virus, non quadra. Esploso in Cina, pare adesso che la Cina sia il Paese, l'unico o quasi, indenne mentre l'Occidente - solo l'Occidente o quasi - sarebbe flagellato.


sabato, 19 dicembre 2020, 07:58

I disobbedienti: il vaccino fatevelo voi

In attesa di comparire nell'aula del tribunale di Lucca in via Galli Tassi lunedì alle 12 per rispondere dell'accusa di diffamazione nei confronti di Laura Boldrini, attuale parlamentare e, all'epoca dei fatti, terza carica dello stato nonché presidente della camera dei deputati, assistiamo, increduli e disgustati a quanto sta avvenendo...