Anno 7°

venerdì, 4 dicembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

'Con-vivere' scrive direttora nel comunicato: ci dispiace, ma noi ci rifiutiamo di cambiare la nostra lingua e continueremo a usare la parola direttore

giovedì, 30 luglio 2020, 11:56

di aldo grandi

Siamo nati nel 1961 e, pochi giorni fa, sotto il segno del leone, abbiamo compiuto la non più giovane età di 59 anni. Siamo cresciuti in un mondo dove le parole avevano un loro significato e, soprattutto, insindacabile e ineluttabile, frutto di usi e consuetudini secolari. Siamo andati a scuola dove ci hanno insegnato la grammatica e non solo con particolare e maggiore attenzione, sicuramente, di quanto non si faccia ora. In più non ci fracassavano quotidianamente i coglioni, né sui banchi, né alla Tv - rigorosamente in bianco e nero e su due soli canali, anche troppi - né, tantomeno, sui giornali, con le Nuove Disposizioni Linguistiche tanto care a Laura Boldrini e a tutti coloro che hanno, negli ultimi anni, semplicemente devastato e rovesciato il buonsenso e il vocabolario italiano in nome e per conto di non si sa bene chi. Abbiamo avuto, già alle elementari, compagne di scuola con il grembiule bianco e noi con quello nero, ma non ci siamo mai sognati di voler provare il bianco per vedere che cosa si provasse. E viceversa. Eppure non eravamo discriminatori né discriminanti. Giocavamo insieme e per noi che eravamo maschi c'erano, all'opposto, ma accanto, le femmine ed era così anche per l'altro sesso con cui giocavamo volentieri alla bottiglia, a nascondino, ad acchiappino. Identità di genere? Boh, all'epoca e anche dopo ci è sempre suonato ai limiti della incomprensibilità. Infatti, che cosa vuol dire identità di genere? Identità significa una cosa ben specifica, attribuibile e attribuita. Diremmo, quasi, definita aprioristicamente e antropologicamente. Ora, invece, ci hanno aggiunto il 'di genere'.

La casalinga di Voghera, siamo sicuri, farebbe fatica a capire, ma non si può dire in questa società politicamente corretta dove vogliono devastarci non soltanto l'identità, ma anche l'anima e ciò che di più caro abbiamo dopo la... moneta: la lingua.

Così, oggi, mentre leggevamo il comunicato inviatoci da Con-vivere ci siamo imbattuto nella parola 'direttora' e ci è sembrata una cosa inconcepibile, che nessuna insegnante degli anni della nostra beata incoscienza avrebbe accettato. Anzi, l'avrebbe sicuramente barrata con un bello scarabocchio di colore rosso. E avrebbe avuto ragione. Questa moda, ridicola, assurda, offensiva verso le donne, sta prendendo piede non perché la gente sia convinta, ma perché preferisce rinunciare a combattere preferendo lasciar perdere e pensando che sia una sciocca disquisizione. Ma non è così. Attenzione, è da queste cose che si comincia a rinunciare alla propria esistenza.

Tanti anni fa, quando frequentavamo la facoltà di Scienze Politiche dell'università La Sapienza di Roma, intervistammo decine di intellettuali ed ex giovani cresciuti durante il ventennio fascista divenuti, poi, dopo la guerra e la sua tragedia, la nuova classe dirigente - più che digerente come quelle successive - del secondo dopoguerra. Una di essi si chiamava Tullia Romagnoli Carettoni ed era la figlia di Ettore Romagnoli, uno dei più illustri grecisti di questo disgraziato paese senza memoria. Aveva militato nelle file del Partito d'Azione - a proposito, ma le sardine odierne lo sanno cos'era? - poi era divenuta socialista. Donna di straordinaria eleganza, la incontrammo alla direzione dell'istituto italo-africano ai Parioli. 

Durante l'incontro, raccontando le sue aspirazioni di giovane cresciuta sotto un regime dove le donne erano, per lo più, destinate al focolare, ci disse un suo sogno era quello di diventare ambasciatore. Le suggerimmo la parola ambasciatrice, ma lei ribatté senza ombra di dubbio: "No, no, ambasciatore, ma quale ambasciatrice". Imparate donne di oggi. Non serve cambiare la desinenza delle parole, serve acquisire indipendenza di giudizio e autonomia di pensiero. A qualunque sesso o latitudine si appartenga.


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

bonito400

BF Cristiana Francesconi

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


venerdì, 27 novembre 2020, 16:59

Comprati anche senza essere venduti

Allora. Tv e radio locali hanno tempo fino a domani per presentare la domanda ed accedere ai contributi del fondo emergenze da 50 milioni di euro messi a disposizione dal Ministro dello Sviluppo economico. Il contributo straordinario, previsto dal decreto del Mise pubblicato in Gazzetta ufficiale il 9 novembre, è...


domenica, 15 novembre 2020, 11:30

Bar Tessieri, ma il prefetto cosa ci sta a fare? La lezione di Guido Pallotta

Ai nostri lettori oggi desideriamo ricordare un aneddoto storico utile non solo per comprendere come, nel secolo scorso e, soprattutto, nella prima metà, non tutto fosse da buttare, ma anche come sia facile, i tempi di marcia democrazia fare gli antifascisti quando, diciamolo pure, vorremmo vedere quanti di coloro che...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 11 novembre 2020, 09:37

800 euro per un bacio: un insulto al buonsenso? No, all'intelligenza e alla voglia di vivere

Prima domanda: che cosa avrebbe fatto il sottoscritto se, indossando una divisa da vigile urbano, si fosse imbattuto in due ragazzi, in tempo di Covid-19, intenti a scambiarsi un bacio appassionato senza indossare la mascherina all'aperto? Un problema che non si pone. Il sottoscritto non ha mai desiderato indossare una divisa.


domenica, 8 novembre 2020, 15:11

Lo hanno lasciato solo. Noi no, noi stiamo con Giò

Che abbia una faccia da schiaffi non lo mette in dubbio, crediamo, nessuno. Che il suo modo di fare vada, talvolta, oltre le righe - ma Giovanni Martini è come noi, appartiene alla repubblica di quelli che non hanno nemmeno i quadretti - è manifesto, ma a tutto c'è un...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 6 novembre 2020, 22:22

Coima annuncia accordo con Tagetik, fa due passi indietro e uno avanti. E Bertocchini? Tace

Alcuni giorni fa abbiamo scritto che Coima Milano, al di là di ogni valutazione di carattere professionale, è pappa e ciccia con il Qatar, stato integralista islamico che finanzia e appoggia la costruzione di moschee e non solo in tutta Europa e anche in Italia del nord oltre ai gruppi...


venerdì, 30 ottobre 2020, 09:14

Processano Salvini, ma se ci fosse stato lui al Governo i tre cristiani francesi sarebbero ancora vivi

Processano Matteo Salvini (sul Covid troppo defilato: che abbiano terrorizzato anche lui?) per aver fatto quello che ogni italiano in quanto tale avrebbe fatto - chi sta a Sinistra, oggi e da almeno un ventennio, non è italiano - ma non hanno il coraggio, la dignità, l'onestà intellettuale di ammettere...