Anno 7°

venerdì, 4 dicembre 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Squilli di rivolta

lunedì, 26 ottobre 2020, 22:37

di aldo grandi

Lo abbiamo sempre detto. Da anni stiamo predicando, invano, che andando avanti di questo passo, con frontiere aperte a cani e porci e italiani considerati alla stregua di ospiti indesiderati in casa propria, con misure coercitive degne di una repubblica sudamericana e sistematicamente destinate a mettere in croce le classi medie e lavoratrici in proprio e dipendenti, si sarebbe andati a passo di carica verso la guerra civile. Non ci hanno ascoltato ed era inevitabile. La Gazzetta di Lucca è un quotidiano on line perso nel buco di culo del mondo come sosteneva, per la città di Lucca, l'ex brigatista rosso Valerio Morucci. E Aldo Grandi, il suo (ir)responsabile direttore non è il profeta del gol né, tantomeno, un profeta tout court. Tuttavia, siamo convinti che se qualcuno avesse perso qualche minuto a leggere quel che andiamo scrivendo da tempo, forse a questo punto di non ritorno non ci saremmo arrivati. Sì, cari lettori, siamo giunti al momento in cui un Governo di parassiti sta portando avanti misure omicide nei confronti degli operatori commerciali e delle partite Iva, ma, soprattutto, non ha alcuna intenzione di fare retromarcia. Anzi. E' diventata una questione di principio quindi, attendiamoci uno stato fortemente repressivo che si avvarrà, come ha sempre fatto, di carabinieri e polizia oltre alle altre forze militari, esercito compreso, per schiacciare ogni forma di ribellione. E' chiaro che l'urto repressivo dello Stato falsamente democratico non lo possono reggere, da soli, commercianti, ristoratori, gestori di pubblici esercizi, imprenditori, partite Iva. 

Essi hanno bisogno dell'aiuto, concreto, del sostegno coraggioso delle associazioni di categoria. Abbiamo letto che Confesercenti ha annunciato una forma di protesta simbolica contro il Dpcm Conte del 25 ottobre: luce accesa nei ristoranti e nei bar, ma niente servizio. Cos'è?, una presa per il culo?, o, magari, un modo per aumentare il costo delle bollette inutilmente?

Altro che lumini accesi, qui c'è bisogno di gente determinata, di rappresentanti che siano disposti a metterci non solo la faccia, ma anche qualcosa di più. Il Governo, sicuramente, farà come  il buon vecchio Giolitti, convinto che far sfogare i manifestanti sia un modo per annullarne la pericolosità. Ma non illudiamoci. Qualora la protesta dovesse - e deve - continuare, interverranno direttamente gli agenti e i militari in tenuta antisommossa o cilena o argentina che dir si voglia. Solo che davanti non avranno i centri sociali o i black-block, bensì la gente comune, padri e madri di famiglia che non sanno dove sbattere la testa e che sono ridotti allo stremo. Spareranno o picchieranno anche questi? Conoscendo la storia a menadito, non abbiamo dubbi. 

In realtà all'interno della polizia e dei carabinieri esiste un forte malcontento non solo per gli stipendi altissimi e le poltrone sotto il sedere dei vertici, ma, in particolare, perché c'è la forte convinzione di essere soltanto buoni per il lavoro 'sporco', ossia per essere sbattuti in mezzo alla strada a far da barriera e da cane da guardia nei confronti di chiunque non sia d'accordo con il Sistema Unico Dominante. Ciò che tiene ancora ligi al dovere e agli ordini anche quando essi sono palesemente inumani, è, prosaicamente parlando, una cosa sola: lo stipendio. Fisso e garantito, Covid o non Covid. Il resto sono solo chiacchiere.

Noi ci siamo beccati, da un comandante provinciale dell'Arma, una doppia denuncia per vilipendio delle forze armate a proposito di un articolo che, al contrario, pur essendo provocatorio nel titolo, era di totale e incondizionata difesa del lavoro che svolgono polizia e carabinieri in mezzo alla strada. Ci hanno sequestrato due pagine di giornale, in tribunale a Lucca c'è un fascicolo alto più di sette dita, ancora meglio di una bistecca alla fiorentina, pieno zeppo di documenti senza senso che testimoniano soltanto l'accanimento nei nostri confronti per un reato che non ci siamo mai sognati di commettere. E, infatti, il tribunale del riesame ha bocciato il sequestro e accolto il nostro ricorso. E quanto all'inchiesta nella quale eravamo indagati per il reato di vilipendio, non ne abbiamo saputo più nulla. Di sicuro avevamo avvisato che in caso di processo, avremmo chiamato a testimoniare carabinieri, sottufficiali, ufficiali e  dirigenti  della questura nonché agenti e sottufficiali, per dimostrare che in 30 anni e pur senza ossequiare chicchessia, abbiamo sempre difeso e apprezzato il lavoro delle forze dell'ordine.

Ma, appunto, c'è un ma: questa congiunzione è tutt'altro che irrilevante e interviene quando non si è certi  della affermazione e si rileva un dubbio. In questo caso esso è rappresentato dalla domanda che ci facciamo su quale sia la reale autonomia di pensiero e indipendenza di giudizio di un appartenente alla polizia o ai carabinieri di fronte a un ordine non condiviso o manifestamente persecutorio e repressivo delle libertà. 

Noi vogliamo sperare che la lungimiranza, l'intelligenza, l'onestà intellettuale di quei dirigenti e di quei comandanti che abbiamo incontrato siano tutt'altro che rare e che prima di attaccare e pestare chi è stato privato dell'unico, vero, fondamentale e inattaccabile diritto, quello del lavoro, ci pensino non una, ma mille volte. Noi, lo diciamo senza esitazioni, faremmo pochi discorsi e molti fatti, come fecero i borghesi durante l'Ancien Regime o i patrioti durante la rivoluzione americana contro il dominio inglese: no taxation without representation.

Questo Governo, ma ci infiliamo anche l'opposizione, appartengono ad una classe digerente che ama troppo digerire quel che mangia. E mangia a sbafo mentre il popolo soffre. Il Covid non uccide se non a certe condizioni e a una certa età: i provvedimenti restrittivi delle libertà emessi dal Governo, al contrario, uccidono lentamente, ma senza alcuna possibilità di fuga. Togliere ad un uomo - o a una donna - il diritto di lavorare e la concreta possibilità di farlo, significa distruggerne l'identità e affossarne l'autostima. Il 28 ottobre siamo chiamati a rispondere dell'accusa di aver definito assassini i nostri governanti. Ci difenderemo come sempre convinti e fedeli al nostro motto: recte agere nihil timere, agisci rettamente e non temere nulla.

 

 

 

 

 

 


Questo articolo è stato letto volte.


tambellini

bonito400

BF Cristiana Francesconi

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


venerdì, 27 novembre 2020, 16:59

Comprati anche senza essere venduti

Allora. Tv e radio locali hanno tempo fino a domani per presentare la domanda ed accedere ai contributi del fondo emergenze da 50 milioni di euro messi a disposizione dal Ministro dello Sviluppo economico. Il contributo straordinario, previsto dal decreto del Mise pubblicato in Gazzetta ufficiale il 9 novembre, è...


domenica, 15 novembre 2020, 11:30

Bar Tessieri, ma il prefetto cosa ci sta a fare? La lezione di Guido Pallotta

Ai nostri lettori oggi desideriamo ricordare un aneddoto storico utile non solo per comprendere come, nel secolo scorso e, soprattutto, nella prima metà, non tutto fosse da buttare, ma anche come sia facile, i tempi di marcia democrazia fare gli antifascisti quando, diciamolo pure, vorremmo vedere quanti di coloro che...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


mercoledì, 11 novembre 2020, 09:37

800 euro per un bacio: un insulto al buonsenso? No, all'intelligenza e alla voglia di vivere

Prima domanda: che cosa avrebbe fatto il sottoscritto se, indossando una divisa da vigile urbano, si fosse imbattuto in due ragazzi, in tempo di Covid-19, intenti a scambiarsi un bacio appassionato senza indossare la mascherina all'aperto? Un problema che non si pone. Il sottoscritto non ha mai desiderato indossare una divisa.


domenica, 8 novembre 2020, 15:11

Lo hanno lasciato solo. Noi no, noi stiamo con Giò

Che abbia una faccia da schiaffi non lo mette in dubbio, crediamo, nessuno. Che il suo modo di fare vada, talvolta, oltre le righe - ma Giovanni Martini è come noi, appartiene alla repubblica di quelli che non hanno nemmeno i quadretti - è manifesto, ma a tutto c'è un...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 6 novembre 2020, 22:22

Coima annuncia accordo con Tagetik, fa due passi indietro e uno avanti. E Bertocchini? Tace

Alcuni giorni fa abbiamo scritto che Coima Milano, al di là di ogni valutazione di carattere professionale, è pappa e ciccia con il Qatar, stato integralista islamico che finanzia e appoggia la costruzione di moschee e non solo in tutta Europa e anche in Italia del nord oltre ai gruppi...


venerdì, 30 ottobre 2020, 09:14

Processano Salvini, ma se ci fosse stato lui al Governo i tre cristiani francesi sarebbero ancora vivi

Processano Matteo Salvini (sul Covid troppo defilato: che abbiano terrorizzato anche lui?) per aver fatto quello che ogni italiano in quanto tale avrebbe fatto - chi sta a Sinistra, oggi e da almeno un ventennio, non è italiano - ma non hanno il coraggio, la dignità, l'onestà intellettuale di ammettere...