Anno XI

martedì, 2 marzo 2021 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Ce n'è anche per Cecco a cena

Riusciranno i nostri (sic!) eroi a ritrovare... quel che, ormai, è sparito per sempre

sabato, 13 febbraio 2021, 23:38

di aldo grandi

E' nato il Governo Draghi e, a leggerne i componenti, viene non soltanto l'itterizia, ma anche un profondo senso di rabbia misto a frustrazione e amarezza. Ci sono persone che, a dirla tutta, starebbero bene a pulire i cessi degli autogrill sulle autostrade di questo sfasciato Stivale: niente di nuovo sotto il sole, purtroppo. La gente, tuttavia, continua, foraggiata ad hoc dai quotidiani allineati, a vedere in monsignor Draghi chissà quale panacea dei nostri mali. Sciocchi, sono gli italiani, gli stessi di sempre. Credono e sperano nel miracolo, senza capire che i miracoli, ammesso che sia esistito, li sapeva fare soltanto uno che finì appeso su una croce per aver cercato, invano, di salvare tutti gli altri. Ora, è chiaro che il neo presidente del Consiglio in tutti i modi potrà finire fuorché come nostro signore Gesù Cristo. Ma chi si ostina a vedere in lui il nuovo messia non ha ancora compreso che, come ebbe a dire una volta Mussolini, in  peno periodo bellico, a un direttore di giornale durante uno dei suoi colloqui nella sala del Mappamondo a Palazzo Venezia: Sono vent'anni che sto cercando di fare l'Italia con lo sterco. In realtà dimenticava che, tra quello sterco, il primo ad esservi immerso era proprio lui, esempio di un'italica razza che di puro non aveva niente, ma di compromessi e di ossequi alla signora, tutto. A noi, sinceramente, una cosa sola avrebbe dovuto e potuto fare questo nuovo Governo appena insediato per dimostrare di essere diverso dagli altri: riaprire tutto Covid o non Covid, fottersene delle paure inutili di contagi che non contagiano altro che la nostra mente e che producono danni a mezzo servizio, e restituire alla gente il libero arbitrio di potersi scegliere come vivere e come, eventualmente, morire.

Così non è stato e così non sarà. I politicanti, tutti nessuno escluso, hanno il terrore di perdere l'assalto alla diligenza e di restare con il deretano per terra soprattutto in vista della spartizione dei miliardi in arrivo per la ricostruzione, il cosiddetto Recovery Fund, che suonerà anche bene in lingua inglese a cui, ormai, siamo votati tutti noi beoti, ma che a chi ha memoria suona, con quel ricovero, quantomeno di cattivi presagi. Oggi, tuttavia, chi si azzarda a parlare male di Draghi è peggio di chi, fino a qualche decennio fa, osava parlar male di Garibaldi. Apriti cielo. Paese, il nostro, non soltanto di lingue biforcute, ma anche di lingue da formichiere, lunghe chilometri e chilometri di viscida saliva.

Abituati a considerarci padroni del nostro destino, a ritenerci meritevoli dei successi conseguiti e colpevoli degli insuccessi subiti, non ci aspettiamo niente di più di quello che, in simili occasioni, ci siamo attesi cioè niente. Zero di zero. E per questo ci viene da ridere se non ci fosse da piangere a osservare questo branco di pecore senza cane pastore che vaga in giro con mascherine indossate ovunque, anche sulla tazza del cesso e in casa propria.

Di speranza, ormai, c'è rimasto soltanto il ministro della Salute e già questa, a noi, pare non tanto una forzatura, quanto una sciagura. Avere impedito ai ristoratori di rimanere aperti per il giorno di San Valentino non è stato soltanto un gesto da idioti, da negligenti, da spocchiosi mantenuti a spese del popolo italiano, ma un'offesa e una mancanza di rispetto verso quel sentimento, l'amore, l'unico che, in mezzo a tanta merda, riesce e merita di sopravvivere.

Anche questa volta, come già l'ultima, nel nostro cinema - sulla home page in alto a destra - riservato a chi, al posto dei soli occhi, usa anche tutto il resto, ma, in particolare, il cervello, scegliamo di far vedere una pellicola del 1968 diretta da Ettore Scola con Alberto Sordi, Nino Manfredi e uno straordinario Bernard Blier sì, proprio quello che, in Amici Miei di Monicelli, si mangiava cornetti e  brioches a sbafo nel bar Necchi. 

Il film si intitola Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa, con la splendida colonna sonora di Armando Trovajoli. E' una storia ambientata nell'Italia post boom economico, alle soglie di quella crisi e trasformazione sociale che ne condizionò, in peggio, gli anni successivi. E' un viaggio interiore alla scoperta di un continente, l'Africa, verso il quale, un tempo, si andava senza ricevere milioni di clandestini in cerca di una vita fatta a somiglianza della nostra.

Noi, per la prima volta, lo vedemmo, adolescenti, a Bologna, una sera, in Tv. Eravamo in un momento non dei migliori, ma quel film ci restituì fiducia e ottimismo verso il futuro. 

Anche oggi, ancora e molto più di ieri, c'è bisogno di ottimismo in mezzo a questa classe digerente che niente ha di dirigente, capace solo di 'uccidere' con i propri algoritmi e i propri infettivologi ed esperti sanitari, la quotidianità delle nostre misere esistenze. Che sia in  atto un Big Reset è evidente come altrettanto evidente è che, alla fine, chi aveva avrà ancora di più e chi non aveva avrà ancora di meno. 

Buona visione a tutti.

 

Nella foto: Alberto Sordi e Nino Manfredi protagonisti del film Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa

Video Riusciranno i nostri (sic!) eroi a ritrovare... quel che, ormai, è sparito per sempre


Questo articolo è stato letto volte.


bonito400

BF Cristiana Francesconi

tuscania

auditerigi

toscano

il casone

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Ce n'è anche per Cecco a cena


martedì, 23 febbraio 2021, 21:15

Aprire tutto, aprite tutti

Se qualcuno sperava che mister Mario Draghi avrebbe cambiato qualcosa beh, c'è soltanto da restare delusi. Il nuovo primo ministro avrebbe potuto e dovuto fare, se veramente voleva rappresentare una rottura rispetto al precedente sodalizio, l'opposto di ciò che era stato fatto fino al suo avvento: aprire tutto senza se...


giovedì, 4 febbraio 2021, 01:24

Finché c'è la Gazzetta c'è speranza: appello a quei giovani e non solo che vogliono collaborare con noi

Con l'amico e collega Luca Tronchetti non sempre siamo stati d'accordo, a cominciare dalle sorti della Lucchese dove lui, a dire il vero, ha visto molto, ma molto più lungo di me. Tuttavia su molti aspetti della nostra professione e non soltanto, la pensiamo, a grandi linee, allo stesso modo...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 30 gennaio 2021, 13:46

Sulla Gazzetta uno spazio dedicato ai film: si comincia con Vento di primavera, la storia della più grande retata di ebrei in Francia

I nostri lettori, ormai, conoscono a menadito la prima pagine o homepage del nostro giornale. In alto, a destra, accanto alla notizia principale, esiste da sempre uno spazio riservato ai filmati che il sottoscritto, onestamente, non si è mai curato di gestire in maniera omogenea e organizzata.


venerdì, 29 gennaio 2021, 08:43

Centenario del Pci, il Governo concede 600 mila euro in tre anni per i festeggiamenti: uno schifo

Conosciamo da anni Massimo Mallegni, a volte ne condividiamo le posizioni altre, invece, non siamo d'accordo, ma è indubbio che quanto a grinta e carattere ne ha da vendere. Rancoroso e permaloso, con lui è difficile vincere per cui, alla fine, diventa imprescindibile non dover perdere, un po' come con...


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


venerdì, 22 gennaio 2021, 22:18

Alan Friedman, e ora invitatelo un'altra volta alle Conversazioni in San Francesco...

Quello che Alan Friedman, il noto economista e personaggio televisivo americano con dimora e famiglia in quel di Capannori, ha detto a proposito di Melania Trump ha suscitato un vespaio non indifferente. Niente, tuttavia, al confronto di ciò che sarebbe accaduto se, invece che alla moglie del presidente degli Stati...


sabato, 16 gennaio 2021, 19:48

Mallegni ha sbagliato e il centrodestra se pensa di strumentalizzare la Fondazione Carilucca non ha capito alcunché

Ci mancava il Mallegni Massimo da Pietrasanta a venirci ad insegnare a queste latitudine che lui ha capito tutto e noi, al contrario, nulla. (S)Forza Italia non ci ha mai convinto e per questo disgraziato Stivale ha fatto più danni della grandine.