lagazzetta_prenota

prenota
prenota

Anno 7°

giovedì, 27 giugno 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Comics

Milo Manara e i suoi 50 anni di carriera: averli e dimostrarli tutti

domenica, 24 marzo 2019, 19:54

di giulia del chiaro

Milo Manara e i suoi 50 anni di carriera: dai nuovi respiri erotici degli anni sessanta all’affermazione culturale del fumetto.

Cinquant’anni dall’esordio con “Genius” e, da quel lontano 1969, numerose tavole che hanno coinvolto ed emozionato diverse generazioni di appassionati. È con “Collezionando 2019” che Milo Manara, noto sia in Italia che all'estero per il fascino sensuale delle sue tavole, festeggia i suoi 50 anni di carriera raccontandosi e raccontando come è cambiato il fumetto in questo arco di tempo.

Una carriera, cominciata in concomitanza dei movimenti di fine anni sessanta, che ha saputo cavalcare il clima di contestazione incarnando proprio uno degli aspetti liberalizzati dal movimento: il sesso in generale e l’erotismo in particolare.

“Quando ho cominciato – ha raccontato Manara alla Gazzetta di Lucca – erano anni di grandi cambiamenti in ogni direzione. Una delle caratteristiche del movimento era proprio l’erotismo che diveniva capace di espandersi diffondendosi in ogni settore dal fumetto, al cinema – basti pensare a “L’ultimo tango a Parigi” – fino all’abbigliamento e ai costumi".

Secondo Manara il fumetto, come altri mezzi erotici, non ha mantenuto, a causa di una società che si è notevolmente evoluta, quella carica di rinnovamento ed eversione di 50 anni fa e – ha proseguito – “se ci dovesse essere una regressione rispetto alla libertà di espressione erotica che, in certi mezzi, credo stia già in piccola misura avvenendo, il fumetto ritornerà a fare di nuovo la sua parte”.

Cinque decenni che raccontano di un cambiamento della nona arte che – come ha sottolineato l’autore – è uscita da un ambiente ristretto, in cui era contenuta, acquisendo un rango culturale crescente e finendo con l’essere riconosciuta, sia dai lettori che dagli autori, come uno strumento culturalmente importante. “lo dimostra – ha proseguito – il fatto, prima inimmaginabile, che per la seconda volta sono arrivati finalisti, al Premio Strega, due autori di fumetti”.

Inevitabile, dato il lungo periodo di attività del fumettista, che lo ha reso spettatore di numerosi trasformazioni, interrogarlo riguardo l’impatto delle moderne tecnologie sul mondo del fumetto. “Io penso che ogni strumento capace di favorire la libertà di comunicazione sia sempre positivo – ha chiarito – ma credo che, per ciò che riguarda l’erotismo, su internet manchi qualcosa. Mi spiego meglio: se pensiamo che l’erotismo è l’elaborazione culturale del sesso, così come la cucina lo è del nutrimento, allora mi pare che internet non riesca ad offrire questa elaborazione culturale fornendo invece un’esposizione completa di ogni cosa. Forse passi avanti – ha proseguito – saranno fatti una volta che sarà sbollita questa ubriacatura di libertà e si tornerà a focalizzarsi di più sui contenuti”.

Carico di un bagaglio di esperienza sostanzioso ha, poi, rivolto dei consigli ad ogni giovane che si voglia avvicinare al mondo del fumetto: “occorre che i giovani, desiderosi di avviare questa carriera, siano capaci di cogliere quei nuovi spazi, offerti da internet e dai blog, di cui parlavamo prima per poterli utilizzare come strumenti utili a far conoscere il proprio lavoro arrivando non solo ai lettori, ma anche agli editori.”

E, salutandoci, ci ha lasciato un’ultima constatazione che, sicuramente, costituisce un ulteriore importante consiglio per gli addetti ai lavori: “Il fumetto non è solo rappresentazione, ma anche, e soprattutto, narrazione. Avviare una carriera in questa direzione richiede, infatti, oltre a fondamentali capacità artistiche nel disegno, un continuo esercizio nel rappresentare sequenze che raccontino qualcosa”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


Altri articoli in Comics


prenota


giovedì, 13 giugno 2019, 16:53

Lucca Comics & Games lancia il concorso “We are Lucca" e cerca quattro testimonial

“WE ARE LUCCA”, è il concorso promosso da Lucca Crea srl, che mira a coinvolgere quattro fan che diventeranno ambasciatori di Lucca Comics & Games


giovedì, 16 maggio 2019, 14:06

Lucca Crea srl e Lucca Comics & Games Portano l'arte italiana del fumetto in mostra nel mondo e promuovono la città

L'esposizione è incentrata sul lavoro di artisti quali Vittorio Giardino, Franco Matticchio e Tuono Pettinato: tre autori che rappresentano aspetti diversi, ma complementari, di un fumetto italiano capace di giocare un ruolo da assoluto protagonista sulla scena internazionale


prenota


venerdì, 10 maggio 2019, 14:15

Lucca Comics & Games anteprima al Salone del Libro di Torino

Prime anticipazioni, questa mattina al Salone del Libro di Torino per il Lucca Comics & Games 2019, con il direttore generale Emanuele Vietina che ha presentato nel corso della tradizionale conferenza stampa alcune anteprime, alla presenza del sottosegretario all'editoria Vito Crimi e dell'assessore del Comune di Lucca Francesco Raspini


lunedì, 1 aprile 2019, 13:15

Lucca Comics & Games e Teatri d’Imbarco portano a teatro il mondo di Zerocalcare

Il capolavoro bestseller Kobane Calling di Zerocalcare è diventato uno spettacolo teatrale: Kobane Calling On Stage, presentato in anteprima nell’ultima edizione di Lucca Comics & Games. Dalla graphic novel è nato uno spettacolo che è anche un documentario teatrale in una originalissima commistione di linguaggi tra il mondo del fumetto...


prenota


venerdì, 29 marzo 2019, 16:33

Lucca Comics & Games si complimenta con Rinaldo Traini per il premio

Lucca Crea srl si complimenta con Rinaldo Traini premiato da la giuria di Cartoons on the Bay, la prestigiosa rassegna dedicata ai comics ed ai cartoons, promossa dalla Rai ed organizzata da Rai Com, che si terrà a Torino in aprile


lunedì, 25 marzo 2019, 10:50

Collezionando, premiate le migliori realizzazioni Lego dell’OrangeTeam di Pisa

Hanno accompagnato generazioni di bambini impegnati a costruire, inventare e lavorare di fantasia. I mattoncini Lego, da sempre amici dei più giovani, si dimostrano, ancora una volta, capaci di attirare anche i più grandi con le loro innumerevoli possibilità di impiego


prenota