lagazzetta_prenota

prenota
prenota

Anno 7°

venerdì, 26 aprile 2019 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

lagazzetta_prenota

Comics

PsiCollezionismo: il limite tra “affettuose manie” e dipendenza patologica

domenica, 24 marzo 2019, 15:45

di giulia del chiaro

Psichiatria, filosofia, fumetto e collezionismo dialogano per trovare risposta ad un interrogativo: “il collezionismo è una malattia?”. Così Alessandro Sesti, Luca Boschi e Alessandro Orsucci, si sono confrontati con la psichiatra Barbara Carpita ed il filosofo Dario Muti, per trovare risposta alla domanda.

“L’idea dell’incontro – ha raccontato il vignettista e presidente dell’Associazione Dillo in sintesi, Alessandro Sesti – è nata proprio durante il festival della sintesi svolto a Lucca solo due settimane fa.” Sesti ha spiegato come la scelta di inserire nel titolo dell’incontro la dicitura “affettuose manie” sia venuta dal desiderio di guardare all’accezione più soft del collezionismo, quella dell’amore romantico per un oggetto che si trasforma poi, però, in un desiderio di prosecuzione.

È dall’approccio psichiatrico che emerge come il comportamento del collezionista non sia di per sé patologico, bensì un’abitudine data dal piacere di un possesso. “Il problema sorge – ha spiegato la psichiatra Barbara Carpita – quando il comportamento assume una connotazione tale dal compromettere il funzionamento dell’individuo determinando problemi relazionali, sociali lavorativi o economici”.

“Il collezionismo e la follia sono sempre stati strettamente legati nella storia” – ha sottolineato il filosofo Dario Muti ricordando come l’operazione di collezionare sia fondamentale per mantenere e produrre cultura. Per il filosofo, dunque, il collezionista si connota come un raccoglitore di sapere e cultura. Calzante, nell’universo filosofico, l’esempio di Walter Benjamin unico filosofo ad aver fatto del collezionismo un tema. Benjamin, a sua volta collezionatore di libri di favole, lo considerava una contraddizione produttiva tra l’ordine delle collezioni ed il magma di ricordi prodotti nel collezionatore nel vedere ogni pezzo posseduto. “In definitiva – ha sottolineato Muti – per il filosofo il collezionismo diventava un modo per conoscere sé stessi, qualcosa di nobile capace di parlare non solo al proprietario, ma a chiunque la veda”.

È intervenuto poi il fumettista Luca Boschi per dichiarare come lui stesso, disegnando, non riesca ad evitare l’accumulo di materiale. “Ma credo ci sia una differenza sottile – ha detto – tra chi per lavoro accumula materiale da studiare, ed utilizzare come base conoscitiva, ed il collezionista che giunge a bramare il possesso della totalità dell’oggetto spesso non aprendolo, per mantenerne intatto il valore, ma senza poterne quindi entrare a scoprire il contenuto.

In veste di rappresentate dei collezionisti Alessandro Orsucci che, avvicinatosi al settore da piccolissimo con l’acquisto del primo Diabolik, di cui oggi possiede tutta la collezione, attualmente raccoglie oggetti di vario tipo dalla Panini, ai dischi in vinile fino ad una serie di miniature di macchine ecc. “La mia regola è acquista quello che ti piace e che quando lo vedi ti dà soddisfazione” ha raccontato Orsucci rimarcando la necessità di un collezionismo ragionato che “sia mosso dalla passione, ma anche dalla razionalità soprattutto per la gestione delle economie personali”.

Un tema che, sicuramente, lascia spazio a numerose altre constatazioni ed approfondimenti, ma che – ha concluso Sesti - rende importante fare una distinzione: una cosa è possedere ed un’altra è essere posseduti!”.


Questo articolo è stato letto volte.


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


prenota


Altri articoli in Comics


prenota


lunedì, 1 aprile 2019, 13:15

Lucca Comics & Games e Teatri d’Imbarco portano a teatro il mondo di Zerocalcare

Il capolavoro bestseller Kobane Calling di Zerocalcare è diventato uno spettacolo teatrale: Kobane Calling On Stage, presentato in anteprima nell’ultima edizione di Lucca Comics & Games. Dalla graphic novel è nato uno spettacolo che è anche un documentario teatrale in una originalissima commistione di linguaggi tra il mondo del fumetto...


venerdì, 29 marzo 2019, 16:33

Lucca Comics & Games si complimenta con Rinaldo Traini per il premio

Lucca Crea srl si complimenta con Rinaldo Traini premiato da la giuria di Cartoons on the Bay, la prestigiosa rassegna dedicata ai comics ed ai cartoons, promossa dalla Rai ed organizzata da Rai Com, che si terrà a Torino in aprile


prenota


lunedì, 25 marzo 2019, 10:50

Collezionando, premiate le migliori realizzazioni Lego dell’OrangeTeam di Pisa

Hanno accompagnato generazioni di bambini impegnati a costruire, inventare e lavorare di fantasia. I mattoncini Lego, da sempre amici dei più giovani, si dimostrano, ancora una volta, capaci di attirare anche i più grandi con le loro innumerevoli possibilità di impiego


domenica, 24 marzo 2019, 19:54

Milo Manara e i suoi 50 anni di carriera: averli e dimostrarli tutti

Cinquant’anni dall’esordio con “Genius” e, da quel lontano 1969, numerose tavole che hanno coinvolto ed emozionato diverse generazioni di appassionati. È con “Collezionando 2019” che Milo Manara festeggia i suoi 50 anni di carriera raccontandosi e raccontando come è cambiato il fumetto in questo arco di tempo


prenota


domenica, 24 marzo 2019, 18:42

Lucca Collezionando 2019 chiude con soddisfazione la quarta edizione

A Lucca restano in eredità non solo i calchi di due mani d'eccellenza della nona arte italiana (scritta e disegnata) come Max Bunker, che ha festeggiato i 50 anni del suo fumetto "Alan Ford" e di Emanuele Taglietti, raffinato artista di livello internazionale, ma anche una meraviglioso originale del maestro...


domenica, 24 marzo 2019, 18:35

Collezionando, premiati i maestri del fumetto per il 2019

Cinque i premi assegnati, secondo motivazioni personalizzate per ciascuno, a Salvatore Taormina, Marcello Toninelli, Sergio Pignatone, Francesca Fazzi e Emanuele Taglietti


prenota