Anno 7°

lunedì, 6 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Confcommercio

La Toscana garantisce per le imprese

venerdì, 14 febbraio 2020, 11:59

Buone notizie per gli imprenditori che hanno bisogno di risorse per far crescere o consolidare la propria attività: dall'1 febbraio è infatti attivo in Toscana il fondo regionale di garanzia, che concede garanzie ad accesso diretto da rilasciare alle imprese che, pur non avendo i requisiti per poter accedere alla sezione speciale del fondo centrale di garanzia, abbiano però i requisiti di solidità aziendale sufficienti per poter accedere a garanzie affidabili. I beneficiari di questa misura sono i professionisti e le micro, piccole e medie imprese dei settori produzione, commercio e servizi con sede o unità locali in Toscana. Tra le operazioni finanziarie ammissibili alla garanzia ci sono tutte quelle finalizzate ad investimenti o al capitale circolante in favore di nuove imprese (costituite da non oltre due anni) ed imprese escluse dal fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Sono ammissibili inoltre i consolidamenti bancari, anche su passività della stessa banca finanziatrice, purché concessi a condizioni migliorative. La garanzia è rilasciata a banche ed intermediaria autorizzati per un importo massimo garantito non superiore all'80 per cento dei finanziamenti in caso di investimenti, per il 60 per cento in caso di capitale circolante e per il 30 per cento in quello di consolidamento. Confcommercio assiste gli imprenditori e i professionisti che avessero necessità di accedere al fondo regionale di garanzia con uno specifico servizio di informazione, consulenza e disbrigo delle pratiche necessarie. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai nostri uffici: 0583/473180 (Alessandro Zumbo Montauti); 0583/473125, Elisa Mecchi); 338/2478985 (Massimo Gandini, responsabile area credito).


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

lagazzetta_prenota

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Confcommercio


fotofiorenzo


domenica, 5 aprile 2020, 17:56

Consegne a domicilio anche per prodotti non alimentari o "non necessari", Confcommercio chiede il via libera

La Prefettura di Pisa, su richiesta del Sistema Confcommercio, ha confermato la possibilità per i negozi che vendano prodotti non alimentari o comunque non catalogati come "non necessari" di effettuare consegne a domicilio


venerdì, 3 aprile 2020, 13:22

“Oggi, in un momento di totale incertezza servono, da parte di chi ci governa, provvedimenti immediati che diano certezze”

Questo il monito lanciato da Sandra Bianchi presidente Fipe del sindacato baristi e pasticceri


mercoledì, 1 aprile 2020, 14:10

Coronavirus, Martini non sente seghe: "Stop a tutti i pagamenti sino alla completa ripresa"

Affitti, tributi, mutui, utenze: parla il presidente della commissione che, come al solito, non usa perifrasi: "Dal Governo sinora misure gravemente insufficienti, obbligatorio un cambio di marcia col decreto di aprile". Elogio al senso civico dei commercianti lucchesi


martedì, 31 marzo 2020, 13:32

Plafond da 100 milioni di euro per le piccole e medie imprese nell'emergenza

Continua l'impegno di Centro Fidi, l'organismo creditizio a sostegno delle imprese che fa parte del Sistema Confcommercio, per realizzare prodotti in grado di garantire liquidità alle aziende alle prese con l'emergenza coronavirus


lunedì, 30 marzo 2020, 14:46

Coronavirus, Pasquini: "Non ci serve l'elemosina dal Governo"

La ricetta del direttore Confcommercio: "Stop totale ai tributi e liquidità massiccia, le elemosine da 600 euro non bastano"


giovedì, 26 marzo 2020, 15:25

Dalla Fondazione Confcommercio Toscana Onlus 2 mila 800 mascherine gratis per i negozianti del settore alimentare

Fra le tante iniziative messe in piedi in queste settimane di emergenza – coronavirus dal Sistema Confcommercio ce n'è una legata in particolare alla tutela della salute degli imprenditori che – per la tipologia di merce venduta, considerata primaria e necessaria – sono costretti a rimanere aperti