Anno 7°

lunedì, 6 aprile 2020 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Confcommercio

Mercato delle Tagliate, Martini: "Fallimento annunciato"

lunedì, 24 febbraio 2020, 14:52

"I problemi attuali del mercato ambulante bisettimanale sono soltanto la logica e inevitabile conseguenza di una scelta oggettivamente sbagliata di spostarlo dall'interno della città all'area delle Tagliate. Una decisione alla quale, unica associazione a farlo, ci eravamo opposti a suo tempo in tutti i modi possibili". Così Giovanni Martini, presidente della Commissione Città di Lucca di Confcommercio interviene su un tema del quale si discute molto in questi giorni.

"All'epoca – afferma Martini – Confcommercio e la allora Commissione centro storico avevano espresso in tutte le sedi possibili le ragioni del no allo spostamento del mercato nella attuale sede, scomoda da raggiungere per le persone sprovviste di auto, esposta eccessivamente agli eventi atmosferici e soprattutto scollegata da qualsiasi tipo di tessuto commerciale interno e esterno alla città".

"Se all'epoca – prosegue Martini - le associazioni di categoria fossero state compatte nell'opporsi allo spostamento del mercato alle Tagliate forse avrebbero ottenuto il risultato. Invece a dire no con forza e chiarezza e senza barattare compromessi, tanto da essere attaccati da qualcuno, fummo soltanto noi, mentre altri accettavano lo spostamento pensando ad elementi poi rivelatisi del tutto inutili come l'assegnazione dei posteggi, la realizzazione di bagni pubblici e altro. Posizioni, quelle di altre associazioni, con tanto di documenti inviati all'amministrazione comunale, sulle quali oggi si trovano costrette a fare marcia indietro ammettendo l'esistenza di gravi problematiche per il mercato attuale".

"Adesso però – insiste il presidente della Commissione Città di Lucca – è inutile piangere sul latte versato: servono invece idee concrete e attuabili per rilanciarlo, questo mercato. Il primo passo da fare è una ricognizione esatta su quante siano le attività ancora operanti all'interno del mercato e le metrature occupate, dopo di che con elementi tecnici precisi in mano procedere alla individuazione di una nuova sede. La nostra idea è che spostarlo sopra le Mura sarebbe un'operazione commercialmente inutile. A suo tempo avevamo proposto di "allungare" il mercato da via dei Bacchettoni a via della Quarquonia, fino a piazza San Francesco. Ma lanciamo un'altra ipotesi: quella di un mercato "itinerante", che abbia diverse sedi a seconda del giorno – magari una al mercoledì e l'altra al sabato -, così da coinvolgere più zone del centro storico, dalla nord alla sud e dalla est alla ovest. La nostra idea, insomma, è quella di un mercato che torni a vivere con la città e per la città, tenendo conto della nuovi normative in materia di sicurezza e dell'attuale numero di banchi che ne fanno parte".

"Se davvero l'amministrazione ritiene però che il mercato non possa rientrare all'interno del centro storico – termina Martini – si individui allora una zona che garantisca connessione con realtà commerciali dei quartieri della periferia. Deve esser chiaro che la connessione con un territorio commercialmente attivo non è solo un vantaggio per quest'ultimo, ma un elemento essenziale per rendere appetibile il mercato stesso. Un mercato isolato in un parcheggio non serve a nessuno, mentre un mercato in simbiosi con un quartiere porterebbe vantaggi a entrambi"


Questo articolo è stato letto volte.


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

il casone

lagazzetta_prenota

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px

prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Confcommercio


fotofiorenzo


domenica, 5 aprile 2020, 17:56

Consegne a domicilio anche per prodotti non alimentari o "non necessari", Confcommercio chiede il via libera

La Prefettura di Pisa, su richiesta del Sistema Confcommercio, ha confermato la possibilità per i negozi che vendano prodotti non alimentari o comunque non catalogati come "non necessari" di effettuare consegne a domicilio


venerdì, 3 aprile 2020, 13:22

“Oggi, in un momento di totale incertezza servono, da parte di chi ci governa, provvedimenti immediati che diano certezze”

Questo il monito lanciato da Sandra Bianchi presidente Fipe del sindacato baristi e pasticceri


mercoledì, 1 aprile 2020, 14:10

Coronavirus, Martini non sente seghe: "Stop a tutti i pagamenti sino alla completa ripresa"

Affitti, tributi, mutui, utenze: parla il presidente della commissione che, come al solito, non usa perifrasi: "Dal Governo sinora misure gravemente insufficienti, obbligatorio un cambio di marcia col decreto di aprile". Elogio al senso civico dei commercianti lucchesi


martedì, 31 marzo 2020, 13:32

Plafond da 100 milioni di euro per le piccole e medie imprese nell'emergenza

Continua l'impegno di Centro Fidi, l'organismo creditizio a sostegno delle imprese che fa parte del Sistema Confcommercio, per realizzare prodotti in grado di garantire liquidità alle aziende alle prese con l'emergenza coronavirus


lunedì, 30 marzo 2020, 14:46

Coronavirus, Pasquini: "Non ci serve l'elemosina dal Governo"

La ricetta del direttore Confcommercio: "Stop totale ai tributi e liquidità massiccia, le elemosine da 600 euro non bastano"


giovedì, 26 marzo 2020, 15:25

Dalla Fondazione Confcommercio Toscana Onlus 2 mila 800 mascherine gratis per i negozianti del settore alimentare

Fra le tante iniziative messe in piedi in queste settimane di emergenza – coronavirus dal Sistema Confcommercio ce n'è una legata in particolare alla tutela della salute degli imprenditori che – per la tipologia di merce venduta, considerata primaria e necessaria – sono costretti a rimanere aperti