Anno 7°

domenica, 23 settembre 2018 - Recte agere nihil timere

Facebook Twitter YouTube

Cronaca

Riforma penitenziaria, SAPPE: "Un Governo al capolinea non può imporre una catastrofica riforma delle carceri. Ci appelliamo al presidente Mattarella"

mercoledì, 14 marzo 2018, 17:49

"Imporre l'approvazione di questa riforma penitenziaria è assurdo, ancorché inutile considerato che l'ipotesi di riforma penitenziaria è stata già bocciata dal Governo il 22 febbraio scorso. E sarebbe grave e assurdo che un Esecutivo senza alcuna legittimazione elettorale tentasse di approvare l'ennesimo e assurdo svuota carceri in danno delle vittime della criminalità.  Per di più senza alcuna legittimità politica. Per questo ci appelliamo al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e chiediamo a chi le elezioni le ha vinte – ossia a Di Maio e Salvini – affinchè vigilino al fine di impedire questa scellerata possibilità".
Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo polizia penitenziaria SAPPE, commentando talune iniziative di associazioni che vorrebbero l'approvazione della legge di riforma penitenziaria.
Il SAPPE ricorda di essersi fatto portavoce dei rilievi di autorevoli magistrati e associazioni di vittime della criminalità per denunciare come "i provvedimenti oggetto del decreto di riforma penitenziaria andrebbero a indebolire il sistema giudiziario e carcerario: uno "svuota carceri" mascherato, fino alla rottamazione del 41bis. Altro che più sicurezza: in quel decreto erano contenuti un insieme di benefici a vantaggio di appartenenti alla criminalità organizzata e a quella comune, seppur violenti. Per questo dicemmo, il 22 febbraio scorso, che era stato saggio rinviare la riforma penitenziaria"
"La situazione delle carceri si è notevolmente aggravata. Basterebe avere l'onesta di esaminare i dati sugli eventi critici accaduti in carcere nell'anno 2017", denuncia Capece. "I numeri riferiti agli eventi critici avvenuti tra le sbarre nell'interno anno 2017 sono inquietanti: 9.510 atti di autolesionismo (rispetto a quelli dell'anno 2016, già numerosi: 8.586), 1.135 tentati suicidi (nel 2016 furono 1.011), 7.446 colluttazioni (che erano 6.552 l'anno prima) e 1.175 ferimenti (949 nel 2016). E la cosa grave è che questi numeri si sono concretizzati proprio quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario 'aperto', ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria".
Per il SAPPE "lasciare le celle aperte più di 8 ore al giorno senza far fare nulla ai detenuti – lavorare, studiare, essere impegnati in una qualsiasi attività – è controproducente perché lascia i detenuti nell'apatia: non riconoscerlo vuol dire essere demagoghi ed ipocriti". E la proposta è proprio quella di "sospendere la vigilanza dinamica: sono infatti state smantellate le politiche di sicurezza delle carceri preferendo una vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto, con detenuti fuori dalle celle per almeno 8 ore al giorno con controlli sporadici e occasionali, con detenuti di 25 anni che incomprensibilmente continuano a stare ristretti in carceri minorili. Ed è grave che, mentre in Europa si discute sulla drammatica realtà del radicalismo e del fondamentalismo nelle carceri, in Italia si sottovaluti questa pericolosa criticità aprendo le celle nelle carceri e favorendo la promiscuità tra i detenuti, togliendo per di più il controllo dei poliziotti penitenziari nelle Sezioni detentive". 
Anche per questo il giudizio del SAPPE sulla riforma dell'ordinamento penitenziario è sempre stato critico: "I dati ci confermano che le aggressioni, i ferimenti, le colluttazioni - che spessissimo vedono soccombere anche gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, sempre più contusi e feriti da una parte di popolazione detenuta prepotente e destabilizzante – sono sintomo di una situazione allarmante, per risolvere la quale servono provvedimenti di tutela per gli Agenti e di sicurezza per le strutture carcerarie e certo non leggi che allarghino le maglie della sicurezza penitenziaria, per altro già bocciata dal Governo nel Consiglio dei Ministri del 22 febbraio scorso. Avere carceri meno affollate e più moderne non vuol certo dire aprire le porte delle celle, come pure prevedeva questa scellerata riforma penitenziaria!".


Questo articolo è stato letto volte.


lattanzi classico


maxibazar


scopri la Q3


sapgrande


il casone


bonito400


Orti di Elisa


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


prenota grande  - Dimensioni 400 x 120 px


Altri articoli in Cronaca


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


domenica, 23 settembre 2018, 15:50

Auto va a sbattere contro un palo: evitato il peggio

Forse un colpo di sonno o una distrazione, hanno causato lo sbandamento di un'auto che lungo la circonvallazione, di fianco alla farmacia comunale, questa notte verso le due, ha violentemente urtato un palo della luce abbattendolo completamente


domenica, 23 settembre 2018, 11:13

Sosta vietata in via S. Chiara, i vigili urbani multano il Comune

E' accaduto nella sera di venerdì: un'auto con ben evidenti i contrassegni del Comune di Lucca, aveva parcheggiato in via S. Chiara in un posto riservato ai residenti


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 22 settembre 2018, 17:56

Fascismo e forze dell'ordine, l'accostamento di Luciano Luciani non riguardava Lucca

Hanno suscitato un po' di disappunto tra alcuni presenti delle affermazioni fatte ieri in piazza San Giusto dal professor Luciano Luciani, molto noto in città per la sua attività di docente e di scrittore


sabato, 22 settembre 2018, 14:26

Operazione antidroga, quattro stranieri arrestati

E' stata condotta oggi un'operazione antidroga. I dettagli saranno forniti nei prossimi giorni. Gli arrestati, quattro stranieri, al momento sono trattenuti in caserma in cortile degli Svizzeri e saranno associati in carcere dopo le 15


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px


sabato, 22 settembre 2018, 14:03

Concorso "Differenzia e vinci": premiate le famiglie virtuose con uno sconto in bolletta di 80 euro

"Differenzia e vinci", premiati oggi altri sei vincitori del concorso promosso dal comune di Lucca e Sistema Ambiente per incentivare il corretto smaltimento dei rifiuti attraverso la raccolta differenziata, il concorso è iniziato dal primo di febbraio e terminerà il 15 ottobre di quest'anno


sabato, 22 settembre 2018, 12:25

Al via il 63° anno di attività del Lions Club Lucca Host

Alla presenza delle massime autorità civili e lionistiche, nelle splendide sale della Villa Rossi di Vicopelago, la presidente Maria Gloria Montinari ha ufficialmente inaugurato la nuova annata della storica associazione


prenota medio - Dimensioni 220 x 140 px